.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

29 novembre 2010

Ciampi e Scalfaro si fecero scappare anche "Sandokan" il boss di Gomorra


Copio e riassumo un interessante articolo di Bechis sul torbido "patto" fra lo Stato e la criminalità organizzata, denuciato da Conso, che però ha sofferto di qualche piccola amnesia.
Aggiungo una nota, il Clan dei Casalesi è stato praticamente azzerato dal Governo Berlusconi, con 22 operazioni durante le quali sono stati arrestati più di 300 componenti e affiliati al Clan dei Casalesi, fra cui i super latitanti e boss: Raffaele Diana, Franco Letizia, Raffaele Maccariello,Nicola Panaro, Carmine e Nicola Zagaria, Antonio Iovine. Beni sequestrati per quasi 2 miliardi di euro.
Un caso? Sarà, ma intanto prima di Maroni, pur con le stesse forze dell'ordine e la stessa magistratura non é mai stata sferrata a tutt'ora, una simile offensiva contro la criminalità organizzata.
Sicuramente non la si combatte facendo i favori, illustrati nel pezzo di Bechis.
Il capo del clan dei Casalesi, Francesco Schiavone, protagonista principale delle vicende di Gomorra, scrisse nell’agosto del 1993 al presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro chiedendo la revoca del regime carcerario duro previsto dal 41 bis, per lui e per altri tre boss della camorra.
 La lettera di Schiavone fu resa pubblica l’11 agosto di quell’anno, poche settimane prima che il ministro della Giustizia Giovanni Conso firmasse la revoca del carcere duro per 140 boss mafiosi. E’ un nuovo inquietante particolare che emerge fra le pieghe di quell’anno oscuro in cui il governo presieduto da Carlo Azeglio Ciampi (chiamato “governo del Presidente” anche perché voluto fermamente da Scalfaro) accettò di fatto le condizioni che la criminalità organizzata aveva dettato nella stagione degli attentati e delle stragi. Per Schiavone in realtà non ci fu bisogno di quella revoca, perché fu la magistratura dell’epoca ad alleggerire la condizione carceraria del capo del clan dei Casalesi. Il 17 ottobre del 1993 infatti i giudici della Corte di Appello di Napoli presero la clamorosa decisione di alleggerire la sua pena già comminata nell’attesa dei processi chiave ancora in corso (per cui sarebbe stato poi condannato all’ergastolo), SCARCERANDOLO e limitandosi a firmare un provvedimento di sorveglianza speciale per tre anni.
Il giorno stesso della scarcerazione Schiavone si è reso latitante.
E così proprio mentre si apprestava a firmare la resa alle condizioni imposte dalla criminalità organizzata il governo Scalfaro-Ciampi-Conso si fece sfuggire di mano uno dei più pericolosi camorristi esistenti, il capo del clan dei Casalesi.
Resta ancora un giallo per altro la ragione per cui l’allora ministro della Giustizia, Conso, firmò quell’anno come guardasigilli di Ciampi due provvedimenti di maxi-revoca del 41 bis a boss della Camorra e della mafia. Il primo fu il 14 maggio e riguardò 140 detenuti delle carceri di Secondigliano e di Poggioreale. Il secondo avvenne il 5 novembre e alleggerì la condizione carceraria per 140 detenuti del carcere palermitano dell’Ucciardone.
Davanti alla commissione antimafia guidata da Beppe Pisanu l’ex ministro della Giustizia del governo Ciampi ha ricordato soltanto il secondo provvedimento di revoca del regime carcerario duro ai boss, dimenticando il primo. E ha sostenuto di averlo adottato in segreto e in solitudine, per verificare se quel segnale di disponibilità fosse utile a mettere fine alla stagione stragista di Cosa Nostra. Conso però ha omesso molti particolari di quell’anno emersi anche documentalmente nelle ore successive. A parte il primo provvedimento di revoca, esisteva anche un verbale del comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico in cui prima l’ex capo della polizia, Vincenzo Parisi (legatissimo a Scalfaro) e poi l’allora direttore delle carceri italiane, Nicolò Amato, proposero l’abolizione o l’attenuazione del carcere duro per i mafiosi. La commissione antimafia ha per questo deciso di riconvocare Conso insieme ad altri esponenti delle istituzioni dell’epoca (Nicolò Amato e Ciampi).
Fra i testimoni dell’epoca è probabile che venga sentito anche l’allora capo della Dia, prefetto Gianni De Gennaro. Anche perché poche settimane prima del provvedimento di clemenza ai boss mafiosi firmato dal governo Ciampi proprio De Gennaro concesse a La Stampa una allarmatissima intervista così titolata: “Dopo le stragi Cosa Nostra punta al golpe”. De Gennaro così lesse stragi e attentati di quell’estate: “I boss potrebbero essersi convinti che il terrore sia l’unica strada per invertire la tendenza contraria, fidando nell’effetto paura per fiaccare il consenso sociale alla linea governativa. Ma le finalità sono anche di natura più concreta e immediata, per esempio quelle di fare modificare l’atteggiamento istituzionale, cambiando alcune norme di recente emanazione. Una di queste- non l’unica- mi pare possa essere l’articolo 41 bis che regola le modalità di detenzione per i mafiosi. La carcerazione differenziata mette in crisi Cosa Nostra: il mafioso finalmente non comunica con l’esterno e, soprattutto, perde l’aureola di onnipotente anche fra le sbarre. Non è un caso che fra gli attentati sventati ve ne sia uno che stava per essere attuato contro 14 agenti di custodia di Pianosa. Se Cosa Nostra voleva reagire, è segno che il 41 bis non le piace”.
Quindi poche settimane prima della seconda clamorosa calata di braghe di fronte ai boss mafiosi da parte del governo Scalfaro-Ciampi-Conso il direttore della Dia aveva chiesto semmai di non mollare sul 41 bis, spiegandone semmai la grande efficacia. Diventa ancora più misteriosa allora la scelta del governo dell’epoca.
Orpheus

28 novembre 2010

La Lega prenda esempio dalla Svizzera


E' passato con il 52,9% il referendum che regola l'espulsione degli stranieri responsabili di gravi reati, proposto dal partito della destra populista di Cristoph Blocher.
L’iniziativa vuole espellere gli stranieri che hanno ad esempio commesso omicidi, rapine, traffico di esseri umani, stupri, altri reati violenti o che hanno indebitamente beneficiato di prestazioni dell’assistenza sociale o di assicurazioni sociali.
Il partito di Blocher è stato anche il promotore del referendum che ha vietato l'anno scorso la costruzione di nuovi minareti in  Svizzera, e l'autore del manifesto, qui sopra, che fece gridare allo scandalo le "zecche" del politically correct e del multiculturalismo.
Queste sono le iniziative a cui ambisce la popolazione, quella che sta pagando lo scotto più caro dell'invasione dei nostri Paesi, perchè ogni benedetto giorno, vive e subisce gli sconquassi dell'immigrazione incontrollata, che sta devastando le nostre città.
Chi delinque nel nostro Paese DEVE essere espulso, senza SE e senza MA.
Metterlo nelle nostre patrie galere, ha solo due conseguenze: la prima è a carico nostro, un detenuto costa 300 euro al giorno allo Stato e ormai le carceri traboccano d'immigrati, in alcune città, come a Padova sono l'83%.
La seconda con il nostro sistema iper garantista, le pene sono spesso irrisorie e si rischia in reati come lo stupro, di avere in giro stupratori che reiterano il reato. E ditemi se è poco!
Un consiglio per la Lega, che ultimamente ha ammorbidito le sue posizioni sull'argomento, prenda esempio dal partito di Blocher, perchè la gente, è talmente stufa, che voterà anche un partito di destra estrema, pur di liberarsi di una immigrazione penalizzante,nefasta e COSTOSA.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. svizzera referendum

permalink | inviato da Orpheus il 28/11/2010 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

26 novembre 2010

Vendola e il "bavaglino"


"Io non sono giustizialista, ma neppure reclamo l'impunità se parte un avviso di garanzia. Mi rivolgo agli elettori, come ho fatto con la videolettera, con chiarezza e nulla da nascondere"
Io penso che la liberta’ di informazione sia il cuore del sistema democratico e nonostante Berlusconi non riusciranno a metterci il bavaglio, ne’ a noi ne’ ai giornalisti.

Ci sono cose che mi regalano un'intima soddisfazione, una delle tante è beccare i "moralizzatori in pectore" di sinistra con le mani nel vasetto della marmellata.
L'enfant prodige della sinistra Nicki Vendola è uno di questi signori, sempre sugli spalti a predicare bene, ma a quanto pare a razzolare male.
Lui paladino della libertà d'informazione, ultimo baluardo contro il "bavaglio" che le orde berlusconiane vogliono imporre con un doppio codice:"da un lato c'è il codice penale per i galantuomini, cioè i colletti bianchi, i ricchi e i potenti, che sono dentro una specie di ontologica innocenza. Dall’altro il codice per i briganti che oggi sono i nuovi poveri, prevalentemente stranieri, sempre e comunque colpevoli. L’immunità per le classi dirigenti e la criminalizzazione e la colpevolizzazione della povertà"
Bene quando si tratta di lui, il bavaglio diventa un "bavaglino", ergo una "precauzione per evitare speculazioni sulle sue parole" e quindi non si fa scrupolo di chiedere
di secretare l'audizione in Commissione parlamentare d'inchiesta sugli errori sanitari e i disavanzi sanitari della regione Puglia.
Tra i temi affrontati quello della riorganizzazione della rete ospedaliera della Regione, con particolare riferimento alle destinazioni funzionali dei presidi ospedalieri di Castellaneta, Massafra e Mottola, già oggetto di attenzione della Commissione parlamentare durante la missione svolta lo scorso luglio in provincia di Taranto. Sono stati altresì affrontati temi relativi alla situazione del Reparto di Ostetricia del Policlinico di Bari, dopo le denunce, dei mesi scorsi, di alcuni primari che lamentavano "condizioni di lavoro drammatiche", nonché il caso del lebbrosario Colonia Hanseniana Opera Pia Miulli a Gioia del Colle in provincia di Bari, struttura poco utilizzata ma che continua a costare ai cittadini circa sette milioni di euro all’anno". Sette milioni di euro!

Attendiamo quindi una videolettera di Vendola, se NON ha nulla da nascondere, che con chiarezza ci illustri la sua audizione di fronte alla Commissione Parlamentare, altrimenti che dobbiamo pensare che lui adotti una "doppia etica"?
Nascondere il suo "ruffo" sotto il tappeto e pretendere che quello degli altri sia sbattuto in prima pagina, sempre e comunque?
Perchè le parole degli avversari politici non sono soggette a speculazioni da parte della sinistra?
Lasci decidere al suo elettorato e agli italiani il valore e il peso delle sue dichiarazioni, o ci reputa tutti beoti?
Orpheus




23 novembre 2010

Le ecoballe del fazioso Saviano



Se Saviano perde l'ispirazione come scrittore ha subito pronta un'altra carriera, in cui sicuramente farà faville, quella di prestidigitatore, illusionista, giocoliere della parola perchè la sua abilità  nel ribaltare la verità, omettendo e mistificando,  è S T U P E F A C E N T E.

Ma a furia di ascoltare (eco)balle, qui al Nord ci fuma un pochino, non è piacevole essere "cornuti e mazziati", dopo esserci accollata la monnezza campana non si sa più ormai per quante volte e aver sborsato una fiumana di quattrini per mantenere gli sprechi della regione Campania (più altre del sud e del centro), adesso il telepredicatore catodico accusa di essere NOI del Nord e ovviamente Berlusconi e il centro-destra, la causa della perenne emergenza dei rifiuti in Campania.
L'Houdini del verbo televisivo è riuscito nell'impresa impossibile, di parlare di malapoltica, senza fare i nomi degli UNICI responsabili della situazione campana, INNOMINABILI E INTOCCABILI  a quanto pare! La premiata ditta Bassolino&Jervolino!
Chapeau ma chi è David Copperfield? Infondo ha fatto solo sparire la Statua della Libertà.

In sedici anni il "business" della spazzatura ha fatto arrivare otto miliardi di euro in Campania lo ha detto anche il Savonorala a 36 pollici. E ad un certo punto, dopo tre lustri di amministrazioni locali e regionali rosse, arriva il centro-destra, che non avendo uomini con  le capacità di Saviano o dell'Altissimo, si raccatta la patata bollente e si prende tutte le colpe.
Ciliegina sulla torta di sterco in questa trasmissione di egual sostanza,  il regista Gabriele Salvatores che ricorda con l'aria indignata (qui ce l'hanno tutti) come lui, il Cav, avesse promesso di risolvere il problema dell'immondizia e, come tutti possono vedere, non l'ha fatto.  E le promesse non mantenute " sono anche peggio degli sporchi traffici camorristici perché rubano la speranza ai meridionali, gli cuciono addosso etichette che non meritano". Però non dice  che le discariche ABUSIVE avvelenano il territorio, fanno venire il cancro e provocano malformazioni negli esseri umani e negli animali.
E Bassolino e la Iervolino? IDEM silenzio assoluto. E il processo contro Bassolino e Company, accusati di avere letteralmente avvelenato il territorio campano, con veleno al posto del concime? ANCHE, non un accenno. Per il maghetto di rai tre, sono "le promesse non mantenute" l'unico problema della Campania, mi sembra giusta e sacrosanta quindi l'indignazione del suo assistente di spettacolo.

Inoltre mi si dica, in quale paese al mondo deve intervenire l'esercito per far aprire una discarica?
In quale paese, nemmeno nel Burundi, si scatena una guerriglia vera e propria per impedire ai camion di sversare i rifiuti.
La raccolta differenziata è ferma all'età della pietra, altro che ai tempi di Ferdinando II di Borbone, ma la colpa si sa, è di Berlusconi e del Nord.
Le discariche sono tutte piene? Non sarà perché c’è un solo inceneritore in tutta la regione fatto aprire dall’esercito schierato da Berlusconi e funzionante per appena un terzo del potenziale?
Non sarà perché ogni paesino dichiara guerra allo Stato quando nelle vicinanze si ipotizza di aprire un nuovo smaltitore?
Non sarà perché la camorra sobilla la popolazione per non perdere l’eco-business che vale un fatturato pari a quello di Telecom? No. La colpa è del Nord e di Berlusconi che non mantiene le promesse.
Infine, mi si deve dire come si potrà mai mettere una pezza, a questa grave situazione, se non si inchiodano i responsabili di tale situazione, che è MANNA per la  camorra, e che chissà come mai fin'ora, grazie al centro sinistra, ha fatto affari d'oro.
Le tante persone oneste che vivono in Campania dovrebbero sputare in faccia a chi fa propaganda politica sulla loro pelle, mistificando e tacendo le vere responsabilità e collusioni non si fa altro che fare il gioco della camorra.
Orpheus





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Informazione Saviano Campania rifiuti

permalink | inviato da Orpheus il 23/11/2010 alle 19:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (44) | Versione per la stampa

22 novembre 2010

L'unica "trattativa" fra Stato e mafia fu sotto il Governo Ciampi


Questa è una di quelle notizie alla quale chissà come mai, la nostra stampa "libera" preferisce non dare risalto. Da anni si riesuma il cadavere di Mangano, in certi ambienti più amato di Padre Pio, si butta fango su Berlusconi e i suoi elettori, si parla della trattativa fra la mafia e Forza Italia, che con il tramite di Dell’Utri, avrebbe soddisfatto il  “papiello”, nel quale si chiedeva la fine del carcere duro.
Or bene, direttamente dalla voce di Giovanni Conso, ministro della giustizia dell’epoca, si apprende che quella misura, il 41 bis, fu disapplicata dal governo Ciampi nel 1993. La giustificazione di Conso: lo facemmo per evitare altre stragi.
Colui che ha redatto il documento della revoca, su insistenze del Viniminale, fu Nicolò Amato, all'epoca direttore del Dap, dopo tale incarico,  è diventato l'avvocato di Vito Ciancimino. Quando si dice le coincidenze!
 Come minimo, tutto ciò significa che lo Stato nel '93 si calò le braghe davanti alla mafia, invece di combatterla, favorendola, visto che ne usufruirono ben140 mafiosi.
E' la la prima volta che un ex ministro si assume la responsabilità politica di una scelta presa per andare incontro ai diktat di Cosa nostra, eppure non sembra che tale notizia, abbia colpito al pari del rivoltante monologo di Saviano o delle recente querelle fra la Carfagna e la Mussolini.
Al contrario un altro ministro, questa volta del Governo Berlusconi, il leghista Castelli, ha voluto rendere permanente la validità dell’art. 41 bis. In tal senso si orientò il Parlamento che con la legge 23/12/02 n. 279 approvava le proposte governative aggiungendo appunto la validità permanente dell’art. 41 bis la cui vigenza non ha quindi attualmente più alcun limite temporale.
E il Ministro Maroni, un altro leghista, in questa legislatura ha messo a punto il "modello Caserta" che ha inferto duri colpi alla criminalità organizzata:
sono stati arrestati 6.754 "mafiosi", tra cui 28 latitanti di "massima pericolosità", sono stati sequestrati o confiscati 35.601 beni per quasi 18 miliardi di euro. Secondo i dati del Viminale, gli arresti dei mafiosi durante il governo attuale sono superiori del 34% rispetto al periodo precedente (formula che sembra indicare i due anni di governo Prodi). Quelli di latitanti (410) ben del 51%, mentre per i beni sequestrati l'aumento è addirittura del 295%.
E davanti a questi fatti ed evidenze, Saviano ha puntato il dito contro la Lega, piegando alla faziosità politica l'importanza della lotta alla  mafia e la verità storica, con buona pace di tutti i parenti delle vittime che ancora piangono i loro morti.
Uno spettacolo rivoltante.
Consiglio anche la lettura di questo articolo di Giacalone, sulla attendibilità di certi magistrati impegnati nella "lotta" alla mafia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Governo Ciampi 41 bis mafia

permalink | inviato da Orpheus il 22/11/2010 alle 18:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (18) | Versione per la stampa

19 novembre 2010

Eroi di carta dalla parte dei quaquaraqua


(piccola premessa, purtroppo non sono riuscita a scrivere un mio pezzo sul comportamento aberrante di Saviano, per problemi, che finalmente ho risolto, ma che mi hanno lasciata un po' con le gomme a terra, ma ormai il peggio è passato).
Vi propongo questo pezzo di Facci, aggiungendo un paio di cose, in primis che uomo è (non parlo di scrittore pseudo impegnato nella lotta alle mafie), uno che, a parole, non ha paura della camorra ma ha PAURA di confrontarsi in un dibattito pubblico, con colui che ha infangato, senza nemmeno permettergli di difendersi?
Uno che fino a ieri lodava Maroni, e oggi lo paragona a "Sandokan"
Che onestà intellettuale ha?
Che credibilità?
Uno che citato un consigliere della Lega, né INDAGATO, né ARRESTATO e NON un sindaco del PD, Tiziano Butturini, ex sindaco del Pd di Trezzano sul Naviglio, ARRESTATO, corrotto dalla n'drangheta, ed anche un consigliere comunale del PDL.
Uno che parla della Lega come "interlocutrice" con la criminalità organizzata, quando mai è stata sciolto un consiglio comunale per infiltrazioni con la stessa, mentre c'è una storiografia delle connivenze del PD lunga un chilometro.
E non aggiungo altro, usare la lotta alla criminalità organizza per sporchi interessi di bottega, non solo è IMMORALE ma anche CRIMINALE, buona lettura:

Poi un giorno ci spiegherai perché in pochi giorni hai gettato alle ortiche un lavoro di anni, caro Saviano. In questo Paese rimanere bipartisan è un’impresa colossale, il cretinismo bipolare reclama sempre nuove prede da spolpare e da scaraventare dall’altra parte della palizzata politica: e tu eri riuscito a sottrarti con sforzo evidente, avevi evitato di intrupparti in un certo gregge conformista e firmaiolo anche perché - ripetevi - la lotta alla mafia e alla camorra non è di destra né di sinistra.
L’obiettivo, in parte riuscitissimo, sembrava quello di innescare una rivolta nella coscienza civile: non quello di puntare il dito contro Paderno Dugnano e l’hinteland milanese; il tuo riferimento morale erano «I racconti di Kolyma », mica i consigli di Loris Mazzetti. Dev’esser stata dura vivere come un fuggiasco a soli 31 anni, senza una vita privata, senza intanto farsi blandire dalle sirene che secondo una tradizione (renderti nemico della destra, facce speculari di una stessa automatica idiozia.
Sei stato uno dei pochi che hanno riconosciuto i successi del governo nella lotta alla camorra, sei giunto a giudicare Roberto Maroni come uno dei migliori ministri di sempre, hai detto che il Casertano in passato era rimasto praticamente ignorato dallo Stato, hai ammesso che il centrosinistra aveva responsabilità enormi nella collusione con le organizzazioni criminali: anche perché le due regioni con più comuni sciolti per mafia erano Campania e Calabria, e chi le aveva amministrate negli ultimi 12 anni?
Anche per questo il centrosinistra campano ti aveva accusato di infangare la tua terra, che vita, Saviano: e tutto questo per che cosa?
O DI QUA O DI LÀ
Per spazzare via tutto e svenderlo alla più sgangherata delle grammatiche televisive: che non è roba tua, non ancora, e si è visto. La tv non è leggere un libro a una platea più ampia: la tv è una somma di sentenze inappellabili senza approfondimento, senza distinguo e senza note a  margine. Se in tv parli male di un uomo o un partito, di un solo partito, tu ce l’hai con quel partito, stop, e sei un nemico di quel partito, stop, e tutto il resto ti si rovescia addosso a cascata. E non dire che non lo sapevi: l’avevamo già capito quando hai raccontato il linciaggio di Giovanni Falcone, sei stato attentissimo a dire e non dire, a omettere nomi e cognomi che hai evidentemente deciso di non inimicarti.
Sei stato molto paraculo, Saviano: del resto il difficile era questo, era raccontare di un uomo che non piaceva a nessuno facendosi applaudire da tutti.
Impossibile, da noi. Per piacere a una parte devi impiccarne un’altra, e a quanto pare in questi giorni hai fatto la tua scelta: lega e leghisti - devi aver pensato - sono sacrificabili. Col rischio, però, che tu possa sacrificare molto più di quanto abbia calcolato: perché forse non ti è chiaro, ma in questi giorni non sei dispiaciuto soltanto ai leghisti. Sei dispiaciuto a tutti coloro  che pensavano che non ti saresti intruppato nel politicamente corretto, a tutti coloro che sono rimasti sconcertati da certe tue uscite che non hai saputo frenare, ormai intrappolato nella figura - ora posso finalmente usarla, quest’espressione odiosa - del martire catodico. Forse hai perso la testa: la tv fa quest’effetto, capita.
Paragonare le parole di Maroni a quelle del camorrista Sandokan è stata una stupidaggine siderale, Saviano, un riflesso da forcaiolismo becero e involuto, cose che ti aspetti da un De Magistris, da un demagogo da strapazzo.
E sarà un caso, ma anche tutto il resto, poi, è sembrato come inquinato dalle crescenti cazzatelle che cominciavano a sfuggirti: tipo che «le mafie scommettono sul federalismo », come hai detto a quelli de l’Espresso, una frase che non vuol dire niente, perché è come dire che le mafie scommettono sui soldi ovunque vadano: frase che però è sufficiente a sconfessare la politica di un’intera legislatura, di un’intera forza politica.
DIVISIONI E SPACCATURE Che cosa stiamo scoprendo, Saviano? Che le mafie inseguono i soldi dove ci sono? Che corteggiano il potere ovunque sia? Il macro-messaggio televisivo, ora, è che il Nordest sta diventando come il Casertano, società civile compresa: credi che dal teleschermo sia passato qualcosa di diverso, magari di più approfondito di così?
Il grosso del pubblico di prima serata non legge Gomorra, spesso non legge proprio: ma guarda il telegiornale, e il capo di Gomorra in compenso l’ha visto in manette. Questo mentre tu, su Repubblica, menzionavi e ringraziavi praticamente l’intera squadra mobile di Napoli fuorché Vittorio Pisani, l’uomo che teneva sotto braccio Antonio Iovine e lo trascinava in questura, lo stesso poliziotto che ritenne infondate le minacce della camorra contro di te: è questo il messaggio che è passato, sai? Sembra che non l’hai nominato apposta: che ti piglia, Saviano?
Anche il tuo commento dopo l’arresto del boss «sorridente» è suonato inutilmente drammatico e improbabile: hai detto che voleva dire «in carcere ci vado a comandare, tutto questo era previsto, vi ho fatto un regalo perché tanto fuori restano i miei capitali». Ma certo, si è fatto beccare apposta: vivere a Casal di Principe o beccare l’ergastolo è la stessa cosa, anzi non vedeva l’ora. Stai spaccando gli italiani anziché sensibilizzarli, Saviano, li stai confondendo anziché informarli, soprattutto li stai confermando nelle loro rinfrancanti divisioni tra buono e cattivo, destra e sinistra, amico e nemico, soprattutto fatti e parole. Ma ormai sei imprigionato nella parte. Qual è la prossima mossa, Saviano? Potrai finalmente lasciare Mondadori, ora

Orpheus

10 novembre 2010

Ipse dixit


A l'Infedele di Lerner, Asor Rosa, che tanto rosa non è, se ne è uscito così: " dopo la caduta di Berlusconi, va cambiata o eliminata dal tessuto politico e sociale ogni traccia di berlusconismo".
Come mettendoci tutti in un campo di rieducazione?... niente male come obiettivo!
E hanno il coraggio anche di definirsi progressisti, democratici e liberali!!!
Certo come lo furono i signori qui sopra.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. comunisti

permalink | inviato da Orpheus il 10/11/2010 alle 23:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (28) | Versione per la stampa

10 novembre 2010

Un apparecchio acustico per Franceschini


Dario Franceschini ha chiesto le dimissioni del ministro della Cultura perché nel dibattito seguito all'informativa del ministro sul crollo della "Domus dei Gladiatori" di Pompei, cinque gruppi parlamentari, che rappresentano la maggioranza della camera, avrebbero chiesto le sue dimissioni e quindi il ministro, se avesse avuto rispetto del parlamento, avrebbe dovuto rassegnare il mandato.
Peccato che le dimissioni del ministro siano state chieste solo dai gruppi di opposizione e anche il gruppo di Futuro e Libertà per bocca di Fabio Granata è stato si critico, ma non ha affatto chiesto le dimissioni, anzi le ha proprio escluse: “ Non le chiedo le dimissioni signor ministro – ha detto Granata – ma solo di assumersi tutte le sue responsabilità”.
Ora volendo escludere la malafede da parte di Franceschini e anche il ritorno dello stupiDario (Dario che ci stupisce s'intende) ho chiesto al ministro Bondi di destinare una piccolissima somma del suo budget per fornire il capogruppo del Pd di un apparecchio acustico che gli consenta di sentire quello che si dice nell'aula di Monte Citorio. Da il Predellino

A latere di questo gustoso resoconto parlamentare, che la dice lunga sulla serietà dell'opposizione, mi pregio di ricordare, a tutti coloro che chiedono la testa di Bondi, che nel 2001
crollarono 20 metri di Mura Aureliane, tra la Porta San Sebastiano e la Cristoforo Colombo, un'onda alta 6 metri di mattoni, malta e terra che si è abbattè sul prato, fino a raggiungere e coprire il marciapiede, dove per fortuna in quel momento non passava nessuno. Ma nessuno si è sognato d'incolpare, l'allora Ministro dei Beni e delle attività culturali, Giovanna Melandri, la colpa, in quel caso, fu di Aureliano che le fece costruire male.
Come dire ogni non ci sono più i crolli di una volta, adesso "crolla un muro Governo ladro". E aggiungo solo un mio giudizio personale: sempre più PAGLIACCI, ma questi credono veramente di poter governare???
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra

permalink | inviato da Orpheus il 10/11/2010 alle 18:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

7 novembre 2010

Fini e accoliti in marcia su Roma


"Uno sbrego istituzionale al cospetto del quale impallidisce perfino quello che a suo tempo provoco' la marcia su Roma -afferma Quagliariello (Pdl) commentando il discorso di Fini- Non si era mai visto che ministri rimettessero il loro mandato nelle mani del presidente della Camera. Fini ha di fatto chiesto l'apertura di una crisi extraparlamentare. Se la sinistra ritenesse che un minino di correttezza istituzionale e' un bene comune farebbe sentire la propria voce accanto alla nostra".
Il discorso di Fini è di un'abiezione politica e morale, da non aver precedenti nella storia republicana, ma è anche il discorso ricattatorio e arrogante di chi sa di avere le "spalle coperte" e Santi in Paradiso, cioè chi, davanti a questa barbarie istituzionale e allo scempio della democrazia,  TACE.
Siamo ai giochi di Palazzo che riportano il Paese alla Prima Repubblica, quella dei governi baleari, degli inciuci e del malaffare, tanto gradito, a chi il potere non può conquistarlo in altro modo: un calderone che imbarca il peggio del peggio della politica italiana. Senza programmi, senza una linea politica comune con Vendola, paladino gay e Casini paladino della famiglia etero, Di Pietro giustizialista, PD, FLI e tutti quelli che riusciranno ad imbarcarsi sull'arca della santa alleanza berlusconiana.
Scipperrano il potere, infischiandosene del voto e della volontà popolare, e del momento storico (con Cina e India che ci soffiano sul collo e la globalizzazione che sta sfasciando l'Occidente), per darci un avvenire d' instabilità, insicurezza e immobilismo politico all'insegna del passato.
Chi pagherà un conto salato, per tutto questo saranno gli italiani.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Discorso Fini

permalink | inviato da Orpheus il 7/11/2010 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

4 novembre 2010

IPSE DIXIT: Di Pietro meglio "tombeur de femme che tombeur d'homme"


E' meglio tombeur de femme che tombeur d' homme
e alla domanda lei è macho?: Grazie a Dio!!! Risponde Tonino.
Se qualcuno a sinistra volesse essere così gentile da spiegarmi la differenza fra la frase di Di Pietro (a parte l'italiano maccheronico) e quella di Berlsuconi, ne sarei felice.
E come mai Arcigay, i Radicali, i Verdi, Italia dei valori (???), il Partito democratico, Sinistra e liberta’ e il circolo omosessuale ‘Mario Mieli non hanno organizzato nessun sit in di protesta per la frase "omofoba" di Tonino? Nè cori di sdegno e richieste di dimissioni?
E ancora come mai per i radicali, che sostenevano:
“è del tutto inaccettabile la criminalizzazione di un orientamento sessuale in quanto tale. Si tratta di affermare il diritto di tutti e di ciascuno a non essere condannati e nemmeno giudicati, sulla base della riprovazione morale che altri possono provare nei confronti delle loro preferenze sessuali. Criminalizzare i pedofili in quanto tali, al contrario, non serve a tutelare i minori, ma solo a creare un clima incivile…” adesso la pedofilia è un crimine da condannare?
Eh, domande che rimarranno senza risposta, perchè non hanno risposta se non nell'ipocrisia, nell'opportunismo, nell'assoluta disonestà intellettuale e morale di una sinistra che smentisce se stessa, un giorno si e l'altro anche, incapace di trovare contenuti nella sua linea poltica, che NON passino per la camera da letto di Berlusconi.
Chi é meglio? Lui o questa gentaglia, culo e camicia con i pedofili, che si indigna solo per la pedofilia dei preti e di Berlusconi e facendolo specula sulla pelle di milioni di bambini abusati, torturati e violentati in tutto il mondo.
Orpheus

3 novembre 2010

IPSE DIXIT


La frase è vecchia, io stessa più volte l'ho riportata, ciò non toglie che esprima un concetto talmente ripugnante che dovrebbe far inorridire CHIUNQUE, soprattutto quelli che danno del pedofilo a Berlusconi perchè sembra, pare, si dice, ma non c'è come al solito nessuna prova, che abbia fatto sesso con la bella Ruby, quando ancora era 17enne (guardatevi l'intera sequenza delle foto, perchè merita), una ragazza marocchina che di lavoro fa la escort, ossia la prostituta e, le foto sono molto esplicative di ciò.
Dunque questi signori INDIGNATISSIMI per ciò che avrebbe fatto Berlusconi con Ruby che per loro è un pedofilo, quando si tratta di commentare l'uscita di Vendola, perdono tutta l'indignazione, e iniziano ad arrampicarsi sugli specchi, per cercare di giustificare, questa frase ignobile e rivoltante.
E io mi domando, ma come si può essere così schifosamente IPOCRITI, eppure è così, l'ho tastato con mano ieri su FB, dove gli indignati per Berlusconi-pedofilo, sulla la  frase di Vendola hanno trovato mille eccezioni.
Detto questo, non approvo la condotta di Berlusconi, non certo per "pruderie", ma perchè, ben sapendo quanto la sinistra ci marci su questa sua debolezza, potrebbe essere più riservato. Meglio ancora sarebbe piantarla lì di frequentare questo tipo di donne che per un po' di pubblicità e di quattrini venderebbero la nonna paralitica.
Orpheus
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. vendola pedofilia

permalink | inviato da Orpheus il 3/11/2010 alle 18:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (31) | Versione per la stampa

3 novembre 2010

La scoperta dell'acqua calda


Berlusconi ne ha detto un'altra delle sue. Un'uscita condivisibile, ma soprattutto scontata e assolutamente logica. Chi farebbe carte false per avere un figlio gay, nessuno. Ma proprio nessuno, in cuor suo, si augurerebbe un figlio omosessuale, e questo non perchè esserlo, sia un peccato o una vergogna, semplicemente perchè la natura ha previsto che si procreasse in un solo modo, e la procreazione è lo scopo primario dell'umanità.
Non c'è nulla di male quindi ad esternare una posizione che è quella della quasi totalità della maggioranza, una frase talmente ovvia, da risultare solo di buonsenso.
Ma il buonseno si è perso, e adesso abbiamo a che fare con un senso comune, che vuole equiparare l'eterosessualità all'omosessualità. E questo proprio non esiste. Che nel proprio letto ognuno faccia ciò che più gli aggrada, mi sta bene (al contrario dei bacchettoni rossi, che fanno i moralisti a SENSO unico), che si riconoscano determinati diritti alle coppie omosessuali, anche, che non siano discriminati o peggio ancora perseguitati, idem, ma da qui, a mettere l'omosessualità al pari dell'eterosessualità, ce ne passa.
Berlusconi ha solo esternato un pensiero comune, che il regime del politically correct, ha criminalizzato.
E secondo me ha fatto bene, è ora di accantonare le ipocrisie e di ricostruire dalle macerie del 68' una società che si riappropri dei suoi valori cardine: la sacralità della famigliae della vita, la condanna senza se e senza ma per l'uso di droga, l'orgoglio per la nostra cultura, per la nostra religione, per i nostri valori, la meritocrazia e via dicendo.
Ad esternare questi concetti, si viene tacciati di razzisti e retrogradi...e vabbè, io la penso così e senza insultare NESSUNO e spero senza essere INSULTATA, voglio essere libera di pensarla in questo modo.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Berlusconi gay

permalink | inviato da Orpheus il 3/11/2010 alle 18:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (25) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre