Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Governo e PD preferiscono l’Islam radicale a quello moderato


 “L’Ucoii fa ormai parte ormai integrante del Partito Democratico e del governo italiano”. E’ questa la denuncia lanciata in questi giorni da alcuni musulmani moderati italiani in un blog apparso su Internet.
“Come mai il ministro per le Pari Opportunità, Barbara Pollastrini, ha convocato in gran segreto lo scorso 18 ottobre a Roma il presidente dell'Unione Comunità islamiche (Ucoii), Nour Dachan, per firmare una convenzione sulle violenze alle donne escludendo i moderati della Coreis? – si chiedono - Come mai il ministro dell'Interno Giuliano Amato ha congelato da circa un anno la consulta islamica istituita dal suo predecessore, Beppe Pisanu, dove i musulmani moderati sono la maggioranza?
Come mai invece la Consulta per il pluralismo religioso, istituita dal ministro per le Politiche Giovanili, Giovanna Melandri, dove ci sono solo musulmani vicini all'Ucoii è molto attiva? Tutto questo c'entra forse con la nascita del Partito Democratico?”.
Una risposta ufficiale non è possibile ottenerla ma certamente non è casuale che Osama al-Saghir, ex presidente dei giovani musulmani d'Italia, associazione vicina all'Ucoii, sia stato eletto proprio nel comitato nazionale del Partito Democratico. Dopo aver lasciato il posto di comando dell'associazione giovanile al figlio del vice presidente Ucoii, Aboulkheir Breigheche, Osama è entrato a far parte della Consulta giovanile istituita dal ministro Melandri e sbocco naturale di questa operazione è stato il suo ingresso nel Pd di Walter Veltroni. Sembra quasi che questo organismo ministeriale sia nato in vista delle primarie del Pd se si considera che altri due suoi membri, Tobia Zevi, ex presidente dei giovani della Comunità ebraica di Roma; e Ilaria Valenzi, leader dei giovani valdesi, sono stati candidati a Roma sempre nella lista ‘Melandri-Veltroni’.
Nonostante abbia vissuto per molti anni nella capitale, figurando tra gli attivisti principali della moschea tunisina di Centocelle, Osama si è trasferito da qualche anno a Milano per studiare Scienze Politiche ed è nel capoluogo lombardo che è stato candidato capolista della lista ‘Con Veltroni Ambiente Innovazione Lavoro Sinistra’ nella zona numero sette. Il fatto che insieme a Fatima Habib Eddine, della moschea della Pace di Corso Giulio Cesare a Torino, anche lei vicina all’Ucoii, faccia parte di questo organismo del ministero per le Politiche giovanili dimostra come in realtà siano questi i musulmani preferiti dall’attuale governo. Non a caso il professor Francesco Spano, coordinatore della Consulta giovanile per il pluralismo religioso e culturale, su invito dei due esponenti dei giovani musulmani d’Italia, è poi andato a visitare lo scorso maggio alcune dei principali centri islamici dell’Ucoii e la scuola araba milanese di via Ventura, sorta sulle ceneri della scuola islamica di via Quaranta. Addirittura qualche mese prima, lo scorso gennaio, sempre Spano ha presenziato alla preghiera del venerdì nella moschea romana di Centocelle tenendo anche un discorso ai fedeli.
 
Hamza Boccolini- Da  Controcorrente
Chi spera che il nuovo Pd sia un partito nuovo, può mettersi l'anima in pace: é solo l'ennesima trasformazione di una sinistra, INCAPACE di veri cambiamenti, che si limita all'ennesimo maquillage esteriore, per far dimenticare alla gente gli errori gravi di cui si é resa protagonista.
Il solito pacco, con una diversa confezione...
Orpheus

Pubblicato il 4/11/2007 alle 23.10 nella rubrica Sinistra indegna.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web