Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Festa palestinese con Hamas. Offre il Comune di Milano

 

Ieri circa 2mila palestinesi e arabi giunti da ogni parte della Penisola e d’Europa hanno occupato il Palalido di Milano.
E questo con il benestare di Questura, Prefettura e amministrazione comunale.
L’occasione era la VII Conferenza dei palestinesi in Europa. Manifestazione incentrata sul “Diritto al ritorno” per i profughi palestinesi e per esortare l’Unione Europea a rimuovere Hamas dalla lista delle organizzazioni terroristiche. «Le autorizzazioni e i permessi erano in regola - racconta Mirko Paletti, il presidente della Milano Sport (controllata del Comune) che ha concesso lo spazio - In più da sette anni organizzano questa convention, meramente culturale, e non ci sono mai stati problemi». Così hanno liquidato la questione dal Comune, mentre intanto all’interno del Palazzetto dello Sport veniva trasmesso un videomessaggio di Ismail Haniyeh, premier del governo di Hamas nella Striscia di Gaza, che arringava la folla spiegando che «bisogna far fronte alla prepotenza dell’occupante», riferendosi ovviamente allo Stato di Israele. Ad aver preso la parola anche Mustafa Barghout, fratello di Marwan (uno dei capi della prima Intifada e dal 2002 incarcerato), che ha definito «fascista» il nuovo governo di Tel Aviv e «pulizia etnica» e «apartheid» la politica israeliana nei confronti dei palestinesi.
Fuori dal Palalido, negli spazi formalmente noleggiati per “far giocare i bambini”, via libera alla vendita di kebab e oggetti di ogni tipo. Perfino un’esposizione fotografica che mostrava cruente foto di bambini uccisi dai bombardamenti nemici. Come se Hamas fosse soltanto una vittima e non certo un’organizzazione terroristica.
Da Libero
Ho un solo commento INCREDIBILE. Non é per questo che ho votato per Letizia Moratti.
Orpheus

Pubblicato il 3/5/2009 alle 22.47 nella rubrica EVIDENZA: immigrazione.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web