.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

31 dicembre 2009

Buon Anno!!!!









Tutti gli anni metto un'immagine con i soliti auguri di Buon Anno...fuochi...vischio e amenità simili.

Quest'anno, no, ho messo i ragazzi di Teheran...perchè questo 2010 porti loro i doni più grandi per un popolo e per i singoli: Libertà e Democrazia.
Niente rosso, stasera. 
Ma il verde dell'Iran, della speranza per milioni di giovani.
Raccogliamo l'appello di una donna iraniana, nostra sorella e amica,  Nardana Talachian:
“Aiutateci a rompere il silenzio.
Aiutateci a tenere vivo il verde.
Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.
Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.
Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde, fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”

Ecco, io voglio credere come lei che la nostra umanità non é morta...stiamo con loro sulle barricate, stiamo con loro in piazza, stiamo con loro anche solo con il pensiero.
Ma in questa notte di Festa: NON DIMENTICHIAMOLI.
Non dimentichiamo i ragazzi di Teheran e il loro grande coraggio, portiamoli nel cuore e a mezzanotte preghiamo per loro e brindiamo per un Iran libero e democratico.

Buon anno  tutti...e che il 2010 sia un anno di serenità, di pace e di libertà...
(so che sto' chiedendo troppo...ma almeno ci provo)
Mary





permalink | inviato da Orpheus il 31/12/2009 alle 15:39 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

30 dicembre 2009

Una preghiera per Neda e gli altri...


“Giustizieremo tutti i nemici di Dio” una condanna a morte per tutti i giovani arrestati.
Dopo il bagno di sangue arriva la repressione, che sarà ancora più feroce. Almeno 1.500 gli iraniani arrestati, compreso, ieri la sorella di Shirin Ebadi, premio Nobel per la pace nel 2003, fermata a Teheran.
L’Onu si dice “sconvolta” ed esorta “le autorità a moderare le proprie reazioni contro l’opposizione”. evidentemente Neda e i suoi bellissimi occhi spenti con violenza, non hanno insegnato nulla all’Occidente. Neda è morta, ricordarla è un dovere, ma centinaia di ragazzi sono morti e stanno morendo, nell’inferno iraniano.
Muoiono mentre noi guardiamo le strade in fiamme di Teheran sui nostri costosi televisori.
Muoiono mentre prepariamo i nostri pranzi natalizi e apriamo i nostri doni.
Muoiono per un diritto sacro e inviolabile che dovrebbe appartenere a tutti i popoli del mondo: la LIBERTA’. Una libertà che loro non hanno e se gli anziani hanno rinunciato a lottare.
I giovani, no. Loro si ribellano, soffrono e muoiono.
Muoiono nelle piazze come Neda. Muoiono nelle carceri come Valiollah Feyz Mahdavi e queste storie non arrivano nemmeno ai media. Sono storie terribili di torture che si concludono con una forca e la vita di un giovane cancellata per sempre.

A questo nuovo anno che sta per arrivare chiederò solo, che il sangue dei ragazzi di Teheran non insanguini più il suolo iraniano. Chiederò che l’Onu non si limiti a dirsi “sconvolta”. Chiederò che i mullah e i loro boia marciscano all’inferno, che l’Iran possa tornare ad essere un paese normale, dove le ragazze come Neda, si innamorano, si sposano e hanno figli, invece di morire, in una piazza mentre manifestano per un anelito di libertà…
E’ una preghiera che nasce dal cuore e che spero in tanti condividerete.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Iran repressione giovani

permalink | inviato da Orpheus il 30/12/2009 alle 15:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

29 dicembre 2009

La sinistra si attacca al tram...


V
olevo scrivere un pezzo su questo ultimo "scandalo" del Caimano... crudele appiedatore di poveri pedoni...ma ho trovato questo di Carioti e siccome sono in vacanza ne approfitto.

E va bene che la sinistra è alla canna del gas (forniture invernali da parte di Gazprom permettendo). Va bene pure che in tempo di guerra ogni buco è trincea e tutto il resto. Ci mancherebbe.
Però Silvio Berlusconi era rimasto l’ultimo premier del mondo ad avere una fermata dell’autobus sul marciapiede sotto casa. Letteralmente.
Questa fermata è stata rimossa ieri, con appena quindici anni di ritardo. «Motivi di sicurezza», ha spiegato la prefettura di Roma, cui si deve la decisione.
C’era bisogno di Massimo Tartaglia e della sua statuetta tirata in faccia al presidente del Consiglio per arrivarci.
Nel frattempo, in questi tre lustri, sotto casa del Cavaliere è successo di tutto, incluso lo scarico di vagonate di letame da parte dei no global alla vaccinara contigui alla giunta di Walter Veltroni. Che se invece di letame fosse stato - per dire - un esplosivo fatto in casa col fertilizzante, tipo quello usato da Timothy McVeigh per l’attentato agli uffici federali di Oklahoma City, ora staremmo qui a scrivere cose molto diverse. Insomma, tutto si può capire, ma il fatto che la sinistra adesso si attacchi al tram, anzi alla fermata del suddetto, per trasformare in un caso nazionale la sacrosanta ancorché tardiva rimozione della paletta di via del Plebiscito, ecco questo non si spiega, se non con la disperata esigenza di provare a fare cassa con tutto, sperando pure di accattarsi i voti dei passeggeri dell’autobus numero 64, che adesso devono usare la fermata di piazza Argentina anziché quella davanti a Palazzo Grazioli.

Eppure si è scesi a tanto.
Con i Comunisti italiani che chiedono al premier «a quando l’edificazione di un muro divisorio?» e lanciano il grido d’allarme per «il rischio di creare un fossato ancora maggiore tra persone semplici e potenti».
Associazioni di pedoni semiclandestine, convinte di essere davanti a una nuova Shoah, che irrompono nei notiziari urlando congestionate: «Vergogna. Vergogna. Vergogna!». Mentre Tonino di Pietro non può lasciarsi sfuggire uno spunto di confronto politico così alto, e infatti dal suo blog commenta che «tanto le escort arrivano in taxi».

Dove il resto della politica e della società sedicente civile ancora non ha la faccia di arrivare, ci pensano le avanguardie internettiane. Istruttive, come da tradizione, le pagine online di Repubblica, tornate ad essere (si fa per dire: come se mai avessero smesso di esserlo) la traduzione digitale degli umori della piazza più invelenita.
Così su Repubblica.it spicca un articolo vibrante di sdegno, dove le frasi spaziano da «i cittadini non ci stanno» a «i cittadini imbufaliti non risparmiano critiche nei confronti del premier, in nome del quale è stato preso il provvedimento».
Come sempre in questi casi, poi, i commenti lasciati sul Web riescono a scendere qualche gradino più in basso rispetto all’articolo che li ha ispirati. Tipo: «È la cosa più orribile che abbia mai visto», «Ma sto’ maledetto presidente del consiglio chi si crede di essere?», «Spero sparisca presto», «È come un tumore nel centro di Roma», «A me sembra una emerita stronzata». E così via. Frasi che si sposano bene con quelle dell’immancabile gruppo Facebook sorto per l’occasione, subito arricchito da «Maledetto Berlusconi!» ed epiteti simili.

Inutile spiegare a questo coro di gentiluomini, ad esempio, che a Londra la strada della residenza ufficiale del primo ministro, e cioè Downing street, anch’essa nel pieno centro della città e distinta dalla sede del governo, da vent’anni è chiusa al traffico da pesanti cancelli di ferro. Inutile perché tanto questi sono gli stessi scesi in piazza sventolando gli striscioni osannanti al pluriomicida mafioso Gaspare Spatuzza, per il semplice fatto che costui aveva puntato il dito sul premier. Parlare con loro della sicurezza di Berlusconi è come chiedere al mullah Omar di pregare per la salute di Barack Obama. E siccome di questi tempi non si butta via nulla, pure loro trovano giornali e politici disposti a prenderli sul serio.

Fausto Carioti IMPECCABILE...
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Asinistra

permalink | inviato da Orpheus il 29/12/2009 alle 18:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

28 dicembre 2009

Leggi ad "compagnum" che non scandalizzano la sinistra


Il centrosinistra ha fatto della sua lotta "senza se e senza ma" alle leggi "ad personam" il proprio cavallo da battaglia. Contro Berlusconi é una "tiritera" quotidiana, ma se a chiedere esplicitamente una legge "ad personam" é un sindaco del Pd, per potersi candidare alle regionali, la musica cambia, anzi tace.
È l'ipocrisia della sinistra. Quella che strepita nel primo caso e "fischietta" indifferente nel secondo.
Ecco, questa l'ipocrisia condanna la sinistra al suo ruolo minoritario nel Paese, ma ancora non l'ha capito.
Non bisogna, infatti avere una laurea per "captare" la genesi di questa cultura, cioè il cardine "dei due pesi e delle due misure" su cui poggiano tutte, ma proprio tutte le sue posizioni, dal pacifismo, alle leggi "ad personam" passando per i "compagni che sbagliano" e la "lotta" alla camorra.
L'ultimo caso - che sarebbe uno scandalo se non riguardasse il centrosinistra - è quello che si sta consumando in Puglia.
Dove per "compiacere" Pierferdy Casini, che non gradisce, e come dargli torto Nichi Vendola di Sinistra e Libertà, (che in tempi passati predicava la "libertà dei bambini di far sesso fra loro e con gli adulti"), il Pd ha pensato a Michele Emiliano, combinando un pasticcio, perchè in Puglia la normativa prevede che un sindaco, per candidarsi alla guida della regione, debba prima dimettersi. 
Ci sarebbe da vergognarsi ma siccome i protagonisti sono avversari di Berlusconi e l'interessato è addirittura un magistrato, ecco che la vicenda finisce fra le cronache minori. È invece la cifra di un Pd purtroppo allo sbando, diviso fra ciò che è e ciò che vorrebbe essere, fra ciò che chiede al suo avversario e ciò che dimentica per i suoi dirigenti.
Stampatello dal link
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra ipocrisia leggi ad compagnum

permalink | inviato da Orpheus il 28/12/2009 alle 18:15 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

28 dicembre 2009

Quattro "Angeli della Neve" volati in cielo...


Quattro famiglie, in questi giorni di festa, piangono un loro caro.
Quattro eroi, hanno dato la loro vita, nel tentativo di salvare quella di altri.
Quattro vite stroncate per la superficialità altrui.
Diego Perathoner, 42 anni, Ervin Ritz, 32 anni, Luca Prinoth, 43 anni, Alessandro Dantone 39 anni, tutti “montanari” della Val di Fassa e uomini del soccorso Alpino. Due di loro, sposati e con figli.
Angeli della Neve, di poche parole, ma con un cuore enorme, tutti volontari ed esperti. Quando squilla il cellulare per un turista in difficolta', lasciano il lavoro, indossano gli indumenti e le attrezzature per salire in quota, e portare in salvo il malcapitato.
Altri due Roberto Platter e Sergio Valentini, feriti essi stessi dalla slavina, in ipotermia, non hanno abbandonato i compagni, scavando senza sosta finché le vittime non sono state estratte. "E questi nostri fratelli - ha detto Dellai - hanno sacrificato la loro vita per seguire dei valori che tutti noi dobbiamo impegnarci a non tradire mai".

Tanto altruismo però non può far dimenticare che spesso è la superficialità e l’irresponsabilità altrui a causare queste tragedie. Ha detto bene Guido Bertolaso: “Sono stufo che i nostri soccorritori perdano la vita perché le persone vanno a fare escursioni in modo sprovveduto e senza tenere conto degli allarmi”.
Una volta c’era l’homo sapiens che aveva timore e rispetto della natura, adesso si è “evoluto” in  “homo turisticus”, convinto che carta di credito e, spesso una  simil-attrezzatura, possano sostituire competenza ed esperienza…il risultato, spesso è la morte, per loro e a volte anche per chi li soccorre.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. soccorso alpino valanga Bertolaso

permalink | inviato da Orpheus il 28/12/2009 alle 16:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

24 dicembre 2009

Buon Natale!!!!!



BUON NATALE A TUTTI I  MIEI AMICI...
VI AUGURO DI PASSARE UN SANTO NATALE FELICE CON LE PERSONE AMATE...



Caro Gesù Bambino,
quest'anno ti sei portato via il mio cantante preferito
Michael Jackson
Il mio attore preferito
Patrick Swayze
La mia attrice preferita
Farrah Fawcett
Il mio presentatore preferito
Mike Bongiorno
La mia poetessa preferita
Alda Merini!

Volevo dirti che il mio politico preferito é Antonio Di Pietro...e che l'anno non é ancora finito...

Qui un Buon Natale per soli maschietti che gradiranno:-)

AUGURI RAGAZZI....

E per par conditio (su gentile richiesta di Artemisia) un Buon Natale per noi ragazze...QUI e QUI e QUI e QUI
(il mio preferito è il terzo)




permalink | inviato da Orpheus il 24/12/2009 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

23 dicembre 2009

L’Italia dei Violenti: Barbato e la sua voglia di “lapidare” Berlusconi


Sport preferito dei sodali, nonché deputati di Di Pietro è l’incitamento all’odio e alla “lapidazione” del Premier con statuette del Duomo, così si é espresso Francesco Barbato: “Per ogni operaio della Fiat buttato fuori, la tiro io in faccia la statuetta a Berlusconi. Un governo serio - ha aggiunto - si deve preoccupare di chi perde il posto di lavoro e di chi non l'ha mai avuto”.
Senza entrare nel merito perché il discorso Fiat è troppo complesso, la frase è degna di un “talebano”, fanatico e violento. Non merita commenti, ma una bella denuncia per direttissima.
Barbato non è un’eccezione, anche Pancho Pardi ha dato una bella dimostrazione in Tv, del perché, più che  per valori, quella “V” sta a significare violenti.
“La campagna d'odio?" esplode Pardi a Omnibus, su La7. "E' orchestrata dal premier".
D’altronde è la tesi del suo capoccia, che in barba alla richiesta del Presidente Napolitano, continua la sua campagna d’odio, accusando la vittima, cioè Berlusconi di esserne l’autore.
Il Presidente del Consiglio dal canto suo, ha risposto alla politica violenta dell’idv,  perdonando il suo aggressore dal punto di vista umano e auspicando che sia punito come merita, perché non passi il messaggio che si possa aggredire il Premier e farla franca.
Questo partito che ha come obiettivo “sfasciare” Silvio Berlusconi, è entrato in Parlamento grazie al Pd, è suo alleato e lo rimarrà anche in futuro, nel caravanserraglio che sta allestendo Bersani: Casini, Pd, idv e sinistra estrema.
Bersani parla di riforme concordate, ma è aria fritta:  sul lato pratico rimane la sua alleanza con i “talebani” e il ritornello delle leggi ad personam, unica freccia spuntata al suo arco: peccato che la legge ad personam sul processo breve, l’abbiano proposta i Ds nel 2004 "Disposizioni in materia di prescrizione del reato alla luce del principio di ragionevole durata del processo".
Mi dica Bersani è diventata ad personam perché adesso la propone il PdL?
Una sinistra violenta e cianfrona, possibile che questo Paese non possa avere di meglio?
Orpheus


21 dicembre 2009

Meno povertà, Moody's: Grande balzo in avanti dell'Italia


C'é l'Italia della sinistra, afflitta dai Cavalieri dell'Apocalisse: carestia, guerra, morte e pestilenza e l'Italia reale,
quella che ha fotografato Moody's la nota agenzia di rating.
L'Italia sarà tra le nazioni meno povere e più virtuose nel 2010?
Si, secondo un nuovo indice "della povertà", segnalato ieri dal Sole 24 Ore, il nostro Paese si piazzerà tra i migliori, al secondo posto, subito dopo la Repubblica Ceca e prima della Germania.
Nel 2010 solo tre Paesi, tra quelli presi in esame dall'indice, faranno registrare una somma tra tasso di disoccupazione e rapporto deficit/Pil sotto quota 15,1 per cento: Repubblica Ceca, Germania e Italia, che evidentemente sono riuscite a tenere sotto controllo la disoccupazione senza far esplodere il deficit.
Grazie alla politica economica di Giulio Tremonti, che sarà antipatico e saputello, ma di economia ne "mastica" e sa quel che fa.
Sui Tg impazzano i cavalieri, e il Paese sembra sull'orlo dell'Apocalisse berlusconiana, dove violenza e carestia, lascivia e corruzione, imperversano e hanno trasformato l'Italia, nel Regno di Mordor di tolkieniana memoria.
In effetti i problemi non mancano, ma questo Governo sta cercando di risolverli: la crisi in primis, i cui effetti però sono meno gravi come Moody's certifica.
Abbiamo una magistratura che é peggiore di quella di Angola, Gabon e Guinea, con magistrati che fanno i politici: una vergogna ed un indicenza per quanto costano ai cittadini e alle casse dello Stato.
Abbiamo una sinistra che ormai non si può nemmeno più commentare, che ha perso tutto, anche la faccia, tranne l'arroganza.
E abbiamo la "rogna" non da poco, dell'immigrazione e le sue implicazioni, compresa la criminalità.
Ma questo Governo fin'ora si é mosso bene, risolvendo anche emergenze come quella della spazzatura di Napoli e del terremoto d'Abruzzo. Ha una maggioranza solida, la fiducia degli italiani, malgrado la disinformazione capillare e giornaliera in atto (evidentemente non incanta chi vive al di fuori dagli studi televisivi e dai palazzi) e, in particolare, Berlusconi é un premer amato, mi dispiace per i quattro di cui sopra cioè "Di Pietro, Casini, Bersani ed Epifani", ma se sperano di convincere gli italiani a votarli menando disgrazie e pericoli inesistenti, hanno di che allungare il collo....
Orpheus

20 dicembre 2009

AVVISO




Oggi parto per la montagna...come al solito se avrò tempo e possibilità aggiornerò Orpheus...
Altrimenti metterò comunque gli auguri per i miei cari amici...

Mary




permalink | inviato da Orpheus il 20/12/2009 alle 9:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (20) | Versione per la stampa

20 dicembre 2009

Egitto: l’università di Azhar pubblica un libro che incita al linciaggio dei cristiani


Con i suoi quattrocentomila studenti, migliaia dei quali arrivano da un centinaio di paesi, l’università di Al Azhar rappresenta il “Vaticano sunnita” ed è l’ateneo più prestigioso dell’intero mondo islamico, si può quindi dedurre l’importanza che assumono le prese di posizione, riguardo alla libertà di religione, degli accademici di tale università.
Capita che Muhammad Imarah, membro del comitato scientifico di Al Azhar e dell’Islamic Research Academy dell’ateneo, abbia stilato un pamphlet, spacciato per “Rapporto scientifico”  che lancia un’accusa terribile contro i cristiani: si chiama “shirk”, idolatria ed è il peccato che l’islamismo considera il più imperdonabile da parte di Allah.
Il libello sostiene che la cristianità è “una religione politeista” e che per questo va combattuta. Il 25 giugno il libro ha ricevuto il via libera dell’università. E il quotidiano egiziano Al Destoor scrive che Al Azhar ha già annunciato di sostenere Imarah nel suo attacco al cristianesimo.
I cristiani d’Egitto vogliono portare in tribunale il libro di Imarah.
Il testo esce in un momento a dir poco esplosivo nelle relazioni fra cristiani e musulmani. Chiese assaltate, ammazzamenti di cristiani nelle strade e spesso anche le case in cui si prega clandestinamente sono bruciate. E’ in corso la liquidazione demografica della comunità copta.
Naguib Ghobrial, presidente della Egyptian Union of Human Right Organization, ha accusato Imarah di incitare al linciaggio.
Imarah accusa il cristianesimo di “takfir”, apostasia, di tradimento del monoteismo, e di essere “adoratori di idoli”. Il takfir è il marchio di sedizione per cui è stato ucciso il presidente egiziano Anwar al Sadat ed è stato perseguitato lo scrittore Salman Rushdie, è l’accusa per la quale sono stati giustiziati gli ambasciatori algerino ed egiziano in Iraq e prima di loro e con loro decine di migliaia di altri musulmani sono stati squartati nelle periferie di Algeri. Sempre dall’Università di Al Azhar, Suad Saleh, preside della Facoltà di studi islamici dell’ateneo, aveva legittimato con una fatwa la condanna a morte del neocristiano Hegazi perché non si era limitato ad abbandonare l’islam, «si è perfino fatto fotografare insieme alla moglie con in mano il Vangelo». Nella mistica takfir è lecito uccidere tutti gli “infedeli”, compresi i musulmani che non seguono la sharia. Persino i bambini, “perché non pecchino in futuro”.

Concludo con la solita domanda che ormai dovrebbe essere venuta a noia a chi mi legge, ma che non posso fare a meno di pormi, ogni volta che leggo dell’islam: “questa gente cresciuta e nutrita d’odio contro gli “infedeli” che predica l’uccisione persino dei bambini futuri, possibili peccatori, quanto e come potrà mai integrarsi nei nostri paesi, e quanto, invece per colonizzarci e sottometterci in nome di Allah? Un giovane che si laurea ad Al Azhar potrà mai avere rispetto per la noi e la nostra religione? NON credo.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Islam cristianesimo

permalink | inviato da Orpheus il 20/12/2009 alle 0:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

19 dicembre 2009

Lo stato di salute della libertà religiosa nel mondo


Quasi del tutto ignorato dai media, il rapporto annuale sulla libertà religiosa (Annual Report on International Religious Freedom per il 2009), aggiornato al 30 giugno scorso e, che prende in considerazione la situazione in 198 Paesi e territori per un periodo di dodici mesi.
Il perché di questa indifferenza mediatica sul rapporto, è facilmente intuibile, meno se ne sa di libertà religiosa nel mondo, più è facile far digerire l’islam, alle popolazioni autoctone. Meno la gente ne ha paura, o ne è indispettita.
Perché mentre  noi costruiamo moschee e minareti, in nome di tale libertà, nel mondo viene violata allegramente dai paesi islamici (e non solo, anche da quelli comunisti).
Ma vediamo qualche dato in dettaglio, qui l’analisi completa.
Una sezione del rapporto tratta di quei Paesi in cui le violazioni della libertà religiosa sono state significative. Tra questi figura l’Afghanistan, dove l’Islam è la “religione di Stato”  “nessuna legge può essere contraria alle credenze e ai dettami della sacra religione dell’Islam” (leggi sharia). Persecuzioni, quindi per gli infedeli e per chi si converte.
In Egitto, a parole la Costituzione afferma la libertà religiosa, in realtà il Governo impone delle restrizioni all’esercizio di tale diritto e avalla la persecuzione dei non islamici, non punendo gli autori di tale violenze. Questa pratica, aggiunge il rapporto, ha contribuito all’emergere di un clima di impunità che ha incoraggiato la reiterazione delle aggressioni.
Idem per i Pakistan dove l’inazione del Governo ha prodotto intolleranza religiosa, azioni di violenza e intimidazioni contro le minoranze religiose.
Sia l’Iran che l’Iraq sono messe in evidenza nel rapporto come Paesi problematici sul piano della libertà religiosa. In Iran il Governo risulta aver attuato il divieto di proselitismo nei confronti di alcuni gruppi cristiani attraverso una stretta sorveglianza delle loro attività
chiudendo alcune chiese e arrestando i convertiti al Cristianesimo.
In Iraq l’esistenza di garanzie costituzionali risulta essere elusa da violenze dei terroristi e dalle bande di criminali che restringono fortemente il libero esercizio della religione e rappresentano una significativa minaccia contro le vulnerabili minoranze religiose del Paese, dichiara il rapporto.“Sono pochi i responsabili delle violenze commesse contro i cristiani e altre minoranze religiose del Paese ad essere stati puniti”.
Anche l’India, dove si sono verificati numerosi episodi di violenza contro i cristiani, è oggetto del rapporto sulla libertà religiosa. Gli estremisti religiosi hanno fatto registrare numerose aggressioni in tutto il Paese nell’arco del periodo preso in esame dal rapporto. Il Dipartimento di Stato menziona l’ondata di violenze degli estremisti islamici, dell’agosto 2008 a Orissa, dove, secondo dati ufficiali, 40 persone hanno perso la vita e 134 sono rimaste ferite.
In generale i cristiani e gli aderenti alla fede bahai sono oggetto di discriminazioni individuali e collettive in molte aree del mondo, afferma il rapporto. Un esempio citato è quello di una sentenza giudiziaria che ha condannato un sacerdote copto a cinque anni di lavori forzati, per aver celebrato il matrimonio tra una persona copta e una convertita dall’Islam che avrebbe presentato documenti d’identità falsi.

La mia domanda è una sola, tutti gli immigrati che provengono dai paesi, dove vige il “dagli al cristiano”, potranno mai veramente integrarsi e accettare la convivenza con una religione, così esecrata nei loro paesi d'origine?


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Rapporto libertà religiosa islam

permalink | inviato da Orpheus il 19/12/2009 alle 15:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

19 dicembre 2009

Caro Babbo Natale liberaci di Fini...


Caro Babbo Natale, visto che ormai sei diventato un'icona al negativo con il tuo pancione da bevitore di brandy, la slitta senza cintura e "uno stile di vita non salutare, con un'alimentazione basata sugli avanzi di dolci che raccogli in giro, e abitudini pericolose come calarti dai camini" ...ti chiedo come dono, carica Gianfranco Fini sulla tua slitta euro 0, e portalo dall'altra parte, dove miete consensi, ammirazione ed elogi sperticati...per noi é diventato un incubo, un  "Freddy Krueger"  con cadenza "bulugnes", e ogni volta che scorgiamo il suo "prugnesco" volto su giornali o in TV ci prendono sonori mal di pancia. Peggio del trio Santoro-Travaglio-Vauro che ci sorbiamo una volta sola a settimana...
Ma Gianfranco, caro Babbo Natale, é un supplizio di Tantalo: ogni giorno una perla del suo novello buonismo o/e una stilettata a Berlusconi e alla maggioranza (come se lui fosse un "diliberto qualsiasi").
Nemmeno il grave incidente del Premier l'ha indotto per decenza, a tacere: data la sua sbrigativa solidarietà a Berlusconi in Ospedale, ne ha approfittato per buttare benzina sul fuoco.
Nessun pistolotto per deprecare la violenza di certi politici, anzi i finiani, non sono nemmeno usciti dall'aula davanti ai vaneggiamenti di Di Pietro.
Ieri tanto per mantenersi in esercizio il "Tettamanzi" della Camera, ha riproposto il SUO chiodo fisso: cittadinanza concessa agli immigrati anche solo dopo aver conseguito le elementari, prossimamente la chiederà per chi ha bevuto almeno cinque cappuccini con brioches, o in alternativa ha consumato tre margherite e un calzone.
Avremo così l'onore di avere nel nostro futuro "un presidente della camera, immigrato" magari con un governo in sintonia che finalmente farà la riforma della Giustizia, tanto agognata,  introducendo la sharia.
Martedì, con Berlusconi ancora convalescente e fuori dai giochi l'Aula della Camera discuterà la legge sulla cittadinanza. Quanta solerzia...uno stakanovista della cittadinanza agli immigrati.

Ecco, vedi caro Babbo Natale che grosso regalo ci faresti?
E già che ci sei portati via anche in finiani, non ne posso più di vedere gli occhioni da pesce bollito e scondito di Bocchino, dietro le lenti....

Per contro partita ti prometto di continuare ad amarti, grasso, sulla slitta euro 0 e beone...un Babbo Natale palestrato e salutista, proprio non lo reggerei...
Orpheus 




permalink | inviato da Orpheus il 19/12/2009 alle 9:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

18 dicembre 2009

La Rai fa gli auguri a un killer della Mafia

,

Abbiamo un nuovo "padreterno catodico" che dispensa perdono e auguri a killer mafiosi, dalla televisione di Stato e con i NOSTRI SOLDI.
Fa gli auguri di buon Natale, a chi ha rubato la vita a 40 persone, per le quali il Natale non é più una festa come non lo é per i loro familiari.
NON una parola per le vittime e i loro cari, viva Spatuzza "superstar" della sinistra più OSCENA e immorale.
Ha pensato, Santoro a come deve essersi sentito un parente delle vittime di Spatuzza, davanti agli ignobili auguri?
Ignobili perchè non c'è perdono per chi ha strozzato un bambino con le sue mani, indifferente se non "eccitato" dall'agonia della sua morte, dal suo contorcersi e scalciare in cerca di aria, dallo strabuzzare dei suoi occhi innocenti, fino a che non hanno perso la scintilla nella fissità della morte. Poi mangiandosi un panino. ha preso il piccolo corpicino martoriato é l'ha sciolto nell'acido.
PER ME E' INACCETTABILE.
Non posso e non voglio avere nulla a che fare con questa tv spazzatura, e quindi ho scritto alla rai.
Santoro non ha parlato per me e ho voluto far arrivare il messaggio a chi di dovere, se stiamo zitti cosa diventerà il servizio pubblico? Una "filiale" di Indymedia?
Qui il link per chi volesse seguire il mio esempio cliccare su ScrivereR@i
Questo quello che ho scritto:
Siamo, io e la mia famiglia profondamente indignatI: E' UNO SCANDALO CHE SANTORO SU ANNO ZERO ABBIA FATTO GLI AUGURI AD UN CARNEFICE DI BAMBINI.
Passi la continua demonizzazione del Premier, senza ritegno, in questo momento.
Ma fare gli auguri ad un assassino feroce tramite Rai e con i soldi del nostro ABBONAMENTO é ASSOLUTAMENTE INACCETTABILE.
Mi vedrò costretta a non pagare più l'abbonamento, fino a che in televisione andrà in onda la spazzatura.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. santoro ano zero

permalink | inviato da Orpheus il 18/12/2009 alle 9:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (16) | Versione per la stampa

17 dicembre 2009

Per Vattimo la mafia aiuta Berlusconi a “duomate” in faccia



Non bastasse tutto l’immondo spettacolo di chi ha esultato per il viso sanguinante del Premier, non bastasse la nascita dei “Tartaglia-fan club” e il boom di “duomi venduti”, non bastassero le esternazioni sempre più violente dell’Italia dei Primati (perché con i valori non ha nulla a che vedere), e quelle ipocrite di solidarietà con "se, ma e forse", non bastassero i complottisti che sostengono la tesi della montatura: il sangue pomodoro e Tartaglia complice del Caimano.
Non bastasse tutto questo putrido e maleodorante “blob” che agita gli ambienti colti e incolti della sinistra…ci si è messo anche Gianni Vattimo, (n)eurodeputato dell’IdP  e “filosofo de sta’ mazza” (chiedo perdono per la volgarità, ma l’analogia mi ha tentato troppo)   con la sua tesi sulla Mafia: “Il Giornale scrive che era tutto organizzato dalla sinistra cattiva, secondo me è stata la stessa mafia che lo sta sostenendo ad attaccarlo, mandando in piazza uno che l’ha colpito un po’ troppo duramente. Mi ricorda l’effetto che ha avuto l’11 settembre su Bush, che ha sfruttato molto bene la tragedia.” E continua galvanizzato dalla sua tesi “Era il momento in cui il premier aveva bisogno di solidarietà, è accaduto tutto in modo così provvidenziale, ora tutti si commuovono... Una botta in testa, se non muori, non deve fare così male: dopo un po’ passa...! (frase sottolineata da una risatina chioccia per la battutona, spero che provi personalmente quanto "non" fa male).

… si insomma Bush s’è tirato giù le Torri Gemelle, e Berlusconi ha chiamato Cosa Nostra, felicissima di aiutarlo malgrado la lotta serrata di questo governo contro la stessa, che ha assoldato uno psico-labile, elettore dell’ IdP per prenderlo a “duomate” in faccia.
Se come filosofo è debole…come arrampicatore di specchi ha un futuro assicurato.
L’odio che consuma questi energumeni del pensiero, gli ha consumato tutti i neuroni, e non è più nemmeno odio: è paragonabile al “sentire” dei serial killer che spersonalizzano la vittima, per poterne fare ciò che vogliono,  a questi "cavernicoli" succede una cosa analoga, Berlusconi si può pestare a sangue, far soffrire, persino ammazzare, perchè non é un essere umano: é il Caimano.
Se il Premier pensa di poter aprire un dialogo con questi fanatici  dell’odio, non ha afferrato l’entità del problema. Per la prima volta. Stia attento…
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi vattimo idp

permalink | inviato da Orpheus il 17/12/2009 alle 18:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

16 dicembre 2009

Antonio Polito e il parassita Travaglio


Ieri ho ricevuto il cortese invito della redazione di Annozero a partecipare alla puntata di domani dedicata ai fatti di Milano. Ho altrettanto gentilmente risposto di no. E la ragione è una sola: la presenza in quel programma di Marco Travaglio. Penso infatti sia giunta l'ora in cui anche chi di noi non ha fatto del moralismo una professione debba cominciare a sollevare qualche pregiudiziale morale.
E io ne ho molte nei confronti di Travaglio.
La prima è che si tratta di un sedicente combattente per la libertà di infomazione che sta facendo una campagna di stampa il cui obiettivo dichiarato è la chiusura di un giornale, quello che dirigo (lui pensa che sia possibile, abrogando solo per noi i contributi all'editoria). Trovo la cosa moralmente ributtante.
Del resto Travaglio è lo stesso cattivo maestro che, citando un suo sodale, ha scritto l'altro giorno sul blog di Grillo un elogio dell'odio: "Chi l'ha detto che non posso odiare un uomo politico? Chi l'ha detto che non posso augurarmi che il Creatore se lo porti via al più presto? Con uno così non vorrei mai trovarmi nella stessa stanza.
Tutto ciò sempre ammesso che Travaglio sia davvero e ancora un giornalista, visto che si esercita ormai apertamente nella fiction, recitando da attore testi le cui fonti le sa solo lui, ma ciò nonostante la tv pubblica lo paga sempre come giornalista.
 Evitare ogni contatto è dunque anche questione di deontologia professionale.
 In più c'è un problema di civiltà; lui non è una persona civile, vive di insulti, come quello che ha rivolto ieri ai giornalisti di Speciale Tg1: "Chiunque ha avuto lo stomaco di vedere quella merda di trasmissione...".
Io non credo, come ha detto ieri Cicchitto a Montecitorio, che Travaglio sia un "terrorista mediatico", perché paura non ne fa a nessuno. Ma un parassita mediatico certamente lo è. E, per dirla con Togliatti, sarebbe bene che nessun destriero offrisse più a questa cimice ospitalità nella sua criniera.
Antonio Polito Il Riformista
Credo anch'io che il Travaglio (dell'intelligenza) abbia più la statura di una "zecca" che non quella di un "terrorista mediatico".
Come le zecche si attacca al collo e succhia sangue dalla sua vittima, fino a raddoppiare le proprie dimensioni, non fisiche, ovviamente, ma quelle del conto in banca.
Ci fossero più sinistri come il direttore del Riformista nel Pd, non saremmo a questi punti, e il Pd non sarebbe il "lacchè"  di Di Pietro, ma Polito era troppo intelligente, pr essere apprezzato nel partito della Bindi.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. polito travaglio

permalink | inviato da Orpheus il 16/12/2009 alle 18:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (26) | Versione per la stampa

16 dicembre 2009

Se sei un giudice non paghi mai... l'immunità corporativa di cui nessuno parla



La  Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, ha condannato l'Italia, non che sia una novità vista l'operosità dei nostri giudici, il grave é che é stata condannata per la scarcerazione di Angelo Izzo, il massacratore del Circeo, che si é dilettato, mentre era in regime di semi-libertà, grazie al buonismo e/o all'inefficienza dei soliti magistrati politicamente corretti, al massacro di altre due donne, madre e figlia di 14 anni.
Due donne che sarebbero vive, ma che gli errori di quei giudici hanno "ammazzato".
E francamente non so come possano continuare ad esercitare la loro professione e a dormire sereni nei loro letti.
Lo Stato pagherà  una somma irrisoria per due vite stroncate: 45.000mila euro, ma che sono tanti se si pensa che la responsabilità di questo terribile fatto di sangue non risiede nella leggi, ma in chi le amministra, secondo le proprie convinzioni morali e politiche.
La vergogna,  é molto più "salata" della pena pecuniaria  perchè l'Italia é stata condannata per aver
per avere violato il“diritto alla vita”, sancito dall’articolo due della ConvenzioneEuropea dei Diritti dell’Uomo.
Il modo in cui Izzo é stato scarcerato ha violato la legge, invece di applicarla:
"Il detenuto Izzo godeva della semilibertà, anche sene aveva già tradito le regole e, pertanto, doveva essergli revocata.Ma i giudici di Palermo lo misero in libertà nonostante le violazioni.Ed i giudici di Campobasso non informarono il tribunale di sorveglianzadi ulteriori, gravi infrazioni. Quindi, un po’ perché i giudici agironocon leggerezza, un po’ perché omisero di fare il loro dovere,trasmettendo a chi di dovere informazioni vitali (in senso letterale),è andata a finire che il detenuto Izzo era in libertà pur non avendonediritto. In questo modo lo Stato ha violato l’articolo due, che nonsolo prevede l’obbligo di non procurare la morte, ma anche quello diprendere le misure necessarie per preservare la vita".
Infine "poniamoci una domanda per darci una rispostaraccapricciante: perché i familiari sono ricorsi a Strasburgo?
Risposta: perché, come ha ricordato la Corte di Strasburgo, neiconfronti dei magistrati di Palermo fu avviata un’azione disciplinare,ma non ci fu nessuna sanzione, neanche amministrativa, e nei confrontidi quelli di Campobasso fu la famiglia delle vittime ad avviareun’azione penale, ma fu archiviata
.
Chi uccise è tornato aduccidere, ma secondo la nostra giustizia nessuno ne è responsabile."
E'
stata tolta l'immunità parlamentare ai politici, ma la magistratura di fatto GODE di un'immunità corporativa ed esclusiva che copre qualsiasi reato.
Se si mostrano i calzini azzurri di un giudice, scatta la riprovazione nazionale e le battaglie a suon di calzini azzurri nelle piazze, se una manica di magistrati inefficienti (se non peggio) libera un assassino psicopatico che MASSACRA due donne, scatta l'insabbiamento nazionale, la minimizzazione di massa.
Infine chi lotta "contro" i giudici e chi li difende sempre a spada tratta?
Chi parla dei mali della giustizia e chi non dice una sola sillaba?
Chi da questa situazione e da questa cortigianeria infame ricava più vantaggio?
E poi parlano del conflitto d'interessi del Premier...
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia indecente

permalink | inviato da Orpheus il 16/12/2009 alle 11:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

16 dicembre 2009

AVVISO

Cari Amici
Ho deciso di mettere nuovamente la moderazione ma solo, quando sono assente e non posso leggere e cancellare le schifezze che mi lasciano nei commenti i blogger di sinistra e i troll.
I commenti saranno liberi quando ci sono perchè in tal caso, posso censurarli.
Questa limitazione alla mia libertà la trovo veramente scocciante ma mi é imposta dalla maleducazione di chi viene qui, non per argomentare e avere un civile scambio di opinioni, ma per insultare e diffondere la solita fuffa sul nostro amato Premier.
Mai più su questo blog ci sarà spazio per insulti e menzogne sul suo conto.
La campagna d'odio qui NON SI FA.

Grazie a tutti e buona giornata
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. avviso

permalink | inviato da Orpheus il 16/12/2009 alle 10:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

15 dicembre 2009

Chissà se un elettore del PdL avesse spaccato la faccia a Prodi…



Chissà se un elettore del PdL avesse spaccato la faccia a Prodi?


Se  il forcaiolo Di Pietro avrebbe detto che lui “istiga”?

e la “cattolica adulta” Bindi  gli avrebbe detto di non fare la “vittima”?

Se il  Travagliato, giustizialista (inde)Fesso e indecente avrebbe avallato un simile e grave atto di violenza fisica e privata e sociale, perché Berlusconi è il capo di un grande partito, con parole da Torquemada di Tor pignattara? “Chi l’ha detto che non posso odiare un politico? Chi l’ha detto che non posso augurarmi che se ne vada al più presto? E che il Creatore se lo porti via al più presto?”
Lo dice il BUON SENSO e lo dice il RISPETTO della democrazia.
E’ grazie a queste parole che Tartaglia ha fracassato la faccia del Premier.
E’ grazie a lui, Santoro, Grillo e Di Pietro e alla sinistra "cosiddetta moderata", ma che é solamente ipocrita perchè il "lavoro sporco" lo fa fare ai mastini di cui sopra.

E il popolo della sinistra che non festeggia, minimizza: “In fondo era “solo” un souvenir”…che gli ha spaccato il setto nasale, rotto due denti e provocato una lesione interna ed esterna al labbro….ma era solo un souvenir.
La prossima volta quando sarà un fucile o una pistola che  diranno? “ Non tutto il male viene per nuocere, il tiranno è stato abbattuto”, viva la NOSTRA libertà e la NOSTRA democrazia e inizieranno le purghe per quelli come noi?
Sono anni che ci insultano per il solo fatto che votiamo PdL, immagino che il loro sogno sia “rieducarci” alla maniera di Pol Pot, per farci apprezzare quella fogna, corrotta, violenta, camorrista, antidemocratica, forcaiola, che si chiama SINISTRA.
 
Picchiano la gente che legge Libero o il Giornale sul tram, bruciano le nostre sedi di partito, attaccano chi fa volantinaggio, danno l’assalto ai nostri gazebo e punti elettorali, picchiano i nostri politici e VOGLIONO AMMAZZARE il nostro capo e leader indiscusso. Un vero esempio di vera libertà democratica.
Che cos’altro devono farci, perché noi reagiamo?
Entrare nelle nostre case con i bastoni come facevano gli studenti maoisti?
La misura è colma, le parole sono pietre e in questo caso statuette lanciate in faccia al Premier di un altro partito e alla democrazia. Sono le parole di Bindi e sodali.

Questa gente è nipote di chi nel dopo-guerra ha fatto un bagno di sangue, di chi negli anni di piombo sparava ALLE SPALLE del “nemico”.
Sono vigliacchi ma pericolosi.
Orpheus




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra travaglio di pietro bindi

permalink | inviato da Orpheus il 15/12/2009 alle 11:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (32) | Versione per la stampa

14 dicembre 2009

I rasta e le "sciurette" sulle barricate a insultare il Premier


A questo link  potete ammirare il panorama “sinistro” che ieri sera ha funestato il comizio del PdL: rasta, teste pelate alla nazi, pugni chiusi, incappucciati e delinquenti con la faccia coperta, …ma, SORPRESA, accanto a questo "fior fiore" di delinquenti al video 5 si possono ammirare anche carampane impellicciate, ragazzotte scialbe e “travet” con il dente avvelenato.
Tutti uniti le sciurette impellicciate e i “no-global” fianco a fianco, nell’odio contro Berlusconi, il nemico da abbattere, il diavolo da esorcizzare, anche ricorrendo alla violenza fisica.
Tutti con la bava alla bocca.
La sinistra no-global si è già sposata in “piazza” con la sinistra cosiddetta moderata. E quindi ecco spiegato il giochetto Bersani-Bindi  “il poliziotto buono e quello cattivo”: Bersani condanna senza se e senza ma. Bindi strizza l’occhio ai delinquenti che vogliono Berlusconi morto.
Bersani sarebbe credibile solo se chiedesse le dimissioni di un vice presidente della Camera e un presidente del Pd, che ha detto simili infami parole. Ma, come raccoglie voti al sud da Bassolino e Loiero e poi, fa l'anti-mafia pro forma, allo stesso modo si sdegna per la violenza incivile di questo atto (naturalmente compiuto da un elettore del Pd) a braccetto della Bindi e di Di Pietro.

Le immagini di quei video sono il triste spaccato dell’opposizione: tutti contro uno, idee zero, solo odio. Avanti così. Che forse ci riuscirete a liberarvi di Berlusconi scavalcando le urne....ci sono 50.000 possibili Tartaglia su Face book.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra indegna

permalink | inviato da Orpheus il 14/12/2009 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

14 dicembre 2009

Vergogna, vergogna, vergogna ecco il vero volto del Pd


Il PD ha la faccia ipocrita, buonista e da vecchia catto-comunista (nel senso più spregevole del termine) dell'On. Rosy Bindi.
La pia, la buona beghina che difende gli immigrati a spada tratta, anche quelli che rubano, violentano e ammazzano italiani: i clandestini, la bigotta che va in Chiesa a pregare Dio e poi é a favore di tutto quello che mina le basi della Religione Cattolica.
Il fior fiore dello schifo politicamente corretto, ma soprattutto CORROTTO.
La codina, perbenista, moralista dei miei stivali, quella che si é tanta offesa per una battuta, quella che sale sulle barricate per "difendere" le donne dal Premier e NON DAGLI STUPRI DEGLI IMMIGRATI, quella "signora" la cui sola presenza in Parlamento offende gli italiani onesti, ha commentato in modo SPREGEVOLE la grave aggressione al Premier. Un commento in LINEA con il "sig." Di Pietro...non sia mai, che si accaparri tutti voti dei facinorosi e delinquenti dell'estrema sinistra.
"Berlusconi non faccia la vittima é uno degli artefici del clima violento"
La vittima la può fare solo lei, vittima di una battuta del Premier, e allora solidarietà a badilate, magliette, comizi e stupidaggini varie...bene le auguro la prossima volta di essere vittima come Berlusconi, e non solo "vittima" delle sue battute.
Ma so, già che non capiterà MAI, perchè la VIOLENZA non appartiene alla nostra ideologia.

L'ODIO non appartiene ai nostri politici e al nostro elettorato.
Non siamo NOI che invadiamo le loro piazze con arroganza e insulti.
Non siamo NOI che impediamo persino di commemorare le vittime delle stragi.
Non siamo NOI che fondiamo gruppi su Face Book inneggiando alla morte di Prodi o chi per lui.
Non siano NOI ad avere avuto rappresentanti locali del PdL che hanno AUGURATO la morte a Veltroni e si sono dovuti dimettere.
Non siamo NOI a tenere bordone al piazzaiolo, forcaiolo e manettaro Di Pietro e ai teppisti di rifondazione.
E non siamo NOI ad avere politici come ROSY BINDI.

Tutti si sono affannati ieri sera  a porgere la loro solidarietà pelosa a Berlusconi, lacrime di coccodrillo, sul suo volto sfigurato e sanguinante.
Oggi é un altro giorno e si può ricominciare la caccia alle streghe.


Vergogna, vergogna,vergogna

Questo il nostro grido di battaglia e per vessillo il suo volto insaguinato. Non é solo la sua persona ad essere stata aggredita: MA LA DEMOCRAZIA

Nel link la risposta alla dis-onorevole Bindi per mano di Silvio Berlusconi...smettiamola di fare i superiori e le "belle statuine" con chi ci spacca la faccia!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi pd bindi

permalink | inviato da Orpheus il 14/12/2009 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre   <<  1 | 2  >>   gennaio