Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Islamsterdam: arrestato vignettista per aver "offeso" l'Islam

 
E' bufera politica in Olanda dopo l'arresto di un noto vignettista accusato  di aver prodotto disegni discriminatori nei confronti di musulmani e neri.    

L'arresto di Gregorius Nekschot, prelevato ieri dalla sua casa e rilasciato stamane, è stato denunciato da una delle testate con le quali l'uomo collabora.

"Procedere per vie legali contro un vignettista è troppo",
lamenta il deputato del Labour, Heerts.
L'arresto viene definito "vergognoso" da Geets Wilders, l'autore del recente film anti-islamico. 

Gregorius Nekschot è fautore della libertà totale su ogni argomento e per questo motivo usa uno pseudonimo, in quanto è molto contestato in Olanda, e quasi nessuno pubblica i suoi libri, nei quali  si é sempre scagliato contro  tutti i totalitarismi sia ideologici politici, da destra a sinistra nessuno escluso, e anche contro ogni religione.
In passato aveva già avuto qualche contestazione, visto la sua satira pungente, ma fin'ora nessuno era arrivato a denunciarlo e farlo arrestare, nella liberissima e democraticissima Olanda.
Nessuno fino a quando non ha toccato l'Islam
Ancora una volta ci troviamo di fronte a una prova manifesta di quanto l’islam adotti un comportamento politico, facendosi scudo della religione e con arroganza e prepotenza riesca a imporre sanzioni di ogni natura, contro il diritto alla libertà, di cui ha goduto e si è approfittato. L’arroganza arriva a spingersi fino al punto che riesce a cambiare le leggi ed i comportamenti che sono stati la base di una delle civiltà europee più evolute e permissive, e che sono rimaste tali solo finché il vignettista ha preso per i fondelli il papa e il padreterno, la madonna e tutti gli dei delle varie religioni al mondo, ma quando si è permesso di evidenziare con la sua satira i comportamenti dei discepoli di Allah e del suo portavoce Maometto, ecco che ci troviamo improvvisamente a scoprire che fare satira sull’islam è un ORRENDO CRIMINE, che merita la galera e domani forse scopriremo che potrebbe finire come sono finiti gli altri scrittori, giornalisti, registi o vignettisti liberi, assassinati o costretti a espatriare per poter sopravvivere alla furia omicida di un islam inaccettabile.
Riassunto da
Lisistrata
Orpheus

Pubblicato il 19/5/2008 alle 12.40 nella rubrica Islam.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web