Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Turchia sepolta viva a 16 anni perchè forse "frequentava uomini"


Dacci Allah il nostro orrore quotidiano, l’ho già scritto e continuerò a ripeterlo fino a quando leggerò di donne sacrificate sull’altare dell’Islam più retrivo e inumano.

Medine Memi aveva 16 anni, solo 16 anni e ha fatto una fine orribile, sepolta viva nel giardino di casa, perché il padre e il nonno SOSPETTAVANO che frequentasse uomini.

Per un  solo sospetto hanno preso una vanga, hanno scavato una fossa di due metri, ci hanno buttato la povera Medine con i polsi legati e l’hanno ricoperta di terra.

Lei era viva e cosciente,  quando l’hanno seppellita viva, l’autopsia ha rilevato terra nello stomaco e nei polmoni, come ha dichiarato il responsabile dell'Istituto di Medicina legale della città Malatya, nell'Anatolia sud-orientale, dove è stato commesso il crimine. Il cadavere della ragazza era stato disseppellito nel giardino della casa dei suoi genitori lo scorso dicembre dopo che la sua scomparsa era stata denunciata un mese prima.

I delitti d'onore sono una piaga ignobile che affligge la Turchia, secondo un rapporto presentato lo scorso anno ad Istanbul da John Austin, membro britannico dell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa, almeno una persona a settimana è vittima di un delitto d'onore. E in tutto il Paese nel quinquennio 2003-2007 i morti per questo crimine sono stati oltre 1.100.

Quante ragazze come Medine ogni giorno muoiono senza che nessuno ne parli? Quante vite stroncate con furia, con cattiveria, con indifferenza? In nome di una religione che predica il separatismo fra i sessi, che sostiene che la femmina è inferiore all’uomo, che nega la sessualità della donna castigandone la bellezza,  sotto abiti informi, che ne cancellano anche l’identità,  che concede ai mariti il diritto di infliggere pene corporali alla propria moglie arrivando a consentirgli di sequestrarla in casa, persino legandola soltanto sulla base della sua volontà e al suo metro di giudizio.

Cose non persone.

Orpheus

Pubblicato il 4/2/2010 alle 20.27 nella rubrica Islam.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web