.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

31 marzo 2010

Nichi "prodigio"Vendola si compra la governabilità...


Due notiziole su Niki “Prodigio” Vendola, il nuovo Eroe della sinistra, che non avranno mai ribalta, perché si sa, con il regime mediatico del Cav. queste notizie vengono oscurate, per non nuocere gli avversari (non si spara sulla Croce rossa).

Al novello governatore della Puglia, insieme alla nomina, è arrivata MOLTO opportunamente anche una richiesta di archiviazione dell'indagine della Procura di Bari che lo vedeva coinvolto. L'inchiesta riguarda un presunto sistema di potere che avrebbe imposto ai direttori generali le nomine di direttori amministrativi e sanitari e di primari in alcune Asl pugliesi. Nell'indagine Vendola era indagato per numerosi episodi di concussione che la pubblica accusa ha ritenuto non penalmente rilevanti. C’erano delle “belle” intercettazioni che lo inchiodavano, ma si sa…deve avere santi in Paradiso. E poi le intercettazioni si usano a secondo dell’intercettato, non a secondo del reato, “sa va sans dire” e lui poteva non sapere cosa faceva la sua giunta al gran completo (visto che l'ha azzerata).

Ecco come la sinistra si mantiene la sua “superiorità morale”,  con delle richieste di archiviazione ad hoc, tanto poi, sanno come ricompensare, il santo in Paradiso…con una bella poltrona in terra.

Seconda notiziola, è in arrivo per i pugliesi un camion carico di…tasse.

Infatti Niki “Prodigio” Vendola grazie alla sua esorbitante e sfolgorante vittoria per poter governare ha bisogno di un surplus di consiglieri, per la precisione otto, non previsti dallo statuto.

Questa pletora di consiglieri comporterà dei costi esorbitanti. Basta calcolare il solo stipendio: si parla di una cifra che si aggira intorno ai 150.000 euro all'anno per ogni consigliere. Praticamente 1milione 200mila euro.
Altri parlano di una spesa complessiva aggiuntiva che si aggirerebbe intorno ai due milioni e mezzo di euro. E chi paga, sono ovviamente i contribuenti.

Auguri amici pugliesi…buon Vendola vi faccia!

Orpheus

Ps, Questo è uno dei possibili candidati nel 2013....andiamo bene!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sprechi archiviazione vendola

permalink | inviato da Orpheus il 31/3/2010 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

30 marzo 2010

Bersani e la sinistra si SVEGLINO...


E' sconcertante vedere dopo l'ennesima batosta elettorale della sinistra, la cecità della sua classe politica, sono passati dal "ma anche" veltroniano al "ma neanche" bersaniano, non hanno vinto, ma neanche perso. Strano... mi sembrava che altre quattro regioni fossero passate al centrodestra, ma forse questa per Bersani é una vittoria per il Pd.
In tutta questa la sceneggiata da far scendere il latte alle ginocchia, la più bella sortita é stata quella di Nichi "prodigio"Vendola, tutto tronfio e contento per aver vinto grazie al "buon governo". Quale quello della sua giunta azzerata per corruzione? Con lui indagato per concussione? Una vittoria con il 46%, in una regione dove il PDL è il maggior partito e solo lo sgambetto dell'UdC gli ha permesso di vincere?
Certo in un paese di ciechi, uno con un sol occhio è un re!
Il programma prossimo venturo, di Nichi e compagni? Un bel caravanserraglio da Sinistra e Libertà, all'UdC, IdV ecc...magari imbarcando anche l'ultimo arrivato Grillo!

Ma non creda il centro destra, di potersi sedere sugli allori e le disgrazie della sinistra. Vero che il FMI ha promosso la politica tremontiana, come "giusta risposta all crisi, ma al Paese servono urgentemente riforme, in primis quella della Giustizia, e al PdL serve CHIAREZZA sul ruolo di Fini.
O dentro o fuori (meglio fuori, per ciò che mi concerne).
Se Berlusconi non affronterà questi due nodi, a fine mandato potrebbe pagarne lo scotto.
Vogliamo ridare il Paese in mano ad un caravaserraglio che va dall'Udc (se accetta) a Grillo? A me vengono i brividi.
Orpheus





permalink | inviato da Orpheus il 30/3/2010 alle 19:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (24) | Versione per la stampa

30 marzo 2010

Il Fuksas furioso: insulti a Bertolaso e ceffoni ad signore con il figlio in braccio


La malattia della sinistra radical-chic é l'arroganza, ce l'ha nel Dna, si sente moralmente e intellettualmente superiore, ed  invece è volgare, violenta e indecente.  E' la sinistra dei Luttazzi, Santoro, Travaglio, Vauro, e Fuksas é il degno rappresentante di questa accozzaglia di "personaggi tristi" intrisi di un razzismo e di un odio verso gli altri, che fa accapponare la pelle.
Questo é quanto accaduto.
Fuksas si trovava in un noto ristorante romano, è entrato Guido Bertolaso, (e sta' caccola umana) ha inveito contro il capo della Protezione Civile,  ad alta voce e in modo volgare: "Dove deve sedere quel ladro, pezzo di m*****a".... a questo punto un cliente con il figlio in braccio,ha chiesto PER CORTESIA a Fuksas di moderare i temini in presenza di bambini. Da qui é partita la rissa, Fuksas, l'eccelso, ha dato un ceffone al signore di cui sopra ed ha tirato una formaggera, condendo il tutto con insulti anche ai camerieri. E' intervenuta la polizia, che ha messo tutto a verbale. Il locale si é svuotato.
Naturalmente l'eccelso si è guardato bene dallo scusarsi.
In tutto questo Bertolaso non solo non ha risposto agli insulti e le parolacce di Fuksas, ma si é scusato per quello che era successo. La differenza fra un cafone rifatto, nonchè pallone gonfiato e una persona intelligente, capace, educata e rispettosa di chi lavora, mi sembra evidente per chiunque.
Che devo dire se questa e la "mejo" italia, sono felice ed orgogliosa di appartenere all'Italia di Bertolaso e di Berlusconi.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra radical-chic

permalink | inviato da Orpheus il 30/3/2010 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

29 marzo 2010

Che legnata...



Ancora una volta la "gioiosa macchina da guera" ha prodotto "picche", non sono bastate le "spintarelle" di certa magistratura, la relativa gran cassa mediatica nazionale, che ha dipinto il PdL come una manica di sprovveduti prima, e di disonesti dopo. Non sono bastati Santoro, Travaglio, Vauro, Benigni e tutto l'allegro caravanserraglio antiberlusconiano,  che infischiandosene delle regole e della legge (voluta dalla sinistra) ha messo in onda, a due giorni dalle elezioni, uno spettacolo osceno e per i contenuti e per la faziosità.
Una caccia allo "stregone", degna di Torquemada, che ha visto sulla graticola mediatica, il solito Berlusconi, senza contraddittorio, perchè la loro democrazia contempla che possono insultare, calunniare, denigrare nel più atroce dei modi, senza che ci possa DIFENDERE.
Non sono bastati i proclami di Bersani, gli insulti giornalieri di Di Pietro, le manifestazioni varie e assortite, il popolo viola, quello delle carriole, quello dell'acqua. Le prese in giro.
Il centro-destra ancora una volta vince.
Non solo ci teniamo le nostre regioni con percentuali bulgare in Veneto e in Lombardia.
Ma ci prendiamo Calabria e Campania. Testa a testa in Lazio e Piemonte (Cota é in vantaggio).
Naturalmente per la sinistra stanno vincendo loro: gli auguro di cuore di continuare a "vincere" così.
La Lega va avanti, e spero che Fini e la nuova destra radical-chic, si chieda perchè.
Orpheus
Update
Due vittorie fulminanti:
Il Lazio alla Polverini malgrado non avesse una lista. Dove ha vinto la democrazia.
Chapeau! E sono felice per gli abitanti del Lazio.
L'Aquila la città simbolo della efficienza di questo Governo boccia la sinistra, e premia il centro destra e questa la dice lunga, su come il governo abbia gestito l'emergenza terremoto.
Il Pd? Adesso c'è anche Grillo a portargli via voti. Ma chi semina vento raccoglie tempesta...



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezioni

permalink | inviato da Orpheus il 29/3/2010 alle 19:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa

29 marzo 2010

Toh...un'altra foto compromettente di Tonino


Visto che non ne parla nessuno, come se essere fotografati accanto ad un boss della n'drangheta fosse una quisquillia (in un Paese dove avere avuto 30 anni fa un giardiniere mafioso, è prova di colpevolezza), ne parlo io.
Ecco ancora una volta beccato Di Pietro in dubbia compagnia, in una foto dell’estate del 2005 (e non del 1975) fuori da un ristorante. Accanto a Di Pietro c’è Vincenzo Rispoli, il boss della ‘ndrangheta di Legnano, alle porte di Milano. Rispoli è nipote di Giuseppe Farao, capobastone dell’organizzazione ed è stato arrestato perchè accusato di essere a capo di una fortissima cosca nella zona di Legnano. Nella foto il mafioso abbraccia Di Pietro mostrando che il rapporto non è di semplice conoscenza. Compare anche (è il secondo da sinistra) un muratore che pochi mesi dopo sarebbe stato freddato in un regolamento di conti
.
Non solo! Un boss della n'drangheta sostiene una candidata di Di Pietro in Liguria. Le immagini della festa elettorale finiscono su Internet.
Questo è il partito della legalità....
L'unico commento che si può fare: "ma se ad avere legami con la n'drangheta fossero politici del PdL, che "canaio" si scatenerebbe?"
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. IdV

permalink | inviato da Orpheus il 29/3/2010 alle 19:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

28 marzo 2010

PERCHE' BISOGNA ANDARE A VOTARE...


Le ragioni sono tante,  ma due meritano la massima attenzione.

La prima é che la sinistra italiana è fucina e fomentatrice di terroristi. Gli ultimi due gravissimi fatti ne sono l'ennesima prova.
Una lettera esplosiva inviata alla sede milanese della Lega Nord, in via Bellerio, è stata trovata in ufficio postale, dov'è esplosa ferendo un impiegato, se fosse stata più potente, avremmo l'ennesima vittima del terrorismo rosso, per giunta un povero lavoratore (che sarebbe morto in nome della "lotta" contro i centri di espulsione e ditemi se non è una FOLLIA questa)
Nello stesso giorno è stata trovata una busta, contenente un bossolo e delle minacce, indirizzata a villa San Martino, residenza del premier ad Arcore, accompagnata dalla frase "FARAI LA FINE DEL TOPO" (venerdì idem).
Non  esistono e non sono mai esisti terroristi "blu" o "verdi", riconducibili a FI o alla Lega. Prodi e soci non hanno MAI ricevuto minacce, proiettili o statuette in faccia. E questa la dice lunga in che parte politica militino i VIOLENTI e gli intolleranti. Coloro che odiano la libertà altrui e la democrazia.

Non basta dissociarsi e condannare a parole, quando nei fatti si FOMENTA tali comportamenti, con campagne d'odio, disprezzo e criminalizzazione dell'avversario politico, che vanno avanti da 15 anni.Questo fa la sinistra, e bisogna azzerare tutta la loro nomenklatura, per sperare di avere in futuro una classe politica che basi il suo consenso e la sua coesione, non sull'odio per Berlusconi, ma sui programmi. le idee e la comunità d'intenti. Altrimenti si avrà un "caravanserraglio" impossibilitato a governare e quindi a produrre "risultati" che inducano gli elettori a votarla.
Via i sepolcri imbiancati come Bersani, ex-comunista che ha solo cambiato casacca, ma la mentalità è quella del PCI, illiberale, antidemocratica e mistificatrice.  Via gli urlatori di piazza, quelli che insultano Berlusconi due volte al giorno e seminano odio, perchè altro non hanno da proporre.
Cacciare Berlusconi e poi? Che fanno? Nuovamente l'ammucchiata dell'ultimo Governo Prodi?
Questa è il loro PROGRAMMA?
Una nuova sinistra la si potrà avere, quando questa vecchia sarà totalmente demolita e saranno mandati all'ammasso i lestofanti che armano la mano, di facinorosi e psicolabili, salvo, poi scrollarsene di dosso la RESPONSABILITA'.
Basta mistificazioni, la lettera esplosiva era per "lottare" contro quelle, che la sinistra cialtrona ha definito "leggi razziali", paragonando Berlusconi a Hitler!
Basta insulti.
Basta odio.
La seconda ragione è semplicissima, la sinistra vuole rifarsi l'orticello elettorale, perchè non raccoglie voti a sufficienza con la politica dell'odio, quindi li cerca negli immigrati. Ergo é disposta a svendere la nostra cultura e il nostro territorio, poi condisce il tutto con la melassa del buonismo, e il piatto avvelenato, per noi italiani è pronto.
Se noi non andremo a votare, permettendo a questa sinistra di sopravvivere, torneremo agli anni di piombo. E che Dio ci aiuti.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezioni

permalink | inviato da Orpheus il 28/3/2010 alle 12:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

26 marzo 2010

Se ti chiami Di Pietro puoi andare a cena con boss e terroristi e tutto è normale...


Ci sono le cene di compleanno e le cene con boss e terroristi.
Partecipare alle prime se ci si chiama Silvio Berlusconi, diventa un’onta nazionale, con questionari che campeggiamo in più lingue su quotidiani che guarda caso, non reputano nemmeno opportuno, pubblicare un trafiletto sulle seconde, forse perchè ci si chiama Antonio Di Pietro.
Con chi vai a cena stasera? Ma sì con Ilia Pavlov, ben conosciuto da Fbi e Cia, tanto che in un dossier riservato dell’ambasciata americana a Sofia, datato 1998, si parlava apertamente “di sospetti di riciclaggio, furti e omicidi commessi nell'ambito di società riconducibili a Pavlov”. In questo caso il Paladino del Parlamento pulito, il giustizialista integerrimo, deve aver adottato la “presunzione d’innocenza”.
Peccato che Pavlov dopo sette mesi sia stato seccato da un cecchino da 70 metri con un colpo dritto al cuore. Un esecuzione malavitosa in piena regola.
Certo per la gran cassa di sinistra, Ilia non ha l’appeal di Noemi, ma sicuramente, un armadio pieno di scheletri e non solo in senso figurato, si.
Facciamo tutti insieme un piccolo sforzo d’immaginazione, Silvio a cena con Pavlov...se per una Noemi, abbiamo avuto migliaia di articoli grondanti fiera indignazione, decine di trasmissioni, appelli, cosa succederebbe in questo caso?

All’allegro convivio non c’era solo il boss russo, vi ha partecipato anche Ahmed Dogan, dal “fiero” passato di terrorista. Nel 1986 è stato infatti arrestato perché considerato responsabile di parecchi attentati, tra cui il più grave è quello del 9 Marzo del 1985, alla stazione di Bunovo, non lontano da Sofia, in cui morirono sette persone, tra cui due bambini. Dogan rimase in carcere solo sei mesi e due settimane, nonostante una condanna a dieci anni, perché nel 1989, con la caduta del comunismo in Bulgaria, gli concessero l’amnistia.
Uno che ha ucciso sette persone fra cui due bambini, bella personcina, con cui bere il caffè e l’ammazza caffè!
Rifacciamo lo stesso sforzo d’immaginazione di prima...
Ma non è ancora finita c’era anche un tal Ivan Slavkov, assistente di Dogan che il 17 ottobre del 2008 Slavkov è stato arrestato per sfruttamento della prostituzione, riciclaggio e traffico di droga ed è tutt’ora in carcere, visto che i magistrati lo considerano il capo di un’organizzazione criminale di un’ottantina di persone.
Ma che bella compagnia Antonio “mani pulite” Di Pietro e lui come la spiega?
Semplicemente non risponde. Contattato più e più volte ha sbattuto la porta in faccia ai giornalisti di Panorama, rifiutandosi di spiegare quelle sue particolari frequentazioni con Pavlov ha fatto però sapere, guarda che novità, che “probabilmente" ricorrerà alle vie legali. E per che cosa per aver pubblicato una foto? Meno male che é anche il paladino della libera informazione!
Adesso vige il  “silenzio stampa”, Repubblica non ne parla (da queste parti frequentano solo il gabinetto e la camera da letto di Berlusconi), Idem la Stampa ecc. il Corsera mette un articoletto infondo come se fosse normale andare a cena con boss, criminali e terroristi. E’ già calato l’oblio mediatico sulla cena di Di Pietro perchè
si sa l’informazione è in mano a Berlusconi e quindi lui vuole “aiutare” il suo più acerrimo detrattore. Uno che lo offende ogni volta che pronuncia una frase (anche se a dire il vero offende di più la lingua italiana).
Io non ho un questionario per Di Pietro, ma una sola domanda che c’azzecca lui con l’allegra combriccola della foto? Almeno per una volta potrebbe rispondere...
Orpheus





permalink | inviato da Orpheus il 26/3/2010 alle 16:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

25 marzo 2010

Quando si tratta di tagliare le spese la sinistra si batte fieramente...per mantenere i privilegi!


Ieri il Senato ha convertito, definitivamente in legge il decreto sugli enti locali.  Che contiene fra l'altro la soppressione dell'ATO (autorità di ambito territoriale), un robusto taglio delle poltrone di assessori comunali, un tetto agli stipendi, e fondi per l'Aquila e i piccoli comuni. Pd e IdV hanno votato compatti contro. Naturalmente nemmeno per un taglio agli sprechi  della "casta" e per i fondi a favore dei terremotati dell'Aquila, hanno rinunciato all'opposizione pregiudiziale, che ormai ha trasformato questo paese in un campo di battaglia.
Ma non basta Idv e Pd hanno anche brandito la Costituzione a mo' di clava e al grido ormai monotono:"E' anticostituzionale...è anticostituzionale" si sono scagliati contro l'art.3 che mette un tetto agli stipendi,  perchè alle regioni sia lasciata carta bianca  sull’entità degli stipendi. Mica fessi...eh...
Clamoroso fra i tanti un emendamento dell’Italia dei valori, primo firmatario Pancho Pardi (ma ci sono Felice Belisario e Stefano Pedica) che getta nel cestino anni di prediche inutili sui costi della politica e la necessità di tirare la cinghia. I valorosi dipietristi (emendamento 4.53) chiedono infatti di restituire ad amministratori e consiglieri di enti locali dalle mani bucate quel taglio del 30% dei loro stipendi che nel 2009 aveva loro comminato Giulio Tremonti come punizione per non avere rispettato l’equilibrio dei conti previsto dal patto di stabilità.


Insomma un  partito di "piazza e di governo", nel senso che in piazza dice una cosa...e al parlamento ne fa un'altra.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra governo sprechi tagli

permalink | inviato da Orpheus il 25/3/2010 alle 19:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

24 marzo 2010

Fini va una parte...Pdl e Lega dall'altra...


Se ne stesse un po’ zitto, visto che é così ligio al ruolo istituzionale,  farebbe un gran favore a tutti, ma anche a pochi giorni dall’elezioni, Gianfuffa dà aria alle tonsille e voti alla Lega: “Cittadinanza veloce per i figli degli immigrati” si sa i “figli so’ piezzi i’core”, peccato che con l’attuale legge, un minore che diventa cittadino italiano ha il diritto a ricongiungersi con la sua famiglia, cioè padre, madre, fratelli anche minorenni che possono raggiungerlo in Italia. Da una stima  elaborata dal Viminale, si calcola che nel nostro paese potrebbero arrivare in un lasso di tempo abbastanza ristretto un milione e mezzo di persone in più. Mica bruscolini!

A questo punto s’impone qualche seria riflessione.
Fini dice che se non fosse per le coppie di immigrati, il tasso di natalità dell’Italia sarebbe “da allarme rosso”. E quindi, invece di aiutare le famiglie italiane (Francia docet), attuando politiche di sostegno come il quoziente familiare e altre misure ad hoc sulle quali il governo sta lavorando, propone di riempirci di immigrati, che come si può facilmente immaginare, con la crisi che ancora “morde”, finirebbero per gravare sul Welfare, costando una montagna di quattrini.
Inoltre Fini considera la concessione della cittadinanza una specie di “carota” per invogliare l’immigrato a sentirsi italiano, anche se non ne comprendo l’utilità visto che sempre, secondo il suo illuminato pensiero “il concetto di patria oggi va pensato in una logica multiculturale e multietnica”. La società multietnica è di tutti e di nessuno, non c’è bisogno di amare l’Italia e sentirsi italiano.
La posizione di Fini è inconciliabile con quella della Lega, ma anche con quella del PdL, come spiega Isabella Bertolini, in questa intervista “La cittadinanza non è un fatto automatico, ma un atto di volontà e, soprattutto, arriva al termine di un percorso di integrazione che va verificato. Non può essere il punto di partenza come invece sostengono Fini e la sinistra. Per questo, abbiamo deciso di non ridurre il numero degli anni previsti dall’attuale legge per ottenere lo status, cioè dieci, ma di renderli certi”. Stante il fatto che Fini è l’unico nel centro destra a volere la cittadinanza breve, o si rassegna e accetta, le decisioni della maggioranza, o, e farebbe un favore, a tutti quanti, si toglie dai piedi. Ma che almeno per qualche giorno taccia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Fini cittadinanza PdL Lega

permalink | inviato da Orpheus il 24/3/2010 alle 19:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa

23 marzo 2010

Un esempio delle chiacchiere della sinistra e del fare del Governo Berlusconi


Mentre la sinistra più"scioc" che chic lancia appelli  "all'Osce, all'Onu e alla Comunità europea perchè mandino osservatori della legalità nei territori più difficili, durante le fasi ultime della campagna elettorale per garantire la regolarità di tutte le fasi del voto", mobilitando il web affinchè alle prossime elezioni siano tutti osservatori. Il Governo ha concluso ed approvato un piano anti-corruzione, con inasprimento delle pene e una serie di norme, elaborate dai ministri Brunetta, Calderoli e Maroni, che mirano a prevenire i fenomeni corruttivi. Il disegno di legge consta di tre capitoli:
1-piano nazionale anticorruzione e trasparenza per ridurre i rischi anticorruzione nella pubblica amministrazione
2-disciplina enti locali in cui vengono rafforzati i controlli e dettati i criteri di eleggibilità nelle cariche elettive
3-norme sanzionatorie
Qui si può leggere nel dettaglio.

C'è poco da chiamare l'Onu se nelle Giunte comunali ci finiscono esponenti della criminalità organizzata, grazie alle clientele e al voto di scambio. Come pensa Saviano che "la società civile, cioè quattro sprovveduti infiammati dal sacro fuoco dell'elezioni pulite, possano "impedire distorsioni o condizionamenti" in zone dove se dici una parola di troppo, ti becchi na' pistolettata in fronte?
Ecco, questo un caso lampante della differenza fra chi chiacchiera e rimpie i giornali di iniziative al limite del ridicolo, che producono zero risultato, e chi LAVORA sodo, e viene IGNORATO dagli stessi giornali, che battono la gran cassa al Saviano di turno.
E ben inteso, fin'ora di Saviano, avevo un buon concetto, visto è stato che fra i pochi che ha denunciato le pesanti collusioni fra camorra e sinistra in Campania e N'drangheta in Calabria.
Infine mi piacerebbe chiedere a Saviano se nei "condizionamenti" si possono annoverare le "prebende" che Bresso (Piemonte) Bassolino (Campania) e Burlando (Liguria) stanno distribuendo a piene mani in cambio di voti.
Come sempre la sinistra la sinistra ha il primo posto assoluto nel più basso doppiopesismo.

Orpheus

21 marzo 2010

Mostri


Di solito non tratto mai notizie di cronaca, ma quello che è successo al piccolo Alessandro, mi ha "straziato".
Continuo a guardare il suo piccolo naso perfetto, il ciuffo di fini capelli castani, i suoi occhi innocenti pieni di fiducia, d'amore. Chi stava guardando in quel momento?
Sua "madre"? Colei che le ha dato la vita e gliel'ha tolta con una crudeltà che non si può nemmeno definire animalesca, perchè le bestie non sono così feroci.
Alessandro aveva otto mesi, piangeva...piangeva...piangeva, da lunedì nessuno gli aveva dato da mangiare, "madre" e compagno inebetiti dalla droga, che li ha resi insofferenti al pianto del piccolo, e questi due mostri hanno cominciato a seviziarlo.
Si, seviziare un bambino indifeso di otto mesi. MOSTRI.
Il suo povero corpicino presentava "bruciature da sigaretta alle orecchie e alla cresta iliaca sinistra, ecchimosi sul collo per i pizzicotti ricevuti, sono stati trovati anche lividi sull'addome e su una coscia compatibili con lesioni da afferramento, e poi ancora ecchimosi su un piede dovute ad uno o più morsi. Infine, dopo avere inflitto simili torture ad un bambino di otto mesi,  gli hanno sfondato il cranio sbattendogli la testa  "almeno due volte, con grande violenza" contro una superficie dura.
A quel punto Alessandro è entrato in agonia ed è morto.  Io spero e prego che ci sia, davvero un posto speciale dove questi angioletti volino dopo aver sofferto tanto sulla terra. Non posso e non voglio credere, che per loro non ci sia stato altro, che la vita, in compagnia di questi mostri.

E adesso voglio aprire una riflessione su questa società che trova scusanti ed attenuanti a questi mostri. Una donna che uccide il proprio figlio, non finisce nemmeno in prigione. La mandano in una comunità di recupero. Non paga nulla e lo sterminio di bambini come Alessandro, non ha mai fine.
Io, non solo, non le manderei in nessuna comunità, ma gli darei una pena esemplare, in considerazione della ferocia con cui ha infierito contro il proprio bambino. Noi non abbiamo la pena di morte, un vero peccato in questi casi, ma l'ergastolo si.
Una seconda considerazione, la droga. Non é vero che chi si droga fa male solo a se stesso. Le cronache raccontano di orribili sevizie contro innocenti, sotto effetto della droga. Raccontano di gente che si mette al volante e ammazza il solito malcapitato di turno. Raccontano di stupri e abusi di ogni tipo.
La droga é un pericolo per tutti, anche per chi non si droga. La nostra società ha raggiunto livelli di crudeltà inimmaginabili, perchè la droga ha preso sempre più piede. Ormai è a disposizione di tutti e in qualsiasi momento della giornata.
La società ha il DOVERE di difendere il diritto alla vita e non quello a "drogarsi", la droga deve essere combattuta con fermezza e pene severissime. Senza sconti e a partire da quella leggera.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. infanticidio droga

permalink | inviato da Orpheus il 21/3/2010 alle 21:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

21 marzo 2010

Che noia...che barba...che noia la sinistra che rosica


Ieri non sono potuta andare a Roma, ma é stata una bella manifestazione, con tanta gente tutta raccolta attorno al proprio leader indiscusso. Si, perchè noi un leader ce l'abbiamo e crediamo in lui.
Berlusconi ha parlato di tante cose, alcune scontate come quelle sull'opposizione e sulla magistratura, ma purtroppo sempre attuali visto la "fuffa" di Trani e l'imbroglio delle liste nel Lazio,  ma più che altro ha presentato i candidati alle prossime elezioni. Un manifestazione tranquilla.
A fare caciara come la solito la sinistra, per cui quando noi scendiamo in piazza è sempre un attentato alla costituzione e alla democrazia, solo loro possono farlo e possono insultare il Presidente Napolitano e il  Premier, a ruota libera.
Come al solito si sono esibiti in insulti, frasi di scherno e menzogne vere e proprie (infatti è circolata la voce che il PdL avrebbe dato 100 euro ai partecipanti), uno spettacolo deprimente, ma più che altro noioso. Come noiosa è la querelle dei numeri: anche se si accettano  quelli della questura, e cioè 150.000 presenze per un solo partito il PdL (mancava la Lega), sono sempre sei volte superiori rispetto a quelle del Caravanserraglio sinistro di sabato scorso, 25.000 (o 20.000) ma resuscitando anche i cadaveri dei cespuglietti rossi, in previsione della prossima grande ammucchiata, di prodiana memoria.
In ultima analisi, sono le urne che decretano il successo di un parte politica e fin'ora il centro-destra ha vinto alla grande.
Tutto il resto serve all'opposizione per stare unita e ai giornalisti per guadagnarsi lo stipendio, ma annoia a morte gli elettori.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. manifestzione PdL asininistra

permalink | inviato da Orpheus il 21/3/2010 alle 19:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (19) | Versione per la stampa

19 marzo 2010

Il Pd sbaglia a non indignarsi per l'arresto di Frisullo


Confesso che l’arresto di Sandro Frisullo, mi lascia interdetta, perché anche in questo caso se ne ravvede, la matrice politica. Infatti è finito in carcere perché è stato applicato il regime di custodia cautelare, che si autorizza per tre motivi: pericolo di fuga,  inquinamento delle prove e  reiterazione del reato.  Per Frisullo non sussisteva nessuna di queste condizioni, è sotto indagine da circa un anno e non è nemmeno più vice presidente della Puglia, quindi perché è stato incarcerato a 10 giorni dalle votazioni?  Era veramente necessario il suo arresto?

Si dirà un po' per uno in braccia alla mamma, ma non è così che bisogna ragionare. Tutto ciò che mina la democrazia va stigmatizzato, anche quando a farne le spese é l'avversario politico.

Detto questo, le reazioni dei maggiorenti del Pd,  sono state inique più dell’arresto stesso, perché lo hanno legittimato. Bersani se n’è lavato le mani “Ci fidiamo dei PM”,  D’Alema non ha trovato di meglio che sbolognare il suo ex-referente, come una patata bollente: “ Frisullo non fa parte da quasi un anno del governo regionale, nè ha incarichi nel nostro partito”. Solo La Torre è stato sfiorato dal dubbio, di una “tempistica sospetta” a pochi giorni dal voto (si spera che se ne ricordi, anche in altre occasioni). Forse non lo cambierà a favore del centro-destra, ma sicuramente peserà non poco, sugli equilibri all’interno della coalizione di centrosinistra a favore dell’Italia dei Valor, il partito guidato da un’ex-magistrato, che sicuramente piace molto alle toghe più estremiste (e ce ne sono parecchie in Puglia).

Come il Pd non intravveda il gioco del suo finto alleato, per me è un mistero, come e perché si presti ad appoggiare, questo ennesimo segnale del disfacimento istituzionale in atto, per me è inconcepibile.  Come non si ribelli allo sconfinamento della magistrata nella politica, è inammissibile.

L’unica spiegazione, è che pensa di “capitalizzare”  l’assalto togato a suo vantaggio, come è successo in Lazio (una pagina veramente vergognosa per l’opposizione, che ha perso, la faccia ancor più del centro-destra), ma a trarne vantaggio, dopo questa ultima "stoccata" saranno solo i forcaioli viola.

E intanto Di Pietro si sfrega le mani,  lui si vende bene come l’onestino del quartierino rosso, e intanto ruba voti al Pd. Che a me sembra ogni giorno di più, un partito di “fresconi” o meglio di "pugili suonati" dal trattorista molisano.

Orpheus

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd giustizia ad orologeria

permalink | inviato da Orpheus il 19/3/2010 alle 18:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

18 marzo 2010

Un buon motivo per non votare Pd: il burqa va legalizzato


Se qualcuno é sfiorato dal dubbio di non andare a votare, basta che si legga la relazione alla proposta di legge, per legalizzare l'uso de burqa in Italia, legge voluta fortissimamente dalla sinistra italiana, che si è impegnata, anche fisicamente per il diritto al burkini senza se e senza ma, sui lidi lacustri.
Primo firmatario Salvatore Vassallo del Pd, ma lo schieramento é allargato e comprende anche l’Italia dei Valori, spiccano  Leoluca Orlando (evidentemente depositario della tradizione "siculo-pakistana" dell' ex-ministro Amato), Beppe Giulietti, Marco Minniti.
Ma dove hanno attinto cotanto scibile "progressista", i bravi dhimmi della sinistra?
Nientepopodimeno che  da al-Husayn Arman Ahmad, direttore dell’Istituto culturale islamico di Milano legato alla famigerata moschea di Viale Jenner, (quella da cui Mohamed Game, se n'è partito imbottito di esplosivo per far saltare in aria una caserma a Milano) e che il 17 gennaio ha inviato alla Camera il suo illuminato parere di oppressore dei diritti delle donne: "Il niqab fa parte della fede islamica ed è prescritto dalle fonti, sia il corano che la Sunna".
Come no? Anche la lapidazione, la poligamia e il matrimonio con bambine, le percosse "educative", l'omicidio d'onore ecc. avremo in futuro proposte di legge da parte della sinistra LAICA e democratica, anche per tutto questo?

 
Infuriata e indignata giustamente  Souad Sbai:" Devono vergognarsi per quello che hanno fatto, se lo mettano loro il burqa, sono dei falsi, non hanno mai parlato con delle donne arabe e non sanno che inferno vivono quotidianamente. Questi signori non farebbero entrare in casa loro neppure una colf con il burqa. Il burqa è una barbarie, è solo una forma tribale  se non fermiamo subito questo permissivismo ci ricadranno addosso le conseguenze, l’estremismo avanza. Queste donne sono obbligate a infilarsi addosso quel velo e non lo fanno per libertà di scelta. Quindi vanno aiutate a uscire fuori dalla loro schiavitù non a sottomettersi ai loro mariti".

Ecco un motivo per andare a votare PdL e di gran carriera, non bastasse il partito dei magistrati, i tarantolati viola, al carozzone si aggregano anche gli integralisti islamici, perchè i musulmani moderati sono tutti infuriati per una proposta lesiva dei diritti umani, e che mina democrazia e laicità dello stato.
Ai laici e liberali e democratici di sinistra non importa  un fico secco, dell'inferno a cui sono condannate le donne con il burqa, importa solo che alle urne, i loro aguzzini, mettano la loro crocetta sul simbolo del Pd e le obblighino a fare altrettanto.
Questa è l'altra Italia che promette Bersani?  Grazie, non la vuole nessuno.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. legge pd burqa

permalink | inviato da Orpheus il 18/3/2010 alle 19:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

17 marzo 2010

Oggi le comiche: Sonia Alfano "denuncia" gi arresti di boss mafiosi...ad orologeria!


Immagine dell'amico Berretto a Sonagli...

Ma che gli fa Zelig all'IdV un baffo!!!
Star della "cazzata" giornaliera non il solito Tonino "O'zappatore" o Nosferatu Donadi, ma la Giuliva Sonia Alfano che ha rilasciato una dichiarazione per la quale Berlusconi dovrebbe esserle eternamente grato:
“Questo esecutivo vive il momento più buio dall’inizio della legislatura, e ha bisogno di ritrovare i consensi perduti. Temo che gli arresti di tanti boss e latitanti siano stati ben calcolati, e prevedo il colpo grosso a ridosso delle elezioni regionali”.
“Chi sarà il prossimo? Il superlatitante Matteo Messina Denaro?
Basta dare uno sguardo al recente passato per rendersi conto di come queste catture avvengano sempre in momenti in cui il Premier perde la sua popolarità. Ormai siamo abituati alle fiction di questo Governo e mi aspetto che la notizia bomba venga fuori un attimo prima del voto. Chiaramente la faranno passare come una coincidenza, ma sappiano che ormai in molti hanno capito a che gioco stanno giocando”.

Silvius Diabolicus ogni qualvolta ha bisogno di riconquistare popolarità, usa Forze dell'ordine e Magistratura per "procurarsi" un arresto eclatante!!!
E i latitanti mafiosi aspettano tranquilli e beati nei loro nascondigli, in attesa di avere l'onore e l'onere di accrescere la popolarità del Premier.
Questi, si che sono arresti ad orologeria!!!
Che diavolo d'uomo quel Berlusconi, tutti pronti al suo comando, lui tuona: "ci sono le elezioni,  arrestate Provenzano".
Zac detto fatto!
Certo c'è un piccolo "conflitto d'interessi" visto che un "mafioso" che fa arrestare mafiosi a ripetizione, non deve molto ben visto "nell'onorata società",  ma si sa, queste son quisquillie, in fondo...come la quadratura del cerchio.
C'è mica bisogno della logica stringente per l'elettorato dell'IdV, basta sventolargli davanti un drappo viola con l'immagine del Cav.
Orpheus
la notizia è di Camelot


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi mafia arresti Idv

permalink | inviato da Orpheus il 17/3/2010 alle 20:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa

17 marzo 2010

I furbetti dell'elezioni: Assessore di Vendola assegna borse di studio e chiede il voto


Non so cosa altro tireranno fuori per vincere queste elezioni...forse i carrarmati. Sono così "democratici" e "onesti".

“Gentile amica, gentile amico, ho il piacere di comunicarti che la tua domanda di accesso ai finanziamenti regionali per il dottorato di ricerca è stata accolta”.
Comincia così la lettera che l’assessore regionale pugliese al Lavoro, Michele Losappio, ha inviato agli “assegnatari di borse di studio” della Regione e di cui il Velino è venuto in possesso.
“L’Assessorato alla formazione professionale e chi lo dirige – prosegue la nota di Losappio – mantiene così il suo impegno verso i dottori di ricerca della Puglia e le loro famiglie” di “farsi carico del costo del dottorato nelle modalità indicate dal bando e portando a compimento una scelta, voluta dal presidente Vendola e dal sottoscritto, che vuole dedicare attenzione e investimenti finanziari verso le nuove generazioni e la loro qualificazione professionale post laurea”. Una “attenzione” che – annuncia l’assessore, candidato al consiglio regionale nella lista Sinistra ecologia e libertà – sarà estesa “anche ai dottorati del XXV ciclo”.
La nota, inviata dall’indirizzo “segreteria.lavoro@regione.puglia.it”, si conclude così: “Spero che l’apprezzerai insieme alla nostra determinazione a portarla a termine e che ci consentirai di continuare in questa azione dandoci fiducia e consenso nell’ormai prossimo appuntamento di fine marzo che chiama tutti i pugliesi alle proprie responsabilità”.
Un chiaro appello al voto, insomma. È per questo che i parlamentari pugliesi del Popolo della libertà, Francesco Amoruso, Luigi d’Ambrosio Lettieri, Antonio Distaso, Simeone di Cagno Abbrescia, Salvatore Mazzaracchio, Francesco Paolo Sisto, si recheranno domani negli uffici della Procura di Bari per depositare “una denuncia in cui si ipotizzano i reati di peculato, abuso d’ufficio e voto di scambio nei confronti dei firmatari” della lettera. “Vista la gravità dell’episodio – dicono – chiederemo al procuratore della Repubblica interventi urgenti tesi al ripristino della legalità nella campagna elettorale”.

Una nota personale su Vendola agli inizi della sua "gloriosa" carriera in una discussa intervista rilasciata a Repubblica, nel 1985,  l'allora 26enne neoeletto membro della Federazione giovanile comunista (Fgci) propugnò "il diritto dei bambini ad avere una loro sessualità, ad avere rapporti tra loro e con gli adulti".  I rapporti sessuali di bambini con adulti, a casa mia si chiamano IMMONDI atti pedofili.
Secondo l'assioma che vede Berlusconi mafioso per quello che ha detto di Mangano, Vendola che cos'é, per aver propugnato il sesso fra bambini e adulti?
Orpheus
PS E l'inchiesta che ha azzerato la sua giunta? Come poteva lui NON sapere....ah, già solo Berlusconi "non può non sapere"...

16 marzo 2010

La sai l'ultima? Berlusconi indagato...a pochi giorni dalle elezioni


Io ho esaurito le parole, non riesco più a scrivere della giustizia a orologeria, che come la primavera o l'inverno, si ripresenta puntuale ad ogni tornata elettorale.
Mi rincuora un solo fatto che malgrado, questa vergogna nazionale, ormai un'anomalia che ha rilevato anche il Financial Times, Berlusconi é al potere da 15 anni, PER VOLERE DEL POPOLO.
Sull'argomento metto, quindi un pezzo dell'ottimo Franco Bechis:

A raccontarla una sera fra gli amici, ti prenderebbero subito per rimbambito.
“La sapete l’ultima? Quella su Silvio Berlusconi indagato a due settimane dal voto?”. Giù fischi: “Uh, è vecchia, vecchissima”.
Eppure è la barzelletta che funziona meglio sotto elezioni.
Anche questa volta: Silvio Berlusconi è indagato a Trani.
Il reato è gravissimo: gli è scappato un vaffa (forse più di uno) al telefono nei confronti di Michele Santoro.
Purtroppo nel codice penale si sono dimenticati un articolo in proposito, così i magistrati di Trani per sottolineare il peso di questa lesa maestà, hanno pensato bene di affibbiare al presidente del Consiglio ben due reati: concussione e minacce.
La vittima di tanta ferocia istituzionale sarebbe Giancarlo Innocenzi, commissario dell’Autorità di garanzia nelle comunicazioni. Berlusconi si è lamentato con lui a proposito di due puntate di Annozero, quelle che hanno reso una star prima Patrizia D’Addario e poi il pentito-bluff di mafia Gaspare Spatuzza.
E siccome l’autorità che si chiama di garanzia non riusciva a garantire nonostante le pubbliche proteste la vittima di questo linciaggio tv, che era appunto Berlusconi, lui si sarebbe sfogato al telefono con Innocenzi: "altro che autorità, siete ridicoli! Dovreste dimettervi tutti".
Nella barzelletta che si racconta a Trani questa sarebbe la terribile minaccia.
Se in Italia dici a qualcuno "dovresti dimetterti", puoi stare certo che il giorno dopo il poveretto impaurito lascia subito la poltrona. E infatti Innocenzi è lì al suo posto, dove per altro l’aveva nominato anni fa Forza Italia, partito guidato dal Cavaliere.
Con l’iscrizione ufficiale del premier nel registro degli indagati, alla procura di Trani sta però per sfuggire il boccone più grosso dell’inchiesta: la competenza diventa di Roma, e gli incartamenti vanno spediti tutti nella capitale. Dove i magistrati rideranno assai poco: se i magistrati lì non infilzeranno subito Berlusconi, finiranno sbranati da colleghi e giornalisti che già preparano titoloni sul "Porto delle nebbie".
A questo punto la barzelletta non funziona più. Altro che ridere, non si capisce più nulla. Infatti i magistrati pugliesi hanno iscritto nel registro degli indagati anche l’oggetto delle minacce, Innocenzi, per favoreggiamento.
Il poveretto così si trova nel duplice ruolo di vittima e di carnefice.
Indagato c’è anche il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, e finalmente si conosce l’ipotesi di reato: rivelazione del segreto istruttorio.
Qui ancora ci sarebbe un po’ da ridere.
Perché l’accusa viene proprio da quei magistrati che hanno così blindato a doppia mandata l’inchiesta segretissima, da trovarsela pubblicata in lungo e in largo sul Fatto Quotidiano di Marco Travaglio
.
L’accusa a Minzolini è di avere divulgato a mezzo mondo di essere stato sentito come teste ai primi di dicembre nell’inchiesta sull’American Express.
Gli avevano detto "mi raccomando, resti fra noi", e invece lui è stato intercettato con mezzo mondo mentre raccontava l’esperienza vissuta.
In questi giorni il direttore del Tg1 deve avere sensibilmente peggiorato la propria situazione: l’inchiesta era ancora segretissima per tutti quelli che non avevano ancora letto Travaglio, e lui ha nuovamente tradito il patto con i magistrati rivelando tutto prima ai lettori di Libero in un’intervista e ieri perfino ai fan di Enrico Mentana che lo ha ospitato nel suo programma sulla web-tv del Corriere della Sera.
Se i pm di Trani avessero fatto prima un giro a Montecitorio, avrebbero trovato centinaia di politici della prima e della Seconda Repubblica in grado di metterli in guardia: "se volete mantenere un segreto, non raccontatelo mai a Minzolini. Quello non sa tenersi un cecio in bocca".
È un sorriso amaro però quello che si leva da Trani. Perché ormai questa vicenda è entrata a gamba tesa a pochi giorni dal voto in una campagna elettorale già imbrigliata come mai era accaduto dai tentacoli di procure, Tar, vicende giuridiche e giudiziarie.
A dire il vero sono due le campagne elettorali che gli uffici giudiziari pugliesi ormai condizionano: quella dei politici per le regionali e quella tutta interna ai giudici togati per l’imminente elezione del prossimo consiglio superiore della Magistratura. Già che c’erano quei ferrei custodi del segreto istruttorio hanno fatto trapelare confuse notizie di telefonate fra Innocenzi e uno dei leader di Magistratura Indipendente, la corrente moderata delle toghe: Cosimo Maria Ferri, attuale consigliere del Csm. Un po’ di fango fatto girare anche in quel ventilatore, senza che un fatto reale sia emerso e verificato. Riso amaro per tanti, dunque, e uno solo che in questa barzelletta triste riesce ancora a prendersi sul serio: Michele Santoro. Grazie a Trani può recitare la parte che da anni gli varrebbe l’Oscar come migliore attore protagonista: quella della vittima. Lo ha fatto anche ieri all’Infedele di Gad Lerner. Strana vittima quella che da più di 20 anni domina l’informazione televisiva (per tre anni addirittura, colpito insieme a Berlusconi dalla sindrome di Stoccolma: ha lavorato a Mediaset) e che pur di evitare lo sbocciare di nuovi talenti in grado di oscurarlo, si è fatto ibernare in prima serata Rai da una sentenza della magistratura che ce lo conserverà in eterno.

Bechis la butta in ridere, ma rimane il fatto come fa notare anche l’editorialista Christopher Caldwell, che questa magistratura provoca seri guasti all'economia del paese e alla DEMOCRAZIA; la domanda da porsi è se "le accuse contro Berlusconi nascano da una disinteressata richiesta di giustizia o dal desiderio di una certa parte dell’elite italiana di rovesciare una scelta popolare che non le piace". E ancora per il Ft, è un dato di fatto che in Italia, da oltre 15 anni, "i giudici godono di un livello di potere unico in Occidente". Un potere del genere, alla lunga, "non è salutare per una democrazia".
C'è arrivato il FT (per altro in questa occasione snobbato da tutti quelli che lo hanno sempre incensato)
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Giustizia orologeria Trani

permalink | inviato da Orpheus il 16/3/2010 alle 19:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

14 marzo 2010

Quelli che la tivù è in mano al Cav.


L’allarme è stato lanciato ieri dalle colonne di Repubblica: “Il Pdl invade i Tg Rai” e Silvio Berlusconi naturalmente li guida e presiede. E giù una serie di dati attribuiti all’Authority per le telecomunicazioni per testimoniare la preoccupazione dell’organismo di garanzia per presunte ripetute violazioni della par condicio. Ma i dati reali offrono un quadro diametralmente opposto. Nei telegiornali Rai viene sostanzialmente rispettato l’equilibrio che da anni governa la par condicio: un terzo del tempo al governo, un terzo alla sua maggioranza e un terzo all’opposizione. Se squilibrio c’è è proprio a favore di Pd-Idv e Udc. Nella settimana dal 28 febbraio al 6 marzo scorso, quella successiva alla presentazione delle liste, con tutto il caos che ne è venuto, il governo e il suo presidente hanno ottenuto sui Tg Rai non un terzo, ma un sesto o un settimo dello spazio a disposizione. Maggioranza e opposizione sono in perfetta par condicio sul Tg1 (28,72% l’una e 28,12% l’altra). Su tutti gli altri Tg ha spazio oltre misura l’opposizione, in vantaggio di 3,2 punti sul Tg2, di 6,3 punti sul Tg3 e dei quasi 12 punti su Rai news 24. Continua qui

Inoltre: Assai rilevante invece la violazione della par condicio su Tg3 (quasi venti punti percentuali regalati in più all’opposizione rispetto alla maggioranza) e su Rai news 24 (29 punti percentuali in più all’opposizione). La preoccupazione dell’Authoprity per lo squilibrio dunque riguarda l’eccesso di amore (proibito in campagna elettorale) di Tg3 e Rai news 24 nei confronti di Pd, Italia dei valori, radicali, verdi, sinistra e Udc.

Ma "Repubica"
dice che il PdL invade la Rai, e ciò diventa il mantra, dei paladini della libertà d'informazione, che chiedono la testa di Minzolini, anche se lo sanno anche i muri, che la Rai é lottizzata dalla politica, e che è in mano alla sinistra.
Certo una voce fuori da coro c'è, Minzolini appunto, quindi, da bravi epigoni di Castro, ne vogliono la testa.

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. tv libertà informazione sinistra

permalink | inviato da Orpheus il 14/3/2010 alle 23:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

14 marzo 2010

L'olocausto cristiano non è importante quanto i minareti in Svizzera


Kiran George, 12 anni era una bambina cristiana che lavorava come domestica in una famiglia musulmana di Lahore é stata violentata e bruciata viva dal figlio del padrone. Kiran è morta ieri in ospedale, dopo due giorni di agonia, per le ustioni riportate sull’80% del corpo. Analoga terribile fine di un'altra dodicenne cristiana
Shazia Bashir, violentata e uccisa da un potente avvocato di Lahore.
Un crimine ancora oggi impunito. IMPUNITO, perchè Shazia come Kiran era cristiana e donna (o meglio bambina), quindi poteva esser trattata come una schiava, violentata e ammazzata, senza rischiare nulla. Non é solo spaventosa la violenza bruta contro una creatura indifesa, quella purtroppo, non conosce latitudine, é aberrante, inconcebile, inaccettabile, che ci siano paesi, dove la LEGGE, non punisce chi si macchia di crimini tanto orrendi, solo perchè le vittime sono CRISTIANE.
I cristiani non hanno diritti nei paesi islamici, nemmeno quello inalienabile alla vita.
Importa a qualcuno?
Ogni giorno le cronache sono piene di violazioni gravissime, aggressioni, quando non raccontano di vere e proprie stragi a colpi di machete, soprusi e umiliazioni di ogni genere, in Pakistan, in Egitto, Marocco, Siria. Ovunque nel mondo musulmano.
Ogni tre minuti un cristiano viene torturato nel mondo musulmano, e nel 2009 oltre 165.000 cristiani sono stati uccisi per la loro fede, la maggior parte nei paesi musulmani. Il reverendo Majed El Shafie, presidente di una Free World International (OFWI), che guida una delegazione di attivisti per i diritti umani , di membri del Parlamento del Canada e personalità religiose, riferisce che :Hamas disotterra i corpi dei cristiani nei cimiteri cristiani nella Striscia di Gaza, sostenendo che inquinano la terra
Nenache l'eterno riposo é concesso ai cristiani.
E di che cosa si preoccupa l'ONU?
"di condannare fermamente il divieto della costruzione di minareti"- considerata come "una manifestazione di islamofobia che viola chiaramente gli obblighi internazionali in materia di diritti dell'uomo per quanto riguarda la libertà di religione".
Io veramente non ho più parole, le ho esaurite, ma la rabbia quella no.
La rabbia che nasce al pensiero di Kiran, di Shazia, della loro orrenda morte di una barbarie che non può lasciare indifferenti. La rabbia che nasce dalla consapevolezza che milioni d'innocenti subiscono ogni giorno torture e persecuzioni e chi dovrebbe tutelare sui loro diritti, si presta all'islamizzazione dell'Occidente. Ci vende a questi barbari.
Orpheus.





 

12 marzo 2010

Ci sia di monito: quando si perde la democrazia riconquistarla costa lacrime e sangue e vite umane


Guillermo Fariñas
é in terapia intensiva dopo 16 giorni di sciopero della fame.
 Ha smesso di mangiare dal giorno in cui è morto Orlando Zapata, ucciso dal regime castrista.
Se lui morirà un altro martire é pronto ad immolare la propria vita, per portare a Cuba la democrazia.
Si tratta dell’ingegner Félix Antonio Bonne Carcassés, ex professore titolare della Facoltà di Ingegneria Elettrica in visita a casa di Farinas, ha detto: “Se muore Coco Fariñas prenderò il suo posto nello sciopero della fame fino alle ultime conseguenze. La protesta cittadina non si fermerà”.

Il coraggio dei giornalisti indipendenti sta mettendo in crisi il regime di Castro e anche le coscienze dei fiancheggiatori sparsi in tutto il mondo che non sanno più cosa inventare per giustificare comportamenti aberranti.
Fiancheggiatori che nel 2006 sono andati al Governo, grazie al Caravanserraglio Prodi, e che addiritura hanno ricoperto la carica di Presidente della Camera: "

"Lunga vita, caro Comandante, un abbraccio e auguri per la Sua salute'. E mentre Castro vive e tiene sotto il tacco la propria gente, Zapata, Farinas, muoiono per combattere il suo regime.
Onore e gloria ai giornalisti cubani, e prendiamo esempio da loro, se un giorno non vorremo trovarci a dover sacrificare i nostri uomini e donne migliori, per quello che ci stanno rubando.

Quello che sta succedendo in questa campagna elettorale é un grave preludio: procure scatenate e piazze schiumanti odio, contro il diritto di voto dei propri connazionali. Che vogliamo di più? Che imbraccino sul serio i fucili?
Orpheus

sfoglia
febbraio   <<  1 | 2  >>   aprile