Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

La sai l'ultima? Berlusconi indagato...a pochi giorni dalle elezioni


Io ho esaurito le parole, non riesco più a scrivere della giustizia a orologeria, che come la primavera o l'inverno, si ripresenta puntuale ad ogni tornata elettorale.
Mi rincuora un solo fatto che malgrado, questa vergogna nazionale, ormai un'anomalia che ha rilevato anche il Financial Times, Berlusconi é al potere da 15 anni, PER VOLERE DEL POPOLO.
Sull'argomento metto, quindi un pezzo dell'ottimo Franco Bechis:

A raccontarla una sera fra gli amici, ti prenderebbero subito per rimbambito.
“La sapete l’ultima? Quella su Silvio Berlusconi indagato a due settimane dal voto?”. Giù fischi: “Uh, è vecchia, vecchissima”.
Eppure è la barzelletta che funziona meglio sotto elezioni.
Anche questa volta: Silvio Berlusconi è indagato a Trani.
Il reato è gravissimo: gli è scappato un vaffa (forse più di uno) al telefono nei confronti di Michele Santoro.
Purtroppo nel codice penale si sono dimenticati un articolo in proposito, così i magistrati di Trani per sottolineare il peso di questa lesa maestà, hanno pensato bene di affibbiare al presidente del Consiglio ben due reati: concussione e minacce.
La vittima di tanta ferocia istituzionale sarebbe Giancarlo Innocenzi, commissario dell’Autorità di garanzia nelle comunicazioni. Berlusconi si è lamentato con lui a proposito di due puntate di Annozero, quelle che hanno reso una star prima Patrizia D’Addario e poi il pentito-bluff di mafia Gaspare Spatuzza.
E siccome l’autorità che si chiama di garanzia non riusciva a garantire nonostante le pubbliche proteste la vittima di questo linciaggio tv, che era appunto Berlusconi, lui si sarebbe sfogato al telefono con Innocenzi: "altro che autorità, siete ridicoli! Dovreste dimettervi tutti".
Nella barzelletta che si racconta a Trani questa sarebbe la terribile minaccia.
Se in Italia dici a qualcuno "dovresti dimetterti", puoi stare certo che il giorno dopo il poveretto impaurito lascia subito la poltrona. E infatti Innocenzi è lì al suo posto, dove per altro l’aveva nominato anni fa Forza Italia, partito guidato dal Cavaliere.
Con l’iscrizione ufficiale del premier nel registro degli indagati, alla procura di Trani sta però per sfuggire il boccone più grosso dell’inchiesta: la competenza diventa di Roma, e gli incartamenti vanno spediti tutti nella capitale. Dove i magistrati rideranno assai poco: se i magistrati lì non infilzeranno subito Berlusconi, finiranno sbranati da colleghi e giornalisti che già preparano titoloni sul "Porto delle nebbie".
A questo punto la barzelletta non funziona più. Altro che ridere, non si capisce più nulla. Infatti i magistrati pugliesi hanno iscritto nel registro degli indagati anche l’oggetto delle minacce, Innocenzi, per favoreggiamento.
Il poveretto così si trova nel duplice ruolo di vittima e di carnefice.
Indagato c’è anche il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, e finalmente si conosce l’ipotesi di reato: rivelazione del segreto istruttorio.
Qui ancora ci sarebbe un po’ da ridere.
Perché l’accusa viene proprio da quei magistrati che hanno così blindato a doppia mandata l’inchiesta segretissima, da trovarsela pubblicata in lungo e in largo sul Fatto Quotidiano di Marco Travaglio
.
L’accusa a Minzolini è di avere divulgato a mezzo mondo di essere stato sentito come teste ai primi di dicembre nell’inchiesta sull’American Express.
Gli avevano detto "mi raccomando, resti fra noi", e invece lui è stato intercettato con mezzo mondo mentre raccontava l’esperienza vissuta.
In questi giorni il direttore del Tg1 deve avere sensibilmente peggiorato la propria situazione: l’inchiesta era ancora segretissima per tutti quelli che non avevano ancora letto Travaglio, e lui ha nuovamente tradito il patto con i magistrati rivelando tutto prima ai lettori di Libero in un’intervista e ieri perfino ai fan di Enrico Mentana che lo ha ospitato nel suo programma sulla web-tv del Corriere della Sera.
Se i pm di Trani avessero fatto prima un giro a Montecitorio, avrebbero trovato centinaia di politici della prima e della Seconda Repubblica in grado di metterli in guardia: "se volete mantenere un segreto, non raccontatelo mai a Minzolini. Quello non sa tenersi un cecio in bocca".
È un sorriso amaro però quello che si leva da Trani. Perché ormai questa vicenda è entrata a gamba tesa a pochi giorni dal voto in una campagna elettorale già imbrigliata come mai era accaduto dai tentacoli di procure, Tar, vicende giuridiche e giudiziarie.
A dire il vero sono due le campagne elettorali che gli uffici giudiziari pugliesi ormai condizionano: quella dei politici per le regionali e quella tutta interna ai giudici togati per l’imminente elezione del prossimo consiglio superiore della Magistratura. Già che c’erano quei ferrei custodi del segreto istruttorio hanno fatto trapelare confuse notizie di telefonate fra Innocenzi e uno dei leader di Magistratura Indipendente, la corrente moderata delle toghe: Cosimo Maria Ferri, attuale consigliere del Csm. Un po’ di fango fatto girare anche in quel ventilatore, senza che un fatto reale sia emerso e verificato. Riso amaro per tanti, dunque, e uno solo che in questa barzelletta triste riesce ancora a prendersi sul serio: Michele Santoro. Grazie a Trani può recitare la parte che da anni gli varrebbe l’Oscar come migliore attore protagonista: quella della vittima. Lo ha fatto anche ieri all’Infedele di Gad Lerner. Strana vittima quella che da più di 20 anni domina l’informazione televisiva (per tre anni addirittura, colpito insieme a Berlusconi dalla sindrome di Stoccolma: ha lavorato a Mediaset) e che pur di evitare lo sbocciare di nuovi talenti in grado di oscurarlo, si è fatto ibernare in prima serata Rai da una sentenza della magistratura che ce lo conserverà in eterno.

Bechis la butta in ridere, ma rimane il fatto come fa notare anche l’editorialista Christopher Caldwell, che questa magistratura provoca seri guasti all'economia del paese e alla DEMOCRAZIA; la domanda da porsi è se "le accuse contro Berlusconi nascano da una disinteressata richiesta di giustizia o dal desiderio di una certa parte dell’elite italiana di rovesciare una scelta popolare che non le piace". E ancora per il Ft, è un dato di fatto che in Italia, da oltre 15 anni, "i giudici godono di un livello di potere unico in Occidente". Un potere del genere, alla lunga, "non è salutare per una democrazia".
C'è arrivato il FT (per altro in questa occasione snobbato da tutti quelli che lo hanno sempre incensato)
Orpheus


Pubblicato il 16/3/2010 alle 19.10 nella rubrica Berlusconi persecuzioni sinistre.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web