.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

26 luglio 2010

Buone Vacanze



Cari amici speravo di riuscire ad aggiornare il blog anche in vacanza...ma la voglia è poca e il tempo ancor di meno.
Vi auguro, quindi, buone vacanze!!!!
Arrivederci a settembre...
Mary




permalink | inviato da Orpheus il 26/7/2010 alle 21:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa

11 luglio 2010

E adesso chi paga...esempio di vero giornalismo senza bavaglio



Adesso, chi paga?
Non la giustizia, dove, anzi, chi sbaglia fa carriera. Non la politica, che tace vigliaccamente, popolata da quelli che tacciono per occultare le proprie colpe e da quelli che non parlano perché non sanno di che parlare. Non un giornalismo riprovevole, che il bavaglio ce l’ha nel cervello e si guarda bene dal dare le notizie.
E la notizia è questa: dopo quattordici anni, dopo essere stato isolato e vilipeso, Carmelo Canale, carabiniere, l’uomo che Paolo Borsellino chiamava “fratello”, è stato assolto in via definitiva: non s’è venduto alla mafia.
Ripeto la domanda: adesso, chi paga? La sorte di Canale fu segnata dalla vicinanza all’uomo cui la procura di Palermo aveva impedito d’indagare sulla mafia, all’uomo che ricevette il permesso di interrogare dei pentiti, dalla viva e diretta voce del procuratore capo, la mattina stessa in cui saltò in aria, assieme alla scorta, a quel Paolo Borsellino che tutti furono pronti a piangere, così come erano stati pronti a fermare, e fu segnata, la sorte di Canale, dal suicidio di suo cognato, il maresciallo Antonio Lombardo, che, nel 1995, si sparò dopo che Leoluca Orlando Cascio lo aveva accusato, ospite di Michele Santoro, in diretta televisiva e senza diritto di replica, d’essere al servizio dei mafiosi.
Canale disse: non è un suicidio. E, dicendolo, si suicidò. Da quel momento il carabiniere che indagava contro la mafia passò ad essere accusato di mafia e, suprema raffinatezza, gli imputarono di avere usato i soldi dei disonorati per curare, prima, e seppellire, poi, la figlia, Antonella. A lei e a Borsellino è andato il pensiero di Canale, oramai definitivamente innocente, in un giorno che lui stesso ha definito di “malinconica felicità”.
Non fermatevi qui, però.
Perché qualcuno deve pagare, e non per la tortura inflitta ad un servitore dello Stato, ma per il depistaggio ai danni dell’Italia.
Canale, difatti, è stato assolto in primo grado, assolto in secondo e, giunti in cassazione, il procuratore generale ha chiesto di respingere il ricorso presentato dalla procura di Palermo. La Corte è andata oltre, considerandolo inammissibile. Somari, nel merito e nella procedura.
Già, ma il pubblico ministero che sostenne l’accusa contro questo carabiniere oggi è assessore regionale. Amministra la cosa pubblica, veste i panni del moralizzatore, elargisce lezioni di correttezza.
Mentre il politico che accusò Lombardo, esponendo la sua famiglia a un pericolo rispetto a quale quell’uomo preferì la morte propria, che accusò Giovanni Falcone di tenere nei cassetti le indagini, anch’egli complice di mafiosi e amici dei mafiosi, ancora calca la scena, esponente del partito giustizialista e manettaro, sempre pronto a dire che l’opera dei magistrati deve avere la precedenza.
Ora la giustizia ha fatto il suo corso, Canale è definitivamente innocente, ma questa gente è passata a parlar d’altro, senza che nessuno li rimproveri, senza che si sbatta loro in faccia quel che hanno combinato.
Un Paese, il nostro, senza anticorpi, senza memoria, quindi senza dignità.
Mi prendo i miei rischi, allora, e mentre i copisti di procura scioperano per non essere imbavagliati (tanto stanno zitti per vocazione), urlo la rabbia di un’Italia che vuole essere diversa.
Badate bene, la cosa riguarda solo marginalmente Carmelo Canale. Carne da cannone, spappolata da uno Stato fellone e ingiusto. Ma la vicenda collettiva è assai più vasta e ci riguarda tutti. Siamo ancora qui a discutere dell’ipotesi che ci sia stata una trattativa fra lo Stato e la mafia, pendiamo dalla bocca di disonorati e figli di disonorati, che rateizzano le “rivelazioni” e risiedono stabilmente sulle prime pagine, ai servitori dello Stato, però, abbiamo messo un sasso in bocca, allo stesso Canale abbiamo impedito di parlare, per quattordici anni, e se anche avesse parlato nessuno lo sarebbe stato ad ascoltare, come non è stata pubblicata la notizia della sua assoluzione, e tutto questo capita perché si fa fede a chi ha lavorato per gli assassini, non a chi ha lavorato per lo Stato e per Borsellino. Vi è chiaro, questo? Che altro dovete leggere e sapere per urlare tutti contro il mare di minchionerie nel quale siamo stati annegati?
Nessuno replicherà, come nessuno ha interesse a sapere che fine fece l’inchiesta mafia appalti, che dopo l’eliminazione di Paolo Borsellino la procura di Palermo provvide a smembrare, sezionare, spappolare e neutralizzare. Nessuno replica perché l’unica cosa che sanno fare è mettere il bavaglio, coprendo le poche voci eterodosse con il silenzio e l’accantonamento.
Queste storie di mafia, e, soprattutto, queste storiacce di falsa antimafia, sono il sigillo di un’Italia deviata. Che, però, state bene attenti, non si nasconde nell’ombra, non trama nel segreto, bensì s’esibisce davanti ai vostri occhi, incucchiaiandovi la bocca con presunte “verità” che, però, sono il contrario delle verità precedenti. La verità al servizio della fazione e del disegno politico, una suggestione orwelliana che, da noi, è divenuta realtà. Fino a sconfinare nel comico, così che chi ci raccontò la credibilità di Scarantino, e su quella basò sentenze definitive relative alla morte di Borsellino, oggi sdottoreggia sulla credibilità di Spatuzza, che dimostra quanto il primo sia un buffone. Ma la coerenza e la serietà non sono specialità praticate da procuratori e giornalisti battaglieri, in eterna guerra contro il diritto e l’onestà.
Nessuno pagherà, allora, per la semplice ragione che abbiamo già pagato tutti. Il prezzo più alto: la rinuncia alla giustizia e la falsificazione della nostra storia. L’assoluzione di Carmelo Canale è solo una piccola consolazione, che a lui è costata una vita.
Davide Giacalone

Qui un altro articolo dell'anno scorso sempre di Davide Giacalone, che a leggerlo, viene solo la voglia di andarsene dall'Italia, perchè un paese in cui succedono fatti così gravi, non è un paese libero, non è un paese democratico, e la corruzione è a livelli tali, che ci sono poche speranze di un cambiamento radicale, tutte concentrate nella mani di un uomo solo: Silvio Berlusconi. Si capisce, inoltre  come e perchè su di lui penda la mannaia di una giustizia, marcia, venduta, putrida; e come il partito di questa giustizia, viva grazie alla dabbenaggine di schiere di allocchi e disinformati: ergo i giornalisti SCENDONO IN PIAZZA CONTRO IL BAVAGLIO, per poter rimestare nel fango delle intercettazioni e POI IL VERO BAVAGLIO SE LO METTONO DA SOLI, senza vergogna, quando si tratta di INFORMARE SERIAMENTE sulla VERA natura di certi personaggi.
Orpheus




permalink | inviato da Orpheus il 11/7/2010 alle 19:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

9 luglio 2010

Gli "eroi" tarrocchi della sinistra


“Non mi ha ucciso il terremoto, figuriamoci se lo farà qualche manganellata. Ho voluto prima lasciare le impronte del mio sangue su un muro per testimoniare il sangue degli aquilani in questa manifestazione”

Ma non è finita:


Vivo in un camper, ma non me ne importa. Sono qui per la gente che ha più bisogno di me. Non ho precedenti penali di nessun tipo.

Peccato che l'eroe, il pacifico cittadino aquilano, in questione si chiami Benedetti Vincenzo, di Bari, solo temporaneamente “aquilano” e sia reperibile presso il casello giudiziario per reati che spaziano dalla truffa alle violenze, dai danneggiamenti allo spaccio di stupefacenti. Come ci educe la Stampa quotidiano non propriamente filo-governativo. Il giovane Benedetti “non è aquilano, fa il piazzaiolo”. All’Aquila stava da sette mesi in affitto e quindi non ha perso la sua casa. Vive in un camper.

Nonchè attivista no-global, uno di quei "bravi ragazzi" di sinistra, che hanno fatto del teppismo, della delinquenza, la loro ragione di vita.

"Si possono criticare molte decisioni della politica, ma chi sputa sentenze sulla gestione del post terremoto da parte del governo e di Berlusconi in prima persona, mente spudoratamente sapendo di mentire. Chi è rimasto ieri in Abruzzo, ovvero la stragrande maggioranza dei cittadini, è riconoscente verso Berlusconi, Bertolaso, il governo. E sa benissimo che la ricostruzione del centro storico dell’Aquila è bloccata dal Comune di Cialente. I restauri sono fermi da mesi perché il sindaco del Pd non ha ancora firmato i piani.
A rendere quasi ridicola la sceneggiata di ieri c’è poi la decisione presa dal governo di spalmare i debiti fiscali pregressi non più in cinque anni ma in dieci.
"

La verità è una sola, che le truppe cammellate, le provano tutte per oscurare il grande successo, anche  a livello mondiale, ottenuto da questo Governo, con la gestione del post-terremoto: fango su Bertolaso a badilate, procure che incolpano il Governo di NON AVER PREVISTO il terremoto, Sindaci che boicottano la loro stessa gente, per gettare discredito, e infine questa penosa sceneggiata.

Gli sciacalli hanno pià dignità di questa marmaglia, in servizio permanente attivo, che è la sinistra italiana.

Fonte

Orpheus




permalink | inviato da Orpheus il 9/7/2010 alle 18:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

6 luglio 2010

La vera censura della sinistra, quella che tappa la bocca alle voci libere


In questo paese  dove la parola "bavaglio" è seconda solo alla parola "mamma", è veramente singolare che quando un vero bavaglio sta per tacitare una delle già scarse voci libere del centro destra, nessuno dei paladini anti-bavaglio mostri il benchè minimo interesse.

Parlo di ciò che sta accadento a Legnostorto, che rischia di dover chiudere a causa delle querele provenienti dalla magistratura e naturalmente dalla sinistra, così "democratica" quando le critiche NON la toccano da vicino.
Negli ultimi tempi, infatti, ben due magistrati,  il dr. Luigi Palamara e il dr. Pier Camillo Davigo, hanno querelato Legnostorto.
Per l'esattezza la Procura di Roma ha comunicato (attraverso il quotidiano la Repubblica, divenuto ormai il "postino" e il "megafono" delle procure) che ha aperto un fascicolo per le ipotetiche
minacce formulate in questo articolo. Sono in corso indagini con tanto di "interrogatorio"  della Digos di Milano che, al momento, non si sa  come e quando finiranno: ma è facile immaginare il peggio...
Giorni fa Legnostorto ha anche  ricevuto una citazione dal dr. Davigo che chiede 100.000 € per risarcimento danni da diffamazione a mezzo stampa per
quest'altro articolo , pubblicato il 21 giugno 2009. Ciliegina sulla torta a compimento della manovra per far fuori Legnostorto due mesi fa c'è stata un'altra querela da parte del sindaco di Montalto di Castro – Salvatore Carai del Partito Democratico – che si è sentito diffamato da questo articolo che abbiamo pubblicato su il 27 ottobre 2009.
I primi due articoli rientrano tranquillamente nel diritto di critica ( e nemmeno aspra), il terzo poi, mette in luce un caso di malagiustizia che ha "punito" la vittima, una ragazzina di 15 anni e lasciati liberi i suoi stupratori.
Va da sè che se
Legnostorto fosse di sinistra, a questo punto, davanti ad un episodio analogo, sarebbe già partita una crociata in sua difesa, a sostegno della libertà di stampa e di opinione. L'Ordine dei Giornalisti farebbe fuoco e fiamme, il Sindacato minaccerebbe sfracelli. I paladini antibavaglio si strapperebbero le vesti fino alle mutande.
Evidentemente per loro la libertà d'informazione equivale solo allo sputtanamento pubblico di gente che spesso non è nemmeno indagata. Equivale alla diffusione di dettagli degni di un postribolo e alla glorificazione di prostitute, che ne sono in possesso. Equivale solo a rimestare nel fango puzzolente del più triviale gossip.
Solo per questo si muovono i paladini della libertà d'informazione, forse perchè la loro moralità ed onestà è a quello stesso livello.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. legnostorto censura

permalink | inviato da Orpheus il 6/7/2010 alle 12:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa

1 luglio 2010

Demenza catto-comunista: San Giorgio con la Kefiah


E’ ancora caldo il corpo del povero mons. Padovese trucidato a coltellate e quasi decapitato in Turchia,  con tanto di ritornello in onore di Allah “Ho ammazzato il grande satana! Allah Akbar!” e che ti escogitano i catto-comunisti toscani?
Un bel palio a Siena sotto l’insegna dell’Islam. San Giorgio con tanto di Kefiah e versetti dedicati ad Allah, mi sembra giusto!!!
Complimenti...applausi a scena aperta per il sindaco di Siena che ha concepito  questa iniziativa oltraggiosa per tutti i cristiani e i cattolici, perseguitati e massacrati nel mondo islamico.
Dove appunto nessuno parla di “abbraccio tra Dio e Allah” , ma di “cani infedeli” o “proselitismo” o “apostasia”...tutti epiteti che portano ad “abbracci mortali” nei quali i cristiani, in genere “perdono la testa” letteralmente.
Non si tratta di scatenare una guerra di religione, ma tutta questa piaggeria nei confronti dell’islam, da parte della sinistra, è non solo ignobile, ma anche ottusa e pericolosa.
Posso capire che nel Dna dei rossi ci sia la lotta alla Chiesa cattolica in favore di uno stato laico, ma proprio mi riesce difficile da digerire, questa “conversione” in stile mangia-preti e leccaculi-imam, ad una religione assolutista, liberticida e che calpesta i diritti umani. E' una vergogna.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra islam

permalink | inviato da Orpheus il 1/7/2010 alle 13:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (38) | Versione per la stampa

1 luglio 2010

L'assoluzione di Tartaglia é una disfatta per la sinistra


Premetto che se da un punto di vista giuridico, la sentenza di assoluzione di Tartaglia dall'aver provocato lesioni personali al Premier, è ineccepibile, da punto di vista socio-politico è una disfatta su tutti i fronti.
In primis lo è per la sinistra, che colpevole di demonizzare l'avversario politico, fino all'estreme conseguenze viste, trova sempre una sponda nei magistrati, che “giustificano” qualsiasi azione, anche la più violenta. Ergo Berlusconi, non dice frottole, e non è malato di vittimismo, quando fa certe sparate sulla magistratura. Un risultato politico decisamente penalizzante per la sinistra. E non certo glorificante per la già mal vista giustizia italiana.
Questo arriva alla "massa", non certo addentro, agli escamotage legali, che permettono queste “ingiustizie”, cioè ai colpevoli di farla totalmente franca, con la momentanea "incapacità d'intendere e di volere". Come se si potesse “momentaneamente” essere pazzi, ferire gravemente una persona e poi tornare tranquillamente alla normalità, metter su famiglia e frequentare il bar sotto casa, senza provocare un'istintiva diffidenza.
E così anche Tartaglia rimarrà bollato per tutta la vita, come persona, quanto meno gravemente instabile e pericolosa (avendo ferito Berlusconi, e non il vicino di casa). Ergo chi lo frequenterà avrà sempre il volto sanguinante del Premier davanti agli occhi e il fatto che Tartaglia era "fuori di testa", quando ha commesso il reato.
Infine, offrirà ai violenti della sinistra, che sono tanti e motivati da anni di feroci campagne d’odio, la certezza di farla franca, nel caso volessero passare dagli insulti alle vie di fatto,  quindi, Berlusconi, è ancor più in pericolo di prima. Non potrà scendere fra la sua gente, perchè parte dell’elettorato della sinistra, lo IMPEDISCE e chi, come me sta dalla parte opposta (ma anche gli indecisi e i moderati), vive e vivrà questa situazione come un ignobile sopruso, un attacco alla democrazia. Tutta acqua al mulino del PdL.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Assoluzione Tartaglia

permalink | inviato da Orpheus il 1/7/2010 alle 11:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa
sfoglia
giugno        agosto