Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Lo sciopero suicida e irresponsabile di Termini Imerese


Per dimostrare al mondo di non essere dei fannulloni, gli operai Fiat di Termini Imerese ieri mattina non hanno trovato di meglio che smettere di lavorare.
Proprio così: un bello sciopero improvviso a bloccare uno stabilimento il cui destino corre già sul filo del rasoio. Un’idea geniale. Così motivata: “Sergio Marchionne ci ha offesi”.
Ma che cosa ha detto il gran capo della Fiat per irritare gli sgobboni di Termini? Ha sostenuto che il lunedì precedente avevano scioperato al solo scopo di assistere alla partita della nazionale contro il Paraguay.
«Falso», hanno protestato gli stakanovisti in tuta blu: “Ci siamo astenuti dal lavoro perché l’azienda non ha allestito due maxi schermi all’interno della fabbrica”. Continua qui
Ecco c’è chi definisce questo comportamento un “diritto” sancito dalla Costituzione.
Io lo chiamo un sopruso bell’e buono.
Lo chiamo sciocca arroganza, perchè il coltello dalla parte del manico ce l’ha il datore di lavoro.
Lo chiamo stolta cecità, perchè non va oltre il proprio naso e le fandonie di sindacati ladroni, che appoggiano certi comportamenti truffaldini.
Lo chiamo disonestà perchè quando si percepisce uno stipendio, il minimo è guadagnarselo con serietà.
Lo chiamo infingardaggine perchè ogni scusa è buona per non lavorare.
Lo chiamo arretratezza e ignoranza, perchè la globalizzazione ha aperto le porte a paesi dove si lavora ancora con dignità e coscienza.
Se Marchionne chiuderà Termini Imerese , farà benone. Forse questi signori che scioperano per emerite scempiaggini,  impareranno che il lavoro è un dare-avere, se si pretende solo, alla fine la corda si spezza.
Tanto per fare un paragone con "signorini" che hanno scioperato per i maxischermi e per la presunta offesa di Marchionne,
"in Polonia, pur di tenersi la linea della Panda gli operai si sono detti pronti a rinunciare al sabato festivo. In Germania i dipendenti di Mercedes, Bmw e Audi hanno acconsentito a saltare le ferie, cancellare la settimana corta, allungare di un’ora i turni normali. C’è la crisi, ci si adatta.
Pronti a molto (se non a tutto) per conservare l’impiego e, magari, mettersi in saccoccia qualche euro in più con gli straordinari.
 Ma sono tedeschi, mica dei furbissimi italiani".
E sopratutto hanno sindacati il cui fine non è riempire le piazze contro il Governo per compiacere la sinistra, ma l'interesse dei lavoratori
.
Orpheus

Pubblicato il 22/6/2010 alle 21.38 nella rubrica l'Asinistra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web