Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Veltroni l'intronato

 
Scrivere di Veltroni mi annoia assai, e poi rischio solo a guardarlo negli occhi bovini, un diabete fulminante, il suo buonismo è l’APOTEOSI del qualunquismo sdolcinato, del ‘volemose bene’, de ‘l’amico del tuo amico, è mio amico’ e via discorrendo...
Però due parole devo pur sprecarle, sulla memorabile giornata che ha visto la sua intronizzazione alla guida del ‘pidì’ .
Sorvolo sulle contestazioni di alcuni membri del testé neo-nato ‘pidì’, provocate dalla cocente delusione d’aver appreso, che Uòlter, poi così francescano, non é. Alla fine del suo magniloquente discorso d’insediamento, infatti ha imposto centinaia di nomine senza alcuna procedura democratica, tanto che Parisi ha subito parlato di golpe. (Va beh…è pur sempre un ex-comunista).
Come se ciò non bastasse, Uòlter, sempre nel suo comizio d’apertura, ha dimostrato subito d’essere uomo tutto d’un pezzo: “nella prossima legislatura ci presenteremo con un programma chiaro e se otterrà il consenso di altre forze bene, altrimenti il Pd coltiverà la sua vocazione maggioritaria fino in fondo” BUMMM…Diliberto, gli ha già fatto sapere, che senza la sinistra radicale il ‘pidì’ si può attaccare al tram (per dirla in breve).
Inoltre, Uòlter ha dato prova d’aver afferrato con grande lucidità la situazione in cui langue il paese, ricordando: “In un anno e mezzo il Governo ha ottenuto risultati importanti(?), come la riduzione del debito (??), le liberalizzazioni (???), il recupero di credibilità sul piano internazionale(hoibò!) e un accordo sul welfare su cui il giudizio più eloquente è stato espresso da 5 milioni di lavoratori”. Nemmeno Amelie nel suo favoloso mondo aveva una visione così personale e fantasiosa della realtà…Però Uòlter è Uòlter e con quella bocca può dire ciò che vuole, tanto qualche beccafico che gli crede riesce a trovarlo.
Ma non basta. Pur non avendo né un programma, né una vaga idea su come uscire dall’impasse di un governo che non riesce a governare, Uòlter una cosa l’ha capita e bene, attaccare Berlusconi conviene sempre, perché malgrado la sinistra sia divisa su tutto, il Cavaliere riesce sempre a ricomporla e così, secondo lui "Berlusconi non avrebbe più diritto di candidarsi alla premiership", in base a quale regola non è dato sapere, forse quella giustappunto dei compagni con falce e martello.
Ma tutto ciò non ha importanza Uòlter è Uòlter e con quella bocca può dire ciò che vuole.
Mi sa tanto che rimpiangeremo Prodi.
Orpheus

Pubblicato il 29/10/2007 alle 19.53 nella rubrica l'Asinistra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web