Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Les liaisons dangereuses di Obama

 
La
notizia  é inquietante e francamente getta una grave ombra sulla sfolgorante vittoria di Obama.
Ahmad Yousuf, consigliere politico di Ismail Haniyeh, ha dichiarato che membri di Hamas avrebbero incontrato gli assistenti del neo presidente Barak Obama nella Striscia di Gaza dopo una corrispondenza via mail e prima della sua elezione.  Ha precisato inoltre che gli Usa avevano chiesto di non diffondere alcun comunicato per non danneggiare la campagna presidenziale di Obama.
"Siamo stati in contatto con diversi assistenti di Obama via Internet e più tardi abbiamo incontrato alcuni di loro a Gaza, ma ci hanno chiesto di non diramare alcun comunicato perché questo avrebbe potuto avere effetti negativi sulla sua campagna elettorale e poteva essere usato dal candidato repubblicano John McCain per danneggiare i democratici", ha dichiaratoYousuf al quotidiano al-Hayat. Ha quindi precisato che i contatti tra Hamas e gli uomini di Obama continuano e sono sempre buoni.
Hamas é un'organizzazione terroristica di matrice religiosa che non contempla altra soluzione che la "guerra santa", nel suo istruttivo statuto  definisce l’intera Palestina, dal Giordano al mare, “terra islamica affidata alle generazioni dell’Islam fino al giorno del giudizio” e bolla ogni trattativa come “un mezzo per imporre il potere dei miscredenti sul territorio dei musulmani”. Il concetto stesso di pace con Israele è estraneo a una simile mentalità, che per Hamas ha un solo destino: essere annientato.
Quale sia il margine di dialogo con una simile posizione estremista mi risulta molto difficile da decifrare.
Il fatto poi che questi colloqui siano stati  tenuti segreti, per non danneggiare l'elezione di Obama, aggiunge timore alla perplessità.
E' inutile sottolienare le gravi conseguenze per Israele (e per il mondo) di una polica estera sbilanciata nella causa del MO.
C'é solo da sperare che il "miracolo Obama" non si trasformi nel nostro peggior incubo.
Orpheus

Pubblicato il 11/11/2008 alle 11.45 nella rubrica America.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web