.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

18 ottobre 2008

Travaglio? Un pupazzo che recita verbali a pappagallo

 

Più volte mi sono occupata del “virtuoso” Traraglio, quello che punta il ditino sulle amicizie mafiose altrui e poi va in vacanza con un mafioso e chiacchiera con lo stesso a bordo piscina, non potevo quindi esimermi dal riportare l’articolo di Facci, dove l’amico dei verbali, viene fatto a fettine e fa la solita figura d’asino.
Il tristo individuo, come lo definisce Facci ha lamentato che il Giornale, “Ha sbattuto la mia sentenza in prima pagina, dopo aver nascosto le sue”, di sentenze, cioè quelle di Facci, le quali corrisponderebbero a “una caterva di processi persi, con abbondanti risarcimenti ai danni dei pm di Mani pulite per le balle diffamatorie che lui rovescia loro addosso da una vita”.
Ribatte Filippo Facci: “Allora, il mio casellario giudiziale, semplicemente, non riporta nessuna condanna penale per querela dei pm di Mani pulite. E neppure per querela di altri magistrati amici suoi. Denunce del pool di Mani pulite ne ho avute diverse, di Antonio Di Pietro addirittura decine: tutte chiuse, vinte, archiviate, prescritte, in rari casi transate (decisione non mia) e comunque senza resipiscenza: non mi sono mai prostrato ai piedi di un querelante come invece fece Travaglio coll’amico Antonio Socci (febbraio 2008) affinché ritirasse la denuncia: “Riconosco di aver ecceduto usando toni e affermazioni ingiuste rispetto alla sua serietà e competenza professionale, e di ciò mi scuso anche pubblicamente con lui” scrisse sull’Unità.
Il sottoscritto ebbe, semmai, una denuncia per calunnia da parte del solito Di Pietro (pena sino a sei anni) il quale sosteneva che una serie di miei scritti, a metà degli anni Novanta, avevano originato alcune delle inchieste bresciane che nel 1996 l’avevano costretto a dimettersi dal ministero dei Lavori pubblici. Finì così: il tribunale decise infine il non luogo a procedere (presenti per nove ore Di Pietro e il sottoscritto) dopo aver stabilito che in effetti Di Pietro aveva ragione, gli scritti avevano ispirato parte delle inchieste: ma anziché chiamarlo reato lo chiamarono giornalismo. Può addirittura succedere che siano dei magistrati a sbirciare quello che scrivi tu: e non solo viceversa.

C’è poi una chicca che certifica la superiorità morale del “tristo individuo”, sempre in cattedra a bacchettare i soliti noti: l’ente turistico di Cortina, nel 2004, cercò di organizzare un dibattito con ospiti Travaglio, Giancarlo Caselli, Piercamillo Davigo e Filippo Facci: ma Davigo disse che con Facci non voleva dibattere, perché in passato lo aveva querelato. E l’ebbe vinta con il sostegno di Travaglio che sentenziò: “Se fossi un giudice, e un giornalista mi accusasse di crimini inesistenti, forse farei lo stesso”.
Ecco la storia della querela. Davigo, nel 1982, arrestò un avvocato per traffico d’armi e lo tenne dentro per sei mesi. Le conseguenze furono orribili: il fratello dell’avvocato, pure arrestato, uscì di senno e fisicamente fu devastato, perse i capelli e addirittura le ciglia degli occhi: la compagna di questo avvocato, dopo l’arresto, si dileguò; il figlio di questo avvocato, l’unico figlio, si suicidò.
Dieci anni dopo, l’avvocato fu assolto in primo grado e denunciò Davigo, il quale lo controquerelò per calunnia: la notizia, data dal Giornale, fu approfondita dal sottoscritto che fu querelato a sua volta. L’avvocato, intanto, fu assolto anche in Appello: e una sua intervista televisiva, trasmessa da Mediaset e curata ancora dal sottoscritto, fu ancora querelata. La faccenda, per farla breve, si concluse con una piena assoluzione dei querelati: e resta, nell’insieme, una delle storie più schifose cui ho mai assistito in vita mia.
Ma averla raccontata, per Travaglio, corrispondeva invece a raccontare “crimini inesistenti”, ciò che meritava la mia esclusione da un pubblico dibattito. È fatto così, Pupazzo Travaglio: sembra uno di quei maialetti dell’autogrill che tu passi e loro ballano, lui invece ti legge un verbale. A pappagallo. A Travaglio.

Il bello è che Traraglio ci campa sui “crimini inesistenti”, sulle accuse formulate dimenticando o cancellando parti sostanziali della frase. Un esempio la campagna diffamatoria contro Previti, che gli è costata una condanna (‘scapolata’ grazie all’indulto).
Travaglio cita un verbale reso da Riccio, sempre nel 2001: “In quell’occasione, come in altre, presso lo studio dell’avv. Taormina era presente anche l’onorevole Previti”. E praticamente finisce l’articolo: l’ombra di Previti si allunga dunque su traffici giudiziari, patti con Cosa Nostra, regie superiori e occulte.
Il dettaglio, l’infamia, è che Travaglio non mette il seguito della frase. Eccola per intero: «In quell’occasione, come in altre, presso lo studio dell’avv. Taormina era presente anche l’onorevole Previti. Il Previti però era convenuto per altri motivi, legati alla comune attività politica con il Taormina, e non era presente al momento dei discorsi inerenti la posizione giudiziaria di Dell’Utri”
Incredibile come un simile mistificatore abbia anche un seguito.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Travaglio Facci Previti condanna indulto

permalink | inviato da Orpheus il 18/10/2008 alle 18:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

15 ottobre 2008

Certificato il fallimento dell’indulto: stesso numero dei detenuti di due anni fa

 
Sul fronte della giustizia la situazione é sempre drammatica per il povero cittadino onesto, che vede scarcerare assassini efferati come Maso e Carretta (a quest'ultimo hanno anche dato l'eredità della famiglia (la sua) che ha sterminato) e che apprende con non poco disappunto che l'indulto sotto il Governo Prodi, non é servito a nulla, le carceri sono nuovamente strapiene.
A denunciarlo è l'Unione camere penali italiane, che fa anche notare come le cause del sovraffollamento nelle carceri "non sono state rimosse".
L'Ucpi consiglia per risolvere il problema di potenziare "le misure Gozzini, adibendovi tra l'altro esperti in maggior numero e più qualificati, favorendo il duplice risultato di tutelare la collettività e decongestionare le carceri".
A leggere i rapporti sulla criminalità mi sembra che la Gozzini svuoti le carceri, questo é vero, ma sulla tutela della collettività ha grosse lacune, la lista dei delitti commessi grazie ai benefici della Gozzini  é lunga e dolorosa. Non basta mettere fuori  delinquenti sperando che il reo non torni a delinquere bisogna anche controllare, e quando si parla di controlli si cade nel solito problema italiano: sono insufficienti. Gravemente insufficienti.
E poi, bisogna vedere a CHI vengono accordati tali benefici, se si pensa che hanno messo il "mostro" del Circeo a lavorare come assistente sociale, con il brillante risultato di fargli ammazzare altre due povere innocenti, c'è veramente poco da stare allegri.
Per la Lega  Il problema "può essere risolto solo attraverso due vie: la costruzione di nuove carceri e l'ampliamento di quelle già esistenti".
Ma anche questo é un po' poco.
Innanzi tutto considerato che ormai quasi il 40% dei detenuti sono stranieri, bisognerebbe rendere più funzionanete la politica delle espulsioni.
In secondo luogo visto che, sempre secondo il ministero, dei 57.187 detenuti, la maggior parte è in attesa di giudizio definitivo, con 16.179 persone che aspettano il giudizio di primo grado, 9.782 quello di secondo e 3.544 in attesa del ricorso in Cassazione, bisognerebbere rendere più efficiente la "macchina della giustizia", ridotta ad un "ferrovecchio". 
E qui si apre un'altra parentesi "dolorosa" l'inefficienza ormai cancrenosa della nostra giustizia, sette processi su dieci vengono rimandati, continui rinvii e lentezze che rendono biblici i tempi per i procedimenti.
Penso che il primo passo il più importante sia una riforma SERIA della giustizia, ne avrà il coraggio questo governo?
Chi tocca la casta delle toghe in Italia, muore...un po' come con l'alta tensione.
Orpheus





Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Giustizia carceri indulto

permalink | inviato da Orpheus il 15/10/2008 alle 21:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

31 maggio 2008

Prodi voleva censurare i numeri-choc sulle scarcerazioni

 
Due giorni fa Antonio Manganelli, capo della Polizia, si è scagliato contro i guasti dell'«indulto quotidiano». La prima a denunciare gli effetti disastrosi del provvedimento di clemenza, però, è stata Daniela Melchiorre. E il governo Prodi l'ha punita revocandogli le deleghe di sottosegretario alla Giustizia.
Nel novembre 2006 fu lei, ora deputato del Popolo della Libertà, a far recapitare in commissione Giustizia del Senato i primi dati sulle conseguenze del provvedimento di clemenza. Secondo i numeri forniti dal Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria, scrisse il sottosegretario, in oltre quattro mesi era uscito di galera il doppio dei detenuti previsti: più di 24mila a fronte dei 12mila ipotizzati dal governo. Figurarsi le reazioni dell'allora centrosinistra, in primis il premier Romano Prodi, che da Algeri non riuscì a trattenere la sua irritazione: «I detenuti che hanno beneficiato dell'indulto non sono il doppio delle stime iniziali». Parole alle quali il Dap fece seguire nuovi numeri in cui le scarcerazioni erano sì più del previsto, ma di poco: circa 17mila. Messa la toppa, scattò la ritorsione, con il ministro della Giustizia, Clemente Mastella, che firmò il decreto di revoca delle deleghe di Melchiorre. Salvo restituirgliele, ricorda lei, «dopo pochi giorni». Nel frattempo l'indulto, come certificato due giorni fa dal capo della Polizia, Antonio Manganelli, ha fatto definitivamente flop: emanato per diminuire il sovraffollamento dei penitenziari (i detenuti erano più di 60mila a fronte di una capienza massima di 43mila), non ha sortito gli effetti sperati, visto che ad aprile la popolazione carceraria si aggirava sulle 52mila unità.
Da Libero
E ancora la menano con l'insicurezza "percepita", non ci voleva un genio della lampada per prevedere che i delinquenti scarcerati, nella stragrande maggioranza, sarebbero tornati a delinquere.
L'indulto ha avuto un unico risultato, quello di aumentare l'insicurezza a causa dell'aumento dei crimini, che di "percepito" non ha proprio un bel nulla.
Per il resto le carceri sono di nuovo strapiene, ma scommetto che Berlusconi si guarderà bene da rifare una simile stupidaggine.
D'Altronde nel suo precedente governo, non ha fatto nessun indulto, é dovuto arrivare il circo barnum della sinistra, perchè all'improvviso il problema delle carceri piene diventasse di vitale importanza per il paese.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sicurezza indulto Prodi

permalink | inviato da Orpheus il 31/5/2008 alle 22:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

13 ottobre 2007

Carceri nuove mai utilizzate, Mastella apre un'indagine

Clicca per ingrandire
Ma ci ha preso tutti per SCEMI?

L’inchiesta del "Giornale" sulle carceri abbandonate sparse per l’Italia ha dato la sveglia (ma ce n'era bisogno?) al Guardasigilli Clemente Mastella che ha comunicato con una nota ufficiale del ministero: "A seguito di trasmissioni televisive e di notizie giornalistiche (sic!) circa il mancato utilizzo di alcuni istituti penitenziari già esistenti», ha chiesto al Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria "una dettagliata relazione che possa ricostruire la verità dei fatti". Una volta ricevuto il documento, lo girerà «ai presidenti delle commissioni Giustizia di Camera e Senato», Pino Pisicchio e Cesare Salvi.
E io mi domando perchè paghiamo per un ministero alla Giustizia, commissioni, consulenti, ministro e viceministro se il LORO lavoro lo svolgono un giornale e Striscia la notizia?
Cinquanta carceri vuote e un'indulto, fatto con l'alibi dell'affollamento carcerario, problema che si é prontamente ripresentato in quanto 6.000 detenuti sono nuovamente al fresco, questo ovviamente dopo aver nuovamente rubato, rapinato, stuprato ed ammazzato.
Adesso o Mastella pensa che tutti gli italiani siano tanto coglioni da credere alla sua nota ufficiale, oppure ha agito in malafede, raggirando i suddetti italiani e IMPONENDOGLI un provvedimento che era una cambiale presentata da Prc per l'appoggio al governo.
Beninteso anche altri (compreso dei parlamentari di FI) hanno votato per questa porcata, ma la RESPONSABILITA' cade tutta su questo governo. In 5 anni di governo Berlusconi questo provvedimento non é MAI passato.
Adesso che lo scandalo monta, andando a buttare fuoco sulla rabbia degli italiani, Mastella "apre un'inchiesta", (tanto finirà in un nulla di fatto) ma dovrebbe DAVANTI A TANTA INCOMPETENZA (che ha provocato anche dei morti) dimettersi. Si vergogni di prenderci in giro e di insultare la nostra intelligenza (oltre il dolore di chi ha perso dei parenti a CAUSA degli infimi interessi di bottega del governo di cui fa parte).
Orpheus

5 ottobre 2007

Mancanza di carceri? Una frottola, ci sono ma non si usano

Ce l'hanno ripetuto fino alla nausea: l'indulto l'hanno fatto perchè, a causa della mancanza di nuove carceri, quelle vecchie scoppiavano.
L'altra a sera al solito Porta a Porta (che mi ostino masochisticamente a guardare) Mastella ha rifilato la solita tiritera che "non si costruiscono carceri da 20 anni" e Maroni gli ha risposto che a questo punto bisogna utilizzare, solo per l'emergenza (non sia mai che pluriomici, stupratori, mafiosi e terroristi siano trattati troppo severamente) quelle di massima sicurezza, tipo Asinara.
Spero che Maroni e Mastella abbiano visto Striscia la notizia di ieri sera così hanno "scoperto" che di carceri costruite e abbandonate ce ne sono un numero congruo e che NON c'è bisogno di spostare i detenuti all'Asinara né aspettare 4 anni che sia pronto il carcere di Trento di cui, Mastella ha messo la prima pietra.
Centinaia di miliardi di vecchie lire spesi per carceri lasciate andare in rovina e un indulto che ha liberato migliaia di detenuti.
Ecco l'elenco dell'inettitudine e della falsità dei nostri politici:
Pescia (Pistoia) costruito nel 1989 perfettamente attrezzato (persino le tv nelle celle)
Minervino (Bari) finito e mai utilizzato
Volturara Appula (Foggia) finito e abbandonato
Castelnuovo della Daunia (Foggia) finito  nel 1992 e mai utizzato
Monopoli (Bari) finito  e mai utizzato
Codigoro (Ferrara) idem
Mantova struttura lasciata a metà
Accadia (Foggia) carcere molto grande completamente finito e mai utilizzato
C'é poi il carcere di Villalba (Caltanissetta) costruito 20 anni fa, attrezzato perfettamente, costato 8 miliardi di lire, usato per tre anni e poi abbandonato. Nel 2000 era ancora come nuovo.
Infine due carceri a Città di Castello (Perugia) e Busacchi (Oristano) sono state riconvertite in sede della CRI e in un centro sociale.
Adesso mi domando ma un ministro della Giustizia che racconta simili frottole in TV, non dovrebbe dimettersi?
E un'opposizione seria non dovrebbe denunciare lo scandalo delle carceri pagate con i nostri soldi e abbandonate?
Questa gente non solo si fa complice di sprechi colossali, ma gioca con la sicurezza e la vita dei cittadini.
Gli omicidi,  gli stupri e le rapine (e non parlo dei furti) che sono piovuti in testa agli italiani a causa di un indulto indegno di uno Stato serio, potevano essere evitati perchè, PRIMA di spendere soldi per carceri nuove,  basterebbe utilizzare quelle vecchie.
Ma l'indulto é  stata una cambiale pagata alla sinistra radicale che ha fatto comodo anche al centro-destra, ragion per cui, in barba all'interesse di coloro che hanno votato per questi pagliacci, i medesimi si sono fatti i loro d'interessi.
Orpheus




 

3 ottobre 2007

Ecco qualcuno a cui l'indulto é servito

 Clicca per ingrandire
L'indulto, "bestia nera" di Clemente Mastella ha fatto arrabbiare gli italiani e non è servito quasi a nulla (le carceri sono nuovamente strapiene), ho scritto quasi perchè a qualcuno é servito, eccome, chiamasi "ciccio" Caruso e a quelli come lui.
Il deputato Francesco Caruso, esponente del movimento dei Disobbedienti, è stato condannato a tre anni e 4 mesi di reclusione al termine del processo per una irruzione da parte di centinaia di manifestanti avvenuta il 27 ottobre 2004 all'Ipercoop di Afragola. Caruso è stato ritenuto responsabile del reato di estorsione per quella che da molti fu definita un'azione di "esproprio proletario", la sentenza è stata emessa oggi dalla quarta sezione del tribunale di Napoli.  
La stessa pena di tre anni e 4 mesi è stata inflitta agli altri otto imputati che parteciparono all'azione: Antonietta Terracciano, Luisa Liguori, Michele Franco, Aldo Borriello, Giuseppe Corvo, Salvatore Annuale, Antonio Cesarano e Mario Avoletto.
I tre anni sono stati condonati per l'indulto. Per gli imputati il tribunale ha stabilito l'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici e 400 euro di multa.
Mi domando ma perchè, visto che si definisce pacifista, invece di rubare in un supermercato, non ha venduto qualche ettaro dei suoi latifondi, o magari una delle sue case e non ha devoluto i soldi a coloro che hanno problemi con il caro prezzi?
Perchè ricorrere ad un'estorsione e quindi alla violenza per un'azione di disobbedienza (in)civile? Lui un "pacifista" anema e core...
Orpheus
 




Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Giustizia indecente indulto Caruso

permalink | inviato da Orpheus il 3/10/2007 alle 22:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa
sfoglia
settembre        novembre