Blog: http://Orpheus.ilcannocchiale.it

Wonder Walter

 

Siamo alla tragicommedia, quella che fa ridere ma a denti stretti, Wonder Walter il "messia" della parrocchia rossa, colui che é sorto dalle ceneri del sepolcro romano per compiere il miracolo di (ri)dar vita agli asfittici DS (rinati Pd) e salvare il governo colabrodo Prodi, si é esibito in una performance di equilibrismo dialettico degna del Mago Copperfield o del nostrano Silvan o più semplicemente dell'attuale premier.
Stamattina in Campidoglio Wonder Walter ha incontrato il presidente del comitato promotore del referendum per la revisione della legge elettorale, Giovanni Guzzetta e gli ha dato la sua benedizione: "È importante che ci sia un sostegno alla raccolta" ha dichiarato WW con l' occhio bovino leggermente umido al ciglio (lui è’ IL BUUUUONOOOO’ per antonomasia) quindi appoggia il referendum, ma non lo firma. Insomma armiamoci e partite in ossequi alla politica prodiana riverente all'estrema sinistra, perchè lui fa parte di "una maggioranza in cui ci sono opinioni diverse e di queste opinioni non posso non tenere conto". E allora tanto ne avevamo.
Questo sarebbe l'UOMO NUOVO...aridatece il Mortadella che almeno non ha il complesso del primo della classe, del samaritano calzato Tod’s la cui missione è nutrire gli affamati, che non gandheggia in versione abbacchio e coratella, che non soffoca gli italiani di melassa buonista e terzomondista, che non sprizza cultura da tutti i pori come un dispenser automatico di scibile umano.
"Come si possono invitare i cittadini a firmare senza firmare?" Si domanda il Ministro Parisi (e ce lo domandiamo anche noi). “Ancora una volta siamo al vorrei ma non posso. Proprio l’opposto di quello che serve al Paese”. Il Walter che serve all’Italia è uno che espone la sua linea fondata sulle sue convinzioni e su questa cerca il consenso a prescindere dalle provenienze passate, non un candidato che si propone fin dall’inizio come il candidato di tutti e di nessuno.
Parola di Parisi. Peccato che questo Walter "viva" solo tra i fogli di Repubblica e del Corriere.
Orpheus

Pubblicato il 9/7/2007 alle 18.2 nella rubrica l'Asinistra.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web