Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

L'impegno del Governo Berlusconi contro le mafie

  

Un aspetto molto importante del “pacchetto” sicurezza del Governo Berlusconi riguarda la lotta alla criminalità organizzata di qualsiasi stampo. A tal fine 8 norme su 30 riguardano la legislazione anti-mafia.
-Due anni di carcere in più ai mafiosi, e il reato di associazione mafiosa sarà contestato anche alle organizzazioni criminali straniere.
-confisca dei patrimoni anche post mortem.
-I mafiosi condannati non potranno più avvalersi del gratuito patrocinio.
-divieto di patteggiamento in appello per i reati di Mafia
-Più poteri al procuratore nazionale Antimafia, che potrà decidere le misure di prevenzione da adottare.
-Infine 100 milioni di euro, provenienti
dalle confische di beni ai mafiosi (per esempio i100ml sequestrati recentemente a Salvatore Buttitta, prestanome di Provenzano) destinati alla sicurezza.

A questo va aggiunto che 
Il Ministro della Giustizia Castelli HA RESO PERMANENTE la validità dell'art. 41 bis (carcere duro per i mafiosi).
La sinistra, all'opposizione votò compatta CONTRO  tale provvedimento. Il
garantismo, spesso praticato in Italia su basi ideologiche o di schieramento, infatti, provocò una forte opposizione parlamentare e di piazza all'introduzione dell'art. 41 bis, opposizione praticata dalla SINISTRA e dal partito Radicale, fin dal 1993.

A questo punto vi chiederete come mai, ho voluto sottolineare l'operato del Governo Berlusconi, contro la mafia.
Il perchè é presto detto, gira fra i blogger di sinistra, la "favoletta" (o meglio l'infame calunnia) 
che "da quando c'e' Berlusconi non si sequestrano piu' i beni dei mafiosi", perchè Il suddetto ebbe come stalliere il defunto Mangano dal 1973 al 1975.
L'affermazione di per se, é un' idiozia assoluta.
Non spiega, infatti, COME Berlusconi abbia RAGGIUNTO TALE RISULATO.
Come di grazia? Salito lui, al governo, a cascata sono diventati tutti mafiosi? Comprese forze dell'ordine, magistrati e procura nazionale antimafia? Centinaia di soggetti in tutta Italia?
Oppure sempre "don" Berlusconi ha mandato ai suddetti una circolare con su precise disposizioni di non confisca dei beni mafiosi? Affidandola magari all'ectoplasma di Mangano? 
Siamo di fronte anche in questo caso alla sterminata disonestà intellettuale di certa sinistra, ma anche alla sua abissale stupidità, disinformazione e ignoranza. Perchè solo uno stupido, disinformato e ignorante può accettare una simile tesi, senza porsi le più elementari domande testè riportate.

E vogliamo parlare dell'opposizione della sinistra al 41 bis, reale e documentata? Opposizione che favorisce la mafia.
Oppure di cosa ha fatto in due anni il precedente Governo Prodi, contro la mafia, riassumibile in: NULLA.
Quindi se c'è una parte politica che non si é data molto da fare, è proprio la sinistra, malgrado ciò, non mi sognerei MAI, di dichiarare che Prodi é stato un "padrino" che proteggeva i suoi amici picciotti. Non basta dire, bisogna DIMOSTRARE.
Vero é che ci sono infiltrazioni mafioso-camorristiche a livello locale nelle istituzioni, ma sono bipartisan e ubicate là dove camorra e mafia tengono in pugno il territorio.
NESSUNO  può, quindi alzare il ditino e impartire lezioni di moralità, spacciando come "vangelo", calunnie predicate da chi é andato in vacanza con un mafioso. Questo si, dimostrato e documentato.
Orpheus

Pubblicato il 26/2/2009 alle 17.11 nella rubrica PDL.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web