Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

PARADOSSALE

 
Immagine da Il Berretto a Sonagli

14 anni d’emergenza rifiuti sancita ufficialmente, con tanto di decreto del governo, nel febbraio del 1994.

Otto miliardi di euro statali SPRECATI: 80 milioni di euro l’anno1 dal 1997 al 2007 solo per la spesa corrente, senza contare gli investimenti, altri 29 milioni annui riferiti sempre allo stesso periodo. L’esercizio è da scuole elementari: (780 x 10)+(29 x 10) = 7800 + 290 = 8090. Cioè più di otto miliardi di euro, sedicimila miliardi di lire. E non è finita. In Campania arriveranno nei prossimi anni, tra risorse nazionali ed europee, 12 miliardi di euro, da cui si dovrà attingere per il completamento del ciclo integrato dei rifiuti. Nei capitoli di spesa è compresa "la bonifica e il recupero dei siti contaminati", ossia dei danni fatti con una parte dei soldi pubblici sprecati sinora. Un paradosso..
Danni incalcolabili all’ambiente, alla salute dei cittadini, all’immagine della Campania e dell’Italia.

Svariati e sempre più pressanti richiami da parte della Ue che si concretizzeranno in multe nell’ordine dei 700ml euro al giorno.

Discariche abusive in ogni dove, nelle quali la camorra smaltisce rifiuti altamente tossici, cancerogeni e teratogeni.

E CHI RINVIANO A GIUDIZIO i magistrati napoletani? Su CHI la procura di Napoli ha indagato e fatto intercettazioni, con considerevole spreco di  tempo e denaro PUBBLICO?
Il solito SILVIO BERLUSCONI 
rinviato a giudizio con la “grave” accusa (lesiva per la Campania, l’Italia, l’Europa il Globo e l’Universo) di aver “corrotto” telefonicamente il presidente di Rai Fiction, Agostino Saccà, raccomandandogli ben 5 attrici, le quali, poi manco hanno lavorato in Rai.

Mentre coloro che hanno causato un disastro ambientale di proporzioni immani, stanno ancora comodamente installati ai loro posti (Addirittura il Senato, SENZA VERGOGNA, non ha fatto passare la mozione delle Lega per lo scioglimento del Consiglio regionale campano).
Per i magistrati napoletani, le inefficienze, gli sprechi, le collusioni non propriamente “cristalline” di un intero sistema politico e sociale, che, in tutte le sue branche, si è rivelato TOTALMENTE INETTO A GESTIRE la regione Campania, sono di secondaria o terziaria importanza (sempre che ne hanno) RISPETTO all’urgenza di perseguire il pericolo pubblico n°1. Silvio Berlusconi.

Paradossale o criminale? Vedete voi…
Orpheus

Pubblicato il 18/1/2008 alle 18.36 nella rubrica Giustizia indecente.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web