.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

16 novembre 2007

Il 95% degli ultras fuori in due giorni


Tutti liberi, o quasi. Ecco cosa succede agli ultrà arrestati dalle Forze dell'ordine. Loro, i poliziotti e i carabinieri, gli mettono le manette ai polsi per gli scontri, le violenze e la detenzione di armi improprie; gli altri, i giudici, li scarcerano al massimo dopo una settimana. Con buona pace della linea dura annunciata dal governo. Dei 406 tifosi arrestati nel corso degli ultimi quattro campionati (2003/2004; 2004/2005; 2005/2006; 2006/2007), «in galera per l'esecuzione di pena non c'è nessuno», attacca Filippo Saltamartini, segretario generale del Sindacato autonomo di polizia (Sap). Colpa della nostra legislazione, spiega, che per quel tipo di reati «non prevede la sanzione del carcere». Sono fuori, in questo modo, non solo i dieci ultrà arrestati a Milano per gli incidenti di domenica scorsa, ma anche il catanese indagato per la morte di Filippo Raciti e gli ultras di Ancona e Lazio fermati ad ottobre per possesso di mazze, coltelli e machete. Ultimi ad evitare la galera, gli ultrà del Brindisi finiti in manette domenica scorsa per resistenza e violenza a pubblico ufficiale. «Il fatto è che il più delle volte si tratta di reati contravvenzionali per i quali non è prevista la carcerazione», ribadisce Saltamartini. In realtà, aggiunge il numero uno del Sap, a favore degli arrestati gioca la combinazione di due fattori: la bassa sanzione per una certa tipologia di reati e la struttura «del nostro sistema, secondo il quale la pena va eseguita solo dopo la sentenza definitiva».  Il che vuol dire, in media, aspettare quindici anni prima di arrivare alla fine dell'intero procedimento. Solo allora «chi è stato condannato può essere tradotto in carcere a scontare la pena». A una condizione, però: «Che la sanzione irrogata sia superiore ai tre anni di reclusione». In caso contrario basta essere incensurati, e invocare le attenuanti generiche, per evitare la galera. Per Saltamartini «il 95% dei procedimenti a carico degli ultrà «si chiude dopo 48 ore, in sede di convalida dell'arresto. Con i fermati rimessi in libertà dal giudice. Per il restante 5%, invece, va in scena il processo per direttissima, dove però la sentenza non è eseguibile se la colpevolezza non è confermata dall'ultimo grado di giudizio». E a nulla porterà, scommettono gli uomini in divisa, la novità di imputare agli ultras accusati delle devastazioni dello scorso fine settimana anche l'aggravante della finalità di terrorismo. Per i sindacati di polizia, infatti, si tratta di un'accusa facilmente smontabile davanti al magistrato. Niente di nuovo sotto il sole, però, visto che perfino l'autore di una rapina a mano armata, incalza Saltamartini, «se è incensurato, paga i danni e ottiene il giudizio con rito abbreviato, se la può cavare con quattro anni e mezzo di reclusione».
Le cronache, del resto, sono piene di notizie relative alle scarcerazioni degli ultrà. Il 23 luglio scorso il tribunale dei minorenni di Catania ha fatto uscire Antonio Speziale, il diciottenne indagato per l'omicidio dell'ispettore di polizia Filippo Raciti. A febbraio, in precedenza, erano usciti di galera sei dei sette arrestati maggiorenni. Motivo: erano incensurati. Ad ottobre è stato lo stesso Giuliano Amato, ministro dell'Interno, a lamentarsi della decisione della magistratura di scarcerare 61 dei 66 ultras laziali trovati con coltelli e machete negli zaini prima della trasferta di Bergamo. Lo stesso è accaduto, il 5 ottobre, per tre tifosi dell'Ancona sorpresi ad aspettare i sostenitori del Perugia con bastoni, tira-pugni d'acciaio e un coltello a serramanico con lama lunga dieci centimetri. Tutti fuori dopo una notte in cella perché il decreto anti-violenza Amato-Melandri non prevede come obbligatoria la custodia cautelare in carcere.
Tommaso Montesano-Libero
Ecco la causa principale di tante morti assurde, la totale impunità per i violenti.
Se un governo di qualsiasi parte politica, non é capace o non vuole varare leggi che puniscano in modo esemplare i violenti, allora non mandi le forze dell'ordine a fare da cuscinetto fra queste bande di nuovi barbari.
Non possono pretendere che per una paga da fame, tutte le domeniche gli uomini in divisa rischino la pelle. Perchè cosa? In nome di chi? Del giro d'affari che ruota intorno al mondo del calcio e arricchisce chi ne fa parte? Per permettere all'allegra famigliola di andare allo stadio?( ma in quale film, ormai gli stadi sono campi di battaglia)
Per permettere a un'intera generazione di disadattati di dar sfogo ai propri istinti bestiali contro il nemico-avversario?
Ci vogliono leggi.  Chiacchere e beatificazioni servono a ben poco...fra qualche mese, saremo nuovamente a parlare e scrivere dell'ennesimo morto.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ultras pene scarcerazioni

permalink | inviato da Orpheus il 16/11/2007 alle 18:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

15 novembre 2007

Caso Sandri: quello che NON é stato detto

 
La verità bisogna dirla tutta, senza criminalizzare e senza strumentalizzare, ma tacere davanti a quello che è successo e a quello che pagherà, senza sconti  l'agente coinvolto è sbagliato e pericoloso. Un comportamento scorretto che, troppe volte è stato messo in atto dai media, dai politici e dai magistrati a danno di polizia e carabinieri.
Gabriele Sandri non era un tifoso “tranquillo e pulito”, duole dirlo ma è la pura e semplice verità.
L’informazione che lo dimostra, è stata taciuta sulla quasi totalità dei grandi media, e francamente non capisco nemmeno il perché. O meglio, la sua santificazione fa buon gioco a chi ha a cuore la demonizzazione delle forze dell'ordine.
Nel gennaio del 2002 Gabriele Sandri fu fermato dalla polizia davanti allo stadio di San Siro assieme ad altri ultràs laziali, prima dell'inizio dell'incontro di Coppa Italia Milan Lazio. Il gruppo si era appena rifornito in un negozio di ferramenta di coltelli, martelli e cacciaviti. Non certo per dedicarsi a lavori di bricolage, in tribuna.
L'insolito shopping pre-partita non passò inosservato, e la polizia li attese al loro arrivo in taxi davanti allo stadio. Repentinamente, i ragazzi riuscirono a disfarsi di quelle armi improprie, gli agenti, infatti le trovarono in terra e non indosso ai proprietari. Tuttavia furono portati in questura. Gabriele al processo venne poi assolto, complice lo stratagemma di cui sopra. Ma gli fu comunque comminato per un certo periodo un Daspo (il divieto di accedere alle manifestazioni sportive con obbligo di firma). Inutile ribadire che l'episodio non giustifica in alcun modo l'assurda e spropositata uccisione del giovane, ma purtroppo ne è una concausa.
A questo va aggiunto che il giorno della tragedia Sandri si é trovato coinvolto, insieme ai suoi compagni di curva, secondo indiscrezioni armati di coltelli (e ora indagati per lesioni), in una rissa tra tifosi di opposte sponde. E' sceso dalla sua macchina, insieme agli amici, e hanno teso un agguato alla macchina dei juventini, (11 laziali, le macchine erano due, contro 5 juventini su una mercedes nera) dopo essersi coperti il volto con sciarpe e cappucci. Anche stavolta i pugnali sono stati puntualmente ritrovati, accanto a qualche biglia di ferro, nei cestini dell'Autogrill aretino. Nelle tasche di Gabriele, sono state trovate anche pietre.
Da ciò si può facilmente trarre alcune conclusioni: i tifosi laziali non erano in quell'autogrill per "caso", ma nel preciso intento di menare gli avversari, Gabriele Sandri NON dormiva, tutto quello che é stato detto sulla sua presunta innocuità sono balle.
Detto questo rimane da capire il perché della beatificazione di un tifoso, se non violento, per lo meno “bellicoso”, che certo non giova come segnale, in quanto legittima il tifo aggressivo e l'odio contro le forze dell'ordine. A chi giova gettare il paese nel caos incoraggiando questo tipo di violenza nei giovani?
Giovani che pagano con la vita un momento di "ordinaria follia" o uccidono un altro essere umano, che odiano solo perchè indossa una divisa.
Da l’altrogiornale e Anno Zero puntata 15 novembre
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ultras polizia scontri sandri

permalink | inviato da Orpheus il 15/11/2007 alle 21:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

12 novembre 2007

Se il “dagli allo sbirro” arriva dalle istituzioni

 Clicca per ingrandire
Un applauso al presidente della camera, che proprio non riesce a non esternare il suo pensiero rifondarolo in ogni occasione.
Dall’alto della sua posizione privilegiata pontifica sulle forze dell’ordine, con la sua erre moscia e i suoi golfini in cachemire tira bordate a chi rischia la vita, tutti i giorni per 1200 miserabili euro al mese.
Si, ha ragione esimio presidente della camera limitiamo l’uso delle armi da fuoco, anzi togliamogliele del tutto, mandiamo poliziotti e carabinieri senza armi per le strade, come i romani mandavano i cristiani nelle arene contro tigri e leoni. Sarà felice la maggioranza dei suoi elettori, di un simile provvedimento, perché potrà praticare gli sport preferiti “caccia al poliziotto”, e “devastazione e saccheggio” senza rischiare nemmeno un graffio.
Davanti poi alla violenza cieca e distruttiva che si è scatenata nelle nostre città, lei non ha trovato di meglio che perorare la causa degli zingari. Paragonando l’episodio dell’uccisione di Gabriele Sandri a quello del rumeno Mailat: “Ieri si gridava in modo indiscriminato 'assassini' a tutti i poliziotti, quasi che tutti loro fossero responsabili della morte di Sandri, così nel caso nel rumeno assassino sono stati criminalizzati tutti i rumeni, quelli che fanno l’operaio edile o la badante, come se la cancellazione dei rumeni fosse la cancellazione della violenza".
E’ una spudorata MENZOGNA e lei lo sa bene, ma tant’è…
non è riuscito a non STRUMENTALIZZARE in modo indecente anche la morte di questo povero ragazzo.
Equiparare poi le forze delle ordine, agli zingari che vivono nei campi nomadi e campano delinquendo , beh solo dalla sua bocca poteva uscire una simile iniquità. Solo accostare le due categorie é "una bestemmia".
Ieri 40 poliziotti sono finiti in ospedale, auto, motorini, furgoni bruciati, Commissariati presi d’assalto, campi di calcio invasi, una colossale caccia al poliziotto in tutte le città d’Italia, e lei esimio presidente della camera NON TROVA DI MEGLIO CHE PROPINARCI L’ENNESIMO SERMONCINO SULL’INTEGRAZIONE? Con annessa la solita formuletta buonista su come combattere la violenza, per la quale “non basta la via repressiva: bisogna educare alla convivenza, a non vedere nell’avversario, nel diverso, un nemico”.
Quanti bei balablabla..., intanto a rischiare la pelle sulle strade sono i poliziotti e i cittadini normali come me. Sono io che rischio di essere violentata e massacrata di botte, da coloro che lei chiama gentilmente "diversi", ma che sono realmente solo criminali senza scrupoli. E per me sono nemici.
Lei così “altruista” viaggia in auto blu (quando non in aereo blu) con tanto di scorta, idem la sua signora. Io no, e come milioni di donne italiane siamo alla mercè dei “lupi” entrati nel nostro paese, con la benedizione del suo governo. Questo ci terrorizza, e non i tutori dell'ordine.
Ieri nel nostro paese si è scatenata una guerra civile degna di un paese sull’orlo di un golpe, e da questo governo le uniche assicurazione che vengono fatte sono che: “Sarà fatta chiarezza”, “Non sarà occultata la verità” “Si andrà fino in fondo”, come se gli italiani vivessero nella paura costante degli ERRORI della polizia, e non in quello della violenza distruttiva di tutta una serie di categorie sociali che vanno dagli ultras, ai disobbedienti, ai delinquenti  immigrati e non, che hanno tarsformato il nostro paese, in una giungla.
Categorie con licenza di devastare e uccidere, perché vanno capiti, “educati alla convivenza” magari in un bel residence in riva al mare, mentre la vittima del loro crimine marcisce sotto terra.
Le sue dichiarazioni esimio presidente della camera, in un paese civile le costerebbero le dimissioni, ma questo non è un paese civile e i fatti di ieri lo hanno ampiamente dimostrato.
Orpheus
Aggiornamento- Casini: "Una vergogna i politici contro la polizia"


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ultras bertinotti zingari devastazioni

permalink | inviato da Orpheus il 12/11/2007 alle 12:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

11 novembre 2007

Muore un giovane tifoso ed é subito caccia al poliziotto

 Scontri tra la polizia e i tifosi romanisti nei pressi dello stadio Olimpico (da Sky Tg24)

Un ragazzo di nome Gabriele Sandri,è morto dopo uno scontro tra tifosi in un'area di servizio lungo l'A1, nel territorio di Arezzo, colpito, pare, da un colpo d'arma da fuoco esploso da un agente della Polizia stradale intervenuto a sedare la rissa.
Gabriele era nella sua auto quando è stato colpito dall’agente, dall’altra parte della strada, il quale ha sparato in aria non per uccidere, ma per intimidire i partecipanti alla rissa.
Se ne deduce che è stata una tragica fatalità, di cui bisognerà appurare tutti i risvolti e le responsabilità.
Tanto è bastato per trasformare alcune delle principali città italiane in teatri di guerriglia urbana, con molti feriti da parte delle Forze dell’Ordine e devastazioni di beni pubblici e privati.
A Roma è stata presa d’assalto una caserma dei carabinieri e la sede del Coni, e scontri anche a Bergamo e Milano.
L’odio contro poliziotti e carabinieri, come un torrente in piena, si è riversato per le strade, negli stadi, sul web, ovunque è apparso “10,100,1000 Raciti”, l’ispettore di Polizia ucciso in febbraio, da un tifoso del Catania (immaginiamo il dolore della povera vedova, costretta a subire anche questo).  Persino allora, malgrado a morire fosse stato un poliziotto, la stessa incivile barbarie aveva dato mostra di sé. Gli stessi teppisti avevano festeggiato la morte di un uomo di 38 anni, con vent'anni di servizio nella polizia, donatore di organi, sangue, volontario della Croce Rossa e padre di due figli.
Detto questo, c’è qualcosa di profondamente sbagliato in una società che permette queste manifestazioni violente, scatenate con sistematica determinazione, appena se ne presenta l’occasione. Se lo stesso ragazzo fosse morto a causa di un colpo partito dal fucile di un cacciatore, per esempio, nessuno ci avrebbe fatto caso. Se fosse morto a causa di un colpo sparato durante una rapina, idem. Ci sarebbe stato, si e no, un commento in qualche in TG.
Pochi mesi fa, un rom ubriaco ha falciato quattro ragazzi, due settimane fa una donna è stata (quella si volontariamente), stuprata e ammazzata, eppure NON si è scatenata in tutta Italia la caccia al rom. Non sono stati assiliti i campi nomadi. Non ci sono stati assembramenti di centinaia di teste calde che bruciavano, devastavano e assaltavano qualsiasi cosa.
Il problema, quindi è la violenza ormai non più arginabile di certi ambienti giovanili. Una violenza che si scatena in modo cieco e furioso, ogni volta che le circostanze lo permettono, contro le forze dell’ordine. E’ una guerra  che stata dichiarata alle stesse. Una guerra alimentata dall’odio che tutta una certa parte politica ha sempre soffiato contro polizia e carabinieri e contro i nostri militari.
La morte di un ragazzo è sempre una tragedia, ma quello che è seguito dopo la morte di Gabriele Sandri è una vergogna inconcepibile in un paese civile. Si spera che il governo se la prenda con i veri responsabili che ben poco hanno a che fare con lo sport del calcio.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. ultras polizia scontri gabriele sandri

permalink | inviato da Orpheus il 11/11/2007 alle 22:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
ottobre        dicembre