.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

20 gennaio 2010

Eurabia: il jihad degli stupri


In Europa, ormai all'integrazione non ci crede più nessuno, basta leggere cosa succede negli altri Paesi europei, oltre che in Italia, per comprendere quanto illusoria sia la promessa dell'integrazione, spacciata come "araba fenice", ma che é, di fatto inattuabile, su larga scala.

Troppi stranieri, che arrivano e si ritrovano per la strada, ammesso e non concesso, che abbiano tutte le intenzioni di lavorare, non trovandolo, come campano?
Si formano ghetti, come a Modena, dove il tessuto sociale non è riuscito ad assimilare le troppe presenze straniere, con il risultato di una criminalità fuori controllo. Cittadine una volta tranquille, trasformare in "bronx" nostrani.
A Milano gli stupri occasionali, sono all'ordine del giorno, gli stupratori al 90% immigrati, come l'ultimo preso, un senegalese, colpevole di tre attacchi ad altrettante donne, sole.
Lo stupratore che ha brutalmente assalito quella povera senza tetto, e l'ha ammazzata é risultato essere un bulgaro. Questo tanto per fare pochi esempi recenti.
E come l'Italia anche la Norvegia, dove gli stupri aumentano di anno in anno, a Oslo la polizia ha rivelato che nel 2009, rispetto l'anno precedente, i reati di stupro a danno delle norvegesi sono raddoppiate. La Danimarca, la Svezia. GB ecc. Una scia di donne stuprate da far rabbrividire.

E se prendiamo in considerazione i "regolari", quelli che hanno una casa e un lavoro e magari anche la cittadinanza, la situazione non brilla per nulla.
Mantengono anche nei nostri Paesi, usanze aberranti e barbare, come la poligamia o quella di sgozzare figlie ritenute troppo "integrate", darle in moglie ad un età in cui dovrebrbero studiare a uomini scelti dalla famiglia e molto più vecchi e via dicendo, delitti d'onore, donne segregate, persecuzione di chi si converte ad altra religione ecc.
Questa é integrazione?
No, non finirò mai di ripeterlo. Come si suol dire "carta canta" e riferire

numeri e cifre non é razzismo, come blaterano i soliti beoti etnicamente corretti, ma non nascondere la testa sotto la sabbia.

Oppure in nome di un feticcio inesistente, quale l'integrazione dobbiamo essere stuprate, stare in silenzio e ringraziare perchè gli immigrati contribuiscono al Pil? Ovvio che chi lavora onestamente, non è da accomunare alla feccia che stupra, ma in ambo i casi si tratta di stranieri. Accettare i primi (sempre che rispettino le nostre leggi e la nostra CIVILTA'), non vuol dire automaticamente giustificare gli altri. Certe verità , vanno URLATE altrimenti si finisce per nascondere la sporcizia sotto il tappeto.

Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Eurabia integrazioni stupri

permalink | inviato da Orpheus il 20/1/2010 alle 18:26 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

2 marzo 2009

Ecco chi dobbiamo ringraziare per aver trasformato l'Italia nell'eden dei criminali

 

E' incredibile veramente.
Nicolae Negru, cittadino romeno condannato a 9 anni di reclusione per rapina, sequestro di persona, violenza carnale, lesioni volontarie aggravate e violazione della normativa in tema di armi, stava per tornare in circolazione, il solito magistrato dal cuore d'oro, ne aveva stabilito la scarcerazione ANTICIPATA.
Già NOVE ANNI per una sfilza di reati GRAVISSIMI sono un’indecenza, in più nemmeno il buon senso, di fargli scontare per intero la pena.
Poi ci chiediamo come mai, la feccia di ogni paese, arriva qui.
La risposta è lapalissiana, dobbiamo ringraziare la nostra magistratura.
Fortunatamente il Viminale ne ha decretato l'espulsione immediata, rimpatriandolo ieri alle 15, per imperativi motivi di pubblica sicurezza, ma soprattutto, in opposizione alla sentenza del magistrato che aveva liberato questa bestia. Il provvedimento, spiegano al Viminale, si è reso necessario “a seguito della scarcerazione anticipata del cittadino romeno disposta dal magistrato”.
Se il Viminale non fosse intervenuto avremmo uno stupratore in giro per le nostre strade, con tutti i pericoli che ne derivano.
Bisognerebbe scendere in piazza contro questi magistrati, che non hanno rispetto della legge, delle sofferenze delle vittime, ma cosa ancor più grave, DELLA SICUREZZA dei cittadini.
I quali PAGANO LO STIPENDIO a questi pseudo amministratori della Giustizia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Stupri magistratura

permalink | inviato da Orpheus il 2/3/2009 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

13 giugno 2008

La condanna di essere donna: stupri di massa in Congo

 [afrika.jpg]
Spesso essere donna è una condanna.
Lo è nei paesi sottosviluppati e lo é, purtroppo, anche se in misura grandemente inferiore nei paesi civili.
Fa male leggere che in Congo stanno avvenendo stupri di massa su bambine, donne e vecchie, fa male perchè nessuno se ne occupa, nessuno ne fa parola. Muta la comunità internazionale, impotenti (o indifferenti) 18.000 caschi blu. Ma, allora che stanno a fare là?
Solo una voce si leva a difesa di quelle povere vittime, ed è quella di Padre Claudio Zuccalà dei Padri Bianchi missionari che paragona questi stupri di massa ad un “genocidio: la distruzione di una società a partire dalla sua cellula fondante - la donna - che viene distrutta sia come persona, sia come essere umano capace di riprodurre. Questo genocidio, che si consuma nel silenzio perchè se ne parla troppo poco e soprattutto a distanza, per cui non lascia un impatto, io mi sentivo in dovere di essere uno fra i tanti che ne parla: questo è ciò che succede e non si dica un giorno questo non lo sapevamo”. Che si sappia o meno, la lista dei genocidi, consumati nel silenzio e menefreghismo generale è lunghissima e dolorosa.
La violenza contro le donne, però non è solo una prerogativa di certi paesi, e il silenzio è assordante, anche nei casi sempre più frequenti e brutali che avvengono nei nostri civilissimi paesi.
I dati della violenza sulle donne sono a dir poco allarmanti, eppure, tranne qualche articoletto di cronaca, non viene data alla questione, nessun altro tipo di approfondimento. L’opinione pubblica non viene assolutamente sensibilizzata sull’argomento.
Lo stupro è l’arma degli individui più culturalmente e moralmente inferiori, è il loro modo da cavernicolo di esprimere il proprio “predominio” sulla donna. Lo è in quei paesi poveri e funziona così anche nei nostri.

OT (ma non troppo)
Ci sono poi “galantuomini” che si sentono tanto “virili” e che per insultare una donna, le dicono che “merita di essere stuprata”, è capitato anche a me. Questi ultimi oltre che cavernicoli, sono anche dei misogni codardi, perché approvano lo stupro, ammirano in cuor loro gli stupratori, ma non hanno il coraggio di passare a vie di fatto…lo stupro è un’azione tanto indegna, che dovrebbe avere sempre e solo una valenza negativa, dovrebbe essere sempre e solo condannato, coloro che non lo capiscono sono da biasimare, senza se e senza ma.
La violenza verbale quando é così aggressiva non é in alcun modo giustificata, ci può essere uno scambio d' opinione vivace e posso volare anche termini "fioriti" ma augurare di essere stuprata ad una donna é da incivili e mette automaticamente dalla parte del torto.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stupri congo violenza verbale

permalink | inviato da Orpheus il 13/6/2008 alle 19:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

20 aprile 2008

Stupro a Roma é ora che la sinistra si assuma le sue responsabilità

Ioan Rus, arrestato, è accusato di tentato omicidio, violenza sessuale e sequestro di persona. Ora è in carcere al Regina Coeli (Ansa)
Era la fine di ottobre quando Giovanna Reggiani, fu brutalmente seviziata, stuprata e uccisa, da uno dei tanti rom dei campi nomadi che infestano Roma e dintorni, grazie alle politiche veltroniane di finanziamento e accoglienza.
Sei mesi e non é cambiato nulla.
Anche allora scoppiò una furibonda polemica, e il governo Prodi varò un “pacchetto sicurezza”, che venne falcidiato dalla sinistra radicale con emendamenti criminali che impedirono di fatto le espulsioni e che non entrò MAI in vigore a causa di una norma messa lì in bella posta, per bloccarlo (mi rifiuto di pensare che sia stato una svista, perché sarebbe ancora peggio).
E adesso con che FACCIA l’ex-ministro Amatodifende l’indifendibile dichiarando che “la reazione dell'Esecutivo e delle forze dell'ordine è stata "pronta".
Pronta a che cosa? A piegarsi ai diktat di Rifondazione per non far cadere il governo?
Pronta a lasciare i rom al loro posto, sperando nella buona sorte?
Pronta a mettere a rischio ogni donna di questo paese che abbia la sventura d’incontrarne uno?
Sono vergognosi, continuano a mentire sperando che qualcuno ci caschi.

Ma la gente ha imparato a NON fidarsi più delle loro fatue chiacchiere e guarda ai fatti.
I fatti dicono che dopo 10 anni di governo di sinistra Roma, la capitale d’Italia, è diventata la capitale degli zingari, e che, nella maggioranza dei casi, chi delinque è un immigrato clandestino.
Farebbero meglio ad assumersi le loro responsabilità, e a cercare di costruire una vera sinistra da proporre agli italiani.
Perderanno Roma, come hanno perso l’elezioni in modo tanto schiacciante, perché vivono in un’altra dimensione, lontana dalle esigenze della popolazione.
Il PRIMO provvedimento di questo governo non sarà un indulto per alleviare le condizioni dei “poveri detenuti”, ma sarà un pacchetto sicurezza serio per rendere la vita più sicura a chi si rompe la schiena otto ore al giorno onestamente, e non sceglie la via lucrosa e comoda del crimine.
La linea della sinistra di accollare la responsabilità personale del singolo alla società, è una linea sconfitta dalla realtà e dalla storia.
Si sveglino e pensino al loro popolo, invece che ad un ideale di “buonismo multiculturale” impossibile da mettere in pratica, perché i primi a non farlo sono proprio i molti immigrati, che hanno trovato nell’Italia il "bengodi del crimine", grazie al lassismi ideologico della sinistra.
Orpheus

Aggiungo questo articolo di Maria Giovanna Maglie, che dice con parole più veementi quello che ho scritto anch'io, merita.

MALEDETTI BUONISTI
Il problema più allarmante e più umiliante che il nuovo governo eredita dal passato, così ingloriosamente finito, è la sicurezza delle persone. Sarà una grande responsabilità. Mi piace parlare dell'individuo mortificato e non solo della donna, anche se è la cronaca a ricordare che se sei femmina oggi in Italia ti tocca stare attenta a dove vai, con chi, a che ora, a guardarti le spalle e a subire le prediche di parenti, amici, psicologi e autorità, come forse non accadeva da quaranta anni, come se l'emancipazione diventasse di colpo un lusso e un rischio. Eppure nemmeno così sei salva. Nemmeno da anziana sei salva.
Il piano di sicurezza, pomposamente rivendicato anche ieri sera, di fronte alle ragazze sventrate e violate, da Giuliano Amato, il ministro più arrogante, cinico e inetto che io ricordi, non è mai stato messo in pratica.
Come la Carta dei Valori, faticosamente strappata dagli immigrati moderati e liberali, che davvero vogliono vivere da italiani,
e poi tenuta nascosta.
Se gli ultimi due criminali sono stati arrestati, si deve certamente all'intervento delle forze dell'ordine, ma non perché erano là prima, di ronda intorno a una zona di locali per giovani, o di pattuglia nei pressi di una stazione che trasporta pendolari, considerata pericolosa. No, a dare l'allarme sono stati dei cittadini, e il male era già fatto.
La colpa è tutta e solo del governo uscente, ne sa qualcosa il sindaco di Milano, Letizia Moratti, che ha continuato inascoltata a chiedere interventi sensati, altro che le farneticazioni del ministro Ferrero. Da sola un'Amministrazione comunale, anche animata dalle migliori intenzioni, non ce la fa. Roma però è stata intontita dalla vanagloria di Walter Veltroni, dal bluff del modello Roma, bella, pulita, sicura e tollerante, per ritrovarsi, nuda e sporca, sul cadavere di Giovanna Reggiani.
Gli extra comunitari clandestini restano quanto vogliono nelle nostre frontiere, quando li fermano e li invitano a lasciare il Paese entro dieci giorni, nessuno verifica che questo accada. I comunitari entrano liberamente, senza lavoro, senza fissa dimora. Anche questa è una decisione del governo Prodi, enfatizzata dal ministro Emma Bonino, che si è opposta virilmente a qualunque rinvio, come il buon senso e altre nazioni europee chiedevano, e come hanno fatto. Il voto ha cancellato, insieme all'alibi del Paese spaccato in due, assieme al comunismo da salotto, anche il mito del buonismo, che ci sta decimando. Vogliamo la sicurezza, non la luna.
Da Il Giornale


 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. governo prodi stupri rom pacchetto sicurezza

permalink | inviato da Orpheus il 20/4/2008 alle 12:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

1 novembre 2007

IPOCRITI E BUGIARDI ...

 "Vorrei invitare tutti a non fare la cosa più semplice, a non diventare razzisti, perché quando c’è una rapina si dice: "Un rumeno fa una rapina". Una polizza sulla sicurezza della città è diffondere a Roma la cultura dell’accoglienza e della solidarietà nei confronti degli immigrati". Walter Veltroni, giugno 2006

"Quando il 75% degli arrestati proviene da un solo Paese, e tutti gli episodi hanno la stessa modalità, ovvero aggressione violenta, furto, stupro e omicidio, esiste un problema specifico. Prima dell'ingresso della Romania nell'Unione europea, Roma era la città più sicura del mondo. Ritengo che l'Europa debba chiamare in causa le autorità romene". Walter Veltroni  oggi, 31 ottobre 2007. Da Conservative Mind

Per placare l'indiganzione popolare, adesso sono pronti a dire qualsiasi cosa.
Ma fino all'altro ieri hanno svenduto i nostri confini, hanno permesso che ci invadessero i peggiori delinquenti del pianeta.
E anche questa volta
alle solite chiacchere  NON seguiranno i fatti

Prodi dice:""Quello che dovevamo fare l'abbiamo fatto (sarebbe il decreto sulle espulsioni,  che concede 
UN MESE di tempo, all'immigrato pericoloso perchè se ne vada. UN MESE, nel quale quello può tranquillamente sparire e andare a delinquere in un'altra città) e, prosegue "continueremo seriamente a vigilare, e a fare in modo che questi atti non si ripetano più". 
Si, con la forza del pensiero e delle stro....e che rifila agli italiani.
Quello che avrebbe DOVUTO fare e che NON HA fatto é  
una moratoria, uno stop per due anni, quando nel gennaio scorso ha firmato l’ingresso della Romania nell’Unione Europea, da allora a oggi l’esodo dei rom è stato incessante. Manco loro conoscono i numeri veri: da 150.000 in su.  
Sarebbe bastato che l’Italia seguisse la direttiva europea che parla chiaro:
o hai un lavoro che ti consente di mantenerti o non entri nel nuovo Paese dove vorresti risiedere.
Non hanno voluto fare niente, troppo impegnati a tenere buoni i comunisti loro compagni per NON perdere la poltrona, troppo occupati a fingersi i nuovi paladini dei poveri e dei derelitti, di cui sperano un domani d'accaparrarsi il voto.


La lista delle violenze, delle sevizie, degli omicidi per mano di clandestini siano essi rom o albanesi o egiziani si allunga senpre di più come la fila di lapidi di innocenti nei cimiteri , italiani che hanno avuto come unica colpa la sfortuna d'avere la peggior sinistra d'Europa, e per giunta a formare il governo peggiore della storia della nostra malridotta repubblica.
Giovanna Reggiani é morta ma prima di lei hanno subito la sua stessa sorte:
I coniugi Pellicciardi
Eleonora Allevi, Davide Corradetti, Danilo 'Lillo' Traini e Davide Corradetti di Appignano
Altri quattro ragazzi travolti e uccisi a Cremona
Vanessa Russo
Questi alcuni tra i più recenti ed efferati omicidi. Ma la lista é ben più liunga: quel signore preso a bastonate da un rom in un parco di Roma e morto dopo una settimana, le ripetute violenze sessuali a Bologna, persino gli uomini stuprano...Ormai é una "guerra", contro di noi e i principali artefici sono proprio coloro che ci rappresentano, che sono STATI ELETTI DAL POPOLO ITALIANO, e non quello albanese, rumeno, ecc.
Traditori che manteniamo nel lusso.
Spacciatori di falsità buoniste che spendono parole di COMPRENSIONE SOLO PER I CARNEFICI.
Come
l'IGNOBEL Dario Fo:""Abbiamo visto dove abitano? Cosa mangiano? Come sopravvivono, senza acqua, senza luce elettrica? Questa gente è abbrutita e lo sarà sempre di più contro noi benestanti occidentali, che li mortifichiamo fino al livello di farli vivere così senza tentare loro di offrire un' alternativa".
Nemmeno una parola per lei, per Giovanna, per il
suo martirio
Orpheus



1 novembre 2007

NOI DONNE DA OGGI SIAMO TUTTE GIOVANNA REGGIANI

Clicca per ingrandire
Quante altre donne dovranno essere violentate?
Quante altre donne dovranno morire prima che si faccia qualcosa?
Oggi noi donne siamo tutte Giovanna Reggiani. Aveva 47 anni, era moglie di un ufficiale di Marina, tornava da una passeggiata in centro a Roma, è stata violentata, seviziata selvaggiamente fino alla morte e abbandonata in un fosso.
Noi donne siamo tutte Giovanna Reggiani e i nostri mariti e i nostri cari sono tutti suo marito e i suoi cari. Proviamo dolore, paura, anzi vero e proprio terrore. Dovremo dunque osservare il coprifuoco? Dovremo tornare ai tempi in cui una donna era costretta a rincasare prima del calare delle ombre della sera?
Giovanna Reggiani non si aggirava a notte fonda in luoghi strani, era alle 20,30 nei pressi del comprensorio dove abitava insieme ad altre famiglie di militari. Non era neppure una ragazzina che ha seguito imprudentemente lo sconosciuto che le offriva caramelle. Giovanna Reggiani non era Cappuccetto Rosso che sconsideratamente dà retta al Lupo travestito, era una donna matura che si è difesa con tutte le sue forze. La colpa di Giovanna era forse solo quella di non avere una pistola nella borsetta? Di non aver seguito un corso di difesa personale? O forse la colpa di Giovanna era di non aver marciato con tutte noi per fare come i parigini del 1789 e prendere con la forza il Campidoglio che, quando va bene sposta i campi nomadi, altrimenti li lascia dove sono? La colpa di Giovanna allora è la colpa di tutti noi che protestiamo solo con la democratica e pacifica arma delle parole. Quelle parole che il sindaco usa a profusione e con generosità offre ai cittadini di Roma dopo averle bagnate nella demagogia, o nell'indignazione (come in questo caso), nel pathos, o in un malinteso senso di fratellanza. Sapete cosa mi indigna? Che Veltroni nel corso della ovvia conferenza stampa seguita alla morte di Giovanna ha detto che il pericolo è un'ondata di xenofobia. Perdio, No!
Il pericolo è che le donne continuino a morire, egregio signor sindaco-presidente del Pd. Questo è il pericolo.
E non me ne frega niente della xenofobia, non sono un'anima bella con la scorta come lei. Io non voglio morire per mano di qualcuno da cui lei non mi protegge. Non voglio dover chiedere il porto d'armi per difesa personale, nella motivazione dovrei scrivere "Sono una donna e a Roma le donne muoiono ammazzate dopo essere state violentate" e anche se lo scrivessi non mi concederebbero di avere un'arma per difendermi. Non voglio imparare a ammazzare per sopravvivere, ma sono disposta a farlo se devo vivere in una città dove legge e civiltà sono solo parole prive di contenuti.
La senatrice Heidi Giuliani si è indignata perché è stata respinta la richiesta per l'apertura di un'inchiesta sul comportamento della polizia a Genova. Le avevano ammazzato un figlio che con un estintore cercava di far fuori dei Carabinierii, e Rifondazione Comunista le ha dato un posto in senato per consumare la sua vendetta (come ella ha dichiarato al momento di insediarsi). Chi darà un posto in Parlamento o in Giunta Comunale al marito di Giovanna Reggiani perché possa, con la forza del dolore, della rabbia, garantire ad ogni donna un po' di sicurezza?
Simonetta Bartolini-Libero
Ho messo questo pezzo perchè sono talmente disgustata dalla sfilata di facce ipocrite della sinistra, che mi vengono in mente SOLO INSULTI: feroci, volgari, di ogni genere e grado, insulti che non voglio scrivere, perchè mi abbasserei al loro infimo livello: che Dio li maledica, per quello che stanno facendo all'Italia, agli italiani e alle donne in particolare.
Finiremo per vivere come nel Darfur, dove i "diavoli a cavallo" depredano, stuprano, torturano e ammazzano con il beneplacito del "governo".
Orpheus

18 ottobre 2007

Stupri senza fine, adesso rischiano anche gli uomini

Clicca per ingrandire 
Non passa giorno che non si legga di uno stupro, ormai per noi donne é diventato un incubo.
Viviamo con questa paura, per strada, in ascensore, in metropolitana, in qualsiasi luogo possa essere consumato uno stupro, perchè momentaneamente isolato (persino una Chiesa é stata teatro di un tentativo di stupro, finito con l'assassinio della ragazza) .
Viviamo con questa sottile angoscia che ci costringe a guardarci sempre le spalle, SEMPRE.
Da adesso anche
l'altra "metà del cielo" avrà di che preoccuparsi.
Due egiziani hanno rapinato e violentato un ragazzo di 18 anni a Milano.
Lo stupro molte volte é fatto per umiliare la vittima, per mostrare il proprio disprezzo nei confronti di un'altra etnia che si considera "debole", imbelle e non per un semplice "raptus" erotico.
Le vittime in questo caso sono donne anziane, ultimamente anche le ottantenni rischiano e  adesso anche gli uomini.
Vogliamo prenderne atto e dire ad alta voce che questi stupri sono consumanti nella stragrande maggioranza da stranieri?
Oppure facciamo finta di nulla, per non penalizzare chi? I clandestini? Ormai la delinquenza più pesante, la violenza più bruta é ad opera degli immigrati irregolari e far finta di nulla peggiora soltanto la situazione.
L'unica cosa che mi rallegra é che adesso anche Ferrero rischia, si é un po' pelato, ma intanto quelli mica ci badano....
Orpheus
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stupri immigrazione

permalink | inviato da Orpheus il 18/10/2007 alle 22:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

13 ottobre 2007

Sicurezza, il primo flop di "ùolter": il pacchetto scomparso dal cdm

 Clicca per l'immagine full size
Il segretario in pectore del Pd ha già ottenuto un risultato negativo eclatante: il Governo Prodi ha fatto sparire dall’agenda di ieri l’approvazione del pacchetto di sicurezza. Un risultato, appunto, per il sindaco di Roma che ieri, dalle colonne del Corriere della Sera, ha dichiarato: «Sono orgoglioso di aver impresso un’accelerazione di programma sulla sicurezza». Accelerazione, appunto: ieri mattina è bastata una manciata di secondi al Consiglio dei ministri per rinviare - al 23 ottobre - la discussione del pacchetto sulla sicurezza.
I nodi della maggioranza - strangolata dall’ala massimalista - sono nuovamente venuti al pettine. Alla sinistra radicale non piace l’idea di rendere più celeri le procedure di espulsione attribuendone il potere ai prefetti. E così ieri mattina ha fatto saltare il banco. Dopo la scomparsa dalla Finanziaria, il tema della sicurezza scompare anche dall’agenda di Palazzo Chigi.
Sui temi fondamentali, dunque, la maggioranza non esiste. Il tempo, però, fugge e il numero dei reati cresce giorno dopo giorno: lo ha denunciato oggi a Bologna, al convegno La sicurezza in banca, la Triplice sindacale: la metà delle rapine compiute in Europa viene messa a segno in Italia, la maggior parte nel Nord (1600 su 2.775 nel corso dell’anno passato, di cui 640 registrate in Lombardia). Record di colpi nei primi 6 mesi del 2007, ben 1.565, rispettivamente il 26,3% in più rispetto al primo semestre del 2006.
Scuotono la testa il sindaco di Milano Letizia Moratti così come il resto del Paese. All’inizio di quest’anno, dopo una Finanziaria all’insegna dei tagli sul fronte della sicurezza, il ministro degli Interni Giuliano Amato promise l’arrivo di agenti a Milano e a Napoli. Di ieri l’ultima beffa: a Napoli è stato deciso l’invio di 250 tutori dell’ordine con il particolare non irrilevante che entro poche settimane nella capitale partenopea andranno in pensione 240 agenti delle forze dell’ordine.
Da La Padania
E mentre "Wafer" si fa bello sul Corriere della Sera, per altro smentito dal suo operato , a Bologna,  in 10 giorni 4 donne hanno subito uno stupro.
Ma questo governo rimanda provvedimenti vitali per la sicurezza dei cittadini, nonchè contribuenti (salassati da TPS) per non urtare la "suscettibilità" degli stalinisti compagni di merende e maggioranza (si fa per dire maggioranza visto che senza i voti indecenti dei senatori a vita, cadrebbe un giorno si e l'altro pure).
Quanto al "Wafer" ancora non é nemmeno segretario del Pd, nonchè probabile futuro candidato premier che già conta come il due di picche, quando la briscola é cuori.
Stupisce la "serietà" della sinistra italiana, una compagnia di guitti e saltimbanchi farebbe di meglio.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. stupri veltroni sicurezza

permalink | inviato da Orpheus il 13/10/2007 alle 21:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio