Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

PdL: tutto cambia perchè nulla cambi


"Tutto cambia perchè nulla cambi"  un assioma che a quanto pare vale anche per la mia parte politica.

Stamattina il giornale titola: "Rivoluzione nel PdL, la forza di voltar pagina",
Un segretario politico per il Pdl. Da oggi nel partito co­manda Angelino Alfano, ancora per poche ore mini­stro della Giustizia. È questa la pri­ma risposta al deludente risultato elettorale della tornata ammini­­strativa. Che non è un semplice maquillage burocratico-organiz­zativo. Né una sconfessione del la­v­oro e degli uomini che hanno con­dotto il partito fino ad ora.
Ma quale forza? Ma quale svolta? Alfano, é politico competente e capace, ma è anche un uomo di Berlusconi, il suo  "delfino", se così si può dire e a mio parere, imposto dallo stesso.
Un partito moderno e liberale, non è carismatico, sceglie il proprio leader con un congresso, a maggioranza, basterebbe questo, senza sperare nelle primarie, assolutamente utopiche nel nostro Paese (quando non sono delle pagliacciate come quelle del PD).
Se Berlusconi crede di motivare il suo elettorato, con questo semplice maquillage, ha perso definitivamente la testa, gli elettori di centro-destra, non amano essere trattati come marionette acritiche, e lo scotto lo pagherà alle prossime elezioni politiche.
Il rischio è di riconsegnare il Paese alle sinistre, sempre meno moderne e moderate, il PD (messo ancor peggio del PdL), può solo spostarsi ancor più a sinistra verso il SEL, con la prospettiva agghiacciante, ma non fantascientifica di avere come Premier, uno falco travestito da colomba, uno stalinista ambizioso e senza scrupoli, cresciuto all'ombra di Bertinotti e della più retriva e illiberale ideologia comunista, sconfitta ancor prima che dalle urne, dalla Storia. Un passo indietro talmente pericoloso, da portare l'Italia, alla catastrofe economica. Berlusconi vuole tutto questo? O si è bevuto il cervello a furia di "bunga bunga"?
Orpheus

Pubblicato il 2/6/2011 alle 10.12 nella rubrica PDL.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web