Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Maestra arrestata: i suoi alunni hanno chiamato Maometto un orso di pelouche

 

Quaranta frustate e sei mesi di carcere, tanto rischia l'insegnante Gillian Gibbons, 54 anni, maestra inglese di una scuola elementare di Khartum, in Sudan.
Il reato: aver
permesso ai suoi alunni di chiamare Maometto un orso di peluche, nell'ambito di una normale pratica scolastica.
Il programma didattico, infatti prevedeva l'insegnamento ai più piccoli del mondo animale e del loro habitat. Il tema di quest'anno era l'orso. Per rendere più realistico il progetto, l'insegnante ha chiesto a una bimbetta di portare il suo orso di peluche e poi ha invitato la classe a scegliere un nome. Tra i vari indicati, alla fine venti su 23 bambini hanno scelto il nome del profeta, fra l'altro molto diffuso.
Apriti cielo, é proprio il caso di dire: la donna é stata arrestata e interrogata dalla polizia, mentre all'esterno del commissariato imperversava la solita folla inbufalita e urlante. La scuola, la Unity High School (per stranieri e professionisti facoltosi) ha dovuto chiudere fino a gennaio, per timore delle rappresaglie, in voga nell'illuminato mondo islamico, del tipo distruggere e bruciare.
Il caso si è trasformato in un affaire diplomatico e ne sono state investite l'ambasciata britannica a Khartum e il ministero degli Esteri.
E il povero orsetto di pelouche rischia la decapitazione in una pubblica piazza?

Può sembrare una notizia bizzarra sulla quale sorridere ma (a parte le frustate e il carcere alla povera maestra) dà l'esatta misura di quando spaventoso sia il fanatismo religioso della maggioranza degli islamici e del pericolo che rappresentano per noi occidentali abituati a vivere la religione in modo estremamente superficiale.
Orpheus

Pubblicato il 26/11/2007 alle 22.5 nella rubrica Islam.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web