Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Quattro "Angeli della Neve" volati in cielo...


Quattro famiglie, in questi giorni di festa, piangono un loro caro.
Quattro eroi, hanno dato la loro vita, nel tentativo di salvare quella di altri.
Quattro vite stroncate per la superficialità altrui.
Diego Perathoner, 42 anni, Ervin Ritz, 32 anni, Luca Prinoth, 43 anni, Alessandro Dantone 39 anni, tutti “montanari” della Val di Fassa e uomini del soccorso Alpino. Due di loro, sposati e con figli.
Angeli della Neve, di poche parole, ma con un cuore enorme, tutti volontari ed esperti. Quando squilla il cellulare per un turista in difficolta', lasciano il lavoro, indossano gli indumenti e le attrezzature per salire in quota, e portare in salvo il malcapitato.
Altri due Roberto Platter e Sergio Valentini, feriti essi stessi dalla slavina, in ipotermia, non hanno abbandonato i compagni, scavando senza sosta finché le vittime non sono state estratte. "E questi nostri fratelli - ha detto Dellai - hanno sacrificato la loro vita per seguire dei valori che tutti noi dobbiamo impegnarci a non tradire mai".

Tanto altruismo però non può far dimenticare che spesso è la superficialità e l’irresponsabilità altrui a causare queste tragedie. Ha detto bene Guido Bertolaso: “Sono stufo che i nostri soccorritori perdano la vita perché le persone vanno a fare escursioni in modo sprovveduto e senza tenere conto degli allarmi”.
Una volta c’era l’homo sapiens che aveva timore e rispetto della natura, adesso si è “evoluto” in  “homo turisticus”, convinto che carta di credito e, spesso una  simil-attrezzatura, possano sostituire competenza ed esperienza…il risultato, spesso è la morte, per loro e a volte anche per chi li soccorre.
Orpheus

Pubblicato il 28/12/2009 alle 16.47 nella rubrica cronaca.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web