.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

26 gennaio 2010

Non mi toccate i bamboccioni, sono adorabili


Questa storia che i giovanotti poco inclini ad abbandonare la casa paterna siano dei bamboccioni non mi convince.
Come si fa a chiamare bamboccione uno che preferisce vivere bene coi genitori che male per conto suo
?
Semmai è masochista chi, per un malinteso senso della libertà, rinuncia a un comodo appartamento, ben riscaldato, bene arredato, nel quale la mamma provvede a tutto, pulire, lavare, stirare, cucinare, e va ad abitare solo come un cane in un bilocale mansardato, travi a vista contro cui sbattere la testa tre volte al dì,
bagno angusto, fumare due sigarette di fila significa provocare l'effetto camera a gas, la sera gli tocca lavarsi le mutande, cene in piedi davanti al frigo spalancato recuperando mozzarelle scadute, prosciutto secco, sardine sottolio tipo rancio di caserma.
Scegliere una vita così e rifiutare le coccole famigliari - pronto soccorso materno, vitto e alloggio gratuiti - per assaporare i piaceri dell'autonomia più che un segno di maturità è un sintomo di imbecillità. Ovviamente, ci sono casi in cui la coabitazione con padre e madre è insopportabile, ma sono rari e non fanno testo. In genere le famiglie di quest'epoca hanno un paio di figli che, magari, da piccoli furono un pò trascurati perché mamma e papà lavoravano e non potevano dedicare loro che ritagli di tempo. Ma quando i rampolli sono cresciuti, di norma i genitori si sono assestati economicamente, hanno pagato il mutuo, vanno in pensione e si dedicano anima e corpo agli eredi. I quali, conclusi gli studi, trovano un'occupazione più o meno retribuita (non versano una lira nella cassa comune perché non c`è bisogno), quindi dispongono di denaro e lo utilizzano per pagarsi ogni capriccio, dalla vacanza all'automobile, dagli abiti alla palestra, dalle serate con gli amici alle capatine in pizzeria con la morosa (o il moroso) che di norma non è una, ma almeno tre o quattro, altrimenti non ci sarebbe gusto a essere scapoli o nubili.
A proposito di fidanzate (fidanzati) fisse e avventizie, nessuno vieta al presunto bamboccione (in realtà persona che sa stare al mondo) di portarsele a casa onde risparmiare i soldi del motel, senza trascurare il fatto che, terminati gli esercizi, viene un appetito da camionista, e mentre in albergo al massimo ti rifilano un paio di toast indigeribili, e cari come il fuoco, nel quartierino dei cosiddetti vecchi c'è la genitrice pronta a mettere su la pentola e preparare un piatto di spaghettini, tanto il sugo è già lì.
Parlo per esperienza di padre, non di figlio. Prima che si sposassero, i miei pargoli ne hanno combinate di tutti i colori. Una a forza di invitare il ragazzo, e di ritirarsi con lui nella propria stanza, è rimasta leggermente incinta. Un'altra, pur non essendo stata ingravidata, si comportava col suo bello alla stessa maniera.
Il maschio no
, per quanto ricordi; probabilmente si recava tra le mura domestiche di un disgraziato come me a fare con la di lui figlia ciò che le mie facevano chez moi.

Non si pensi abbia descritto situazioni limite, scandalose. I costumi sono mutati, non so se in meglio o in peggio, e i giovani si regolano esattamente nel modo raccontato. Per cui non hanno motivo di dare l'addio alla famiglia. Se lo dessero andrebbero contro i loro interessi, contro la logica e contro abitudini consolidate che non suscitano riprovazione sociale. Usa così e basta. E dov'è il problema? Perché dovremmo sbatterli fuori dalla porta, costringerli a un'esistenza grama quando possiamo garantirgliene una decente o addirittura agiata? Tra l'altro, i coniugi anziani, è più facile vadano d'accordo se ospitano la prole adulta che non tirando a campare senza avere qualcuno cui badare e che garantisce loro una compagnia di sicuro affidamento.
La vita a due, dopo anni trascorsi coi figli, presenta elevati rischi di bisticci per qualsiasi futilità. È sufficiente una capatina al supermercato a creare discordia, discussioni perfino sulla scelta della marca dei pelati. Tutto ciò premesso e valutato, oserei affermare che i veri bamboccioni sono coloro che danno di bamboccioni ai nostri adorati figli. I quali, a differenza di noi alla loro età, sono contenti di stare con i genitori.
Forse ci vogliono bene, certamente sono ricambiati
.
Vittorio Feltri
Ecco, l'altro giorno ascoltando Brunetta, ho fatto le stesse riflessioni.
E mi sono anche chiesta perchè un ex-bamboccione, che a quanto pare ha conseguito risultati professionali ambiti, anche sotto le ali protettive della famiglia, rincorre TPS (Tommaso Padoa Schioppa) nel "fustigare" l'usanza dei bamboccioni, che poi é anche un "elogio" alla famiglia tradizionale.  Perchè in una "bella" famiglia i ragazzi non scalpitano per andarsene da casa, prima che i tempi non siano maturi.
La risposta é una sola, la destra é ancora "vittima" della sudditanza intellettuale della sinistra. Anche le più sonore cretinate, se arrivano da sinistra, vengono considerate il non-plus-ultra dell'intellettual-chic, da tanti a destra.
Ecco é ora di cominciare di essere orgogliosi dei nostri valori, che non saranno à la page in certi ambienti, ma sono veri e profondi.
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. sinistra brunetta società bamboccioni

permalink | inviato da Orpheus il 26/1/2010 alle 19:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

13 settembre 2009

Un ciak per grazia ricevuta: Brunetta e il "culturame parassitario" dalla querela facile


La prima parte del titolo l’ho presa pari pari da un articolo di Emilio Marrese dell'Espresso sul mangia-mangia  cinematografico del culturame sinistroide  e non, ma di articoli su questo CANCRO del cinema italiano ce ne sono a iosa. Scrive Marrese : “l’enumerazione di cifre e titoli è straziante, e per chi ama il cinema sono continui e pesanti “pugni nello stomaco”.
Qualche esempio?
L’ultimo film della signora Lina Wertmüller, Peperoni ripieni e pesci in faccia, con nientepopodimeno che Sofia Loren ha ottenuto un contributo record di 3 milioni e 718 mila euro per incassare 6 mila e 567 euro lordi al botteghino” (…)Nemmeno mille biglietti venduti, nel silenzio di giornalisti ed addetti ai lavori.
Gli incassi del film della Wertmüller sono però, clamorosi se rapportati alla bellezza di zero euro guadagnati dal semi-kolossal “de noaltri” Masaniello – Amore e libertà, opera sovvenzionata dallo stato sempre con 3 milioni e 718 mila euro e non ancora uscito nelle sale quando Marrese ha scritto l’articolo, nel febbraio 2007. Stessa trafila per il film di Mario Cambi, La storia di Leo altri 3 milioni e 520 mila euro di sovvenzione.
(10 milioni 956 mila euro, quante case popolari si sarebbero costruite con questa cifra?)
Su 544 film che hanno preso soldi dal Fus, solo 25 sono riusciti a recuperare i soldi ricevuti dallo Stato. Lo Stato dal 1985 a oggi ha perso qualcosa come 2 miliardi e 170 milioni di euro nel settore.
La pacchia dei finanziamenti a pioggia è finita nel 2003 (precedente Governo Berlusconi), dopo due stagioni in cui lo Stato, avendo Veltroni raddoppiato a 4 milioni e 120mila euro il tetto per ogni film, aveva scucito totali 220 milioni ( editemi se é poco!). La cassa si è prosciugata e si è passati a 21 film approvati per 37 milioni nel 2006 (SEMPRE TROPPI). D'altra parte il fondo di credito della Bnl è passato dai 360 milioni di euro del '94 ai 40 milioni nel 2004. Così nel 2004 si sono un po' regolati i rubinetti: massimo 70 per cento di copertura (5 milioni di euro) e 50 per cento di garanzia.
Poi c’è ancora chi si chiede come MAI, attori, registri e culturame vario sono tutti di sinistra, il centro destra ha tirato il collo alla gallina dalle uova d'oro!
Come dare torto quindi all’ottimo ministro Brunetta, che con la sua solita schiettezza ha definito i “registi” di cui sopra PARASSITI (c’è altro modo di definire chi vive alle spalle della cominità e in più se la “tira” da genio incompreso?) : “Esiste in Italia un culturame parassitario vissuto di risorse pubbliche che sputa sentenze contro il proprio Paese ed è quello che si vede in questi giorni alla Mostra del Cinema di Venezia”. Le sue parole hanno fatto gridare allo scandalo il ciarpame sinistroide in toto e hanno indotto il regista Michele Placido (che "sputa" regolarmente nel piatto dove mangia), nonchè firmatario dell'appello di Repubblica sulla libertà di stampa, a querelare il ministro Brunetta per aver accostato in una frase (dove non viene menzionato) l'aggettivo "placida" a "leggermente schifosa". Fate voi, questi sono i liberali a senso unico alternato loro possono diffamare, ma guai ad usare gli aggettivi sbagliati...
Non gli resta che piangere.
Orpheus


26 maggio 2009

Brunetta Santo subito: guarigioni di massa nella PA

Autore: Ortello Luca

I dati lasciano veramente a bocca aperta
.
O Brunetta ha i poteri taumaturgici della Madonna di Lourdes o la PA era afflitta da una legione di fannulloni, che il "piccolo, grande ministro" ha messo in riga.
Qualche dato tanto per dare una dimensione della rivoluzione apportata dal Ministro Brunetta:
nelle Marche i giorni di assenza sono crollati del 56%, seguite dal -54% della Toscana, dal -50% dell'Emilia-Romagna e dal -49% dell'Umbria.  Il record  negativo con il -64,4% va alla provincia di Massa Carrara.
La Regione Veneto ha visto un calo dei giorni persi per malattia nell'ordine del -44,5% e si piazza all'undicesimo posto tra le amministrazioni regionali di tutta Italia. Belluno spicca invece tra le amministrazioni provinciali del Nord-Est, con un -61,4% di assenze per malattia, al quarto posto a livello nazionale.
La maglia nera alla Regione Liguria con -64%.
Piemonte fa invece segnare un calo del 47% e la Valle d'Aosta un -37.
Nell'area spiccano poi i risultati delle amministrazioni torinesi: la Provincia è prima in Italia con una diminuzione di oltre il 65%, mentre il Comune si piazza al secondo posto con un calo del 51,5 per cento.
I dipendenti del Comune di Genova hanno usufruito del 41,6% di giorni di malattia in meno, quelli di Aosta del 29.
Questi numeri sono scandalosi, perchè sono lo specchio di un malcostume che ha sempre afflitto la PA e che costava allo Stato (e quindi a noi contribuenti) un fiume di denaro. Una vera e propria VERGOGNA nazionale.

E a Ballarò in questo momento stanno a parlare del "caso" Noemi, se questa non é DISINFORMAZIONE  e CENSURA, da parte della Rai, ditemi voi cos'é.
E' vero la televisione pubblica é in mano ai politici, ma di sicuro non militano nel centrodestra. Il regime é della sinistra, e Berlusconi PURTROPPO non riesce a fare nulla di concreto, per cambiare questa iniqua situazione. 
Orpheus 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pdl brunetta dati assenteismo

permalink | inviato da Orpheus il 26/5/2009 alle 21:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (22) | Versione per la stampa

28 aprile 2009

La Toscana fannullona fa arrabbiare Brunetta

 
Mi sbaglierò ma c’entrano le prossime elezioni regionali in Toscana (che vedranno coinvolti 210 comuni e otto province su 10) nell’improvviso schieramento della Regione Toscana, per i fannulloni della pubblica amministrazione. E’ infatti in preparazione un provvedimento “anti-Brunetta” che non prevede tagli di stipendio per chi si assenta dal lavoro, in pratica un depotenziamento della "133".
A prepararlo il vicepresidente della giunta Federico Gelli, preoccupato che penalizzando l’assenteismo si “getti il bambino con l’acqua sporca” e si violino i “sacrosanti diritti dei lavoratori”.
Quale sia il “bambino” non si sa di preciso, ma l’acqua sporca la si può sicuramente constatare, in quel calo di assenze, che a Marzo ha raggiunto il 36%, quantificabili in qualche decina di migliaia di lavoratori “guariti” da Brunetta, che per tale miracolo bisognerebbe santificare seduta stante! Il Ministro ha commentato lapidario: “Pensano di potersi fare una legge regionale per proteggere i fannulloni. E la Cgil li sostiene invitando asottoscrivere un sondaggio on line. Però il Paese va tutto da un’altra parte, a destra come a sinistra e questi qui ci sono gli ultimi giapponesi”. Più che ultimi giapponesi sono i soliti “furbacchioni” sempre alla ricerca dell’inganno per aggirare la legge. Per il resto, nulla di nuovo sotto il sole, la sinistra si schiera sempre dalla parte di vuole fare i propri comodi sulla pelle degli altri.
Ma il Governo non intende recedere di un solo passo e ha annunciato che se mai una tale norma sarà approvata, ricorrerà alla Corte Costituzionale…speriamo bene, visti i “polli”.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Toscana fannulloni Brunetta

permalink | inviato da Orpheus il 28/4/2009 alle 20:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

22 ottobre 2008

Energumeno comunista

 La battuta di Massimo d'Alema sul ministro Brunetta secondo Bobo Artefatti (da Risodegliangeli)                                                              
Un esempio eclatante della “superiorità” morale che vige a sinistra.
Un esempio della coerenza di chi si straccia le vesti fino alle mutande se si usa la parola “negro”, invece di “nero” indicando un uomo di colore, ma che non perde occasione di esternare il proprio disprezzo nei confronti dell’avversario politico, disprezzo che si tinge dell’ infame razzismo di chi “celia” un difetto fisico.
Ieri Massimo D’Alema ha insultato il ministro Brunetta definendolo “energumeno tascabile”. E se “energumeno” ci può anche stare, l’aggiunta “tascabile” in riferimento alla bassa statura del Ministro Brunetta, è un atto da vigliacchi e razzisti.
Discriminare non è mai bello, ma farlo per invidia è ancor peggio. Brunetta è uno dei ministri più amati del Governo Berlusconi. Ha un gradimento che Baffetto manco se l’è mai sognato, nei suoi sogni più arditi, per un vanesio che sale e scende da barche milionarie scandendo “Bye, Bye Condy” la frustrazione davanti al successo del “minuscolo” Brunetta, dev’essere intollerabile.
E quindi ecco l’insulto gratuito per sminuirne il successo, le capacità, i risultati del suo lavoro.
C’è chi cerca spiegazioni ben più profonde al comportamento di Baffetto e soci, nella loro storia politica, nei loro mentori, che pace all’anima loro erano pessimi quanto i loro odierni discepoli, per me è un sentimento più terra-terra, molto umano: c’è da mangiarsi il fegato vedendo che i “forzaitalioti” e i beceri di destra fanno governi che durano e funzionano, e i colti, superiori, la créme de la créme della politica chic, producono aborti di governi, odiati, che vanno avanti solo grazie alla respirazione artificiale, dopo essere stati eletti per il rotto della cuffia.
C'é da farsi venire una cirrosi epatica vedendo che malgrado gli insulti, le menzogne, la "satira" offensiva, le campagne mediatiche, le trasmissioni faziose, la magistratura militante, Berlusconi ha un gradimento personale stupefacente e miete da 15 anni la fiducia del popolo italiano.
Che smacco per questi energumeni comunisti, gli italiani NON li vogliono e scelgono gli “pisconani” e i ministri tascabili.
(Imparassero una buona volta perchè...)
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. d'alema brunetta

permalink | inviato da Orpheus il 22/10/2008 alle 18:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

13 giugno 2008

Lo scandalo delle consulenze veltroniane

 
Il ciclone Brunetta continua a colpire. L’operazione glasnost sulla Pubblica amministrazione prosegue e sta producendo conseguenze positive e utili, soprattutto per comprendere come si siano creati gli enormi crateri nel bilancio di alcune amministrazioni locali

I regali di Babbo Natale Veltroni alle società dai nomi più improbabili, però, non si sa come mai, rimangono in secondo, terzo piano o quarto piano, relegati a poche righe,
Meriterebbero invece, un serio approfondimento e un'ampia diffusione le cifre che riguardano il Comune di Roma.
Proprio nei giorni scorsi la due diligence condotta dal nuovo sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha evidenziato quale buco colossale sia stato creato nelle finanze capitolina dall’ormai famigerato “modello Roma”.
Ma se fino ad oggi ci si era concentrati sugli aspetti più eclatanti, quali la Festa del Cinema o gli eventi più glamour, ora capiamo che il perverso meccanismo di decine di società “affini” alle quale destinare finanziamenti da capogiro per farli magari rientrare dalla finestra, era molto più esoso e pericoloso per le finanze comunali di quanto si potesse immaginare nella più pessimistica delle ipotesi.
Cosa pensare di un finanziamento di 51 milioni e 330 mila euro accordato alla associazione culturale Athena per svolgere il progetto“Il presepe come gioco”?
E cosa dire dei 48 milioni “investiti” sui “piccoli condomini in gioco”, fondamentale progetto curato dalla Onlus “Museo dei bambini
”?
 Solo questi due faraonici progetti hanno assorbito un quinto di tutte le spese citate nell’operazione trasparenza del ministro Brunetta, compiute dagli ottomila comuni italiani.
A fronte di questi sperperi inauditi che hanno prodotto un buco di nove miliardi, il corriere della sera di oggi si é dilettato nell'indicare al pubblico "ludibrio" una lista di nomi di consulenti della Presidenza del Consiglio.
Per fare un esempio
Ettore Figliolia, capo di gabinetto di Francesco Rutelli, quando era a Palazzo Chigi da vicepremier. Compenso: 80.000 euro lordi. Non é poco, ma non é nemmeno esorbitante. Per non parlare dei circa 60 nomi che rimangono sotto i 33mila euro lordi, per spiegarci 1800 euro mensili. Se gli incarichi l’hanno svolti veramente non ci paiano cifre da satrapi mesopotamici da additare alla pubblica condanna.

Non meritavano una maggiore attenzione le cifre ben più alte degli sprechi di "Babbo Natale" Veltroni? Va bene il dialogo, ma le responsabilità, rimangono.
Riassunto dall'Occidentale

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. veltroni sprechi pa brunetta

permalink | inviato da Orpheus il 13/6/2008 alle 19:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (6) | Versione per la stampa

24 maggio 2008

Brunetta mette in rete la trasparenza


Basta cliccare su
http://www.funzionepubblica.gov.it/.
Le assenze del personale e gli stipendi dei dirigenti pubblici son tutti lì. I primi risultati dell'«operazione trasparenza» annunciata dal nuovo ministro per La Pubblica Amministrazione e Innovazione, Renato Brunetta, non si fanno attendere: da oggi sono pubblicati on-line non solo di dati del personale, gli organigrammi, i numeri di telefono e gli indirizzi e-mail insieme a curricula, ma anche le retribuzioni lorde dei dirigenti e i tassi di assenza per ufficio.
L'Operazione, illustrata dallo stesso ministro Brunetta, è stata eseguita in accordo con il garante per la privacy e i dati personali sono stati autorizzati da ogni singolo dirigente. «È una piccola rivoluzione» ha affermato Brunetta, «il Paese non ne può più di una amministrazione pubblica e opaca. Io ha proseguito il ministro voglio considerare la P.A. come le società quotate, in cui gli azionisti sono i cittadini, quei sessanta e oltre milioni di italiani chiamati a fare i cani da guardia. Società in cui vige la trasparenza dei bilanci, dei risultati e delle performance». I dati, già consultabili on-line sono riferiti sia al personale del ministero (dipartimenti funzione pubblica e innovazione tecnologica), sia alle strutture ad esso collegate: Scuola superiore della pubblica amministrazione, Aran, Formez, Cnipa. Si tratta, ha spiegato Brunetta di un universo complessivo di circa 1.100 dipendenti di cui 330 del ministero. Nell'arco di 10 giorni al massimo, inoltre, «appena definite le formalità dei decreti di gabinetto», Brunetta ha annunciato che saranno inseriti anche i dati, compresa la retribuzione annua lorda, del ministro e dei suoi collaboratori. Si tratta, comunque, di una operazione «in progress». L'intenzione, ha infatti sottolineato il ministro, è quella di pubblicare sul sito anche gli obbiettivi assegnati ai dirigenti, le valutazioni, gli indicatori finanziari di spesa e gli indicatori di qualità.
Da Libero
Ottimo, il governo marcia con decisione e nella direzione giusta: ripristino del concetto di trasparenza, legalità e meritocrazia.
Due anni di governo Prodi, ma soprattutto i diktat della sinistra radicale, hanno portato il paese nel caos assoluto, dove il concetto di legalità é stato completamente stravolto e ribaltato.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Brunetta PA operazione trasparenza

permalink | inviato da Orpheus il 24/5/2008 alle 19:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa
sfoglia
dicembre        febbraio