Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Se ritorna Romano Prodi, per il centro sinistra è un disastro e per il Paese una jattura

 
Il centrosinistra? È come “un venditore che propone un grammofono ai tempi dell’mp3” O per dirla con parole da studioso “è vittima di una desintonizzazione dell’offerta” così dice Alessandro Amadori, e c’è da credergli. Basta vedere chi si è riaffacciato sulla scena politica e mediatica, Romano ‘Jena’ Prodi, di cui nessuno, ma proprio nessuno in Italia sentiva la mancanza. Non la sentivano gli elettori di sinistra , dopo due anni di travagli e siparietti comici, che definire pomposamente governo, vuol dire non aver nemmeno una vaga idea di come agisca un Governo. Non la sentivamo noi elettori di destra, che al solo sentire nominare Pr…odi, tocchiamo ferro, e chi può si tocca qualcos’altro.
Ma Romano ha fatto la sua rentrée, nientemeno che nel salotto più politicamente corretto d’Italia, quello del ‘bonbon’ Fabio Fazio, e subito si è tolto un sassolino dalla scarpa, attaccando Veltroni e accusandolo INGIUSTAMENTE, di essere stato la causa della caduta del suo governicchio nato comatoso e sopravvissuto grazie all’accanimento terapeutico dei senatori a vita.
Una bugia grossolana, lo sa lui e lo sanno tutti gli italiani, quella specie di arca di Noè parlamentare è naufragata sugli scogli della sua assoluta incapacità di governare. Un accozzaglia di anime in contrasto fra loro, unite solo dall’antiberlusconismo, ma impossibilitate a concepire un programma di governo univoco. La menzogna è un venticello…lo sa bene il prode Romano, che di venticello in venticello è sulla scena politica da circa trent’anni.
E adesso ha il suo momento di gloria, richiamato , pare, a guidare il Pd e a (ri)trasformarlo in un Ulivo o Unione che dir si voglia, un ritorno al passato, in un momento in cui il Paese, ha bisogno di urgenti riforme per andare avanti.
Quanto ciò sia sciagurato lo dice bene, Massimo Cacciari, in un'intervista al Giornale, dove esprime i miei stessi concetti.
Cacciari una delle poche menti moderne e lucide, boccia senza se e senza ma il ritorno del figliol Prodi, sarebbe ora che il centro-sinistra, invece di guardare ad ondivaghi  'chierichetti' rossi  o riesumare mummie catto-comuniste, prendesse in considerazioni uomini come Cacciari, che hanno il polso del paese e sono sicuramente più concreti.
Inutile dire che il ritorno di Prodi é stato salutato con gioia da elementi come la Turco e Vendola. Il compagno Nichi, infatti, non disdegna gli ex- Dc, nonchè boiardi di stato: "Prodi ha fatto un discorso di verità". Come si suol dire "poltrona non olet"...
Orpheus  

Pubblicato il 17/3/2009 alle 19.1 nella rubrica l'Asinistra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web