Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

La condanna della Ue é una BUFALA: tipico esempio di stampa in "mano" a Berlusconi

 

Questa volta  l'oggetto del sollevamento della stampa nazionale CONTRO il Governo Berlusconi è la presunta condanna della Ue, a causa del provvedimento annunciato da Maroni sulle impronte ai minorenni rom.
E' andata così.
Ieri un funzionario della Commissione europea è sceso in sala stampa, e ha rilasciato la seguente dichiarazione: “: Non facciamo commenti fino a quando non abbiamo un testo e una legislazione”. Poi una dichiarazione di principio: “La Commissione è attaccata ai diritti fondamentali e alla lotta alla discriminazione come ogni altra istituzione europea”. E infine“Non è mai successo» che uno Stato membro volesse prendere le impronte digitali di uno specifico gruppo etnico”, spiegando che per il diritto comunitario questo non è possibile”.
Una dichiarazione che non esprime NESSUNA condanna specifica ma tant’é…
Da questa frase sono scaturiti 369 articoli (e la solita bagarre contro il governo),in cui si afferma che la Ue condanna il provvedimento preventivamente, che lo boccia, che è contraria ecc. Minniti addirittura ci marcia su, dimostrando quanto sia prevenuta l’opposizione (come la stampa) e come non perda occasione per attaccare il governo, STRUMENTALMENTE.

Tutto questo clamore immotivato ha costretto la Commissione europea a precisare, attraverso Michele Cercone, portavoce del commissario alla Giustizia, libertà e sicurezza Jacques Barrot, che “non ha espresso alcun giudizio né commentato in alcun modo l’annuncio di possibili misure fatto dal ministro degli Interni, Roberto Maroni”. Stavolta è una dichiarazione ufficiale: “Non è consuetudine della Commissione europea rilasciare commenti su intenzioni o opinioni dei responsabili politici nazionali. Se e quando l'Italia introdurrà misure concrete la Commissione, nel consueto spirito di collaborazione con gli Stati membri, ne esaminerà la compatibilità con la legislazione comunitaria e con il rispetto dei diritti fondamentali”. Ennesimo incidente chiuso.

Fra l’altro, bastava dare un’occhiata in archivio per scoprire un recente regolamento dell’Unione europea in tema di immigrazione, il 380 del 18 aprile 2008, che rende «obbligatorio a partire dall’età di sei anni» il ricorso agli «identificatori biometrici», proprio per i bambini. Ed entro il 2011 le nuove regole dovranno entrare in vigore in tutti gli Stati.
Ma nessuno delle centinaia di giornalisti “in mano” a Berlusconi se n’è dato la pena, come non si é dato la pena di verificare la notizia. Come “dittatore mediatico” il Cav. non vale veramente una cicca.

Questa sarebbe, quindi, la “dittatura dolce” di Berlusconi attraverso la stampa, che a detta dei soliti vendi- fumo in servizio permanente attivo, (quelli che tuonano in ogni dove), ha instupidito gli italiani fino al punto di votarlo. Meditate gente, meditate...
Orpheus
Update, come supponevo la smentita della Ue  é stata taciuta dalla maggioranza dei media, giusto perchè sono in mano al perfido Cavaliere Nero.

Pubblicato il 28/6/2008 alle 21.56 nella rubrica PDL.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web