Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Benedetto XVI: i militari operano per promuovere la Pace


Oggi all’Angelus il Papa ha nuovamente espresso profondo dolore per i militari morti in Afghanistan e ha sottolineato che i militari impegnati in missioni internazionali "operano per promuovere la pace". Parlando dopo l'Angelus domenicale dei militari impegnati in missioni internazionali, Papa Benedetto XVI ha detto che "operano per promuovere la pace e lo sviluppo delle istituzioni, così necessarie alla coesistenza umana".
Smentendo le parole di certi preti che indossano la tonaca ma non sono preti perchè  hanno scordato lo scopo della loro missione per adorare "falsi idoli".
Il Papa ha anche detto che i sacerdoti non devono fare politica e anche qui certi preti non solo fanno politica ma si dedicano alla politica dell’odio, quella che non ha rispetto nemmeno della sofferenza e della morte, quella che vede la pagliuzza nell’occhio del  proprio “nemico” e non la trave in quello dell’amico, quelli che travestiti da “agnelli arcobaleno” sono al contrario  “sciacalli rossi”, quelli che dell’ipocrisia e del doppio-pesismo hanno fatto un dogma, più sacro di quello della pietà per i defunti.
Quelli che dicono “maledetti soldati” se per errore sparano e uccidono un civile, ma non dicono MAI “maledetti talebani” quando questi uccidono con consapevolezza e in spregio a qualsiasi sentimento umanitario, donne, bambini e uomini civili negli attentati suicidi, quando bruciano scuole e  sfigurano studentesse, quanto tagliano naso e orecchi a chi va a votare, quando fucilano pubblicamente giovani fidanzati.
E visto che vanno tanto di moda le domande ne ho qualcuna da fare al prete rifondarolo quanti post ha scritto sulla barbarie talebana? E se i nostri soldati sono “mercenari” cosa sono i talebani, che secondo gli ultimi dati della Missione Onu, hanno ammazzato in missioni suicide e rappresaglie nei primi sei mesi del 2009,  813 civili dei 1013 morti  (200 sono stati uccisi per errore dai soldati della coalizione)
E infine Benedetto XVI, ha dettato la linea della Chiesa definendo i soldati “promotori” di Pace, lei lo smentisce? Dà  del bugiardo al Papa?  Del guerrafondaio, del “servo” degli Usa?
E come può conciliare il suo status di prete con le sue offese al Papa (che rappresenta Cristo in terra) e quindi alla Chiesa?
E infine per "par conditio" perchè non mette qualche video di come si "divertono" i talebani a impiccare gay e lapidare adultere?
Eh, caro “Don Abbondio” perché non va in Afghanistan a curare le vittime dei talebani, invece di offendere, chi quella popolazione, nel bene o nel male, la difende anche sacrificando la vita.
Orpheus

Pubblicato il 20/9/2009 alle 22.17 nella rubrica Etica e religione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web