.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

12 giugno 2008

Pacifisti double-face

 (Lapresse)

Finalmente, ieri pomeriggio, si sono svegliati a Roma gli appassionati del corteo di protesta contro le ingiustizie del mondo, i nemici delle dittature, gli amici degli oppressi, gli apostoli della libertà, i firmatari d’ogni possibile appello antifascista.
Temevamo fossero evaporati, non avendone notato la presenza e nemmeno l’irruenza nei giorni scorsi, quando pure erano sembrate imperdibili le occasioni per dare sfogo ai loro slanci virtuosi.
La Città Eterna aveva dovuto ospitare, per una assemblea della Fao, alcuni tra i peggiori e più inquietanti attori della scena internazionale. S’era esibito, nel suo risaputo e minaccioso copione, l’iraniano Ahmadinejad: al quale piacerebbe tanto che Israele fosse cancellata - possibilmente in forma cruenta - dalla carta geografica. Nella speranza di veder realizzato questo suo sogno, Ahmadinejad allestisce ordigni atomici. Potrebbero riuscirgli utili. I romani hanno anche avuto il dubbio privilegio di vedere da vicino quel brutto ceffo che risponde al nome di Robert Mugabe: oppressore e affamatore del suo popolo. Si sono fatti vedere altri tipi poco raccomandabili, il Terzo mondo ne ha un serbatoio pressoché inesauribile. Ma la Roma del «no pasaràn» e del «go home» è rimasta tranquilla, zitta, serena di fronte alla presenza di questi forsennati che dovunque si trovino annunciano sfracelli.

I descamisados delle rivoluzioncelle italiche erano tutti impegnati in assalti alle code alla vaccinara anziché ai palazzi del dispotismo.

Ma avevamo dubitato a torto. I nipotini dei «partigiani della pace», che vedevano in Giuseppe Stalin la personificazione della mitezza, si sono riavuti dalla catalessi non appena il presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha messo piede a Roma. Subito in piazza, allora. A urlare contro questo potente e prepotente che anziché farsi nominare Capo dello Stato a vita - come è buona consuetudine altrove - tra qualche mese se ne andrà dalla Casa Bianca. Il raduno anti-Bush aveva connotazioni malinconiche: con i trombati dell’estrema sinistra nelle ultime elezioni politiche, con sindacalisti in disarmo, con i soliti dervisci impazziti dei centri sociali. Non sono in particolare sintonia con la politica di Bush, e ammetto che democraticamente lo si contesti. A patto che lo si faccia dopo aver riconosciuto - se si è onesti - che è alla testa d’una vera democrazia, e che governa nella libertà. Sa invece di malafede e di ipocrisia lontano un miglio il comportamento di chi tace al passaggio di tiranni tracotanti e si sente oltraggiato perché il presidente d’un grande Paese alleato è a Roma. Oltraggiati siamo noi, di fronte a questa doppiezza.
Dal Giornale-Mario Cervi
Come Mario Cervi anch'io posso capire le contestazioni a Bush, quello che proprio NON CAPISCO é l'assoluta mancanca di contestazioni nei confronti di tiranni come Ahmadinejad e Mugabe (tanto per fare il nome di due recenti "visitatori" del nostro paese).
Questo non è pacifismo e antiamericanismo, strano che i "pacifondai"" non ci abbiano deliziato con il solito rogo "civile e democratico" delle bandiere statunitense e israeliana.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bush pacifinti

permalink | inviato da Orpheus il 12/6/2008 alle 17:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

11 novembre 2007

Le fotografie che l'America ha il coraggio di mostrare

 (JPEG)
Bush che abbraccia il soldatone commosso. Bush che rincuora i feriti. Bush e il giovane senza braccia che ridono. Bush con la mano sulla spalla del marine dal cranio semipelato e rifatto. È la persona del presidente che visita il laboratorio di fisioterapia dell'ospedale militare di San Antonio, Texas, in realtà è tutta l'America che s'inchina e si stringe attorno ai suoi ragazzi scampati alla morte ma offesi, handicappati, condannati alle protesi e alle carrozzelle. E guarda queste immagini con il coraggio civile e l'orgoglio di una nazione che tiene la testa alta. Che sa quanto costa la libertà e fa sul serio per difenderla. Lo ha sempre fatto.
Ora che a denti stretti il New York Times comincia a pubblicare i numeri del progresso delle operazioni di guerra in Iraq - meno morti tra soldati e popolazione, esuli che tornano a decine di migliaia, sunniti che si schierano con i marines contro i terroristi, Al Qaeda in rotta che fugge da Bagdad -, guardare questo reportage drammatico e intenso fa un'impressione diversa. Di estrema dignità nel sacrificio.
Di coerenza dell'America missionaria, che crede nel suo ruolo di nazione leader, per sé e per i popoli che inseguono la libertà. L'America sa pagare in prima persona per le guerre che fa, e quando è il momento della conta delle vittime e del sostegno ai sopravvissuti non si tira indietro. I Veterani hanno un ministero tutto per loro perchè sono una fetta della società importante, 24 milioni di persone che hanno servito il Paese. «Vengono da differenti generazioni e differenti backgrounds», ha detto ieri il presidente in occasione della Festa del Veteran Day, «ma sono stati tutti uniti dall'impegno all'onore, al dovere e all'amore verso il Paese, un impegno che ha mantenuto l'America libera. E noi non dimenticheremo mai ciò che dobbiamo loro». Gli americani non solo piangono i loro morti, ma traducono il rispetto per i soldati con le donazioni alle tante fondazioni pro-esercito: l'ultima, nata nel 2004 (www.saluteheroes.org) ha già dato 4 milioni di dollari alle famiglie di handicappati dell'Iraq e dell'Afghanistan. Gli oppositori alle guerre americane (sempre giuste, sancisce poi la storia, anche se non sono mai mancati gli errori tattici, dagli sbarchi suicidi in Normandia alla sottovalutazione della reazione sunnita e della forza assassina di Al Qaeda in Iraq) usano le foto delle bare dei soldati per sfruttare la commozione dell'opinione pubblica in chiave politica spicciola, anti-americana all'estero e anti-Bush negli Usa. Anche le immagini dei cadaveri dei marines di Falluja, bruciati e trascinati nella polvere, sono state un "buon" momento per gli sciacalli un paio d'anni fa, che vi hanno visto l'inizio della fine della missione dell'America e degli alleati più fedeli. Oggi il Bush che vince a Bagdad, oltre a costringere il Corriere a mettere in prima pagina la notizia che Al Qaeda è in ginocchio, accarezza gli eroi e asciuga le lacrime degli americani.
Glauco Maggi-Libero
Non si può non fare un paragone con il trattamento che hanno ricevuto (e ricevono) i nostri ragazzi morti in Iraq o in altre missioni di pace, grazie alla campagna di criminalizzazione che la sinistra ha condotto quando era all'opposizione, ma che ancora adesso,  porta avanti nella sua ala estrema.
Una vergogna nazionale, lo slogan "una, dieci, cento, Nassyrie" , urlato da teppisti legittimati a farlo da questa sinistra di governo e di piazza.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. bush guerra iraq veterani

permalink | inviato da Orpheus il 11/11/2007 alle 19:18 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa

16 ottobre 2007

Bush riceve il Dalai Lama...e la Cina protesta

 
















Dopo Angela Merkel anche il presidente Bush se n'è infischiato delle possibili ritorsioni di Pechino ed ha ricevuto il Dalai Lama, la notizia é positiva perchè la Cina, usando la prepotenza e i  ricatti, ha isolato il Tibet e il suo capo spirituale.
Invece Il presidente degli Stati Uniti ha ricevuto alla Casa Bianca il Dalai Lama, cui il Congresso consegnerà domani la Medaglia d'oro, nonostante le fortissime proteste di Pechino, che ha denunciato «una gravissima interferenza negli affari interni cinesi». Alle accuse di Pechino ha ribattuto il portavoce della Casa Bianca Tony Fratto, secondo cui l'incontro privato tra Bush e il Dalai Lama - il quarto da quando è presidente - non rappresenta alcuna ingerenza negli affari cinesi. «Rispettiamo le preoccupazioni della Cina», ha affermato Fratto.
In realtà, a irritare Pechino, più che l'incontro, sarebbe la presenza di Bush alla cerimonia domani al Congresso per la consegna della Medaglia d'oro: sarebbe la prima volta che un presidente degli Stati Uniti in carica appare in pubblico con il leader buddista, che proclama la lotta pacifica per l'indipendenza del Tibet, invaso dalla Cina nel 1956
Riassunto da QN
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Dalai Lama Bush Casa Bianca Cina proteste

permalink | inviato da Orpheus il 16/10/2007 alle 23:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

17 giugno 2007

Cosa insegna all'Italia il presidente amerikano

 
Bastano due fotografie. Sono state scattate entrambe negli stessi giorni. Nella prima c'è George W. Bush, presidente degli Stati Uniti d'America, a Praga che stringe le mani dei dissidenti arabi e russi e cinesi. Nella seconda c'è Massimo D'Alema, ministro degli Esteri del nostro paese, che stringe le mani del presidente siriano Bashar al Assad. Chi sta difendendo di più i diritti umani e la libertà? Chi incontra e così legittima il parlamentare siriano mandato in carcere per aver chiesto democrazia e chi invece sostiene il dittatore di Damasco? Chi è il progressista e chi il conservatore? Chi sta dalla parte dei deboli e chi da quella dei forti? Chi da quella della giustizia e chi è con l'oppressore? Chi si sta muovendo solo per cinico calcolo e chi, senza andar contro ai propri interessi, sta cercando anche di promuovere ideali?
Non sarebbe anche nell'interesse italiano difendere e finanziare e rafforzare i dissidenti "futuri leader democratici" dei paesi arabi?
Non sarebbe nostro interesse rafforzare l'antagonista democratico, possibile antidoto alla drammatica e falsa scelta tra fondamentalisti e regimi? Scelta falsa perché i secondi armano i primi, la Siria e l'Iran armano Hezbollah, l'Iraq di Saddam Hussein dava soldi ai kamikaze. Scelta miope, perché lascia nelle moschee gli unici spazi di libertà e di possibile opposizione ai regimi. Chi si sta opponendo a questa politica estera italiana? Le due fotografie mostrano senza pietà la realtà e ce la sbattono sotto gli occhi. Come andava accolto Bush a Roma?
Da Tempi
La manifestazione contro Bush é stata l'ennesima figuraccia dell'italietta di questa sinistra. Un italietta ipocrita che parla "di mani grondanti sangue" quando é la prima a stringere quelle di spietati dittatori, "mani grondanti sangue" che fanno parte della sua cultura "rivoluzionaria" che ha ucciso e continua uccidere. Una cultura che manda lettere con proiettili e promuove manifestazioni a favore di brigatisti rossi in carcere, una cultura che ha elevato a rango di eroi i teppisti e i delinquenti, che difende i diritti di tutti tranne quelli delle VITTIME di soprusi e omicidi. 
Un italietta di cui vergognarsi e in cui ormai gli italiani onesti moralmente e intellettualmente non si riconoscono più.
Orpheus 

11 giugno 2007

Le dimissioni di Selva uno schiaffo in faccia al vice-ministro Visco

Clicca per ingrandire 
Il senatore di Alleanza nazionale Gustavo Selva si è dimesso da Palazzo Madama in seguito alle polemiche suscitate dal suo gesto di utilizzare un’ambulanza per raggiungere uno studio televisivo, mentre Roma era blindata per la visita del presidente Usa.
La sinistra s’è buttata sulla faccenda con il cipiglio delle grandi occasioni e con il solito meschino moralismo a senso unico, chiedendo la testa di Selva, in sede civile e penale. Quello che ha fatto l’anziano senatore non è stato certo edificante, ma a confronto delle azioni turpi di alcuni illustri esponenti della sinistra sommersi dal fango sollevato dall’affare Visco-Speciale e adesso dalle intercettazioni sulle inchieste Antonveneta-Bnl, è veramente una “marachella” per la quale sarebbero bastate delle scuse.
Ma Gustavo Selva per correttezza e senso istituzionale, non volendo“far ricadere sulla più alta rappresentanza parlamentare della nazione italiana, quale è il Senato della Repubblica, le sue eventuali colpe politiche e i suoi possibili errori” ha scritto al presidente del Senato Franco Marini una lettera in cui annunciava le sue dimissioni. Una bella prova di dignità che riscatta ampiamente il malfatto e fa fare una figura barbina a Visco e ai furbetti del quartierino rosso, che con arroganza infinita continuano impunemente a prendere in giro il popolo italiano e i loro elettori e rimangono tenacemente incollati alla poltrona. Salvando quest'ultima ma non la faccia.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Politica interna CDL Gustavo Selva Bush

permalink | inviato da Orpheus il 11/6/2007 alle 19:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

8 giugno 2007

La sinistra di governo e di piazza accoglie Bush

 I comitati No Bush No War preparano la manifestazione di protesta contro il presidente americano (emmevi)



Queste fotografie sono il mio commento al comportamento indecente di un governo che per metà accoglie  Bush e per metà lo contesta in strada...schizofrenico? No, incollato alle poltrone.
SOLO UNA DOMANDA DOVE ERANO I PACIFINTI, CASARINI, CARUSO E TUTTI I BUFFONI ARCOBALENO, QUANDO A MARZO VLADIMIR PUTIN E' VENUTO IN ITALIA?
Orpheus

Vince il partito antiamericano. Oggi il presidente americano George W. Bush non si recherà a Trastevere nel corso della sua visita in Italia. Il suo incontro con la Comunità di Sant'Egidio avverrà alla ambasciata americana a Roma, “per motivi logistici”, ha detto il portavoce della Casa Bianca John Gundrhoe: “Si tratta di una scelta puramente logistica, era più comodo tenere l'incontro all’ambasciata. Così non visiterà nemmeno la Basilica di Santa Maria in Trastevere, prevista dopo il suo incontro in Vaticano con papa Benedetto XVI e col segretario di Stato, Tarcisio Bertone.
Si tratta di una pia bugia diplomatica a causa delle annunciate manifestazioni di protesta che attendono il presidente americano al suo arrivo a Roma. In realtà ci sono stati colloqui tra autorità italiane e americane e le prime devono aver fatto presente di non essere in grado di mantenere l’ordine. Così, da parte americana, si è voluta togliere all’Italia questa patata bollente.
La sostanza è questa e resta e non viene scalfita dalla parole di Prodi: “Credo che il problema venga drammatizzato in Italia”. E’ vero che Bush, quasi dovunque vada, incontra manifestazioni ostili da parte di gruppi antiamericani, anti-global, pacifistici, ecc. Ma in Italia c’è mezza maggioranza, mezzo governo sia contro gli stati uniti e la loro politica, sia in particolare contro Bush. Non è una differenza da poco.  L’ala sinistra dell’Unione può quindi cantare vittoria. E Berlusconi non si è fatta sfuggire l’occasione: “E’ una cosa inaccettabile, torna l'Italietta. Mi vergogno. E’ una cosa che mi addolora ed è colpa di questa sinistra anti-americana. Mi dispiace perché avviene per la visita della più grande democrazia del mondo che ci ha dato la dignità e la libertà”.  Bush invece ha confermato il colloquio con Berlusconi nella residenza dell’ambasciatore americano, come previsto. O Per quanto si dica, e in parte sia vero, che “il presidente Bush e Berlusconi sono vecchi amici e si tratterà di un incontro di carattere personale”, non sfugge il significato politico. da GRRG


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bush Roma sinistra pacifinti

permalink | inviato da Orpheus il 8/6/2007 alle 23:21 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (11) | Versione per la stampa
sfoglia
maggio        luglio