Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

La vergogna del Sud: cani torturati e bambini sbranati

 

Per anni sono andata in vacanza in Calabria e in Sicilia, ho smesso d’andarci perché non sopportavo più di vedere come venivano trattati cani e gatti.
Incatenati, picchiati, lasciati morire di fame, cuccioli in fin vita per gli stenti, presi a sassate per “divertimento” dai bambini del luogo o buttati nei cassonetti come spazzatura, canili che nulla avevano da invidiare ai lager, pastori che squartavano il cane ‘reo’ di aver morsicato una capra.
Ho visto di tutto veramente. E alla fine ho chiuso con il Sud.
Le tragedie del piccolo Giuseppe e della povera ragazza tedesca non sono altro che figlie dell’inciviltà atavica con cui gli animali vengono trattati nel Meridione (e l’eccezione conferma la regola).
Invece di prendersela con chi di dovere, con chi ha preso soldi per gestire strutture dove far vivere decentemente i cani abbandonati, e non ha l’ha fatto, con chi ha lasciato che il fenomeno del randagismo divenisse incontrollato, con chi ha trasformato quelle povere bestie in assassini di esseri umani, i vendicatori in pectore se la sono presa con i cani, e non solo quelli del branco, con tutti, indiscriminatamente.
E’ iniziata la mattanza, in ogni parte della Sicilia contro qualsiasi cane: “Ammazzate quei luridi cani e se si fa vedere un animalista ammazzate anche quello”. E così è stato nel quartiere di Librino, a Catania, dove non si sa quanti cani siano già stati avvelenati. .
Anche a Scicli è iniziata la carneficina. La presidente dell'associazione canili Lazio, Maria Cristina Salvucci, scrive che "è confermata dal Comune di Scicli direttamente alla nostra associazione che stanno sparando ai cani in spiaggia indistintamente. Sindaco, Assessore all'Ecologia, Responsabile veterinario sono al momento irreperibili. Chissà come mai.
Molti volontari sono comunque andati per cercare di portare in salvo quelli che sopravvivranno a quest’ennesima ondata di crudeltà e insensata bestialità e le associazioni animaliste compresa la Lav hanno comunicato che denunceranno i responsabili delle stragi.
Non so se qualcosa cambierà, dopo questi terribili fatti, purtroppo ne dubito. Passato il clamore, nessuno pagherà e tutto tornerà come prima, animali maltrattati e chi dovrebbe occuparsene, si prenderà i quattrini senza però, provvedere al ricovero e alla cura dei randagi. Così funziona il Sud in ogni settore, da sempre.
Orpheus


Pubblicato il 17/3/2009 alle 22.39 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web