Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Cinquemila spose bruciate vive in India ogni anno

 
India paese di grandi contraddizioni: ogni anno vengono bruciate vive almeno 5.000 donne e altre 75.000 subiscono torture e abusi in famiglia e solo poche settimane fa la nazione ha esultato perché per la prima volta una donna, Meira Kumar  è divenuta presidente della Camera Bassa.
Il fenomeno delle spose bruciate é in crescita, recentemente una donna è stata bruciata dal marito perché lo accusava di avere una relazione illecita. L’accusato, condannato a vita, ha chiesto una revisione del processo. Per tutta risposta, il tribunale d’appello ha affermato che persone simili (il marito)non meritano nessuna clemenza, anzi, meriterebbero la pena di morte.
La severa reazione è dovuta all’aumento dei crimini di violenza domestica contro le donne. L’ufficio statistico che per lo scorso anno vi sono stati 75.930 casi di torture e violenze domestiche. In genere si pensa che più di 5.000 spose sono bruciate ogni anno. Ma le statistiche precisano che vi è un incremento costante: 6.787 nell’anno 2005; 7.618 nel 2006 e 8.093 nel 2007.

Il caso affrontato dalla Corte suprema è legato alla morte della signora Rajni che, prima di morire ha accusato suo marito, il fratello maggiore di lui e la moglie di questo, Vimla, di averle versato addosso kerosene e dato fuoco il 9 dicembre 2003. La Rajni aveva accusato il marito di aver avuto una relazione illecita con Vimla. Il movente del crimine sembra essere proprio questa sua protesta contro la relazione.

Va detto che casi simili non succedono solo nei villaggi o negli slum: questo problema è quanto mai presente anche nella classe media delle città. Anche nelle città, ad esempio, è viva la vecchia usanza di chiedere la dote dalla famiglia della sposa.
Se questa per una ragione o per l'altra non viene versata integralmente, la famiglia di lui arriva ad eliminare la moglie simulando incidenti di cucina o suicidi.
Riassunto sa Asianews
Orpheus

Pubblicato il 15/6/2009 alle 19.11 nella rubrica Diritti Umani.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web