Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Il Trentino non è l’Ohio

 

In Trentino è stato riconfermato per la terza volta consecutiva Lorenzo Dellai (centro-sinistra) per la carica di presidente della Giunta Provinciale di Trento.
E vai con la gran cassa: per Uoltér "il clima sta cambiando" e i risultati “sono un importante segnale di valore nazionale”, perchè gli “italiani mostrano di considerare l’esecutivo sempre più inadeguato e blablablablablablablablablabla….”.

Purtroppo per lui le sezioni sono 527, e gli italiani che considerano inadeguato l’esecutivo sono 60.544 (165.046 csx, 105.692 cdx), e l’unico “clima” che possono cambiare è quello atmosferico, se fanno la danza della pioggia.
Senza contare che il Centro-sinistra non ha strappato il Trentino al PDL, ma se l’è tenuto con l’appoggio dell’ UDC (chi conosce un po’ la zona sa il perché).
L’unico ad avere il senso del ridicolo (ormai irrimediabilmente smarrito da Veltroni) è Parisi che fa notare: “Ci vorrebbe che pure la vittoria di Dellai venisse letta sull'onda di quella di Obama. Il Trentino è il Trentino e l'Ohio l'Ohio”.
Il 30 novembre si terranno l’ elezioni in Abruzzo, a seguito delle dimissioni di Ottaviano Del Turco del PD, arrestato per tangenti di sei milioni di euro, il PdL è dato nei sondaggi,vincente con 8,5 punti di vantaggio, che dirà allora Veltroni, che il clima è cambiato nuovamente?
Gli italiani mica sono banderuole come lui.
Usare le elezioni regionali a mo’ di cartina di tornasole delle tendenze degli italiani, a solo uso propagandistico, é poco avveduto, ma soprattutto é indice di disperazione.
Orpheus

Pubblicato il 10/11/2008 alle 19.1 nella rubrica l'Asinistra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web