Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Pedofilia di stato



Una bambina di appena 12 anni, andata in sposa quando ne aveva 11 con un uomo di 24, è morta dopo tre giorni di travaglio tentando di dare alla luce il suo primo bambino, nato morto. Fawziya Abdullah Youssef è morta per una gravissima emorragia.
A febbraio il Parlamento approvò una legge che fissava a 17 anni l’età minima per contrarre matrimonio. L’opposizione riuscì a bloccarla impedendo al presidente di ratificarla presentando ricorso alla commissione costituzionale dello stesso Parlamento giudicandola contraria ai dettami dell’Islam.
Le spose bambine sono 60 milioni nei paesi islamici.  E nessun strafighissimo alto commissario per i diritti umani, di qualche farlocca organizzazione mondiale, ha  MAI nulla da dire.
Un silenzio sull’argomento, che definire tombale, è un eufemismo.
Queste bambine non hanno diritti.
Non hanno diritto all’infanzia.
Non hanno diritto allo studio.
Non hanno diritto a non essere stuprate.
Non hanno diritto a non essere percosse, torturate e segregate.
Non hanno diritto a non essere vendute come animali.
Non hanno nemmeno il diritto alla vita.
Queste bambine non esistono, e le organizzazioni farlocche per i diritti umani con i loro pomposi  funzionari, vigliaccamente e ipocritamente girano lo sguardo da un’altra parte.
Posso dire che mi fanno schifo.
Orpheus

Pubblicato il 14/9/2009 alle 23.8 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web