Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Dove sono i paladini della libertà d'informazione? Tutti a dormire?


E' interessante notare come funziona in Italia la "legge" e l'informazione (che il vulgo vuole in mano al dittatore in pectore Silvio Berlusconi). Non solo, ma anche come e quando viene "difesa" la libertà d'informazione, reclamata a gran voce solo quando qualche pennivendolo della sinistra viene querelato a fronte di articoli diffamatori e inconsistenti.
Dopo Libero e il Giornale, adesso é  Panorama, ad essere indagato e perchè?
Un finanziere
è stato arrestato e messo ai domiciliari su ordine della magistratura di Milano, per una serie di accessi non autorizzati, agli archivi informatici delle Fiamme gialle. Il finanziere, secondo l’accusa, avrebbe fornito informazioni ri­servate a un giornalista. E chi é questo "famoso" giornalista? Ma ovviamente Giacomo Amadori di Panorama, che ha pubblicato un articolo su Rinaldo Arpisella, dove rivela le minacce ricevute da costui.
Quando si dice la "coincidenza"!!!! E non solo che efficienza a orologeria,
un anno dopo i fatti con­testati e giusto nella settimana in cui Amadori è uscito con il suo scoop.
In un paese dove le procure sono dei colabrodi, da cui buchi esce di tutto, faldoni, verbali d'interrogatorio, trascrizioni d'intercettazioni, prima ancora che gli intercettati ne siano messi al corrente, il povero finanziere, reo di aver spifferato alla parte politica sbagliata, rischia la galera, mentre tutti gli altri spifferatori, dalla parte politica GIUSTA, la fanno franca, in barba a qualsiasi principio etico, legale e di equità. E questa mefitica palude in cui sguazzano procure e gazzette della sinistra, ha un solo scopo: abbattere Berlusconi, con tutti i mezzi, tranne quello previsto in democrazia, IL VOTO. Essì, lì marca male, perchè la maggior parte degli italiani, babbei non sono e sanno valutare CHI manovra l'informazione e la USA per giocare sporco, DOVE stanno i veri conflitti d'interessi, i legami torbidi fra la sinistra, la magistratura e gran parte dell'informazione. E sanno anche, che una parte politica il cui unico progetto comune, è l'antiberlusconismo, non può governare, come l'ultimo governo Prodi ha ampiamente dimostrato.
Orpheus

Pubblicato il 19/10/2010 alle 10.40 nella rubrica INFORMAZIONE SCORRETTA.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web