.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

30 giugno 2009

“Per favore, ricordate il nostro martirio”


In Iran soffia forte il vento della repressione, i blog  dei dissidenti vengono oscurati uno alla volta, l’ultimo messaggio  di uno dei più noti  blogger attivisti “Persianwiki” (non scrive ormai da circa sei giorni e si teme sia stato arrestato) risale al 24 giugno: “Dobbiamo muoverci, non so quando potrò ricollegarmi, hanno arrestato uno di noi sarà torturato e farà dei nomi. Adesso dobbiamo muoverci in fretta. Per favore ricordate il nostro martirio - Allah Akbar”’.
La Federazione internazionale dei diritti umani parla di “oltre duemila le persone arrestate e che si trovano attualmente in carcere”, e  di “centinaia di persone che risultano scomparse. Fra gli arrestati anche le “madri in lutto” che in queste settimane hanno perso o non sanno più che fine hanno fatto i loro figli.
Amnesty International e Reporter Senza Frontiere parlano apertamente di “torture” nella fortezza di Evin: il regime ha bisogno di “confessioni” che lo aiutino a legittimare la violenta campagna intimidatoria lanciata da Ahmadinejad contro i governi occidentali, la Gran Bretagna su tutti.
La repressione della dissidenza iraniana è stata affidata a Saeed Mortasavi tristemente noto come “the butchter of the press, il “macellaio della stampa” il terribile pubblico ministero di Teheran che ha chiuso giornali, perseguitato scrittori e torturato intellettuali, coinvolto nell’assassinio di una fotografa canadese e che INCREDIBILMENTE fa parte della delegazione dell’Iran al Consiglio dei diritti umani dell’Onu.
La situazione é sempre più allarmante ma a quanto pare, passata l'ondata emozionale del primo momento, sull'Iran comincia a calare il silenzio.
La farsa del riconteggio dei voti ha, come da copione, riconfermato Ahmadinejad, rimane la speranza che il Premier Silvio Berlusconi al G8, mantenga la promessa di "nuove e più dure sanzioni contro l'Iran".
Intanto noi possiamo solo continuare a parlare del martirio dei giovani iraniani.
Ricordalo nei nostri blog e nelle nostre preghiere.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Iran. protesta voto

permalink | inviato da Orpheus il 30/6/2009 alle 21:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

30 giugno 2009

il Riformista rilancia l’appello della vergogna…ma quanto é caduto in basso!


Il Riformista on line rilancia l’appello farneticante delle  quattro beghine rosse, che pur di esternare il loro odio contro Berlusconi, non si fanno scrupolo di nuocere all’immagine dell’Italia all’estero.
Hanno mandato lettere personali alle mogli dei presidenti, da Michelle Obama a Carla Bruni chiedendo loro, di disertare il G8 per disprezzo contro Berlusconi, reo di presunti comportamenti maschilisti che lederebbero la dignità di tutte le donne italiane. Peccato che a tutt'ora il demente appello abbia raccolto solo 13.467 (di cui 11.684 di Micromega)….un successone. Veramente. Che la dice lunga su come la pensano le donne italiane.
Come se non fosse già abbastanza vergognoso e ridicolo il tentativo di sputtanamento globale delle quattro tardo(ne)femministe nostrane,  hanno mandato l’appello anche ad alcuni giornali stranieri; e poi ci meravigliamo dell’immagine che abbiamo nel mondo…ma sappiamo tutti CHI dobbiamo ringraziare.
L’appello, che ovviamente non SPECIFICA quali siano le colpe del Premier ma le indica genericamente come “comportamenti, gravi sul piano morale, civile, culturale, minano la dignità delle donne e incidono negativamente sui percorsi di autonomia e affermazione femminili”, TOCCA il livello più infimo quando oltre insultare il Premier ripropone la tesi demenziale, smentita ogni santo-benedetto-giorno, su Repubblica, il Corriere, l’Unità  ecc.  della dittatura mediatica del  Premier. : “Il controllo che Berlusconi esercita sulla grande maggioranza dei media italiani, in spregio a ogni regola democratica, limita pesantemente le possibilità di esprimere dissenso e critica”.
E meno male che sono “limitate pesantemente ad esprimere dissenso e critica”!
Se solo Berlusconi apre bocca e si lascia sfuggire un dittongo, inizia da Repubblica per finire al Times, il tam-tam di indignate recriminazione sulle gaffe del Cav. addirittura arrivano a inventarsele come nel caso di Sarkò e la Bruni, non avendo materiale a disposizione.
Sarebbe l'ennesima pagliacciata ipocrita e demenziale della sinistra, da non prendere nemmeno in considerazione, se non ledesse l'immagine degli italiani all'estero: tutti. Cosa mai potranno pensare di noi, visto che da 15 anni Berlusconi STRAvince le elezioni? Che siamo tutti idioti o puttanieri.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra antitaliana

permalink | inviato da Orpheus il 30/6/2009 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

29 giugno 2009

GIUSTIZIA DA CANI

 Maltrattamenti e uccisione ingiustificata di animali nel canile-lager di Colle Arpea: il giudice assolve tutti con formula piena“perchè il fatto non sussiste”
Come "dimostrano" LE FOTO a seguire



Questi cani non esistono, quindi non sono stati ammazzati
 
In data 23/06/09, con una sentenza del tutto prevedibile, il Tribunale di Rieti, nella persona del Giudice Cristina Scipioni, su richiesta del PM Boccacci, ha assolto gli imputati Leonardo Bordi (Proprietario), Pierluigi Angeloni (Direttore Sanitario) Fabio Piscicchia (gestore pro tempore) dall’accusa di maltrattamento e uccisione di animali con la seguente motivazione: “il fatto non sussiste”.
 - Nonostante le sommarie informazioni rilasciate dagli operai, in merito a determinate “procedure” con cui vennero abbattuti numerosi cani (poi ritrattate in sede processuale);
 - Nonostante la copiosa documentazione depositata dai volontari (dei quali il tribunale ha ritenuto di  volerne ascoltare solo uno);
- Nonostante le chiarissime perizie degli esperti nominati dal PM;
- Nonostante la “sparizione” contemporanea di un numero di cani compreso tra 50 e 100
(nessuno mai saprà il numero esatto) nei primi giorni di marzo 2005, i cui corpi sono stati rinvenuti sepolti nell’area adiacente al canile, insieme a due siringhe contenenti del Tanax*.
 
- Nonostante tutto ciò e molto altro, messo a disposizione della Procura ...
 
Il Tribunale di Rieti ha stabilito che i cani
 
- Non sono stati uccisi in massa con iniezioni al cuore di Tanax e/o anestetico;
 
- Non sono stati gettati “addormentati” in una fossa comune;
 
- Non sono morti asfissiati;
 
- Non sono nemmeno morti
 
Il Tribunale di Rieti, avvalendosi del “valido” apporto dell’unico Organo Istituzionale Accreditato, quello che per 20 anni ha avallato l’esistenza di questo canile lager, cioè l’Asl di Rieti (come se i volontari fossero solo dei pazzi visionari inattendibili), ha stabilito che nessuno è responsabile di queste morti e che nessuna mano abbia scelto cane per cane (sopprimendo quelli di grossa taglia o poco simpatici), l’abbia condotto sull’orlo della fossa con una corda al collo, gli abbia conficcato una siringa in corpo e l’abbia gettato nella fossa fino a che c’era posto, uno dopo l’altro: per loro non c’era posto nel “nuovo” canile.
 
Per il Tribunale di Rieti sembrerebbe che tutti questi cani avessero deciso di mettere in atto una sorta di suicidio di massa, non ci sono altre spiegazioni palusibili. O che le vittime di questa mattanza non siano mai esistite: considerando che non c’è alcun certificato che ne attesti la morte e che le vittime non hanno nessun nome, i tatuaggi sono scomparsi, come anche parte dei loro corpi, divorati dai vermi.
 
Eppure ... le carcasse sono nella fossa, una sull’altra, ragionevolmente la morte risale allo stesso  periodo, nei loro corpi sono state rinvenute sostanze anomale, ma poichè questi morti non esistono, nessuno li ha mai uccisi: così ha deciso il Tribunale, in nome del Popolo italiano.
 
Ci sono altri procedimenti in corso sul canile lager di Rieti, come finiranno?
Per leggere l’articolo sull’assoluzione
Se potete, date una mano ai volontari di Ulmino per i cani di Rieti
RIFUGIO
DEL PRICK E DELL'ULMO - ASSOCIAZIONE ONLUS.

c.c.p. N° 45508389
per un bonifico bancario sul c.c.p. aggiungere il codice IBAN:
IT14J 0760113200000045508389

Ho poco da aggiungere tranne che la nostra giustizia non rende merito né agli esseri umani, né agli animali. Fa veramente SCHIFO.
Orpheus




permalink | inviato da Orpheus il 29/6/2009 alle 21:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

29 giugno 2009

Tori e vacche il gossip si arricchisce


Patty si sta dando molto da fare, è sempre stata pronta a tutto pur di emergere e pazienza se le sue dichiarazioni sono molto fantasiose, ma molto fantasiose, la signora a quanto pare  di fantasia ne ha in abbondanza.
 Lei le spara grosse, sempre più grosse, giornalisti senza etica pronti a pubblicare offese e menzogne ne trova ovunque, anche all’estero.
Infatti è la volta del Sunday Times,  che ha fregato lo "scop" a "Repubica" dove Patty in arte Patricia Brummel racconta la sua “notte d'amore” con il Cav: “Non ho mai dormito era instancabile, un toro”.
Secondo la sua ricostruzione, il premier la condusse in camera da letto quasi alle 4 del mattino, dopo che le altre ragazze se n'erano andate.
La D'Addario dice che Berlusconi fece mezza dozzina di docce ghiacciate durante la notte e lei lo raggiunse sotto la doccia a sua richiesta. A un certo punto, secondo quanto la donna ha raccontato in seguito a un amico, “d'improvviso smise di muoversi e pensai fra me e me, grazie a Dio, si è addormentato. Ma non durò molto”.
Dunque un toro e molto accaldato, forse lei, malgrado non più di primo pelo e nemmeno di secondo, lo infiammava, ben SEI docce ghiacciate e nemmeno un raffredddore. Che UOMO!!!! Una salute di ferro, fra l'altro, visto che si trattava di Novembre o giù di lì...

Ecco se avevamo un dubbio sulla veridicità delle sue affermazioni è sparito, un 73enne operato alla prostata che è instancabile come un toro e si fa sei docce gelate in piena notte a Novembre, o è una frottola monumentale o è Superman e in questo caso se lui è un toro, lei è una vacca.
Senza offesa naturalmente.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. d'addario satira berlusconi

permalink | inviato da Orpheus il 29/6/2009 alle 19:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

29 giugno 2009

W la libertà d’informazione ma non quando si tratta del "problema morale" del Pd


Siamo in un paese in cui la libertà d’informazione è scadente perché il Presidente del Consiglio, nonché Caimano ed emulo di Videla avrebbe messo il bavaglio alla libera informazione, questo il “mantra” che ripete la sinistra, che emula di Goebbels,  applica la sua strategia: una menzogna ripetuta più volte e con veemenza, diventa “verità” (per gli sciocchi).
Però la suddetta sinistra non spiega come mai, da settimane è in atto un battage mediatico ossessivo e martellante sulle colpe presunte e non provate di rapporti sessuali del Premier con donne di dubbia moralità, e poco o nulla si dice del ramo principale dell’inchiesta che ha dato il LA a quest’ultima “caccia alle streghe” e cioè le “scosse” arrivate per alcuni autorevoli esponenti del  Partito Democratico.
E’ stato infatti convocato in procura il governatore Vendola  come persona informata sui fatti. Dovrà riferire sull’indagine interna avviata e conclusa dalla Regione sugli appalti assegnati per le forniture sanitarie al gruppo Tarantini. Ma da Vendola gli inquirenti si aspettano chiarimenti anche sulla posizione dell’assessore regionale alla sanità Alberto Tedesco (Pd), costretto a dimettersi alcuni mesi fa perché coinvolto in un’altra indagine che ruota attorno al capitolo appalti sui rifiuti ad Altamura. Tedesco è stato anche  indagato per associazione a delinquere e corruzione insieme ad altre dodici persone e alla direttrice generale della Asl di Bari Lea Cosentino, anche lei considerata vicina al centrosinistra che governa la Puglia.
Dopo le dimissioni Alberto Tedesco è stato chiamato a sostituire Paolo De Castro (eletto al parlamento europeo),  a Palazzo Madama in qualità di SENATORE, ottenendo così lo scudo dell’immunità parlamentare. Questi i fatti. Quali conclusioni trarne? Innanzitutto che i giornalisti preferiscono andar a caccia di lucciole e lasciar in pace i grassi fagiani, e questo la dice lunga su chi CONTROLLA l’informazione in Italia.  Secondo che i moralisti in servizio permanente attivo, prima di alzare il ditino, dovrebbero spiegare un bel monte di cose agli italiani, che  non accadono nel privato, ma nell’ambito delle istituzioni.
Ma non è finita altre “scosse” all’orizzonte per i onestini del Pd,  in Basilicata  nell’ambito dell’inchiesta tela di ragno del Pm, dal pm Woodcock sono stati indagati il consigliere regionale Rosa Mastrosimone (esponente dell‘Alleanza di centro) e il vice presidente della Giunta regionale - nonché assessore all’Ambiente - Vincenzo Santochirico, del Partito democratico. Per entrambi, l’accusa è di truffa e peculato perché sulla base di quanto sostengono gli inquirenti, i due “sfruttando gli incarichi hanno sottratto risorse pubbliche” Pubbliche lo sottolineo.
 Il Pd ha un problema morale che si allarga a macchia d’olio, non solo in Campania dove le giunte sciolte per infiltrazioni mafiose sono state 91  e 70 in Calabria, ma anche in Puglia e in Basilicata.
Ne vogliamo parlare o continuiamo con gli scoop alla Novella 2000, che fra l’altro non sortiscono alcun effetto?
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. informazione pd camorra problema morale

permalink | inviato da Orpheus il 29/6/2009 alle 10:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

27 giugno 2009

Un terrorista di Guantanamo dietro l'uccisione delle tre ragazze in Yemen


Obama il bravo, Obama il caritatevole, Obama il bello ha deciso di chiudere Guantanamo, fumo negli occhi degli stolti perché ha mantenuto la pratica delle "extraordinary rendition" ossia il rapimento tramite servizi segreti di presunti terroristi e la loro consegna ai paesi d'origine, dove vige tortura e pena di morte.
La chiusura di Guantanamo, lungi dall’apportare qualcosa di concreto al rispetto dei diritti umani, ha prodotto solo di liberare feroci fanatici terroristi che tornati uomini liberi si sono rimessi in attività, certo davanti alla commissione americana che li doveva giudicare i terroristi islamici, che scemi non sono, “giurin giuretta” mano sul cuore, hanno dichiarato di voler tornare a zappare l’orticello al paesino natio. Come ha fatto Said Ali al Shihri, il saudita liberato dalla base cubana nel novembre 2007 perché considerato “non più pericoloso” dalla suddetta commissione e oggi vicecomandante di al Qaida nello Yemen.
Said Ali al Shiri sarebbe quindi dietro al rapimento e al massacro delle due giovani Anita Gruenwald e Rita Stumpp rapite in Yemen, come ha rivelato il settimanale Der Spiegel.Le due giovani di 24 e 26 anni erano studentesse di una scuola di teologia e stavano effettuando un tirocinio come infermiere in un ospedale dello Yemen.
Con loro é morta anche Eom Young Sun, la sudcoreana che  faceva parte della Worldwide Evangelization for Christ, un’organizzazione inglese cristiana presente in molti paesi islamici.
 
 Secondo il giornale Yemen Times, l’imam di Saada Hafith al Baani avrebbe tenuto poche ore prima del sequestro un sermone estremista nei confronti degli stranieri. Avrebbe incitato i fedeli all’odio contro i cristiani stranieri che operano in quell’area, perché a suo dire sarebbero “agenti dei servizi segreti stranieri giunti nel paese per diffondere il cristianesimo. Queste organizzazioni diffondono copie del Vangelo e libri cristiani tra i cittadini di Saada, città che soffre per una guerra che dura da anni”.

Contro quest’odio folle ed estremista a nulla valgono le buone intenzioni  i sentimenti d’amore verso il prossimo ispirati dal cristianesimo, siamo come gli agnelli alla festa dell’ id-al-adha, destinati ad essere sgozzati.
Orpheus

27 giugno 2009

Cronaca di un massacro annunciato: il regime affila la scure


“Chiunque prende le armi per combattere contro il nostro popolo si merita l’esecuzione - avverte Khatami - per questo chiediamo al potere giudiziario di fronteggiare i capi dell’opposizione e i responsabili di tutte le violazioni, di infliggere una spietata lezione a tutti coloro che sono appoggiati da Stati Uniti e Israele”.

Parole che pesano come macigni e che hanno un solo significato la persecuzione, la tortura e l’impiccagione di migliaia di ragazzi iraniani pronti a morire pur di non perdere la speranza di un Iran libero.
Fin dove si spingerà il regime e cosa succederà a chi ha osato ribellarsi è sintetizzato dalle foto che ho messo.  Sono scioccanti lo so. Si fa fatica a guardarle, ma è l’inferno in cui saranno catapultati i ragazzi insorti.
Bisogna mostrare senza reticenze di cosa sono capaci i boia iraniani, perché nessuno possa illudersi sulla sorte di coloro che sono scesi in piazza.
Le torture di Abu Graib che hanno fatto inorridire il mondo sono nulla a confronto, perché al mondo non é mai stato mostrato cos’è la tortura nei paesi islamici.
E L’Iran è  fra i peggiori da questo punto di vista.
Ci saranno rastrellamenti a tappeto e torture inimmaginabili, gli arrestati crolleranno perché nessuno può resistere a quel dolore inflitto con inumana ferocia, e denunceranno altri, in una catena che non finirà fino a quando l’ira degli ayatollah non l’avrà vinta sulla volontà dei giovani.
Vi pare impossibile? Non lo è, perché la paura di atroci sofferenze e della morte fiaccherà anche i più forti. E’ con il terrore che gli ayatollah da trenta anni, tengono in ginocchio il popolo iraniano.
Il ragazzo della foto si chiamava Shovan Seyed Ghader e apparteneva a un gruppo politico-etnico è stato arrestato dalla milizia iraniana nel luglio del 2005, torturato in modo orrendo ed infine è morto sotto tortura.
Neda a confronto è stata “fortunata”, se non altro perché non è morta invano, è diventata un simbolo, il simbolo della lotta dei giovani iraniani contro la tirannia.
Del povero Shovan nessuno, tranne pochi, ha mai saputo niente.
Dal canto suo la comunità internazionale non sembra intenzionata a prendere serie misure contro l’Iran e continua nell’imbelle politica delle proteste  proforma il portavoce della Casa Bianca, Robert Gibbs, ha detto che gli Stati Uniti "hanno visto gli inizi del cambiamento" in Iran, ma non danno l'appoggio alle richieste di uno sciopero generale. "Penso - ha spiegato Gibbs - che i manifestanti abbiano ottenuto qualcosa, hanno attirato l'attenzione su quel che sta succedendo in Iran".
Cioè hanno ottenuto di farsi ammazzare? E gli USA continuano a proporre un dialogo? Al quale Ahmadinejad, come da copione risponde in modo arrogante e villano.
E sul versante europeo la musica cambia di poco, niente documento unitario di condanna dopo il "niet" di Mosca.
Cosa si possa fare per aiutare il popolo iraniano proprio non lo so.
Possiamo solo impedire che sulle sue sofferenze cada l’oblio.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. diritti umani Iran Comunità internazionale

permalink | inviato da Orpheus il 27/6/2009 alle 18:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

26 giugno 2009

Lo stupiDario insiste


"Sono stato chiamato a guidare il Pd quattro mesi fa - ricorda Franceschini - in un momento difficile, quando il progetto sembrava inesora
bilmente destinato a fallire" anche a causa delle divisioni tra dirigenti (al 33,2% adesso che é ulteriormente sceso al 26,13% é il caso di far baldoria N.di.O)
Invece "tutti si sono rimboccati le maniche e capito che la nostra litigiosità avrebbe consegnato alla destra il Paese" (Infatti adesso é tutto pissi pissi bau bau N.di O)
E così "abbiamo cominciato a parlare dei problemi degli italiani, abbiamo avanzato proposte per chi è in difficoltà davanti alla crisi, abbiamo alzato la voce per denunciare assenze e falsità del governo".
"Oggi - prosegue Franceschini - potrei dire missione compiuta (di cui noi del centro-destra siamo CONSAPEVOLI e infinitamente grati e auguriamo al Pd cento di queste missioni N.di O.) abbiamo arginato la destra e dato futuro al progetto del Pd.

(Il meglio viene adesso N.di.O)
Prima del 5 giugno avevamo un Pdl al 45% (??? N.di O) le città più importanti in mano alla destra ( e ci sono rimaste e se ne sono aggiunte) e un Pd piegato e umiliato.
Ora il quadro è profondamente cambiato: in un Europa attraversata purtroppo da un impetuoso vento di destra, il Pdl dopo un solo anno di governo arretra; il Pd è lontano dal risultato dell'anno scorso ma vince in città e province in tutta Italia, e diventa il primo partito per consensi nel campo riformista in Europa e promuove l'Alleanza dei progressisti".
Dario Franceschini addì
24 giugno 2009 13.55
(sotto un sole cocente)

Ho una sola domanda: ma di quali elezioni sta parlando Franceschini?
Le stesse che si sono svolte il 6/7 giugno 2009 in Italia o altre che si sono svolte su Marte o nella testa del povero Dario?

E ho due consigli, il primo é un po' di sano riposo e borsa del ghiaccio in quanto, il sopra citato soggetto é in evidente stato confusionale da stress post bastonata elettorale e/o colpo di sole.
Il secondo per il Pd, convincete questo signore a candidarsi e se lo fa votatelo in massa. O il Pd sarà sommerso dal ridicolo.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. fantasy asinistra

permalink | inviato da Orpheus il 26/6/2009 alle 15:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

26 giugno 2009

Otto domande a D'Alema




Ecco le otto domande poste dal Giornale a Massimo D'Alema, che sono legittime come quelle che "Repubica"  ha posto a Sivio Berlusconi, in quanto riguardano addirittura un'inchiesta terminata con il patteggiamento e la condanna di una maitresse.

Ora qualche domanda vorremmo farla anche noi, se non vi è di troppo disturbo.

Perché l'inchiesta sui D'Alema boys è stata chiusa così frettolosamente?
 
Che cosa ha esattamente ricevuto in cambio dei suoi servizi la maîtresse che forniva le ragazze?
 
È vero che appalti che riguardavano anche società partecipate dallo Stato sono stati inquinati da questo vorticoso giro di squillo a Montecitorio e dintorni?

Come mai la nostra solerte magistratura (che a Bari sta facendo sfilare in Procura lucciole, escort e trans per stabilire quante feste si tengono a Cortina) non ha sentito l’esigenza di appurare chi era quel "politico molto influente" che ha goduto dei favori di una prostituta all’interno della Camera dei deputati?

Perché nessun investigatore è stato punto dalla curiosità di approfondire i rapporti tra la famosa maîtresse e l’onorevole Lorenzo Cesa, cattolico, attuale segretario dell’Udc, visto che i due erano in società insieme?

Come mai in quel caso nessuno si affrettò a passare le «carte» agli organi di informazione?
 
Qualcuno crede davvero che l’indagine rivelata dal Giornale non contenga elementi molto più seri di quella che sta avvelenando la vita del Paese da settimane?

Qualcuno crede davvero che quella vicenda si sarebbe risolta in modo così rapido e indolore se al posto di D’Alema ci fosse stato Berlusconi?

Ecco le nostre domande: non sono dieci, ma ci accontentiamo.
Certi che domani la Repubblica, l’Unità, il País, il Times e tutti gli altri immacolati guardiani della democrazia le rilanceranno da par loro. In nome della libertà di stampa e per il bene della nazione.
Da il Giornale
Cicchitto in una trasmissione li aveva avvistati, nessuno é al riparo da scandali quando ci butta sui sexigate....ogni escort é bella al cliente suo"...
Orpheus



26 giugno 2009

Due lettere per Neda e il popolo iraniano


Neda é diventata il simbolo della resistenza del popolo iraniano, in rete ho trovato due lettere per lei, che rappresentano in qualche modo il sunto di tutto quello che é accaduto in questi giorni.
La sofferenza di un popolo nelle parole della sorella di Neda, in piazza accanto a lei per reclamare la sua libertà:
 Ieri avevo scritto un breve appunto perché avevo un'idea fissa: 'domani sarà un grande giorno [alla manifestazione] , ma io potrei essere uccisa...'
Invece ora io sono qui, viva, e a essere uccisa é stata mia sorella.
Sono qui a piangere mia sorella morta tra le braccia di mio padre.
Io sono qui per raccontarvi quanti sogni coltivava mia sorella...
Io sono qui per raccontarvi quanto fosse una persona dignitosa e bella, mia sorella...
Sono qui per raccontarvi come mi piaceva guardarla quando il vento le agitava i capelli...
Quanto volesse vivere a lungo, in pace e in eguaglianza di diritti....
Di quanto fosse orgogliosa di dire a tutti, a testa alta, 'Io sono iraniana'...
Di quanto fosse felice quando sognava di avere un giorno un marito con capelli spettinati, di avere una figlia e di poterle fare la treccia ai capelli e cantarle una ninna-nanna mentre dormiva nella culla.
Mia sorella é morta per colpa di chi non conosceva la vita, mia sorella é morta per un'ingiustizia senza fine, mia sorella é morta perché amava troppo la vita...
Mia sorella é morta perché provava amore per tutte le persone...

Chiunque leggerà  questa mia lettera, per favore, accenda una candela nera con un piccolo nastro verde alla base e ricordi Neda e tutti i Martiri di queste giornate, ma quando la candela si sarà  spenta non dimenticatevi di noi, non lasciateci soli...


L'altra é una lettera immaginaria di Neda a Hillary Clinton, che inchioda l'amministrazione Obama (ma non é la sola), alla propria ipocrita posizione di spettatrice apatica, la cui condanna degli atti criminosi accaduti in Iran, non é andata oltre a qualche frase inutile di circostanza.

Gentile signora Clinton. – A nome di tutte le vittime dei massacri che ormai da più giorni stanno insanguinando le strade e le piazze di Teheran, mentre il regime degli ayatollah continua a sparare sui manifestanti (tutti, sia detto fra noi, pericolosi sovversivi come me), e il capo supremo dell'Iran, Seyyed Ali Hoseyni Khamenei, ha rivelato che quei farabutti, me compresa, sono semplicemente prezzolati burattini dei servizi occidentali, soprattutto inglesi e americani, la prego di farmi sapere al più presto se il presidente degli Stati Uniti – che lei, naturalmente, nella sua veste di Segretario di Stato, ha modo di incontrare e consultare quando vuole – desidera ancora invitare al “dialogo” i teocrati del mio paese.
 
Purtroppo fra un mese tutto il clamore sui media mondiali suscitato dalla sanguinosa repressione di questi giorni, si spegnerà e il regime iraniano comincerà la persecuzione dei dissidenti politici, e sarà una terribile mattanza  come quella del 1988, quando nell'arco di un'estate furono giustiziati 33.000 detenuti politici colpevoli semplicemente di aver sostenuto, simpatizzato o aver fatto parte dell'Organizzazione dei Mojahedin del Popolo iraniano.
Per questo é vitale che l'interesse dei media e dei governi mondiali non si spenga, ma anzi la pressione sul regime iraniano aumenti d'intensità.
Orpheus




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. occidente proteste iran elezioni

permalink | inviato da Orpheus il 26/6/2009 alle 9:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

25 giugno 2009

Chi di escort ferisce di escort perisce parte 2

I fatti di cui ho parlato nel pezzo precedente, meritano alcune considerazioni a parte, per l’iniquità di quello che rappresentano se rapportate alla campagna politico mediatica che  ha preso di  mira  Silvio Berlusconi.
La sinistra con poco o nulla tenta la via del “sexi-gate”  per eliminare dalla scena politica Berlusconi, visto che non ci è riuscita in nessun’altro modo, e non si può negare che le abbia tentate tutte.
L’inchiesta di carta stampata, portata avanti dalle gazzette rosse, è solo fumo, di arrosto non c’è quasi nulla. Sono tutte “chiacchiere” di una escort  MATURA (con espliciti intenti RICCATTATORI, o che è stata PAGATA per il suo lavoro sporco, sennò non si spiega il registratore).
Berlusconi non risulta al momento indagato, né qualcuno ha ancora chiesto l’utilizzo di sue eventuali intercettazioni. Patrizia D’Addario avrebbe concordato con Gianpaolo Tarantini un compenso. Berlusconi sapeva o addirittura sarebbe stato lui a pagarla?
NON RISULTA DA NESSUNA PARTE: Tarantini lo ha, anche detto: “Avendo ricevuto inviti" da parte del presidente Silvio Berlusconi "ho ritenuto di farmi accompagnare da alcune mie amiche per fare bella figura e mettermi in evidenza. Non ho mai corrisposto soldi a chi mi accompagnava se non per rifondere le spese di viaggio e di soggiorno”.
"Non c'è nessuna verità nelle ricostruzioni dei fatti accreditate da certi giornali con il palese ed esclusivo intento di denigrare il presidente del Consiglio al quale voglio chiedere pubblicamente scusa per averlo involontariamente danneggiato”.

Ragion per cui a tutt’ora questa gogna è stata allestita UNICAMENTE sulle dichiarazioni di una prostituta ricattatrice e su una frase di Berlusconi in cui parla del “letto grande”  e che dimostra solo, che lui ha avuto una relazione a casa sua, con una donna, della quale NON conosceva il mestiere.
Nell’ inchiesta riguardante il giro di escort sotto il Governo D’Alema, la polizia riferiva che R.F., la maitresse CONDANNATA, ha assoldato una certa Marina “per un incontro a sfondo sessuale con un personaggio molto importante” retribuito con 800mila lire.
“Dopo essersi accordate sulla cifra - prosegue la relazione - uscivano entrambe raggiungendo da una via laterale l’entrata della Camera dei deputati. Dopo aver varcato il portone d’ingresso, si fermavano davanti a un commesso preposto alla consegna dei “pass” che consegnava a R. F. due pass senza ricevere in cambio alcun documento. Dopo aver passato il varco d’ingresso si dirigevano nell’ufficio di un personaggio, a dire della ragazza molto importante, che le faceva accomodare entrambe”.
«Lo stesso, dopo aver visionato la ragazza e averci dialogato, durante la conversazione chiedeva alla stessa se era disponibile a viaggiare in qualità di “accompagnatrice” di personaggi molto influenti, prospettandole in cambio la possibilità di guadagnare molto denaro (...). R. F. diceva alla ragazza che dopo poco sarebbe entrato un uomo e con lui doveva congiungersi carnalmente. Infatti dopo poco giungeva un uomo e all’interno dell’ufficio la ragazza aveva un rapporto sessuale. Al termine quest’ultimo riferiva di essere rimasto molto soddisfatto e che tramite il suo segretario, se lei era disponibile, si sarebbero nuovamente incontrati per seguirlo in uno dei suoi spostamenti all’estero (...). Si rappresenta inoltre che la ragazza, anche se raccontava nei particolari alla fonte l’incontro avuto all’interno della Camera dei deputati, evitava di dire le generalità del personaggio molto influente» per paura di ritorsioni.
In questa vicenda c’è una maîtresse, ci sono escort, ci sono incontri che si consumano non in case private (come è e resta Palazzo Grazioli) ma addirittura dentro i palazzi dell’istituzione, Montecitorio. C’è, insomma, un’emergenza morale a luci rosse, in tutti i SENSI, con fatti certi e assai più gravi delle accuse scagliate finora contro Berlusconi.
Eppure nel primo caso la escort è diventata una  star pluri-intervistata  alla quale, secondo alcuni moralisti senza morale, bisognava dare ribalta addirittura al Tg uno, nel secondo caso la escort ha mantenuto l’anonimato per paura di “ritorsioni”.
E tutta questa gentaglia non contenta di mentire al popolo italiano, diffamare il presidente del consiglio, recare danni immani all’immagine del Paese all’estero, violare la privacy in modo indecente, non contenta di tutto, e reclamando per sé, il diritto alla diffamazione, NEGA AGLI ALTRI il diritto ad informare, ricorrendo alla querela.
Questa gentaglia è il marcio che mina alle basi la nostra DEMOCRAZIA,  se rimaniamo in silenzio e non denunciamo la loro protervia antidemocratica, la loro politica fatta tramite intrighi e diffamazione su mezzi d’informazione di loro “proprietà” , rischiamo di ritrovarci in un regime che va al potere contro il volere del POPOLO SOVRANO. E non si parla di fanta-politica perchè é già SUCCESSO.
Orpheus
Up date D'Alema se n'é guardato bene dal fornire spiegazioni su quanto scritto dal Giornale e ha già presentato querela.

25 giugno 2009

Chi di escort ferisce di escort perisce: l'inchiesta svanita sul giro di squillo del clan D'Alema


Domandina da 1 milione di euro, chi sono quelli che hanno i peggior scheletri nell’armadio?
Sono coloro che con il ditino alzato, fanno i moralisti a senso UNICO, quelli che mettono alla gogna i  presunti“peccati” altrui, anche se commettono gli stessi peccati.
Da questo genere di moralisti immorali ci si può solo difendere scendendo al loro livello e rivoltando il loro fango per darlo in pasto ai media.
C’è stata un’altra inchiesta, a Roma, che chissà come MAI,  è rimasta “sconosciuta” per quasi dieci anni e che riguarda l’entourage di un altro premier Massimo D'Alema, in contatto sicuramente con una scuderia di prostitute d’alto bordo.
L’inchiesta avviata nel 1999 dal pm capitolino Felicetta Marinelli si é conclusa il 4 ottobre 2000, con una rapidità alquanto "singolare" visto come funziona la giustizia nel nostrio Paese e con il patteggiamento a un anno della maîtresse R.F. che secondo l’accusa inviava sue “squillo”(ossia escort) ai fedelissimi dell’allora presidente del Consiglio, Massimo D’Alema, per ottenere ritorni economici di vario genere.
Sono svariati i nomi eccellenti che tornano nei verbali d’interrogatorio e nelle intercettazioni disposte a seguito dei pedinamenti fin sull’uscio di Montecitorio da parte degli agenti della Squadra mobile: si va da Francesco Mariani, un tempo responsabile dei trasporti del Pci-Pds ai due ex soci del leader Massimo nella compravendita della barca Ikarus: innanzitutto, Roberto De Santis, pugliese ed eminenza grigia del leader Ds, Vincenzo Morichini, fondatore dell’Assonautica romana, da sempre vicinissimo a D’Alema. Nei brogliacci delle telefonate sbobinate a piazzale Clodio si fa anche esplicito riferimento ad alcuni episodi dove viene citato l’allora «segretario particolare di D’Alema», ovvero Nicola Latorre, oggi parlamentare del Pd. Nelle informative c’è spazio infine per i ruoli ricoperti dall’ex deputato Ds, Michele Giardiello e da un paio di funzionari ancor oggi nel partito di Franceschini.
Riassumendo c'è un inchiesta in cui il Pm Marinelli DICHIARAVA: "Dalla lettura dei verbali emerge che R.F. utilizza le ragazze per organizzare incontri di carattere chiaramente sessuale con personaggi, di cui alcuni facenti parte del mondo politico, o aventi cariche in enti pubblico". Ma quando diventò un "problema" politico in procura si accavallarono le riunioni. In questura gli accertamenti rallentarono bruscamente.
-L’ipotesi iniziale della corruzione venne presto derubricata in sfruttamento della prostituzione finalizzata a portare a casa contratti importanti con aziende private e istituzioni pubbliche.
-I controlli sui telefoni dell’indagata vennero interrotti, la richiesta di rinvio a giudizio fu recapitata all’interessata, si arrivò al processo senza dare alcuna pubblicità all’esito finale.
-Con la maîtresse condannata, in tanti tirarono un sospiro di sollievo.
E l'intera operazione ha tutta l'aria di un sapiente e opportuno insabbiamento, con la benedizione del giornale moralista per eccellenza, Repubblica delle Banane e di tutta la banda di ex cantori dell’amore libero e del sesso estremo, da poco riciclatisi bigotti di oratorio che strillano all’emergenza morale, mentre dieci anni fa se ne sono rimasti rigorosamente zitti.
-continua-
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo d'alema indagine escort

permalink | inviato da Orpheus il 25/6/2009 alle 10:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 giugno 2009

L’editto di Montenero



Il Trebbiatore ci va giù pesante e mostra ancora una volta la sua vera natura liberale e libertaria. “Minzolini va licenziato” tuona il tonino molisano, perché ha preteso di dirigere il TG 1 come gli pare, e come dovrebbero fare tutti i direttori.

Non ha insultato, calunniato o attaccato nessuno. Ha semplicemente valutato che tenere un profilo basso sulla”inchiesta” di Repubblica non ledeva il diritto all’informazione. Perché la notizia non è che il Cavaliere ha avuto un rapporto sessuale o che nella sua villa in Sardegna in piena estate c’erano belle ragazze in topless che facevano il bagno in piscina.

La notizia, è che Repubblica da un mese non fa che attaccare il Premier. Sai che novità!

Allora delle due l’una: o d’ora in poi la linea editoriale del TG1 la detta direttamente Scalfari o il Cavaliere, in futuro, dovrà arrangiarsi da solo e a villa Certosa porte aperte solo alla Rosy Bindi e alla Del Turco.

Da Legnostorto
Questa "felice" sortita di Di Pietro assomiglia molto al famigerato "editto" bulgaro e Minzolini stà vedendo i sorci verdi, o meglio rossi.Ogni editto é bello a papà suo, anche se quelli dei soliti noti, passano per "nobili atti" in salvezza  della democrazia.
A Di Pietro e a quanti si lamentano vorrei far notare, che il Gossip nei Tg non é una scelta che alzi il suo valore culturale e informativo e coloro che, come me PAGANO il canone, hanno diritto, quanto meno, a non essere trattati come "tubi digerenti".
Detto questo nel suo editto Di Pietro ci ha infilato anche una paio di sonore inesattezze, dicasi balle: la prima é che sarebbe stato oscurato (va di moda, lo dicon tutti)  quando a sentire la commissione di vigilanza“Al Tg1, secondo i dati di giugno, più dell’ex-pm sono apparsi solo Berlusconi, Franceschini e Napolitano”.
E poi che il suo partito "ha rifiutato la spartizione per gli incarichi che saranno assegnati domani alla Rai. Una spartizione e un mercimonio di posti su cui deve intervenire la magistratura''.
Come no, peccato che ha bloccato per due mesi o giù di lì la nomina in vigilanza perchè voleva IMPORRE Leoluca Orlando, che se non sbaglio é del suo partito.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Editto montenero Edittto Bulgaro Minzolini

permalink | inviato da Orpheus il 24/6/2009 alle 18:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

24 giugno 2009

I vergognosi NO della sinistra


"In un Paese normale, davanti alla sofferenza della popolazione, l’opposizione dovrebbe votare subito a favore di un decreto come questo"
.
A parlare così non é un politico del centro-destra, ma un parlamentare del Partito Democratico, Roberto Giachetti.
Il decreto in questione é quello della ricostruzione in Abbruzzo al quale hanno detto NO, "Mortisia" Franceschini, "Franza-e-Spagna-l'importante-é-che-se-magna" Casini e il "Trebbiator scortese" Di Pietro.
Giachetti e altri otto si sono astenuti.
Il tempo stringe il Governo ha promesso di consegnare  entro il 30 novembre a quindicimila persone  "una casa vera, confortevole e addirittura ammobiliata" e si conoscono bene i modi che l'opposizione "responsabile" mette in atto per boicottare la maggioranza, migliaia di emendamenti, che hanno come unico scopo di allungare enormemente i tempi di approvazione (già lentissimi) di una legge.
Il decreto non é alieno da pecche perchè nel testo non sono rientrati i contributi per i non residenti (seconde case) e i soldi non sono abbastanza (Tremonti stesso ha ribadito che saranno stanziati altri fondi). Ma in questi casi uno si astiene. Votare contro è un’altra cosa. È un no sbattuto in faccia a chi ha perso tutto. È uno schiaffo. È uno sputo. È dire a un abruzzese dell’Aquila o di Onna: non te la prendere, questa è la politica, ma quella che porta avanti la sinistra italiana.
Si parla sempre dell'Italia come di un paese anomalo, ma di enormemente anormale in Italia c'è solo la sinistra. Una parte politica che non propone MAI NULLA e tutto tenta di distruggere a discapito dell'Italia, degli italiani e come in questo caso, di cittadini già toccati da un immane disastro.
La sinistra non perde né il pelo e né il vizio anche in Europa, pur di danneggiare o non far fare belle figure al Governo vota (o ha intenzione di farlo) contro l'interesse nazionale. Com'è successo qualche giorno fa a Bruxelles dove era stato fatto il nome di  Mario Mauro alla presidenza Ue e la sinistra aveva intenzione di votare contro.
Al contrario del centro-destra che a suo tempo, votò a favore di Romano Prodi.
La differenza c'è e si vede ogni volta che gli italiani sono chiamati a votare, hanno capito di che pasta é fatta una parte politica che non ha altri mezzi per far campagna elettorale che affidarsi alla diffamazione tramite giornali: dalla gloriosa lotta del proletariato al lettone disfatto di Palazzo Grazioli, il tonfo é stato lento ma fatale. Il povero Marx si starà girando nella tomba come la punta di un black&decker...
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra presidenza ue decreto abruzzo

permalink | inviato da Orpheus il 24/6/2009 alle 17:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

23 giugno 2009

Povero Franceschini non ne azzecca MAI una: +28% le tasse recuperate dalla lotta all’evasione


Parlare male di Franceschini è come sparare sulla croce rossa, ma è anche come mangiare le ciliegie: una tira l’altra.
E’ commovente, nonché encomiabile la sua masochistica attitudine a sparar panzane (regolarmente smentite da fatti e numeri), che attirano su di lui le frecciatine ironiche di quei cattivoni del centrodestra e lo fanno sprofondare sempre più nel ridicolo.
 Lui ci prova a far il Villanzon Scortese alla Tonino, ma proprio gli manca le “phisique du role” e il frasario “bifolcheggiante” e sgrammaticato, lui con la sua vocina querula dalla cadenza emiliana, il pallore terreo da colica intestinale e gli occhialini da secchione tutt’al più può far concorrenza a Don Sciortino, se non viene scambiato per il suo chierichetto.
E’ anche un eccellente interprete di barzellette del tipo “le ultime parole famose” perché le sue lapiDarie affermazioni come “Da quando ci sono loro ( cioé quelli del centrodestra) le stime dicono che l’evasione è aumentata di 7-8 miliardi”  sono smentite dai  dati della Guardia di Finanza, decisamente più attendibili di quelli letti da Franceschini nella sfera di cristallo ereditata d Veltroni. 

Non solo, con questo governo di “ protettori di evasori fiscali”, nel 2008  gli accertamenti sono stati circa 645 mila un più 29% rispetto al 2007.
Una per una cadon le foglie e anche le frottole della sinistra che nel suo elettorato son diventate leggende metropolitane del tipo “C’era una volta nel Regno Azzurro, un perfido monarca, con il fido stalliere Mangano, protettore di mafiosi ed evasori fiscali…”.
 Prove? Zero, ma che importa agli elettori di sinistra bastano le favole anche senza lieto fine …
Orpheus

23 giugno 2009

Il Pd invoca la libertà di diffamazione sul Tg.Uno


L’Iran brucia, la crisi impazza, l’influenza suina è una pandemia e in Italia le tasse sul lavoro sono le più alte d’Europa ma il “tiggì” nazionale è reo di non aver dato risalto a tutti i pettegolezzi su caso “D’Addario e le altre”, che già riempiono paginate e paginate di giornali.
A denunciare questo “grave” problema nazionale è il solito PD, ovvero Partito Diffamatore per eccellenza, che orbo di Ballarò e AnnoZero perché in ferie (molto attivi durante il caso “Noemi”) non si capacita che Augusto Minzolini non si comporti come la “sciura” Mariuccia e faccia da megafono a maldicenze varie.
Insomma il Tiggì secondo la richiesta  del Partito Diffamatore che ha provocato l’immantinente intervento di Galimberti, dovrebbe aprirsi così: "Buonasera, apriamo il Tg con una notizia che coinvolge il Premier in persona. Due giornalisti del quotidiano la Repubblica hanno infine trovato la terza ragazza che assieme a Patrizia D'Addario e Barabara Montereale è stata ospite di Palazzo Grazioli
L'intervista che occupa l'intera pagina 7 del quotidiano, ha questo inquietante titolo: "Andai a cena dal Cavaliere vidi che Patrizia restò con lui".
Messa alle strette dai segugi del quotidiano romano la ragazza ha accettato di parlare, anche se a condizione di mantenere il suo anonimato. Nel suo racconto,  L. (così Repubblica delle Banane indica la ragazza) ammette di essere stata ospite di palazzo Grazioli, ma nega di aver mai visitato villa Certosa.
Seppur incalzata dai suoi intervistatori, L. sostiene di non aver mai saputo che Patrizia fosse una "escort" e nega insistentemente di essere stata pagata per quell'incontro con il premier. All'insidiosa domanda dei giornalisti se si trattasse o meno di "un dopocena", la ragazza ammette di aver mangiato un gelato.
Messa sotto pressione dai suoi intervistatori L. sostiene di ricordare che il premier abbia raccontato una barzelletta su di un calciatore del Milan e poi abbia mostrato foto di famiglia e un filmino di lui alla Casa Bianca (tutte azioni terribilmente sospette di cui il popolo italiano deve esserne a conoscenza).
In uno dei passaggi centrali dell'intervista L. confessa di aver ricevuto in regalo da Berlusconi "delle statuine". I due intervistatori non si lasciano sfuggire il dettaglio e da veri professionisti, incalzano: "Che statuine?".
Così si apprende che si trattava di statuine di gladiatori.
Ma il passaggio decisivo è quando L. ammette che al momento di andarsene la sua amica Patrizia decise di rimanere a palazzo Grazioli. Alla domanda "si chiese perchè?", L. risponde stolida "no". Lo stesso secco no con cui la ragazza risponde alla domanda finale dell'intervista e cioè se le fosse stata offerta una candidatura. In chiusura L. racconta che tornata in albergo chiamò la madre per raccontare la serata. Con legittimo sospetto i due giornalisti chiedono: "Davvero all'una di notte chiamò sua madre?" E L. candidamente risponde, "si era successa una cosa così speciale".

Questo “popò” di notizie Minzolini è reo di avere occultato e giustamente ha risposto a chi invoca il diritto di diffamazione che é tutto GOSSIP e nulla di più, e per questo ci sono giornali e spazi tv APPOSITI, chiedere che lo faccia  anche il Tguno é un imbarbarimento dell'informazione seria e della politica (aggiungo io).
Forse dalle parti del PD, abituati a D’Avanzo e simili, sono convinti che tutti i giornalisti siano disposti a sputtanarsi con notizie di così alto valore giornalistico, da Premio "Pulitzer" (del Wc).
Dimostrando con questa protesta il grado di serietà di una parte politica costretta da mesi a rovistare nella “spazzatura” di Palazzo Grazioli e Villa Certosa con la speranza di trovare un “profilattico usato”, da cui trarre il Dna di Berlusconi  e poterlo così inchiodare alle sue pesanti responsabilità di “scopatore” di escort mature.

Anzi potrebbe essere un’idea, come mai Repubblica delle Banane non ha ancora inviato un valente cronista a raccogliere “indizi”, sai che titoloni!!!
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. informazione pd polemica minzolini

permalink | inviato da Orpheus il 23/6/2009 alle 10:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

22 giugno 2009

E’ iniziato il declino del centro-destra: parola di Franceschini


Archiviata la batosta di due settimane fa, di cui faccio un breve sunto: di cinquanta province, la sinistra ne aveva mantenute solo quattordici; il centrodestra è salito da 9 a quota 26 (alle quali vanno aggiunte quelle del ballottaggio). In Abruzzo, Campania e Lombardia la maggior parte dei ribaltoni sono stati a favore dei partiti del centrodestra. Il centrosinistra ha retto abbastanza bene nelle roccheforti di Emilia e Toscana. A Napoli una è stata una sconfitta largamente annunciata”.  A  questi dati bisogna aggiungere 9 capoluoghi di Comune contro 5 rimasti al centrosinistra.  
Franceschini si dice felice d’aver “tenuto” in due regioni su 20 e che per il centro-destra è iniziato il declino (avercene di questi declini), lo dice con l’aria di uno a cui hanno appena schiacciato i gioielli di famiglia fra due mattoni.
Ma è felice ugualmente,  in un paese di ciechi anche un orbo è un re.
Provincia Belluno passato dal Pd al Pdl con Gian Paolo Bottacin 51,10
Provincia di Milano Guido Podestà 2788 / 2905 sezioni scrutinate
Provincia di Venezia Francesca Zaccariotto  52,12  730/862 sezioni scrutinate
Provincia Ascoli Piceno Piero Celani  192/216 sezioni scrutinate
Provincia di Savona  Angelo Vaccarezza 52,12
Provincia di Frosinone 51,66  367/496 sezioni scrutinate
Provincia di Crotone Stanislao Francesco Zurlo 52,62 171/206 sezioni scrutinate
Per i comuni gli spogli sono ancora un po’ indietro ma è avanti il cdx a Cremona,  Prato, Ascoli Piceno, Brindisi
C’è solo da aggiungere che questi dati devono essere valutati ricordando che rispetto al primo turno c’è stato  quasi ovunque un calo del 20/30% di affluenza alle urne e che Franceschini racconta sempre frottole al suo elettorato, anche se smentite da puri, semplici inequivocabili numeri, reperibili ovunque, anche sulla Repubblica delle Banane.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. elezioni ballottagi

permalink | inviato da Orpheus il 22/6/2009 alle 22:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

22 giugno 2009

Eurabia: un cieco obbligato a scendere dall'autobus dalla scenata di una famiglia islamica


E' incredibile fin dove può arrivare l'idiozia politicamente corretta degli inglesi (ma noi, se avessimo avuto per così tanto tempo un governo di sinistra, gli faremmo concorrenza).

Il conducente di un autobus ha chiesto ad un cieco che soffre di cancro di scendere dal suo autobus perché una donna ed i suoi bambini sono diventati isterici alla vista del suo cane-guida. Naturalmente la donna, un’islamica ottenebrata dal suo estremismo religioso che considera i cani “impuri”, non si è nemmeno posta il problema delle condizioni della persona contro la quale si è scagliata. GeorgeHerridge, 71 anni, ha raccontato come la madre si è messa a gridare su di lui in una lingua straniera. Un passeggero gli ha spiegato che voleva che scendesse dall'autobus.

L'autista (un emerito deficiente che non ha scusanti nemmeno nell’estremismo religioso) gli ha detto: “Ascolti, amico, potrebbe scendere?” Mufti Zubair Butt consigliere in materia di sharia, ha ammesso che i musulmani hanno bisogno di essere istruiti sui cani-guida. Per me hanno bisogno di essere rispediti a casa loro se non sono in grado o non hanno voglia di adeguarsi ai nostri standard di civiltà. Il Sig. Herridge è palesemente cieco, e l’attacco isterico contro di lui è palesemente una deroga inaccettabile al nostro sistema di vita (fonte Scettico). 

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. islam eurabia

permalink | inviato da Orpheus il 22/6/2009 alle 15:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

22 giugno 2009

Il ruggito di Ahmadinejad e il miagolio dei potenti del mondo


Questa volta siamo “tutti iraniani” come l’ultima volta eravamo “tutti birmani”, abbondano le dichiarazioni di sdegno,  le photostory della rivolta, delle violenze,  i video con le morti assurde di giovani iraniani, all’improvviso il mondo sembra essersi accorti che in Iran c’è da 30 anni, un regime teocratico sanguinario che spegne nel sangue innocente le proteste, che  ha privato e priva il popolo iraniano del futuro, della libertà e della democrazia, che uccide e tortura i dissidenti, che giustizia ogni anno circa 350 esseri umani, nel silenzio assoluto del suddetto mondo.
Un regime che perseguita donne e omosessuali. Che impicca una persona sulla base delle sue preferenze sessuali, che lapida  gli aduteri e, le cui carceri sono pieni di dissidenti, abitualmente torturati a morte. Gli stessi dissidenti che oggi riempiono le piazze e che sono ugualmente massacrati.  Nulla di nuovo sotto il sole dell’Iran eppure oggi il mondo s’indigna, quando fino a ieri ha taciuto davanti ad un Ahmadinejad  arrogante che non ha fatto mai nulla per nascondere il carattere sanguinario e totalitario del suo “governo”, e che malgrado ciò è stato gradito ospite in autorevoli consessi.
A coronare tanta imbelle ipocrisia è il tenore delle proteste che arrivano dai potenti, davanti ad un bagno di sangue annunciato e di cui non conosciamo e non conosceremo mai l’entità: fiacche e scontate recriminazioni  che non convincono nemmeno noi occidentali, figuriamoci un regime come quello iraniano!
"Il mondo sta guardando"-attacca Obama- sai che novità, é dal 1979 che sta a guardare, e non mi sembra, che ciò abbia minimamente influito sui programmi nucleari di Teheran e men che meno, sulle sue eclatanti violazioni dei diritti umani.
Infatti al presidente Usa che fino all’altro ieri offriva “mani aperte”, a chi usa le proprie per massacrare, Teheran ha già risposto di farsi i fatti suoi, e c’è da scommettere  che “the rabbit” Obama se li farà, come ha già fatto in Georgia dove rimase in silenzio prendendo poi alla fine timide posizioni . Come il resto del mondo, d'altronde.
Eppure senza arrivare ad azioni di guerra, basterebbe che finalmente il regime di Teheran venisse isolato, che l'Onu provvedesse a serie sanzioni e che la comunità internazionale la smettesse di riverire dittatori sanguinari.
Invece di essere tutti iraniani per una settimana, cominci chi ha il potere economico e politico per farlo, a disconoscere questo "governo" abusivo e a boicottarlo.
Altrimenti taccia perchè questo ipocrita opportunismo é veramente abietto se paragonato alle soffereze del popolo iraniano.
Taccia davanti al coraggio delle tante "Neda" che in questo momento stanno sacrificando la vita per la libertà del proprio paese.
Orpheus 
 
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. occidente proteste iran elezioni

permalink | inviato da Orpheus il 22/6/2009 alle 10:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

21 giugno 2009

Pm, belloccio, di sinistra e antiberlusconiano a quando l’entrata in politica?


Il Pm Giuseppe Scelsi ha il curriculum giusto per buttarsi in politica fra un annetto o due, ovviamente la sinistra sarà destinataria di cotanta persona.
E poi ha il coraggio di criticare l’entrata in politica delle Veline?
Scandalizzandosi per il degrado del parlamento?
Ma chi lo degrada di più, una bella ragazza inesperta o un Pm schierato che disonora il concetto stesso di Giustizia, che non può essere scisso dal concetto d'imparzialità?
Le Veline a confronto di certi soggetti sono serie, oneste e soprattutto non tramano per scavalcare il voto popolare e fare cadere un Governo scelto dal popolo. 
Non usano “armi” improprie per dare “scosse”.
Non si fanno “scappare” atti secretati facendoli finire sulle “gazzette rosse”, che qualche beota spaccia per giornali super partes, ma con solo con due neuroni si può pensare che la Repubblica (delle Banane) e il Corserva siano “equilibrati” e “neutrali”.
Giuseppe Scelsi entrò giovanissimo nel movimento Lotta Continua guidato da Adriano Sofri e lì cominciò a elaborare la sua cultura politica. Dal liceo Orazio Flacco e da Lc passò all’università e al Collettivo di giurisprudenza e scienze politiche. Poi, altro salto, ecco la professione e la scelta di Magistratura democratica, il grande laboratorio della sinistra in toga, la corrente ultrà, insieme ai Movimenti riuniti, dentro l’Anm e nel Csm.
Nel 2005 cantò le lodi di Nichi Vendola, il rifondarolo pro-pedofilia e sprecone al quale non mi risuta che NESSUN magistrato abbia MAI FATTO DOMANDE..

Un magistrato  stakanovista e “ineccepibile” Giuseppe Scelsi che malgrado sia in ferie, continua a lavorare all’inchiesta “letti bollenti di Silvio” . Il giorno in cui il Corriere della Sera ha fatto scoppiare il caso D'Addario, si è premurato di far sapere che le registrazioni e immagini ottenute da un telefonino sono state sigillate in cassaforte. E i nastri sono stati ascoltati ma non sbobinati quindi non DOVREBBE esserci alcuna trascrizione di ciò che Patrizia ha raccolto clandestinamente a Palazzo Grazioli.
Finalmente una toga che rispetta il segreto istruttorio e tratta un'indagine così scabrosa con il dovuto riserbo!
E allora come mai ieri  mattina, sulla prima pagina di Repubblica, compariva il seguente titolo: “Ecco le registrazioni di Patrizia”?
Il giornalista Carlo Bonini, però puntualizza che i nastri "sono secretati", che la magistratura "ha apposto i sigilli sugli originali e ha disposto che non ne venissero effettuate le trascrizioni"  (immagino pensi che i suoi lettori e gli italiani sono afflitti da demenza precoce)
E allora come mai il contenuto viene ugualmente sbattuto in copertina?
Come mai si vengono a conoscere particolari (sicuramente "fondamentali" per l'inchiesta) del tipo “il presidente del Consiglio si rivolge a Patrizia spiegandole che si assenterà per fare una doccia e mettere un accappatoio”?
Oppure “il presidente invita la donna ad aspettarlo nel letto grande”?
O ancora una telefonata del giorno dopo in cui il presidente "si dice ironicamente sorpreso" di trovare la signorina "un po' rauca" perché "la notte precedente non ha sentito strilli"?
Già: perché atti secretati e ascoltati soltanto dal pm finiscono trascritti non in carte giudiziarie ma su carta di giornale?
E come mai dal Corriere della Sera, sempre ieri e sempre in prima pagina, si apprende il racconto pressoché integrale fatto l’altro ieri mattina alle 8 agli uomini della Guardia di finanza barese da Barbara Montereale (rispettosamente citata dal Corriere senza cognome "perché si tratta di una testimone"), un interrogatorio "segretato per ordine del pubblico ministero"?

E infine, c’è veramente qualcuno che davanti a tutta questa “spazzatura” mediatico-giudiziaria riesce ad indignarsi per la vita sessuale di Berlusconi, a CASA SUA con un’adulta consenziente, anche se retribuita per le sue prestazioni?
 Se esiste ha proprio un bel coraggio o una faccia di titanio!!!
Orpheus

sfoglia
maggio   <<  1 | 2 | 3  >>   luglio