.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

18 settembre 2010

Il corano non è stato bruciato, ma scuole e chiese cristiane si


Ogni scusa è buona per perseguitare i cristani nei paesi musulmani. La proposta del Rev.Jones è stata ritirata, ma Chiese e scuole cattoliche sono state bruciate per "protesta", ovviamente nel silenzio pressochè totale di CHI dovrebbe informare.
Non sia mai, che si scateni una "guerra di religione" o più che altro che non ci si becchi dell'islamofobo con relativa denuncia del caso. Si, perchè, ciliegina sulla torta, nei nostri paesi ci "fottono" con le NOSTRE stesse leggi, che per altro se ne guardano bene da rispettare.
Ho ripescato qualche vecchio post, dove parlavo del martirio dei cristiani nei paesi islamici, ripropongo qualche "aneddoto" tanto per gradire.
Dopo la morte di Don Santoro immolato nella "moderna" Turchia, in altri paesi islamici i fondamentalisti si sono dati molto da fare,
In Kashmir, un gruppo di militanti islamici, ha rapito e decapitato Manzoor Ahmad Chat, un cristiano evangelico di 33 anni.
La testa dell’uomo è stata lasciata all’ingresso di una moschea, chiusa in una scatola di plastica.
L’anno scorso, un predicatore cristiano era stato ucciso allo stesso modo.
Sono stati centinaia gli episodi di intolleranza violenta, spesso con vittime, che hanno visto gruppi di fondamentalisti islamici aggredire in vari paesi con la scusa“dell’apostasia e del politeismo” centri cristiani e Internet cafè (questi ultimi perché veicolano immagini di donne discinte e ideologie “pagane”).
Una scia di sangue che non conosce requie, la cui barbarie è sempre più sconvolgente:
cinque ragazzine sgozzate in Indonesia mentre andavano a messa.
Quattro sacerdoti trucidati in Nigeria e ancora è stato attaccato e distrutto il Bible bookshop di Gaza; in occasione della Pasqua, padre Pizzaballa, della custodia di Terrasanta, ha denunciato l’espulsione silenziosa di decine di migliaia di palestinesi cristiani, spesso a seguito di episodi violenti, dai Territori dell’Anp.
Peggiore è la situazione dei cristiani in Iraq, come è noto, così come in Pakistan, mentre nella stessa “laica” Algeria addirittura una nuova legge punisce con due anni di prigione e 10 mila euro di multa i cristiani che tentino di fare proselitismo tra i musulmani.
Il loro “dialogo interreligioso” è fatto di teste decapitate e di arti mozzati, di torture inimmaginabili, di odio e se qualcuno gli fa notare che sono LORO i carnefici e i cristiani sono le VITTIME, se gli fa notare che una religione non condanna a morte chi appartiene o si converte ad una religione diversa, scatta l’accusa di “islamofobia” e immancabilmente si arriva alla fatidica frase “non facciamone una guerra di religione”.
Ma soprattutto, fin qui abbiamo parlato di estremisti: ma DOVE SONO I MODERATI, quelli che dovrebbero rappresentare il "vero" islam?
MAI SI ALZA una voce che condanna le violenze contro i cristiani, da parte dei "moderati", e anche in quest'ultimo caso, il silenzio dei "moderati" è assordante.
(nella foto testa di un cristiano decapitato in Indonesia)
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. peesecuzioni cristiani islam

permalink | inviato da Orpheus il 18/9/2010 alle 21:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa

18 settembre 2010

Oltre la "tonaca" il 99% dei pedofili agisce indisturbata


Benedetto XVI
chiede perdono, ancora una volta, per le vittime innocenti dei preti pedofili. Grida il suo dolore e la sua vergogna, per i piccoli martiri, che hanno avuto l'infanzia devastata, che si portano ancora dentro ricordi incancellabili, ricordi che fanno piangere e tremare uomini e donne, ormai adulti.
La Chiesa fa il mea-culpa, e tutti gli indignati a senso unico, ne sono soddisfatti, tronfi, per l'umiliazione a cui si sottopone, e ne sono soddisfatta anche io, ogni pedofilo va perseguitato, snidato e condannato (e se fosse per me anche ammazzato), ovunque si trovi, ma i preti rappresentano l'1% dei pedofili, lo sottolineo l'uno per cento, e tutti gli altri agiscono, indisturbati, rovinano bambine e bambini, divorano piccole vite, fra le mura domestiche, a scuola, in paesi dove comprano bambini affamati, e li stuprano, e continuano a stuprarli, ancora e ancora e ancora. Mentre la società si accontenta, del polverone alzato sui preti pedofili e nasconde la putredine sotto il "tappeto" dell'indifferenza e del menefreghismo.
Sono nauseata, che mondo è quello che non difende i più deboli?
Quello che usa battaglie di civiltà allo solo scopo di portare avanti battaglie di demonizzazione? Così che la Chiesa debba continuare a chiedere perdono, ed è giusto che lo chieda, ma è orribilmente ingiusto che sia la SOLA a farlo.
Che si parli SOLO della pedofilia dei preti e non di quella di industrialotti, liberi professionisti, maestri, studenti operai, che consumano pedo-pornografia, fatta sulla pelle dei bambini, attori della loro devastazone fisica e psichica, per mano di mostri senza cuore e senza umanità.

La pedo-pornografia é un mercato MOLTO fiorente, video e foto di bambini e NEONATI, ribadisco neonati STUPRATI,  fruttano molti soldi, e dove girano i soldi le coscienze si addormentano. Eh, si..ci si indigna solo per i preti...
Come sopravvive un NEONATO ad un rapporto sessuale con un adulto, SE sopravvive? Perchè NESSUNO grida la sua RABBIA, il suo DOLORE, per lo sterminio di tanti poveri innocenti. Perchè???
E poi, c'è il turismo sessuale pedofilo
non arriviamo alla quarta settimana del mese, ma in compenso abbiamo i soldi per andare a violentare bambine in Thailandia, in Cambogia, in Romania, bambine che  "si prostituiscono", nei bordelli. Il detto più comune di Patpong, strada di Bangkok è: "donne a 10 anni, vecchie a 20, morte a 30". Ma noi siamo più morti di loro, se assistiamo senza far nulla a queste ignomie, a questi crimini contro l'umanità, a queste sofferenze che urlano in silenzio, nel silenzio delle coscienze.
Aggiungo un'ultima precisazione, io non condanno il singolo cittadino, che come me, può poco e spesso ignora la realtà e la vastità del fenomeno della pedofilia, io ce l'ho con CHI avrebbe il dovere morale e civico, di INFORMARE, la casta dei giornalisti, i santoro (che ha fatto persino una puntata sul tema, tutta incentrata sulla Chiesa), i vespa, i vari direttori di giornali, che tacciono, nel migliore dei casi e disinformano negli altri, ce l'ho con la casta dei politici, che pur sapendo NON fa nulla, volta la testa dall'altra parte. Tutti costoro sono colpevoli né più né meno di chi prende un biglietto aereo per andare in Cambogia a stuprare una bambina di 10 anni. 
Orpheus


18 settembre 2010

Certi PM..."cani attaccati" alla catena


I pentiti servono alla “giustizia” italiana, eccome!
Servono alle nostre "beneamate" toghe per costruire castelli giudiziari con carte truccate, per perseguire i loro fini politici, per condannare innocenti alla gnogna mediatica, che spesso è peggio del carcere (al quale il più delle volte non approdano, perché il castello crolla, ma ormai il danno è fatto), per trafficare, per ribaltare il volere popolare, per calpestare, infangare, violentare la Giustizia e la Democrazia, lo stesso semplice concetto di Civiltà.
Capita così che feccia umana come "Giovanni Brusca l’uomo (che fece saltare in aria Giovanni Falcone e che fece sciogliere nell’acido un bambino, dopo averlo ridotto ad una larva ed averlo fatto strangolare con la faccia rivolta verso il muro) è oggi indagato perché, nella sua posizione di pentito e potendo muoversi e operare, ha comodamente ripreso la sua attività di criminale".  Assurdo vero?
Ma ancor più allucinante è quello che si legge qui. E leggete perchè sono fatti e notizie, di cui non trapela NULLA, che solo poche voci libere hanno il coraggio di denunciare.
Un’altra “personcina raccomandabile” Baldassare di Maggio ha definito i tre PM del processo Andreotti “cani attaccati”. Ecco questo sono certi Pm, “cani attaccati” alla catena di criminali senza scrupoli, mostri che sciolgono bambini innocenti nell’acido, e la fanno franca, perchè i pm che consento loro privilegi in nome del "do ut des", i giudici che sentenziano fuori di ogni logica e diritto, hanno paura, che si chieda loro ragione delle loro menzogne e chi le ha suggerite.
E se tutto questo non fa INDIGNARE, IMBESTIALIRE chi legge, ...non è morta e sepolta anche la giustizia, ma la coscienza  di chi guarda e volta la testa dall’altra parte.
Beh...io non ci sto!
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pentiti

permalink | inviato da Orpheus il 18/9/2010 alle 14:59 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

16 settembre 2010

Rom espulsi, ecco perché Sarkò ha ragione


Il «diverbio» fra la Francia e l’Unione Europea, provocato dal rimpatrio di gruppi di rom irregolari effettuato dal governo francese, sta diventando sempre più infuocato. Reazioni stizzite da parte della Francia (con il presidente Sarkozy che ha replicato «se li prendano loro») e contraccuse della Ue.
 Oltre al conflitto di autorità, aleggia poi intorno alla questione dell’immigrazione rom, in maniera più o meno esplicita, una vaga accusa di razzismo; meccanismo psicologico che si continua ad adoperare per mettere in penitenza gli Stati europei.
A questo meccanismo psicologico sarà bene dare il suo vero nome: è un ricatto che nessuno intende più accettare.
I problemi dati dall’immigrazione nell’occidente europeo sono reali e gravissimi e molti cittadini si domandano come mai l’Ue sia capace soltanto di protestare e non di dare qualche suggerimento, di aiutare a trovare delle soluzioni.
Convinciamoci, però, che dall’Ue è impossibile aspettarsi soluzioni; anzi, dobbiamo augurarci che non ce ne fornisca mai perché sarebbero comunque contro i nostri interessi e a favore degli immigrati. Insomma, dobbiamo deciderci a guardare in faccia la realtà: l’immigrazione è voluta, sollecitata, aiutata, spinta dall’Ue, non per la solidarietà, bontà, accoglienza di cui si vanta e che sono soltanto argomenti di facciata, per giunta poco credibili.
L’unificazione europea è nata per eliminare gli Stati, le Nazioni. Tutto quello che era possibile fare a tavolino a questo scopo i politici l’hanno già fatto: istituzioni sovranazionali, moneta comune, cittadinanza, eliminazione dei confini e così via. Ma sono i popoli che creano le Nazioni, gli Stati, non il contrario.
È questa la dura realtà (dura per loro) di cui i politici, i banchieri soprattutto, non hanno voluto tener conto nel progettare l’unificazione europea. Dato che l’unico sistema, o almeno il sistema più efficace per disintegrare i popoli è l’immigrazione, la presenza massiccia di stranieri, di persone diverse per lingua, per costumi, per religione, l’Ue ha programmato l’immigrazione. Adesso, però, è stato raggiunto un punto limite che i governanti dei singoli Stati da una parte, e i governanti dell’Ue dall’altra, non sanno come risolvere perché non avevano mai detto chiaramente ai cittadini qual era la meta finale: la fine delle Nazioni, dei singoli Stati. Fra l’altro poi, questa non è neanche la vera meta: l’unificazione europea è una tappa, quella principale, ma soltanto tappa, di quella mondializzazione cui aspirano banchieri ed economisti già da molti anni.
Ci troviamo, quindi, fra due fuochi, così come ci si trovano i partiti di Sinistra. Il «vuoto» di idee, e di uomini, che li contraddistingue e che li tenta a richiamare in aiuto il loro esperto in mondialismo, Romano Prodi, dipende da questo: non osano dire ai loro seguaci di entusiasmarsi per gli stessi ideali dei banchieri, ossia per l’Ue e per la mondializzazione, ma cos’altro possono fare? Io avrei una proposta: mettano le carte in tavola e aiutino tutti a discutere a viso aperto di questo che è adesso l’unico vero dilemma che abbiamo di fronte: salvare lo Stato oppure andare avanti verso la mondializzazione.
riassunto da Ida Magli

Per me, per i popoli, e quindi per la gente comune, quella che vive sulla propria PELLE i disastri dell'immigrazione selvaggia alla quale siamo forzatamente sottoposti, NON esiste NESSUN dilemma...ma un secco NO.
Qui non si tratta nemmeno di sostituire culture illuminate con culture di pari grado, ma di ARRETRARE ad usi barbari, per mettersi in linea con chi NON si vuole integrare, sottomissione della donna, regole igienco-sanitarie da medio evo, poligamia e quant'altro, più il grave problema della criminalità.
Si tratta di sacrificare i diritti acquisiti fin'ora, (soprattutto per quantoriguarda le categorie "deboli", donne in primis) e la nostra Civiltà per favorire Inculture e Inciviltà.
L'inghippo sta nel fatto che mettere degli incivili in mezzo a gente civile, rende impossibile, non l'integrazione, ma anche solo la CONVIVENZA, e crea tensioni e malumori.
Vivere vicino ad un campo rom, vuol dire vivere nel degrado e nella criminalità. Ai signori della Ue, non frega nulla, è ovvio, ma a chi, dipende dal voto, della popolazione, SI. Ecco perchè la destra è in rinascita, un po' ovunque. Ed è anche una delle ragioni, per cui Sarkozy, un presidente fin'ora, a voler essere gentili mediocre, ha giocato la carta dei rimpatri forzati.
Abbiamo ancora una chance, se non vogliamo essere sottomessi e travolti: votare CHI è contro l'immigrazione incontrollata e selvaggia, senza se e senza ma.
Bene ha fatto Berlusconi ad appoggiare Sarkozy.
Orpheus

U.D. Un successo STRAORDINARIO di questo Governo: Il
Consiglio dei ministri ha approvato un decreto legislativo mirato a disciplinare il trasferimento delle persone condannate dall’Italia verso lo Stato di cittadinanza per la regolare esecuzione delle pene detentive”.
Con questo provvedimento l’Italia e’ il primo Paese dell’Unione Europea ad attuare la decisione quadro del 27 novembre del 2008, con largo anticipo rispetto alla scadenza fissata al 5 dicembre del 2011?.
Praticamente si svuoteranno le carceri, in certe regioni.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sarkozy Ue

permalink | inviato da Orpheus il 16/9/2010 alle 11:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

11 settembre 2010

L'america piange le sue vittime ma non ha imparato la lezione


Impossibile dimenticare e doveroso ricordare quella che è stata la tragedia più significativa di questo secolo, quella che ha cambiato la faccia al mondo ed ha avuto ripercussioni sulla vita di tutti. Ma che non ha insegnato nulla,  all'America, in primis e all'Occidente, in seconda battuta.
Migliaia di vite umane bruciate a causa della follia islamica fondamentalista, non sono servite, a far comprendere, che non è alqaeda il problema, alqaeda è la punta dell'ice-berg, è la manifestazione più estremistica ed eclatante, di una religione, che assogetta gli altri, una religione che non accetta le altre religioni e che non contempla nessuna forma d'integrazione, e per rendersene conto basta informarsi, su come sono trattati i cristiani nei paesi musulmani. Paesi dove vige ed è punito severamente, il reato di apostasia e blasfemia.
E così il "messia" nero "benedice" l'insediamento di una mega-moschea accanto a quel luogo Sacro che è Ground Zero, vittime e carnefici, gli uni accanto agli altri. Una bella VITTORIA per gli islamici e nessun rispetto per le vittime, per il DOLORE dei parenti che ancora le piangono.
Sull'altare dell'idiozia buonista, continuano ad essere immolate.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. anniversario 11 settembre

permalink | inviato da Orpheus il 11/9/2010 alle 19:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa

11 settembre 2010

Roghi veri di Cristiani e roghi annunciati di corani


Il mondo è sotto choc, l'indignazione gronda a fiumi e riempie paginate di giornali, l'empio Terry Jones, pastore misconosciuto e decisamente "furbetto", ha annunciato che brucerà una copia del corano, come protesta, per l'indecente intenzione di erigere una moschea (con il beneplacito di Barack El-Obamah) accanto al luogo dove tremila persone, sono state arse vive dal fanatismo islamista.
Una copia del corano, pagine e pagine delle regole dettate da Maometto, ma scherziamo!!!
Quale onta, quale sfregio insopportabile per l'umanità e per il "grande" popolo islamico, che ha già iniziato (come per le vignette danesi) i roghi in piazza delle bandiere Usa e forse a farsi saltare in aria in alberghi europei.
Nel punjab otto essere umani, fra cui UN BAMBINO DI SETTE anni sono stati bruciati VIVI (altri 20 sono stati feriti e 50 case si sono trasformate in cenere). La loro colpa? Essere CRISTIANI, mica si limitano a bruciare LIBRI da quelle parti, preferiscono i roghi di carne umana, per dimostrare il loro "dissenso" sulla presenza dei cristiani!
Almeno 3000 musulmani, dopo essere stati aizzati dalle autorità religiose del luogo, si sono diretti a Gojra e lì, hanno cominciato a sparare all’impazzata, dopo  hanno usato un particolare combustibile, difficile da spegnere e hanno dato il via ai "festeggiamenti" in onore di Allah.
 Secondo testimoni, lo stesso combustibile è stato usato nel villaggio di Shanti Nagar, bruciato nel febbraio 1997;  nella distruzione del villaggio di Sangla Hill (2005); nell’incendio delle 50 case dei cristiani e delle due chiese la sera del 30 luglio a Koriyan, vicino a Gojra.
Mai e sottolineo mai queste notizie hanno avuto il ben che minimo risalto, mai e sottolineo mai il rogo di esseri umani, ha SMOSSO le coscienze delle solite anime belle occidentali.
Ricordo io i nomi, di alcuni questi martiri dell'estremismo islamico e DEL SILENZIO  del mondo, compreso quello dei grassi e imbelli (nonchè imbecilli) prelati in Vaticano.
Hamed Masih, 50 anni; Asia Bibi, 20; Asifa Bibi, 19; Imamia Bibi, 22; Musa 7; Akhlas Masih, 40; Parveen, 50 anni.
La loro vita vale meno del presunto rogo di un libro. Così stiamo messi, e ha ragione Obama non siamo NOI, in guerra con l'islam, é il contrario. Quando ce ne accorgeremo sarà troppo tardi.
Orpheus





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. islam persecuzioni cristiani

permalink | inviato da Orpheus il 11/9/2010 alle 11:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

9 settembre 2010

NO alla vivisezione della barbara Ue, firmate e diffondete


C'è ancora una speranza, per fermare una legge che aggiungerà sofferenze atroci, alla già inumana pratica della vivisezione,
a partire dall'8 settembre il Parlamento europeo esaminerà in seconda lettura la proposta di revisione della direttiva 86/609 sull'utilizzazione degli animali per scopi scientifici.
Facciamo arrivare loro, un NO urlato, un NO, senza precedenti, perche tale barbarie, non è accettabile, senza provare a combatterla.
NO alla vivisezione su cani e gatti
NO al "libero arbitrio" dell'anestesia, che farà risparmiare soldi alle industrie farmaceutiche e divertire molto i SADICI, che si dilettano a torturare animali inermi.
NO ai ripetuti esperimenti su un povero animale
NO allo "squartamento" per scopi "didattici" e senza anestesia
NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO NO

FIRMATE E DIFFONDETE
http://www.lacoscienzadeglianimali.it/index.php/test-in-evidenza/149-lettera-aperta-a-tutti-i-parlamentari-europei

Chi è su FB ed ha lo stomaco per guardare ecco alcune delle pratiche di quei sadici macellai
http://www.facebook.com/note.php?note_id=145854148785508&id=100000736792335&ref=mf

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. petizione vivisezione

permalink | inviato da Orpheus il 9/9/2010 alle 18:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

9 settembre 2010

USA: Un Silenzio Assordante


Nella vicenda Sakineh, solo due paesi Francia e Italia hanno speso parole forti, per tentare di salvarla da una pena inumana e atroce, ma anche il resto dell'Europa si é mobilitato.

Mentre la maggioranza delle anime belle di sinistra, quelle che s'impietosivano per i detenuti di Guantanamo, tagliagole (nel senso reale del termine) e terroristi tacciono e fischiettano, con la speranza che la vicenda si chiuda in fretta.
Ma più di tutti colpisce il silenzio-assenso del Messia Nero, quello del "Yes, we can", certo si può e si deve chiudere gli occhi e voltare la testa dall'altra parte. E potrei anche capirlo, chiamasi real-politck, se questo uomo, nell'opinione pubblica mondiale, non rappresentasse la "summa" degli ideali più alti, il paladino difensore dei diritti dei più deboli e diseredati, la svolta, il cambiamento e cianfronate simili.
Certo, non era necessario un suo coivolgimento personale, poteva "protestare" un suo rappresentante, un membro del suo Governo, e invece l'unica dichiarazione fatta a tutt'ora, è quella della Clinton, durante un importante discorso sulla politica estera dove ha spiegato che ci troviamo a vivere in un "momento americano", e che l'ingaggio diplomatico con i mullah che l'amministrazione sta portando avanti da quando Obama è diventato presidente ha funzionato (per ingaggio diplomatico intende la genuflessione completa e totale).

Detto questo, passo ad un aggiornamento del caso Sakineh, la sua lapidazione è stata sospesa, ma rischia sempre di essere impiccata.
Ieri sera ho sentito l'ambosciatore
iraniano in Italia, Seyed Mohammad Ali Hosseini, ha detto che è stata condannata, per un grave "reato", ma in Iran, la lapidazione è applicata solo per le adultere. E i suoi ipotetici complici, nell'efferato delitto, dove sono, in galera, in attesa anche loro di essere impiccati? Perchè nessuno ne parla?
Ci si attacca a "questioni di lana caprina" per giustificare questa barbarie, chiudendo gli occhi sulle macroscopiche contraddizioni che lo riguardano.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sakineh diritti umani lapidazione usa

permalink | inviato da Orpheus il 9/9/2010 alle 10:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

8 settembre 2010

Macellai al soldo dell'industria faramaceutica


C'era bisogno di una nuova normativa per la vivisezione?
Si certo che c'era bisogno per garantire più utili e più libertà d'azione alla potente e munifica industria farmaceutica, che grazie a questa nuova direttiva della Ue, non dovrà spendere più soldi nemmeno per gli anestetici.
E così, oggi è stata approvata una "direttiva" che riporta la già ignobile pratica della vivisezione alle forme più inumane e atroci, con animali letteralmente squartati, senza nemmeno l'anestesia.
Il testo europeo, infatti, è più permissivo di quanto preveda in Italia la nostra legge in materia di esperimenti su animali viventi": "Permetterà la sperimentazione su cani e gatti randagi (articolo 11), lasciando alla libera facoltà dei ricercatori l’eventuale sperimentazione senza anestesia o senza la somministrazione di antidolorifici ad animali sofferenti (articolo 14); che permetterà di riutilizzare più volte lo stesso animale, anche in procedure che gli provocano dolore, angoscia e sofferenze (articolo 16) e di tenere in isolamento totale per lunghi periodi animali socievoli come cani e primati; di praticare l’apertura del torace senza somministrare analgesici e la sperimentazione su animali vivi a scopi didattici (articolo 5)".

Non credo ci sia bisogno di altre parole, ma ogni giorno provo sempre più vergogna nell'appartenere al genere umano.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Vivisezione direttiva Ue

permalink | inviato da Orpheus il 8/9/2010 alle 18:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa

8 settembre 2010

Benvenuti in Italistan


Una volta il telefono piangeva (bei tempi...), adesso il telefono unisce in matrimonio (oltre a divorziare...potenza della tecnologia) ovviamente succede nei paesi islamici, dove le donne si comprano, si vendono e si massacrano come animali.

E potrebbe non interessarci, tanto noi questi problemi non ce li abbiamo (per ora), se i nostri tribunali, non "applicassero" le leggi islamiche senza colpo ferire.
E' successo al tribunale per l'immigrazione di Milano, dove è stato accolto il ricorso di un pakistano per un ricongiungimento familiare. Permesso da prima negato dall'ambasciata perchè il matrimonio è stato celebrato per telefono.
Si dà il caso che in Pakistan è permesso sposarsi per telefono
basta che un pakistano col permesso di soggiorno entri in un phone center di Lorenteggio assieme a un paio di testimoni, acquisti una scheda telefonica da dieci euro e telefoni alla sua “fidanzata” a Islamabad: pronunciate le formule di rito, il matrimonio è fatto. A questo punto lei può salire sull’aereo, destinazione Malpensa, e stabilirsi in Italistan. Proprio come successo alla giovane coppia pakistana “ricongiunta” dal tribunale milanese.
La notizia è di qualche anno fa, ma non per questo meno inquietante, in primis perchè dà la misura della deriva verso l'imbarbarimento che sta prendendo la nostra società e in secondo luogo, perchè è la via più breve e meno dolorosa per l'islamizzazione dell'Europa.
Interessante l'esperimento condotto da un
sociologo danese, Eyvind Vesselbo, che ha monitorato un gruppo di 145 operai turchi stabilitosi in Danimarca tra il 1969 e il 1970. Come racconta il giornalista americano Bruce Bawer, "nell’anno 2000, quando lo studio di Vesselbo terminò, il ricongiungimento degli sposi e di altri membri della famiglia, combinato con un alto tasso di fertilità, aveva trasformato questo gruppo di 145 in una comunità di 2.813. Tutti coloro che si erano sposati lo avevano fatto con donne turche che avevano portato in Danimarca".
Ergo saremo noi a doverci integrare con loro...e non il contrario.
Meditate gente...meditate.




permalink | inviato da Orpheus il 8/9/2010 alle 17:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

7 settembre 2010

la sinistra che tifa Islam, non si ferma nemmeno davanti alla lapidazione di Sakineh


Sono orgogliosa di essere di destra, lo sono veramente malgrado al suo interno si annidino politici politicanti e “arraffoni”, come in tutte le categorie. Sono orgogliosa perchè i nostri valori sono quelli della difesa della vita e dei più deboli.
E li portiamo avanti con coerenza e non a senso unico, senza se e senza ma.
La destra si sta’ spendendo per la vita di Sakineh, come giusto che sia, perchè solo un barbaro ignorante o uno psicopatico può trovare “giusta” la pena imposta a questa povera donna, le torture a cui è sottoposta in carcere.
Ma che fa la sinistra? Quella che s’indigna per una frase del Premier e inscena proteste con tanto di maglietta “Siamo tutte Rosy Bindi” o di calzini azzurri, o Burkini...quella che berciava contro gli USA (uso il passato perchè grazie ad Obama, improvvisamente la pena di morte è diventata una “pinzillavìcchera” su cui soprassedere).
Ecco la sinistra, non solo tace ma scrive pezzi di “colore” rosso, come il sangue di Sakineh, e di tutte le altre, pezzi, che pesano più delle pietre usate, per lapidare donne innocenti.
Leggete che abiezione l’articolo di Massimo Fini sul  Fatto-quotidiano, che difende la condanna di Sakinek, con queste argomentazioni:
“La pena di morte è in vigore anche in Paesi considerati campioni della civiltà, come gli Stati Uniti, e nessuno Stato lascerebbe a piede libero un assassino (ma da qui a lapidarlo, ce ne passa, o no?)
Quanto all'adulterio è considerato un reato meritevole della pena capitale non solo in Iran ma in molti altri Paesi islamici che hanno una cultura e una morale diversissime dalle nostre soprattutto per quel che riguarda la famiglia (ah beh allora lasciamo fare, notare che parla di “cultura e morale)
La domanda è questa: le sentenze di un Tribunale iraniano su fatti che quel Paese considera reati gravi sono ancora sentenze di uno Stato sovrano o devono essere sottoposte ai Tribunali popolari dell'Occidente? (i diritti umani sono un optional da usare per la Bindi)
E può Sarkozy dichiarare che Sakineh è sotto la protezione della Francia?
Allora sia coerente e dichiari formalmente guerra all'Iran in nome dei principi in cui dice di credere [...] L'Iran non ha alcun obbligo giuridico di fornire all'occidente le prove che la sentenza del suo Tribunale è giusta; anche perché qui non ci troviamo (di fronte a un oppositore politico ma a una persona accusata di reati comuni e non si vede quale interesse avrebbe mai la giustizia iraniana ad accanirsi arbitrariamente su di essa.
Ma l'Iran è per un grande, colto e civile Paese, molto più civile di quanto lo facciano gli occidentali, e dovrebbe avere la sensibilità, anche politica, di capire che su un caso che è comunque sotto gli occhi di tutto il mondo ha l'obbligo morale di dare sulla reale colpevolezza di Sakineh informazioni maggiori e più trasparenti di quante ne abbia date finora, senza per questo sentirsi diminuito nella propria sovranità (in tal caso ben venga la lapidazione, magari può andare a dare una mano, il sig. Fini..)
anche se sappiamo benissimo che questa vicenda viene strumentalizzata in funzione della tambureggiante campagna contro Teheran di Stati Uniti e Israele. Perché, a questo punto, un'esecuzione al buio sarebbe altrettanto inaccettabile di quella liberazione al buio che vorrebbero il ministro Frattini e Bernard-Henri Lévy." (questo è uno che vaneggia per giustificare l'ingiustificabile, ma che la sinistra sia filo-islamica è un dato di fatto notorio)

Non ho altro da aggiungere, solo che vorrei espellere, il Sig. Fini  "forse" omosessuale, che definisce le donne una razza nemica, in Iran, perchè possa apprezzare personalmente la giustizia iraniana e la  sua  grande Cultura e la Civiltà, pendendo e scalciando  da una gru, mentre i polmoni bruciano e la corda sega la carne delicata del collo, ergo quello che succede agli omosessuali, condannati perchè tali, all'impiccagione.
Che Dio maledica, coloro la cui ideologia, passa sopra la vita e la sofferenza di altri esseri umani!!!
Orpheus

6 settembre 2010

Finasty


un video gustoso dedicato a GianFuffa
Ogni estate ha il suo tormentone, questa estate ci ha portato la Fini-Gaucci Story, un polpettone indigeribile che è riuscito a lievitare fino a diventare un "souflè" sulla stampa progressista e radical-chic.
Si, perchè il Fini e "signora" sono stati addottati a pieno titolo da Travagli e travagliati, nonchè tarantolati viola e rossi di sinistra e dalla loro "carta igienica" dicasi anche giornali.
Ma al di là di queste note di colore, che virano sempre più al rosso, il problema politico è scottante e di grande attualità.
Fini non può più stare nel centro-destra (visto che parla come Bersani, di cui ha anche l'accento), men che meno può fare il Presidente della Camera (visto che fa politica attiva, mentre il "garrulo" Napolitano tace e acconsente), e con il discorso di Mirabello, ha fatto chiaramente intendere, che non ci sono strade aperte, per una possibile ricongiunzione della frattura.
Il suo "patto di legislatura", proposto ieri è la classica polpetta avvelenata, per logorare il governo, per impedirgli di lavorare, per erodere consensi al PdL e organizzarsi, con calma per le prossime elezioni.
E il resto del discorso è ancora più infame ed arrogante, infarcito di retorica e luoghi comuni, pergiunta degno dello "smemorato di Collegno" o di uno che ha una faccia di bronzo da guinness dei primati.
Ma al di là di tutto questo, una cosa balza agli occhi continuerà nella sua opera di Cavallo di Troia, quindi, non c'è nulla da "recuperare".  Solo le urne possono avere la meglio sul piano in atto, di calpestare la volontà popolare, per dare il potere ad un'accozzaglia di burocrati della prima repubblica, uniti solo dall'antiberlusconismo.
Maroni ha detto che il ministro degli interni può organizzare le elezioni in pochi giorni...e vivaddio...si faccia, abbiamo già perso troppo tempo, a causa delle imbelli "colombe". Al voto e sia il Popolo a decidere.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fini discorso mirabello

permalink | inviato da Orpheus il 6/9/2010 alle 22:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

6 settembre 2010

Sakineh e le altre


Tutti conoscono il volto di Sakineh Mohammadi Ashtiani, la donna iraniana condannata alla lapidazione per adulterio. Il mondo si è mobilitato per salvarla da una morte orribile. E nessuno più di me ne è felice, perchè da anni scrivo della sofferenza e della morte di donne, che pagano un prezzo altissimo, la sfortuna di essere nate in paesi dove, non hanno nessun diritto, spesso nemmeno quello supremo della vita.
Ma Sakineh è una delle decine di milioni di donne musulmane ridotte in schiavitù.
Il suo nome è l'ultimo di una lunga lista, di nomi e volti di donne, barbaramente trucidate in nome di Allah e dell'Islam più retrivo e inumano.
C'é quello di
Medine Memi nata in Turchia aveva 16 anni, è morta sepolta viva nel giardino di casa, perché il padre e il nonno SOSPETTAVANO che frequentasse uomini.
Quello di Du’a Khalil Aswad, 17 anni colpevole  di aver “disonorato” la sua religione e la sua famiglia. Aswad  è stata portata nella piazza cittadina, trascinata per i capelli, denudata e lapidata.
Come ho detto la lista è lunga e gronda sangue innocente, qui alcune di queste martiri sconosciute ai più.
La salvezza di Sakineh, pur se pregevole e auspicata con tutto il cuore, non cambierà una virgola della situazione delle donne nei paesi islamici.
E spenti riflettori sulla sua vicenda, tornerà il silenzio e l'omertà verso un credo, che odia le donne, che le vuole schiave e sottomesse, la cui legge sharia è un condensato di orrori, contro il genere umano in generale e contro le donne in particolare.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sakineh diritti umani lapidazione

permalink | inviato da Orpheus il 6/9/2010 alle 17:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

6 settembre 2010

Orpheus riapre i battenti...



Cari amici e lettori affezionati, riprendo a scrivere, per un lungo periodo mi sono allontanata, molti i motivi, vicissitudini familiari e personali e una stanchezza verso la politica. Mi sono sentita come Penelope, a fare e disfare una tela, un lavoro improbo e senza fine, che non mi dava più soddisfazioni.
Ma, non si può vivere, senza ideali, senza combattere le battaglie in cui si crede, il mondo è troppo pieno di gente che preferisce non vedere, preferisce crogiolarsi nel quotidiano, e io non voglio andare a ingrossare tale schiera...
voglio combattere per ciò in cui credo.
un bacio a voi tutti Marilena




permalink | inviato da Orpheus il 6/9/2010 alle 17:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre