.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

19 marzo 2010

Il Pd sbaglia a non indignarsi per l'arresto di Frisullo


Confesso che l’arresto di Sandro Frisullo, mi lascia interdetta, perché anche in questo caso se ne ravvede, la matrice politica. Infatti è finito in carcere perché è stato applicato il regime di custodia cautelare, che si autorizza per tre motivi: pericolo di fuga,  inquinamento delle prove e  reiterazione del reato.  Per Frisullo non sussisteva nessuna di queste condizioni, è sotto indagine da circa un anno e non è nemmeno più vice presidente della Puglia, quindi perché è stato incarcerato a 10 giorni dalle votazioni?  Era veramente necessario il suo arresto?

Si dirà un po' per uno in braccia alla mamma, ma non è così che bisogna ragionare. Tutto ciò che mina la democrazia va stigmatizzato, anche quando a farne le spese é l'avversario politico.

Detto questo, le reazioni dei maggiorenti del Pd,  sono state inique più dell’arresto stesso, perché lo hanno legittimato. Bersani se n’è lavato le mani “Ci fidiamo dei PM”,  D’Alema non ha trovato di meglio che sbolognare il suo ex-referente, come una patata bollente: “ Frisullo non fa parte da quasi un anno del governo regionale, nè ha incarichi nel nostro partito”. Solo La Torre è stato sfiorato dal dubbio, di una “tempistica sospetta” a pochi giorni dal voto (si spera che se ne ricordi, anche in altre occasioni). Forse non lo cambierà a favore del centro-destra, ma sicuramente peserà non poco, sugli equilibri all’interno della coalizione di centrosinistra a favore dell’Italia dei Valor, il partito guidato da un’ex-magistrato, che sicuramente piace molto alle toghe più estremiste (e ce ne sono parecchie in Puglia).

Come il Pd non intravveda il gioco del suo finto alleato, per me è un mistero, come e perché si presti ad appoggiare, questo ennesimo segnale del disfacimento istituzionale in atto, per me è inconcepibile.  Come non si ribelli allo sconfinamento della magistrata nella politica, è inammissibile.

L’unica spiegazione, è che pensa di “capitalizzare”  l’assalto togato a suo vantaggio, come è successo in Lazio (una pagina veramente vergognosa per l’opposizione, che ha perso, la faccia ancor più del centro-destra), ma a trarne vantaggio, dopo questa ultima "stoccata" saranno solo i forcaioli viola.

E intanto Di Pietro si sfrega le mani,  lui si vende bene come l’onestino del quartierino rosso, e intanto ruba voti al Pd. Che a me sembra ogni giorno di più, un partito di “fresconi” o meglio di "pugili suonati" dal trattorista molisano.

Orpheus

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd giustizia ad orologeria

permalink | inviato da Orpheus il 19/3/2010 alle 18:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

18 marzo 2010

Un buon motivo per non votare Pd: il burqa va legalizzato


Se qualcuno é sfiorato dal dubbio di non andare a votare, basta che si legga la relazione alla proposta di legge, per legalizzare l'uso de burqa in Italia, legge voluta fortissimamente dalla sinistra italiana, che si è impegnata, anche fisicamente per il diritto al burkini senza se e senza ma, sui lidi lacustri.
Primo firmatario Salvatore Vassallo del Pd, ma lo schieramento é allargato e comprende anche l’Italia dei Valori, spiccano  Leoluca Orlando (evidentemente depositario della tradizione "siculo-pakistana" dell' ex-ministro Amato), Beppe Giulietti, Marco Minniti.
Ma dove hanno attinto cotanto scibile "progressista", i bravi dhimmi della sinistra?
Nientepopodimeno che  da al-Husayn Arman Ahmad, direttore dell’Istituto culturale islamico di Milano legato alla famigerata moschea di Viale Jenner, (quella da cui Mohamed Game, se n'è partito imbottito di esplosivo per far saltare in aria una caserma a Milano) e che il 17 gennaio ha inviato alla Camera il suo illuminato parere di oppressore dei diritti delle donne: "Il niqab fa parte della fede islamica ed è prescritto dalle fonti, sia il corano che la Sunna".
Come no? Anche la lapidazione, la poligamia e il matrimonio con bambine, le percosse "educative", l'omicidio d'onore ecc. avremo in futuro proposte di legge da parte della sinistra LAICA e democratica, anche per tutto questo?

 
Infuriata e indignata giustamente  Souad Sbai:" Devono vergognarsi per quello che hanno fatto, se lo mettano loro il burqa, sono dei falsi, non hanno mai parlato con delle donne arabe e non sanno che inferno vivono quotidianamente. Questi signori non farebbero entrare in casa loro neppure una colf con il burqa. Il burqa è una barbarie, è solo una forma tribale  se non fermiamo subito questo permissivismo ci ricadranno addosso le conseguenze, l’estremismo avanza. Queste donne sono obbligate a infilarsi addosso quel velo e non lo fanno per libertà di scelta. Quindi vanno aiutate a uscire fuori dalla loro schiavitù non a sottomettersi ai loro mariti".

Ecco un motivo per andare a votare PdL e di gran carriera, non bastasse il partito dei magistrati, i tarantolati viola, al carozzone si aggregano anche gli integralisti islamici, perchè i musulmani moderati sono tutti infuriati per una proposta lesiva dei diritti umani, e che mina democrazia e laicità dello stato.
Ai laici e liberali e democratici di sinistra non importa  un fico secco, dell'inferno a cui sono condannate le donne con il burqa, importa solo che alle urne, i loro aguzzini, mettano la loro crocetta sul simbolo del Pd e le obblighino a fare altrettanto.
Questa è l'altra Italia che promette Bersani?  Grazie, non la vuole nessuno.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. legge pd burqa

permalink | inviato da Orpheus il 18/3/2010 alle 19:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

27 febbraio 2010

Fin..almente la patente viola a Granata. Ci mancava proprio!



"Meno male che Granata c’è", potrebbe essere il nuovo slogan del popolo viola (di bile) degli antiberluscones d'assalto con a capo, il Giano bifaccia (di bronzo) Tonino, che da una parte si erge a  difensore della giustizia, dall'altra appoggia candidature di inquisiti, condannati e sospetti sodali dei camorristi. Che dire ha un bel coraggio il Popolo Viola a scendere in piazza, con i compari di Bassolino e con chi lo appoggia, Bindi in primis e ad "indignarsi per quel che succede sul versante giustizia". Chapeau!

Quindi Granata che ha ricevuto la "patente viola"  non sfigura per nulla nel movimento che accoglie qualsiasi "scarto" basta che proclami il proprio odio viscerale per Berlusconi.
Ha un curriculum di tutto rispetto: due giorni fa, durante la discussione sulla norma dei "sorvegliati speciali", ha ricevuto applausi scroscianti dalla sinistra; dieci giorni prima ha chiesto la testa del coordinatore nazionale del suo (?) partito Denis Verdini. Prima ancora si è scagliato contro il reingresso della Santanchè nel Pdl ("Esprime le posizioni più retrive della società", ndr); ha criticato chi aveva criticato la gola profonda Spatuzza; ha presentato con il piddino Sarubbi un testo per dimezzare i tempi per la concessione della cittadinanza; ha  tuonato contro i "medici spia" e contestato la legge "salva Eluana".

Mi chiedo solo, perchè si ostina a stare.-
 in un Governo di cui non approva NULLA.
Un briciolo di coerenza e di onestà e cambi partito.

Ma forse come il suo mentore Gianfranco Fini, ha un  "sens of humor" spiccato e molto "british", visto che ogni sua esternazione è una "freddura" e un bagno gelato per la maggioranza.
L'ultima di GianFuffa:"Non va bene che ognuno coltivi il proprio orticello e che ogni ministro voglia salvare se stesso e le proprie competenze a scapito di altri".
E lui che cosa ha fatto fin'ora? Non ha perseguito una linea politica, incomprensibile all'intero centro destra, (fatto salvo quei 4 gatti dei finiani) per portare avanti un suo cammino politico personale?
Il PdL sta galleggiando a causa sua, e fa anche la morale con il solito ditino alzato?
Non crede che vada ancor meno bene, che non si lasci sfuggire l'occasione per criticare il Governo e il Premier, ma soprattutto  che è disdicevole tradire il proprio elettorato, dopo che con i suoi voti è diventato Presidente della Camera?
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Popolo viola Di Pietro Pd Granata Fini

permalink | inviato da Orpheus il 27/2/2010 alle 18:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (13) | Versione per la stampa

26 febbraio 2010

Il programma elettorale...dei Radiculi


Non gli resta che piangere. Oddio forse il voto di qualche pervertito riescono a scovarlo  con questa trovata poco o..cula..ta, ma che tristezza!
Questo sarebbe un modo appena decente di far politica?
E' decoroso per le nostre Istituzioni?
Aiuta l'immagine dell'Italia all'estero?
E' rispettoso dei loro elettori, e in più in generale dei cittadini italiani, che pagano le tasse per mantenere i loro rappresentanti, e si devono anche sorbire simili oscenità nelle vie cittadine?
E infine, che grande considerazione per la figura femminile! Ma perchè non ci si é messo il suo di lato B, quel vecchio bavoso e depravato.

Adesso facciamo un semplice giochino di fantasia.
Proviamo ad immaginare al posto del logo giallo dei Radiculi, quello verde della Lega Nord, e poi sotto Lista Bossi-Maroni.
Ci siete? Bene cosa scriverebbero le (S)concite sull'Unità o le Rodotà sul Corriere e tutte le femministe notoriamente strabiche della sinistra?
L'indignazione si taglierebbe a fette, contro la destra volgare, becera e maschilista, che offende con tanta sprezzante misoginia, la dignità della donna.
La Bindi si metterebbe una maglietta per tener alto il nostro onore? Sicuramente. Lei non è una donna a disposizione di Berlusconi (anche se lo è di Tinto Brass, visto che il suo partito candida la Bonino).
Il Pd farebbe una protesta estemporanea per segnalare il degrado morale in cui la destra precipita il Paese? E certo che la farebbe! Gli basterebbe scendere in piazza e mostrare la faccia, non hanno bisogno di altro, visto l'ipocrisia che li contraddistingue e gli alleati che hanno.
E appelli e petizioni per la "patetica ingiuria di stampo misogino", fioccherebbero come una tormenta di neve al Polo Nord, inviti a chiarire, interrogazioni parlamentari colme di sacra riprovazione, una, dieci, cento trasmissioni su come Berlusconi offende le donne.
 
Infine ciliegina sulla torta, sul sito dei Radiculi, c'è un modulo per richiere un passaporto
con rinuncia alla cittadinanza italiana e la richiesta di asilo politico ad un paese dell'Unione Europea.
Si spera che ne facciano abbondante uso, i Radiculi ed i loro elettori.
Orpheus

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd radicali tinto brass

permalink | inviato da Orpheus il 26/2/2010 alle 19:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

10 febbraio 2010

La faccia ipocrita della sinistra: Di Pietro, De Luca e Bersani


Volevo scrivere un pezzo io sull'ennesima porcata ipocrita di una sinistra senza faccia, persa negli scandali rossi che giornalmente la travolgono, nella mancanza di uno straccio di idea e di un leader credibile e nel suo plateale doppiopesismo.
Riassumo questo di Davide Giacalone, che è molto esplicativo:


Vincenzo De Luca è uno tosto, ma il convergere di Antonio Di Pietro sulla sua candidatura sarà un tasto dolente, per la sinistra. Quando Antonio Bassolino, per lunghi anni, è stato il vicerè incontrastato di Napoli e della Campania, quella di De Luca era l’unica vera opposizione. Quando lo scandalo della spazzatura avvelenava l’aria e arricchiva i camorristi, la denuncia più chiara veniva da De Luca. Parlamentare e sindaco di Salerno, ha saputo utilizzare un linguaggio schietto, circa i temi dell’ordine pubblico, al punto da far sentire l’accento leghista in salsa campana. Prima eletto dalla sinistra, ha saputo sfidarne il partito maggiore, candidandosi e vincendo da indipendente.
Uno tosto, insomma. (condivido l'analisi su De Luca N.d.O)
Al tempo stesso, però, De Luca non è solo un indagato, ma anche un imputato. Per noi, che crediamo nel diritto, è solo uno dei tantissimi cittadini di cui la giustizia deve ancora dirci se si tratta di un giusto o di un delinquente, ma secondo il partito delle manette è uno di quelli che non dovrebbero mai potersi candidare.
Invece Di Pietro lo appoggia.
Di più: De Luca è andato al congresso dei manettari, ed è stato non solo applaudito, ma osannato nel ripeteva che i reati da lui commessi, se realmente sono tali, li ricommetterebbe mille volte e ne è orgoglioso. Bravo, bene, bis. Nel tripudio sarà opportuno non perdere di vista la sostanza: la sinistra s’è consegnata ai suoi avversari.

Il moralismo senza etica ha compiuto il suo prodigio: basta un avviso di garanzia per escludere un innocente dalla vita politica, quando non direttamente da quella civile, ma uno sotto processo per diversi e gravi reati può ben trionfare, purché alleato dei forcaioli.
L’estremismo giustizialista approda alla sua ultima spiaggia: ai nemici s’applica l’incostituzionale presunzione di colpevolezza, agli amici si fornisce il salvacondotto.

La sinistra rifletta su queste parole di De Luca: “Legalità e sicurezza sono fondamentali per la vita degli esseri umani”. Che è vero, ma è anche il manifesto di un pluriprocessato, osannato dal partito di quelli che vorrebbero processare tutti, tranne se stessi. Riflettano, e si rendano conto che se non si mette mano, in fretta e seriamente, alla riforma della giustizia, se non si fanno funzionare i tribunali, finiremo con il morire asfissiati dai miasmi dell’inquisizione senza diritto. Bersani si svegli, comprenda che in politica non conta solo il cinismo delle alleanze, e che il primo problema è liberare la sinistra dai suoi carcerieri.

Bersani non si sveglierà, malgrado l'invito saggio di Giacalone. Bersani é un "nano" della politica, uno che guarda all'uovo oggi, e che per metterlo nel paniere, consegna l'integrità (quel poco che ne é rimasta) della sinistra a un "di Pietro" e a un "de magistris". D'altronde non é un leader, ma un "bottegaio" e il Pd non é un partito d'opposizione ma un caravanserraglio unito solo dall'antiberlusconismo. Povera Italia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. de luca pd di pietro bersani

permalink | inviato da Orpheus il 10/2/2010 alle 10:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (8) | Versione per la stampa

25 gennaio 2010

Gianfranco Fini rischia di finire in polver-ini….

 

Il bello di queste elezioni è che c'è un'atmosfera da "Duello al sole", una resa dei conti, una sfida all'ok Korral senza vie di fuga e senza scorciatoie.
Questo vale sia perl Pd in Puglia e in Lazio ma anche per il PdL, la scelta della Polverini ha fatto venire l'ennesimo mal di pancia agli elettori del PdL, ma ha una sua logica, Fini (che é dietro candidatura) vuole pesare le sue forze alla conta dei voti. Ne ha assolutamente bisogno, a tal scopo ha imposto la Polverini contro tutto e tutti e ci ha investito il suo "capitale" politico, se qualcosa andrà storto, se Polverini mangerà la polvere della Bonino, a farne le spese sarà lui, perchè la vittoria è di tutti, ma la sconfitta è di uno solo. Al contrario se la Polverini vince lui avrà dimostrato il suo "peso" alle urne e Berlusconi dovrà passare a più miti consigli.
In questa ottica ha un senso anche una candidatura strampalata come quella della Bonino con al seguito il porno regista, estimatore di culi e molto mal visto dall'ala cattolica del Pd (come la Bonino abortista e non solo a parole. Da vomito), un duo che farebbe passare la voglia di votare a chiunque. Un'avversaria "spuntata" quindi, perchè diciamolo chiaramente il centro-sinistra, ha solo vantaggi da un Fini forte e armato contro il Cav. in poche parole il gioco vale la candela anche per il Pd, il cui unico scopo è un Berlusconi fuori da giochi o indebolito.

Cosa conviene a noi elettori di centro-destra?
NON votare per la Polverini. Scheda nulla, andare a farsi un pic-nic, invece che al seggio elettorale.
Lasciare la regione Lazio al centro-sinistra e in cambio togliersi di torno Fini, o per lo meno, relegarlo in un cantuccio a leccarsi le ferite.
La nave imbarca acqua come si suol dire, e i topi hanno incominciato ad abbandonarla. In un mese si sono dimezzati i fedeli di Fini in Parlamento, a fine dicembre, poco prima di Natale erano 46. Oggi, stando a fonti ai massimi livelli del Pdl, sono scesi a poco più di venti.

Diamogli quindi...la mazzata finale;-)
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Regionali Pdl Pd Polverini Bonino

permalink | inviato da Orpheus il 25/1/2010 alle 22:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa

16 gennaio 2010

Sinistra-l'Odissea nella Strazio


Forse, la sinistra italiana non costituisce una valida alternativa di governo, ma le va dato atto, che contribuisce ad allungare la vita agli italiani, se è vero che una risata allunga la vita. Seguire la sua politica, quotidianamente è come assistere ad uno spettacolo del circo Barnum, pagliacci a volontà, equilibrismi al limite dell’impossibile e virtuosismi oratori da oscar. Peccato che al Paese serva a poco un simile caravan serraglio.

Dunque il pezzo forte sono le “critiche” al centro-destra,  pregnanti e primarie nelle aspettative degli italiani, si va dalla giacca a vento di Berlusconi al maxischermo per la coppa d’Africa, leggere l’Unità per credere:

È un po’ come se Berlusconi decidesse di togliere il calcio agli italiani. Ecco Gianni Alemanno, da sindaco di Roma, in un certo senso, ha fatto proprio così. Ovviamente non con i tifosi della Roma o della Lazio. Quelli vengono sempre trattati con molto riguardo.
“Senza calcio”, per colpa del sindaco, sono rimasti invece i tifosi africani che vivono a Roma e che in questi giorni hanno gli occhi puntati sulla Coppa d’Africa. Un evento che dal 2004 all’ombra del Colosseo aveva trovato un suo spazio. A piazza Vittorio, nel centro del multietnico quartiere Esquilino. Dove il Comune di Roma montava maxischermo e tendone per accogliere i tifosi africani. Un’iniziativa promossa dall’associazione di immigrati Tam Tam Village. Costo: 70mila euro.

Ecco perchè Veltroni ha lasciato un buco di bilancio grosso quanto il Kracatoa.

E non bisogna dimenticare la nobile battaglia in difesa del diritto della donna islamica...d'indossare il burkini, quella specie di scafandro, che chiamano costume da bagno.

Ma i fuochi d’artificio, sono arrivati dalle candidature: in Lazio è stata designata Emma Bonino (il motivo di tale scelta è per me misterioso), una bestemmiatrice in diretta che offende l’ala cattolica del Pd, al punto che Carra e Lusetti hanno già tolto le ancore (portando a quota 16 i trasfughi nell'Udc, e aprendo la questione rimarrà un partito a Bersani?) e la Binetti, fa contro campagna elettorale alla Bonino e si appresta a seguire i profughi piddini.

In fine il nodo delle primarie farlocche, "nonplusultra" del Pd in fatto di democrazia teleguidata, accantonate in Calabria, per un candidato dell’UdC, in Puglia regna il caos, come finirà il duello rusticano fra Vendola e gli altri? Ma soprattutto queste primarie si faranno oppure no? Stiamo tutti con il fiato sospeso.

Lo sapremo nella prossima puntata dell'Odissea nell Strazio...

Orpheus

 



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd

permalink | inviato da Orpheus il 16/1/2010 alle 16:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

8 gennaio 2010

Ocse: l'Italia guida la ripresa


Una notiziola che chissà come mai la stampa "libera" liquida con tre righette in fondo alla pagina, nel caso fortunato, in cui ne parla. 
"Nel mese di novembre si consolidano i segnali di ripresa economica dell'aerea Ocse. Il Superindice dell'economia e' salito a 102,3 punti con un progresso di 0,9 punti sul mese precedente e di ben 8,2 punti rispetto allo stesso mese dello scorso anno.
Al top l'Italia con il superindice salito a 107,2 punti un livello che registra un forte segnale di espansione economica ben al di sopra della media dell'Eurozona (104,6 punti)."
Se l' Italia guida la ripresa é grazie alla politica economica di questo governo, ovvio che i "gufi" di sinistra quelli del "tanto peggio, tanto meglio" sono restii a commentare tali notizie, preferiscono il solito ritornello logoro con allegorie "marinare", d'altronde bisogna capirli, ale prossime regionali possono solo "ricominciare da tre" della serie "non gli resta che piangere" disgrazia...
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Ocse Pdl Pd

permalink | inviato da Orpheus il 8/1/2010 alle 18:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

2 gennaio 2010

La scoperta dell'acqua calda...Obama e al Qaida


Finalmente
c'è arrivato anche "l'Abbronzato", dopo "mani aperte" e "inchini imbarazzanti" ai fondamentalisti, Obama si é reso conto che al Quaida é viva e vegeta e continua a mandare nei paesi occidentali "poveri migranti" e "rifugiati" che hanno come unico obiettivo farci saltare in aria. Al Qaida finanziata e appoggiata da quegli stessi regimi estremisti che nel gesto retorico e buonista del presidente americano, hanno visto solo una prova di debolezza.
Un nemico debole e pavido da continuare a combattere, non solo nei loro paesi, ma anche e soprattutto nei nostri.
D'altronde anche io come la Fallaci,
"come una Cassandra mi sgolo a gridare ...Troia brucia, Troia brucia..."
La fandonia dell’Islam "moderato", la commedia della tolleranza, la bugia dell’integrazione, la farsa del pluriculturalismo. E con questa, il tentativo di farci credere che il nemico è costituito da un’esigua minoranza e che quella esigua minoranza vive in paesi lontani.
Bé, ilnemico non è affatto un’esigua minoranza. E ce l’abbiamo in casa[...]
Ed è un nemico che a colpo d’occhio non sembra un nemico.
Senza la barba, vestito all’occidentale, e secondo i suoi complici in buona o in malafede perfettamente- inserito-nel-nostro sistema- sociale.
Cioè col permesso di soggiorno. Con l’automobile. Con la famiglia.
E pazienza se la famiglia è spesso composta da due o tre mogli, pazienza se la moglie o le mogli le fracassa di botte, pazienza se non di rado uccide la figlia in blue jeans, pazienza se ogni tanto suo figlio stupra la quindicenne bolognese che col fidanzato passeggia nel parco.
È un nemico che trattiamo da amico.
Che tuttavia ci odia e ci disprezza con intensità [...]
Un nemico che in nome dell’umanitarismo e dell’asilo politico accogliamo a migliaia per volta anche se i Centri di Accoglienza straripano, scoppiano, e non si sa più dove metterlo. Un nemico che in nome della "necessità" (ma quale necessità, la necessità di riempire le strade coi venditori ambulanti e gli spacciatori di droga?) invitiamo anche attraverso l’Olimpo Costituzionale. «Venite, cari, venite. Abbiamo tanto bisogno di voi» [...]
Un nemico che le moschee le trasforma in caserme, in campi di addestramento, in centri di reclutamento per i terroristi, e che obbedisce ciecamente all’imam. Un nemico che in virtù della libera circolazione voluta dal trattato di Schengen scorrazza a suo piacimento per l’Eurabia sicché per andare da Londra a Marsiglia, da Colonia a Milano o viceversa, non deve esibire alcun documento. Può essere un terrorista che si sposta per organizzare o materializzare un massacro, può avere addosso tutto l’esplosivo che vuole: nessunolo ferma, nessuno lo tocca.


Queste parole sono di Oriana sono più vere e attuali che mai e quante volte le ho scritte anche io?
H perso memoria. Eppure siamo al punto che anche una destra che fino a pochi anni fa, era consapevole del pericolo di questa immigrazione, adesso parla come Rifondazione, mentre le giunte di sinistra fanno blitz il 23 dicembre sera, per edificare moschee di 5.000 metri quadri con minareto, su terreni REGALATI dal comune e senza nessuna garanzia, tranne la parola degli interessati, la Fondazione Islamica Genova. Che neppure esiste, ma che secondo i "compagnucci" ha già dato ampie rassicurazioni di non avere legami con l’Ucoii o con gli estremisti islamici:"Giurin giuretta, mano sul cuore" Tanto é bastato al sindaco piddino di Genova.
Lega e PdL sono insorti faranno un referendum...ma se avrà il valore di quello di Colle Val D'Elsa...l'imam di turno può già fregarsi le mani.
Così rispettano il volere dei loro elettori certi amministratori di sinistra, ma fanno bene a fregarsene di "coglioni" che li votano ne troveranno sempre.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd obama al qaida fallaci moschea genova

permalink | inviato da Orpheus il 2/1/2010 alle 15:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (12) | Versione per la stampa

14 dicembre 2009

Vergogna, vergogna, vergogna ecco il vero volto del Pd


Il PD ha la faccia ipocrita, buonista e da vecchia catto-comunista (nel senso più spregevole del termine) dell'On. Rosy Bindi.
La pia, la buona beghina che difende gli immigrati a spada tratta, anche quelli che rubano, violentano e ammazzano italiani: i clandestini, la bigotta che va in Chiesa a pregare Dio e poi é a favore di tutto quello che mina le basi della Religione Cattolica.
Il fior fiore dello schifo politicamente corretto, ma soprattutto CORROTTO.
La codina, perbenista, moralista dei miei stivali, quella che si é tanta offesa per una battuta, quella che sale sulle barricate per "difendere" le donne dal Premier e NON DAGLI STUPRI DEGLI IMMIGRATI, quella "signora" la cui sola presenza in Parlamento offende gli italiani onesti, ha commentato in modo SPREGEVOLE la grave aggressione al Premier. Un commento in LINEA con il "sig." Di Pietro...non sia mai, che si accaparri tutti voti dei facinorosi e delinquenti dell'estrema sinistra.
"Berlusconi non faccia la vittima é uno degli artefici del clima violento"
La vittima la può fare solo lei, vittima di una battuta del Premier, e allora solidarietà a badilate, magliette, comizi e stupidaggini varie...bene le auguro la prossima volta di essere vittima come Berlusconi, e non solo "vittima" delle sue battute.
Ma so, già che non capiterà MAI, perchè la VIOLENZA non appartiene alla nostra ideologia.

L'ODIO non appartiene ai nostri politici e al nostro elettorato.
Non siamo NOI che invadiamo le loro piazze con arroganza e insulti.
Non siamo NOI che impediamo persino di commemorare le vittime delle stragi.
Non siamo NOI che fondiamo gruppi su Face Book inneggiando alla morte di Prodi o chi per lui.
Non siano NOI ad avere avuto rappresentanti locali del PdL che hanno AUGURATO la morte a Veltroni e si sono dovuti dimettere.
Non siamo NOI a tenere bordone al piazzaiolo, forcaiolo e manettaro Di Pietro e ai teppisti di rifondazione.
E non siamo NOI ad avere politici come ROSY BINDI.

Tutti si sono affannati ieri sera  a porgere la loro solidarietà pelosa a Berlusconi, lacrime di coccodrillo, sul suo volto sfigurato e sanguinante.
Oggi é un altro giorno e si può ricominciare la caccia alle streghe.


Vergogna, vergogna,vergogna

Questo il nostro grido di battaglia e per vessillo il suo volto insaguinato. Non é solo la sua persona ad essere stata aggredita: MA LA DEMOCRAZIA

Nel link la risposta alla dis-onorevole Bindi per mano di Silvio Berlusconi...smettiamola di fare i superiori e le "belle statuine" con chi ci spacca la faccia!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi pd bindi

permalink | inviato da Orpheus il 14/12/2009 alle 11:16 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (17) | Versione per la stampa

6 dicembre 2009

L'Italia dei pentiti mafiosi e delle escort...


L'onda viola é scesa in piazza. E cosa ha chiesto? Come da copione le dimissioni di Berlusconi. E perchè dovrebbe dimettersi? Perchè un individuo non catalogabile nemmeno fra gli esseri umani, visto che con una mano scioglieva bambini nell'acido e con l'altra mangiava un panino, è stato elevato al rango di ultimo paladino temporale e morale, della sinistra forcaiola e imbevuta d'odio. Un odio che non conosce nemmeno i limiti del buon senso, un odio che santifica i peggiori tagliagole, pur di abbattere l'unico "criminale" , il nemico pubblico numero UNO: Silvio Berlusconi.
Lungi dal provocare quel che ha chiesto, questa furia distruttrice, nuoce all' immagine dell'Italia onesta che aborrisce i tagliagole e alla sinistra stessa, perchè la fagocita in una "guerra" fraticida.
Il Pd, molto più di Berlusconi, é stata la vera vittima della manifestazione "dipietresca", un Pd, indeciso, imbelle, in "piazza contro Berlusconi, ma anche no", balbettante, confuso e confusionario, che ha incassato i fischi dell'onda viola.
Se Di Pietro, come credo, voleva "killerare" la presidenza di Bersani, ha raggiunto il suo obiettivo.
Se, con un manipolo di utili idioti, voleva dare "una spallata" al Governo, una "risata lo ha seppellito". Di viola ci sono state solo le facce di Bersani, Bindi e Franceschini nel quantificare il travaso di voti, che gli é costata questa ennesima pagliacciata.
Gli altri, quelli che guardano i risultati del Governo Berlusconi e non ascoltano le "sputazzate" come oro colato, non solo sono solidali con il Premier e il Governo, ma se la ridono davanti al teatrino di un'opposizione impegnata a scannarsi per accaparrarsi il voto di pagliacci come quelli della foto...
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd di pietro no b-day

permalink | inviato da Orpheus il 6/12/2009 alle 11:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (34) | Versione per la stampa

16 novembre 2009

Quello che a Ballarò, Report ed Anno zero non vedrete mai


Come sempre nella sinistra politica e mediatica, l'approccio ad un tema é impostato in due diversi modi: se si tratta dell'avversario politico, urla, strepiti e titoloni, con corollario di trasmissioni di condanna, se si tratta del marciume in casa propria, silenzio sepolcrale, anche quando le notizie sarebbero da PRIMA pagina come in questo caso. Divulgarle quindi é un onere e un onore.

L'ex-sindaco di Gallipoli Flavio Fasano in quota PD, nonchè delfino di D'Alema dava consigli a un killer mafioso per accoppare un deputato del PdL, come da intercettazioni.
L’onorevole Vincenzo Barba (Pdl) infatti, sarebbe stato nel mirino di Rosario Padovano, figura emergente dell’omonimo della Sacra corona unita, arrestato il 24 ottobre scorso con altre due persone perché ritenuto mandante dell’omicidio di suo fratello Salvatore Padovano, detto "Nino Bomba". E’ quanto si apprende dai verbali d’interrogatorio di Carmelo Mendolia, il killer assoldato per l’omicidio di Salvatore Padovano (reo confeso) freddato a colpi di pistola il 6 settembre del 2008 a Gallipoli. Rosario Padovano avrebbe meditato l’uccisione di Barba perché gli sarebbe stato di ostacolo nel suo tenta­tivo di scalare i gradini della politica locale.
Ecco come entra in gioco Fasano.

Il senatore del Pd Alberto Maritati, ha dichiarato: "Non possiamo difendere una persona solo perché ha la tessera del nostro partito".  Parole sante ma NON bastano se si fanno passare sotto silenzio certe notizie, se non si prendono provvedimenti seri e se si affronta il problema dell'infiltrazioni della criminalità organizzata nel Pd, con la semplice richieste di un giuramento contro la Camorra!!!

Ci si può scommettere che a parti invertite sarebbe scoppiato il fini mondo...sarebbe fin troppo facile dire che il Pd é un partito di mafiosi e chi lo vota é un mafioso, come fanno a sinistra da sempre, con Forza Italia, prima e il PdL adesso.
Ma non é corretto, le mele marce ci sono ovunque, e generalizzare é becero qualunquismo.
Orpheus
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd sacra corona

permalink | inviato da Orpheus il 16/11/2009 alle 22:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

15 novembre 2009

Col Governo Berlusconi si arrestano 3 camorristi al giorno. Preso anche il numero 2 di Cosa Nostra



Sconfiggere il crimine organizzato? Si può è solo questione di volontà, di fatti e poche chiacchiere.
Il “modello Caserta”  concepito dal Ministro Maroni e applicato anche altrove, sta dando frutti insperati; i numeri parlano chiaro, prima si contavano 2-3 morti ammazzati al giorno in Campania oggi si viaggia alla media di 3,2 arresti quotidiani di esponenti della malavita. Solo nei primi 13 mesi del governo Berlusconi si contano 1.186 arresti in Campania, fra cui pezzi da novanta come i fratelli Pasquale, Salvatore, Carmine Russo di Napoli, Maurizio Errichelli, Luigi Esposito, Andrea Letizia, Mario Russo, Michele Maietta, Gabriele Rusciano, Nicola di Febbraro, Raffaele Diana.
Anche all’estero sono stati arrestati super-latitanti: in Slovenia Salvatore Zazo, in Spagna Antonio Caiazzo, Raffaele Amato, Vincenzo D’Avino. A Santo Domingo Ciro Mazzarella e a Bucarest Paolo Romagnoli.
Ieri sera la notizia dell'arresto nel trapanese, del capo dei capi, il numero due di Cosa Nostra, Domenico Raccuglia. Era ricercato da 15 anni.
Lo Stato FINALMENTE è tornato ad esserci in quelle terre, e la beffa per gli antimafiosi da barzelletta, è che ciò è avvenuto grazie al partito “mafioso” del “mafioso” Berlusconi.
Loro gli onestini che predicano bene, combattono le infiltrazioni camorristiche nel Pd campano, con “giurin giurella” mano sul cuore.
E gli onestini che scendono in piazza accanto ai parenti delle vittime di mafia tacciono su queste vergognose vicende. Il "silenzio é mafioso",  solo quello degli altri, però: a Castellamare di Stabia, paese del Killer tesserato Pd, gli iscritti dovranno giurare contro la camorra, questo il "grave" provvedimento preso per far pulizia nel partito…e Di Pietro tace.
Buffoni, se non peggio.
Orpheus

5 novembre 2009

Rosy for President


Immagine di Adescalco Marengoni, valente amico del Berretto a Sonagli

Si delinea la strategia del segretario del Partito Democratico Pierluigi Bersani, alleanze quasi sicure con  Sinistra Democratica, Vendola (invischiato in uno scandalo monumentale in Puglia), i Verdi e  i Radicali e  presidenza del partito  a Rosy Bindi.
Romani Prodi, la prima scelta, ha delicatamente declinato l'onore: ha già dato con l'ultimo traballante governo, naufragato come il Titanic dopo nemmeno due anni. Evidentemente alla faccia ci tiene, ancorchè di mortadella.
Il merito della Rosy, che a detta di Massimo Cacc
iari  ci "vorrebbe un libro per raccontare i disastri che ha fatto", é quello di NON essere una donna a disposizione del Berlusca.
Che volete con un simile merito ci si costruisce una carriera politica dalle parti del Partito democratico.
Orpheus




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Pd presidenza Rosy Bindi

permalink | inviato da Orpheus il 5/11/2009 alle 20:4 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

5 novembre 2009

Lo “stalliere” di Alcamo, la lista dei delinquenti del PD si allunga


Finalmente anche noi abbiamo uno “stalliere” mafioso, da poter sbandierare sotto il naso dei maestrini di moralità, che pur spacciandosi per intonsi, hanno una fuoriuscita di scheletri dagli armadi degna di un film di Romero.
Più che un vero e proprio stalliere è un factotum, ma mafioso, lo è fuor di dubbio, arrestato nell’operazione “Dioscuri”, in quanto  autista, cassiere e uomo di fiducia, del boss mafioso, che più mafioso non si può, Nicolò Melodia, detto “il macellaio” o “il riccio”.
Lo “stalliere” di Alcamo al secolo Filippo Di Maria, è stato anche il giardiniere-autista, nonché braccio sinistro (visto che destro lo era del “macellaio) del senatore del Pd, Nino Papania e ha prestato fino al momento dell’arresto, servizio presso la sua villa di Scopello,  fra un pizzino, un’ estorsione e una raccolta di voti per iniziative politiche del Pd.
Ovviamente, in questo caso per il Gip, il senatore Nino Papania e i suoi collaboratori non avevano consapevolezza “del ruolo mafioso rivestito da Di Maria e che quindi sfruttassero la comprovata capacità dell’associazione mafiosa di condizionare i risultati del voto e delle competizioni elettorali”; essendo un esponente del Pd poteva NON sapere anche se ad Alcamo anche i muri sanno chi fosse il Di Maria (solo il Berlusca  NON può non sapere, misteri della magistratura).

Altro giro, altro regalo: c’è poi il sequestro di beni per un valore di cinque milioni di euro a Domenico Crea, ex consigliere regionale della Calabria (candidato del Pd, appoggiato dalla cosca Morabito-Zavattieri) in indagini legate all’omicidio Fortugno. Crea era già stato arrestato nel 2008 per i rapporti tra politica e ’ndrangheta nella gestione della sanità calabrese.
Questi sono fatti di cronaca che i “mafiologi” di professione stranamente tendono a non leggere sui giornali e di cui Travaglio, così attento alla servitù di Arcore di 30 anni fa, si guarda bene dal menzionare.
Hanno trasformato la lotta alla criminalità organizzata, in una mafia, dove vige l’omertà per i rappresentanti del Partito Democratico, alla cui ombra prosperano fior fior di delinquenti. I mafiosi s’ingrassano e i politici onesti dovrebbero svergognare e cacciare dal partito i bassolino, i loiero, i crisafulli, i papania e soci, ma fanno finta di niente, perché così ottengono i voti al Sud. Questo è il partito degli onesti…votatelo gente che la mafia sentitamente vi ringrazia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. PD mafia Papania Crea

permalink | inviato da Orpheus il 5/11/2009 alle 19:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

24 ottobre 2009

La sinistra predica bene "marrazzola" male


La vicenda Marrazzo, é esplicativa del modo becero di far politica della sinistra, che predica bene "marrazzola" male.

Ormai, come mostrano i verbali degli interrogatori delle "mele marce" e di Marrazzo non c'è più nessuno spazio per dichiarazione di bufale o proclami vittimistici.
Solo poche settimane fa il lapiDario Franceschini dichiarava, a proposito di Berlusconi: "Chi ha un ruolo pubblico deve trasmettere dei messaggi, ed in questo caso sono stati negativi" per Marrazzo invece é scoppiata la gara alla solidarietà. Un po' come nel caso Boffo. Loro sono sempre vittime, Berlusconi al contrario é sempre colpevole.
E "Repubica" nessuna domanda a Marrazzo?
Come può accadere, i paladini del privato-che-non può-essere-privato-se-riguarda-un-personaggio-pubblico, i caballeros del gossip pruriginoso e scatenato, che per mesi hanno mostrato immagini di feste di compleanno (ricamandoci su), bagni di palazzo di Grazioli, ospiti nudi accanto a piscine private, come mai tacciono? E si, che di carne al fuoco ce n'è molta, tanto da poter allestire un banchetto mediatico di grande interesse (a chi interessano queste cose, ergo i moralisti un tanto al chilo di sinistra, impegnati da mesi a dar del porco depravato al Presidente del Consiglio).

Chessò potrebbero chiedere al governatore del Lazio come mai ha detto di non aver pagato i quattro carabinieri arresati. Eppure, agli atti del fascicolo risulta che dalla matrice del blocchetto dell’esponente del Pd siano stati staccati tre assegni per un totale di 20.000 euro.
Oppure perchè non ha sporto denuncia nonostante fosse vittima di estorsione.
O ancora come mai la sua tessera stampa con su scritto Piero Marrazzo fosse accanto ad una dose di polvere bianca che c'é da scommetterci non fosse farina...
Di discrepanze su quanto Marrazzo ha dichiarato in tv e quanto emerge dai verbali, ce ne sono ancora...
Quindi fiato alle trombe delle "reprimende" morali, cari sinistri o altrimenti fate la figura dei soliti IPOCRITI. Mi aspetto che Franceschini ribadisca quanto detto per Berlusconi e anche Di Pietro, invece di esprimere solidarietà a Marrazzo per la "grave intimidazione subita" , dichiari che "
le vicende private di persone pubbliche e delle istituzioni hanno un impatto etico e morale sui cittadini".
Altrimenti sono solo quaqquaraqua che predicano bene marrazolano male!
Personalmente ritengo che al Governatore del Lazio bisognerebbe chiedere conto dei danni arrecati alla Sanità laziale e non della frequentazione di ...Natalie, sempre che la "farina" non fosse coca.
Orpheus


20 ottobre 2009

Pd campano nell'occhio del ciclone


Il bubbone della “questione morale” del PD in Campania sta assumendo proporzioni bibliche e visto che l’argomento è ritenuto irrilevante dalla grande stampa (perché è risaputo è nelle mani di Berlusconi!!!) tocca parlarne alla sottoscritta.
Dunque oltre ad un sicario della camorra, anche la moglie di un boss aveva la tessera del Pd: Carolina Mosca, la quale è stata espulsa, e bisognerebbe dire alla buon’ora, infatti un ex-assessore già da febbraio aveva segnalato il caso a Enrico Morando, commissario del Pd, con due e-mail  “perché nel frattempo era stato arrestato anche il padre della Mosca, Sergio.
Non accadde nulla. Segno che il problema fu sottovalutato, come se fosse solo un fatto locale, anche a livelli più alti del partito”.
Ersilia Salvato ex-sindaco di Castellamare nel 2005 in una lettera inviata all’allora segretario Ds, Piero Fassino, annunciò le sue dimissioni dal partito e denunciò la presenza di camorristi davanti ai seggi elettorali. “risposero con un manifesto assolutorio. In cui nella sostanza dicevano che la camorra non c’era. Un errore enorme la sottovalutazione di quella presenza”.
Più che un errore un calcolo politico come ammette la stessa Salvato più avanti: “Se ci si pesa solo sui numeri, sui pacchetti di tessere e non sulle idee poi ci trovi i killer nelle sezioni. Dal 2005 non ho più tessere di partito e io ho vissuto di politica. Ad oggi non mi sentirei di entrare in nessun partito della sinistra”.

Tè gapì “Pippi dai calzini azzurri”…è un sindaco del TUO partito che parla in questi toni .
Intanto la Digos sta passando al setaccio l´elenco dei tesserati, e il Pd è costretto ad azzerare tremila tessere di un anno fa.
Un consiglio per Franceschini invece di fare la mezza calzetta con i calzini azzurri, usi un po’ della sua "smisurata" superiorità morale, magari faccia, anche una maglietta con su scritto “Non tutti nel Pd sono camorristi” e contemporaneamente faccia pulizia perchè fra un po’ PD starà per Partito Disonesti.
PS. Di cosa stanno parlando in questo momento a Ballarò? Ma dello scandalo dei calzini azzurri e del solito Berlusconi…
Buffoni.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd camorra

permalink | inviato da Orpheus il 20/10/2009 alle 21:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

16 ottobre 2009

Nell’orto del PD Santoro se ne guarda bene dal “razzolare”: Bersani candida alle primarie Bassolino e Loiero e bacchetta la Serracchiani


Ieri sera all’ennesimo processo mediatico a Berlusconi ad Anno Zero infarcito di bubbole, mezze verità e frottole inventate di sana pianta era presente Pierluigi Bersani, quello con il ditino sempre alzato quando si tratta di fare la morale al Premier,  ma al quale non passa MAI per la mente, nemmeno per un nanosecondo, di guardare nel suo orto; non solo  ma chi si permette di farlo viene bacchettato, come è successo Debora Serracchiani, che nel suddetto orto ha visto cumuli di monnezza: “Basta battibecchi nel nostro orto”,  ha avvertito con tono vagamente “mafioso”( in altre parole certi cadaveri puzzolenti di letame è meglio lasciarli chiusi nell’armadio)
La Serracchiani infatti ha avuto da ridire sui tre nomi “eccellenti” che sono iscritti in cima alle liste per le primarie: Agazio Loiero, Rosa Russo Jervolino e Antonio Bassolino.
Ma vediamo chi sono questi tre signori:
Il plurindagato Antonio Bassolino per i rifiuti e per l'operazione di ristrutturazione del debito (interessante leggere le motivazioni della richiesta di archiviazione, da non credere ai propri occhi)
L’indagato Agazio Loiero che si é scelto come braccio destro un altro indagato
E infine Rosa Russo Jervolino che ha avuto ben 12 indagati nella sua giunta e due arrestati.
Ma perché Bersani e il Pd, si tengono ben stretti questi tre personaggi, ad usare un eufemismo ambigui?
Perché ha vinto il congresso grazie ai plebisciti nel Sud, in particolare in Campania e Calabria, dove ha raccolto l’80 per cento dei voti. Si tratta di regioni dove il Pd ha ormai pochi voti, ma legioni intere di tessere.
Controllate da chi? Per ottenere cosa?
A Napoli e provincia il Pd non conta solo più iscritti che in tutta la Lombardia, che sarebbe già un dato anomalo: conta dodici volte gli iscritti della regione di gran lunga più popolosa.
 Anche i sassi sanno chi controlla quei voti: Antonio Bassolino.
Uno che ha fatto perdere milioni di voti di centrosinistra al Nord del Paese, con gli  scandali in cui é invischiato. Ma che rimane uno dal quale bisogna passare se si vuole vincere il congresso. Idem per la Calabria dove le tessere sono controllate da Ignazio Loiero.  Bassolino e Loiero saranno sicuramente ricandidati alla guida di Campania e Calabria, nonostante le pessime prove di questi anni.
ECCO QUESTI PERSONAGGI TENGONO AL GUINZAGLIO la classe dirigente del Pd, per l’enorme serbatoio di tessere e quindi di voti.
E Santoro e soci rispolverano stallieri, che non lavorano più per Berlusconi da 33 anni, improbabili dichiarazioni di pentiti mafiosi e arzigogolate tesi per dimostrare che FI è nata grazie alla mafia.
Sono proprio dei “mattacchioni” ma non fanno ridere.
Il Pd ha una legione di tesserati, pregiudicati, indagati, condannati, con il più alto numero di giunte sciolte per Camorra (come denuncia Saviano), nelle due regioni più falcidiate d’Italia dalla criminalità organizzata, ma non mi risulta che durante la trasmissione di ieri ne sia stata fatta menzione, nemmeno per sbaglio, e che nessuno mai, abbia insinuato che il Pd é il partito dei cammoristi.
Bersani ha presentato come candidati alle primarie BASSOLINO E LOIERO, e quel buffone fa l’ennesimo processo a Berlusconi?
Leggersi anche questo pezzo di Giacalone sul
consigliere comunale a Castellammare di Stabia (Napoli), esponente del Partito Democratico, presunto killer, crivellato di pallottole da UN ALTRO TESSERATO DEL PD: CATELLA ROMANO di professione sicario della CAMORRA.
Su tutto questo marciume c'è il SILENZIO DI REGIME, che non é quello di Berlusconi, ma quello della sinistra e delle sue gazzette.

I nostri voti SONO PULITI, si può dire altrettanti di quelli che il Pd raccoglie a vagonate al Sud? Chi é il partito "mafioso"?
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd voti jervolino camorra loiero bassolini

permalink | inviato da Orpheus il 16/10/2009 alle 15:30 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (14) | Versione per la stampa

15 ottobre 2009

Piccoli Killer crescono nel PD: uccidere Berlusconi non "è reato"


''Ma santo cielo, possibile che nessuno sia in grado di ficcare una pallottola in testa a Berlusconi!''.
L’ha detto un sicario dei “mammasantissima”?
No, un esponente del PD Matteo Mezzadri, 22 anni, di Savignano sul Panaro (Modena). Ma si è "scusato" e ha presentato le dimissioni.
Quando si allevano i “pupi” con overdosi di odio viscerale contro Berlusconi, il minimo che ci si possa aspettare è che vogliano ficcare, molto democraticamente una pallottola in testa al Premier.
Violenza verbale, demonizzazione martellante e indottrinamento culturale, producono questo risultato. Hanno creato un "mostro" da abbattere con ogni mezzo, e siccome non ci riescono (anche perchè i  loro mezzi non INCLUDONO l'uso di STRUMENTI DEMOCRATICI, quale il voto popolare) usano la diffamazione e la menzogna, che nelle menti deboli, incapace di discernere autonomamente fra la realtà dei fatti e il cumulo di odio e menzogne di lor "signori",  il risultato é un' esplosione di violenza a volte verbale, ma in passato fisica.
Il Comissario Calabresi fu una vittima eccellente delle campagne d'odio orchestrate dalla sinistra politica e culturale.
Marco Biagi,  professore e giuslavorista, anche lui  fu vittima innocente dell'odio targato sinistra (ma la lista dei caduti immolati sull'altare dell'odio rosso é molto più lunga).
Massimo D'Antona professore e giuslavorista ammazzato COME  il Prof. Biagi dalle brigate ROSSE.
Creano mostri e poi qualche loro "adepto" fuori di testa impugna la rivoltella e spara.
A questo punto arrivano immancabili la condanna e la solidarietà alla famiglia, ma che valore hanno, se vengono dalle stesse persone che fino al giorno prima buttavano benzina sul fuoco?

"Armano" le mani assassine con le loro demonizzazioni e poi si schierano accanto a coloro che protestano  contro le campagne d'odio e ammoniscono sul pericolo che ciò comporta. Bella faccia...
Mi domando e domando agli elettori di sinistra: se un leghista, durante il Governo Prodi, avesse minacciato di morte pubblicamente Romano Prodi, come sarebbero stati subito definiti i leghisti? Violenti, rozzi, barbari, la loro politica? Politica dell'odio, violenta, rozza e barbara. 
Per non parlare poi del "battage" mediatico che ne sarebbe scaturito editoriali di fuoco, trasmissioni in prima serata, i floris, i santoro, i lerner e le gabanelli....tutti a imbonirci sul "pericolo" leghista che minaccia la società civile
Ecco questo pericolo viene dalla sinistra, siete voi, questa é la vostra politica da decenni ormai, incapace di proporre idee e programmi e che campa unicamente sull'odio verso una persona; addirittura per sperare di vincere le elezioni  la sinistra ha come unica chance il  RITORNO al "caravanserraglio" dell'antiberlusconismo militante.
Povera Italia se questi sono i paladini della democrazia.
Orpheus
PS. Aspettiamo adesso la solidarietà delle anime belle, con magliette Gadget e Gruppi su FB “Siamo tutti Silvio Berlusconi” o hanno anche un distributore automatico solidarietà?
E magari qualche commento di condanna e di solidarietà a Berlusconi dai vertici del Pd, chessò dall'integerrimo Franceschini, che in questi giorni si é stracciato le vesti fino alle mutande, per l'offesa all'onore della Bindi.
O le battute contano più delle pallottole?

UPDATE Leggo ora che minacce di morte sono comparse anche su un blog di satira del Cdx "Il ciuco rubro"
"murfi: cos'é sta merda di blog? piombo in faccia a s.b. e ai suoi schiavi. W le BR"
I compagnucci vogliono riprendere la lotta armata?
La mia solidarietà al simpatico Ciuco




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd violenza verbale minacce morte

permalink | inviato da Orpheus il 15/10/2009 alle 10:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

6 ottobre 2009

Pd fondamentalista: si al burqa e al niqab


In linea con Francia e Belgio la Lega
ha presentato una proposta di legge che vieta e punisce l'uso del burqa e del niqab, ossia il velo integrale, imposto barbaramente alle donne dall'islam più estremista e retrogrado.
Alleluja, finalmente una normativa che mette al bando uno vero strumento di tortura, che provoca anche danni alla salute della donna e del feto (se é incinta), una prigione buia e soffocante, che all'alba del terzo millenio é la prova più tangibile, dello sprezzante predominio maschile sulla donna in certi paesi, considerata un oggetto, una proprietà, una schiava, alla quale nessuna libertà é concessa, nemmeno quella di mostrare il suo volto.
Una vittoria dei diritti umani, in nome della parità fra uomini e donne.
Bene, questa norma dovrebbe riscuotere il plauso di tutti, compresa l'opposizione, che si proclama "moderna e riformista" ogni tre per due, ma che lo é quanto un contadino pakistano del secolo scorso.
Si, perchè immediatamente, si sono levate le solite "baggianate sinistre" politicamente corrette:"
E' una norma incostituzionale che lede la libertà religiosa e sono del tutto strumentali i richiami all'ordine pubblico. La verità è che si vuole colpire gli immigrati islamici nel loro intimo".“L’unico effetto dell’entrata in vigore di questa legge – fa notare la Ferranti – sarebbe quello di segregare in casa le donne islamiche. È una legge cattiva contro gli immigrati, ma soprattutto è una legge razzista e una legge contro le donne"

(Permettere che possano essere conciate in questo modo è a "favore delle donne" trattasi di alto multiculturalismo degno di sadici malati di mente)
Il Pd con questa esternazione é riuscito ad essere più fondamentalista dei fondamentalisti stessi, perchè persino in Egitto (paese dove vige la sharia) l'uso del niqab  é stato duramente condannato dalla più alta autorità religiosa di tutti i musulmani sunniti, sheik Mohammad Tantawi, Grande Imam dell’Azhar: "Il niqàb è una tradizione del tutto estranea all’Islam – ha detto l’Imam ad una liceale visitando la sua scuola al Cairo in Egitto – Perché lo porti?
Non è religione questa, e io di religione credo di capirne più di te e dei tuoi genitori. Emanerò una direttiva per proibire l’uso di questo velo in tutte le scuole di Al Azhar. Allieve e insegnanti non potranno più portarlo".

Per il PD è religione: a quando la lapidazione di donne e omosessuali, il taglio delle mani, il matrimonio con bambine di nove anni? Anche questi sono "dettami religiosi" per i fondamentalisti. Devo dire che nemmeno io credevo che l'inettitudine e la stupidaggine dei politici del Pd, potesse arrivare a tanto. E se non sono stupidi, sono vergognosi si prostrano all'islam più retrivo e barbaro, calpestando i diritti delle donne, per un futuro, improbabile orticello elettorale, o per chissà quale altra oscura ragione, ben lontana dal rispetto dei diritti umani e dalla moderna civiltà.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd lega egitto divieto burqa

permalink | inviato da Orpheus il 6/10/2009 alle 19:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (45) | Versione per la stampa
sfoglia
febbraio        aprile