Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Foibe: ricordare é un dovere, negare un crimine

 

Filo di ferro per legare le mani delle vittime


Una foiba dove tanti civili venivano scaraventati ancora vivi e lasciati a morire per le ferite o di fame



Il numero delle vittime non è sicuro, da testimonianze dirette si parla di circa 9.800 di soli infoibati, di cui oltre 4000 civili, donne e bambini . A cui vanno aggiunti, 5.000 scomparsi e 3200 morti nei campi di concetramento jugoslavi.  
350.000 le persone costrette a lasciare la propria casa.

E c'è ancora chi ha il coraggio di negare una simile sciagura.
C'é chi ancora impone una schifosa censura a coloro che finalmente dopo 60 anni ricordano quei morti. Una vergogna dei comunisti allora, come ora. La storia dovrebbe insegnare a non ripetere gli stessi sbagli, ma fino a quando la si nega, non c'è progresso, non c'è libertà, non c'è democrazia.





Pubblicato il 10/2/2008 alle 15.6 nella rubrica crimini e censura rossa.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web