Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Dalla Repubblica delle Banane alla Repubblica delle Puttane: chapeau Silvio!!!


Non voglio fare un discorso moralistico perchè non sono una moralista e non sono nemmeno un'ingenua, so come gira il mondo in certi ambienti, so che "sesso e potere" sono sempre andati a braccetto, dai tempi di JFK, Mitterand ecc. a quelli odierni di Clinton, Putin ecc.
Ma quello che succede nel letto di Berlusconi è diventata una vergogna nazionale, perchè viene sbattuto su tutte le prime pagine dei giornali nazionali ed esteri, investe l'informazione in toto, arrivando ad essere la "faccia" del Paese. Ormai l'Italia è passata dall'essere la Repubblica delle Banane a quella delle Puttane. Tutto passa in secondo piano, e il "bunga bunga" è l'unico argomento vivisezionato e sviscerato, nei minimi e più sordidi particolari.
Inaccettabile per me. Non so se Berlusconi si è fatto chi, quando, dove e come, manco m'interessa,  se ci sono rilievi penali o se è l'ennesima montatura, basata più sul fumo che sull'arrosto (anche se è un fumo talmente puzzolente, che ci sta intossicando tutti), non è questo il punto.
Il punto è che non ha imparato la lezione. Qui siamo al terzo "caso", prima Noemi, poi la D'Addario e infine Ruby, possibile che non abbia capito, le conseguenze che la sua "allegra" vita privata hanno sull'opinione pubblica nazionale e mondiale? Non è un semplice cittadino è un capo di Governo! Un capo di Governo!
Sa di essere nel mirino di una certa magistratura, sa che l'unico spunto a cui si può attaccare chi lo vuole politicamente morto, è la sua vita privata, e continua imperterrito a organizzare festini con ragazze compiancenti e a frequentare "escort". Io sono basita, ma ancor più stanca e nauseata. Questa non è l'Italia vera, quella che lavora, che tiene famiglia. Questa non è l'Italia in cui voglio vivere. E lui non è degno di rappresentare coloro che gli hanno dato fiducia non una, ma più volte. Francamente non riesco a capire il suo atteggiamento, è come minimo scriteriato e menefreghista e in considerazione di ciò, a mio parere, per il bene del Paese, deve rassegnare le dimissioni.
Basta con il berlusconismo.
Basta con l'antiberlusconismo, che ha disintegrato la sinistra, e fa ingrassare legioni di comici, scrittori, attori, registi, giornalisti ecc. mediocri, il cui unico pregio è buttare fango sul premier.
Basta con questa stampa pruriginosa che è scesa a livello di Novella 2000 e non c'è più destra nè sinistra, tutti i giornali sono monotematici, nell'attacco o nella difesa di Berlusconi.
Basta con ministri come la Carfagna, di cui ancora non ho ben capito le credenziali che l'hanno portata ad essere tale.
Basta con i "casi" Noemi, D'Addario, Ruby e le altre.
Basta con le "escort" le nuove eroine di un paese allo sfascio morale, su ogni canale tv.
L'Italia ha bisogno di recuperare DIGNITA' e i valori per cui la destra si è sempre battuta, che non hanno nulla a che vedere con festini allegri e allegre donnine.
Non mi si venga a dire che Berlusconi è insostituibile, politici seri che possono sostituirlo ce ne sono, Maroni, Tremonti, tanto per fare qualche nome, ma Berlusconi ormai non può e non deve più rappresentare l'Italia, ha dimostrato AMPIAMENTE di non esserne all'altezza
Orpheus

Pubblicato il 19/1/2011 alle 17.38 nella rubrica PDL.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web