.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

2 marzo 2010

Gli stragisti Fioravanti e Mambro nel comitato elettorale di Emma Bonino


Si può dire al peggio non c’è mai fine? Si, se si tratta dei Radicali.

Non contenti di aver candidato un "regista" che da sempre fa strame della dignità femminile,  (e, che chi si reputa, non dico femminista, ma dalla parte della donna, ambisce solo a sputazzare in faccia), i radicali hanno imbarcato, anche gli esecutori della strage di Bologna: Francesca Mambro e Valerio Fioravanti, rei confessi dell’assassinio a sangue freddo di decine di persone e condannati, complessivamente, a diciassette ergastoli.

“È indecente che pluriomicidi, condannati con sentenza passata in giudicato, collaborino, seppure in terza fila, alla campagna elettorale del candidato del centrosinistra nel Lazio Emma Bonino”. Chi è parlare così? Bondi, Gasparri? Macchè è quel “moderato” di Oliviero Diliberto.

 Ai Radicali manca giusto d’imbarcare Provenzano, o il figlio di Totò Riina. E poi hanno fatto incetta delle peggior canaglie nazionali. Non si disperino, considerati i voti che portano i mafiosi, ci sono buone possibilità anche per loro.

Orpheus

 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Regionali Bonino

permalink | inviato da Orpheus il 2/3/2010 alle 20:23 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

25 gennaio 2010

Gianfranco Fini rischia di finire in polver-ini….

 

Il bello di queste elezioni è che c'è un'atmosfera da "Duello al sole", una resa dei conti, una sfida all'ok Korral senza vie di fuga e senza scorciatoie.
Questo vale sia perl Pd in Puglia e in Lazio ma anche per il PdL, la scelta della Polverini ha fatto venire l'ennesimo mal di pancia agli elettori del PdL, ma ha una sua logica, Fini (che é dietro candidatura) vuole pesare le sue forze alla conta dei voti. Ne ha assolutamente bisogno, a tal scopo ha imposto la Polverini contro tutto e tutti e ci ha investito il suo "capitale" politico, se qualcosa andrà storto, se Polverini mangerà la polvere della Bonino, a farne le spese sarà lui, perchè la vittoria è di tutti, ma la sconfitta è di uno solo. Al contrario se la Polverini vince lui avrà dimostrato il suo "peso" alle urne e Berlusconi dovrà passare a più miti consigli.
In questa ottica ha un senso anche una candidatura strampalata come quella della Bonino con al seguito il porno regista, estimatore di culi e molto mal visto dall'ala cattolica del Pd (come la Bonino abortista e non solo a parole. Da vomito), un duo che farebbe passare la voglia di votare a chiunque. Un'avversaria "spuntata" quindi, perchè diciamolo chiaramente il centro-sinistra, ha solo vantaggi da un Fini forte e armato contro il Cav. in poche parole il gioco vale la candela anche per il Pd, il cui unico scopo è un Berlusconi fuori da giochi o indebolito.

Cosa conviene a noi elettori di centro-destra?
NON votare per la Polverini. Scheda nulla, andare a farsi un pic-nic, invece che al seggio elettorale.
Lasciare la regione Lazio al centro-sinistra e in cambio togliersi di torno Fini, o per lo meno, relegarlo in un cantuccio a leccarsi le ferite.
La nave imbarca acqua come si suol dire, e i topi hanno incominciato ad abbandonarla. In un mese si sono dimezzati i fedeli di Fini in Parlamento, a fine dicembre, poco prima di Natale erano 46. Oggi, stando a fonti ai massimi livelli del Pdl, sono scesi a poco più di venti.

Diamogli quindi...la mazzata finale;-)
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Regionali Pdl Pd Polverini Bonino

permalink | inviato da Orpheus il 25/1/2010 alle 22:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (21) | Versione per la stampa

22 gennaio 2010

Cinque motivi per non votare Emma Bonino

 

Quattro sono di Daniele Capezzone, che la conosce bene, il quinto è mio.

Emma Bonino, anche se si presenta come paladina riformista e libertaria, è una “boiarda” di Stato, ossia una burocrate attaccata alla poltrona che predica bene e razzola molto male. E’ come un D’Alema o un De Mita o un Fini, residuati bellici, di una politica basata solo sul particolare, sull’interesse personale e del partito, che agli elettori dà tanto fumo, ma l’arrosto non glielo fa mai vedere. Solo “chiacchiere e distintivo”.

Ecco riassunti in breve i punti di Capezzone:

Primo. Emma Bonino, con Marco Pannella, ha difeso strenuamente la linea fiscale di Prodi e Visco: più tasse per tutti.

Secondo. La senatrice Bonino, che ama molto parlare di riforma liberale delle pensioni, da ministro del governo Prodi votò invece la controriforma previdenziale con cui l’Italia è divenuta l’unico Paese ad abbassare l’età pensionabile, scelta costata ben 10 miliardi di euro, di cui un terzo reperito innalzando i contributi a carico dei lavoratori parasubordinati, cioè proprio quei «precari» su cui la sinistra sparge ogni giorno lacrime di coccodrillo. Tradotto brutalmente: un ragazzo di 25 anni, co.co.pro, deve versare più di un quarto del suo stipendio in contributi proprio per finanziare l’operazione che crea altri babypensionati. In un primo momento, la Bonino aveva annunciato fuoco e fiamme contro questa misura prodiana, ma poi ha pensato bene di approvare tutto: perché mai mettere a rischio una poltrona ministeriale?

Terzo da quello che si capisce, nel Lazio, a fianco della Bonino, ci sarà il solito caravanserraglio dipietristi, comunisti assortiti, e verdi del «no a tutto». È con questa compagnia che si prepara la svolta «liberale» in Regione?

Quarto con le attuali leggi elettorali, i due maggiori candidati a governatore di una Regione sono, di fatto, automaticamente eletti consiglieri regionali. Ecco, in caso di sconfitta, la Bonino resterà nel Lazio a fare opposizione (dimettendosi da vicepresidente del Senato), oppure preferirà rimanere nella sua comoda stanza di Palazzo Madama?

E ultimo ma non per questo meno importante: la Bonino ha fatto delle sue battaglie sui diritti umani, la sua bandiera e la sua fortuna, eppure quando le si è presentata l’occasione di mostrare la propria indignazione contro la pena di morte in Cina,  contro lo sfruttamento al limite della schiavitù della classe operaia, non ha nemmeno sfiorato l’argomento. Nel 2003 coniò la frase "con le dittature non si tratta", come ministro del Governo Prodi ha invitato gli imprenditori a considerare "la Cina come opportunità”.

E non sento mai la sua voce forte e chiara che si batte contro la segregazione a cui sono soggette le donne musulmane nel nostro Paese.  Qualche borbottio indistinto se viene sgozzata una ragazza perché troppo “integrata”. E poi il silenzio assoluto sul tema.

La mia domanda è questa, ma una che tradisce e sfrutta opportunisticamente persino battaglie così importanti, che razza di persona è?

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Lazio candidatura Bonino Capezzone

permalink | inviato da Orpheus il 22/1/2010 alle 11:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (23) | Versione per la stampa

10 giugno 2009

Amnesia sinistra a proposito di Gheddafi: quando il Governo Prodi riceveva il genocida sudanese Al-Bashir



Le anime belle dedite alla difesa dei Diritti umani a intermittenza, sono sul piede di guerra e pronte a dar battaglia al Governo per la visita del leader libico Muammar Gheddafi.
 
Pd, radicali e italia dei valori hanno definito questa scelta “una vergogna”, i radicali minacciano il solito sciopero della fame e la Finocchiaro ha già annunciato che i senatori del Pd diserteranno l’aula quando domani alle 11, Gheddafi parlerà in qualità di Presidente dell'Unione africana.

Ma dove erano quando, circa tre anni fa l’allora presidente del Consiglio Romano Prodi (e anche quello della repubblica Giorgio Napolitano) accolsero con tutti gli onori il presidente golpista del Sudan, Omar Hassan el Bashir?
Ah… già erano al Governo perché facevano parte di quella maggioranza. In quella circostanza i principi umanitari li seppellirono sotto la solita montagna di doppiopesismo, ipocrisia e falsità che li contraddistingue sempre.
Al-Bashir è mille volte peggio di Gheddafi, è un dittatore sanguinario, condannato dal tribunale dell'Aja per i crimini contro l'umanità, accusato di sostenere le milizie arabe Janjaweed, responsabili di gran parte dei massacri in Darfur (450.000 morti e 2.700.00 profughi). In poche parole un genocida.

La visita fu aspramente criticatada Amnesty international e dall'Europa, l'International Herald Tribune diede molto risalto al fatto, con un articolo intitolato "La visita in Italia del leader del Sudan fa crescere la preoccupazione internazionale"(Ah l’avesse fatto Berlusconi le veline rosse avrebbero parlato subito di brutte figure dell’Italia all’estero).
Amnesty accusò l’Italia di essere l’ unico paese a essersi sbilanciato così tanto con il Sudan. E Romano Prodi dovette risponderne anche all’Europa, perché 25 eurodeputati francesi e inglesi (tra cui Glennys Kinnock) gli chiesero conto di questa, a loro avviso, "improvvida iniziativa". Per questa circostanza Prodi usò l'espressione "occasione utile". In Europa tutti però si chiesero in cosa consisteva questa presunta utilità. E se non ci fosse invece il rischio di legittimare un governo andato al potere con un colpo di stato islamista.

La sinistra ha trattato con tutti i peggiori boia del mondo, da Ahmadinejad, ad Assad di Siria, passando per i leader di Hamas, e Fidel Castro. Vergognoso e immorale il biglietto di commossi auguri di buon compleanno, inviato dal Presidente della Camera Fausto Bertinotti a Fidel Castro.

E tanta indignazione la tirano fuori a comando SOLO per Gheddafi che non sarà uno stinco di santo ma NON E’ NEMMENO UN GENOCIDA ? Di vergognoso c’è solo il comportamento di una parte politica allo sbando che non sa più a che santo votarsi per rialzare un gradimento in picchiata libera.
Quanto ai Radicali, la Bonino come Ministro del Governo Prodi andò in Cina, ma se ne guardò bene dal menzionare nemmeno di striscio, i diritti umani, cosa che fece persino quell’anima nera di Bush.
Della serie ci si ricorda dei diritti umani solo quando non si ha una comoda poltrona di ministro.
Orpheus

26 maggio 2009

Se la Bonino parla come Paola Binetti…

                                 
Una nuova “chimera” parlamentare si aggira inquieta per l’aula di Montecitorio: Paolemma Bonetti, perché è risaputo chi va con lo zoppo impara a zoppicare, così chi milita dalla parte politica di bigotte integraliste propugnatrici del cilicio, finisce per trasformarsi nella brutta copia delle stesse.
Una sorte iniqua toccata ad Emma Bonino, “eroina” di battaglie epiche per la libertà dei costumi, nemica acerrima dei conformismi, laica spinta e sostenitrice della libertà sessuale di tutti: donne, gay, transgender e persino pedofili (una delle tante battaglie radicali intraprese dai radicali fu quella contro la legge che puniva chi visionava siti pedopornografici, definita aberrante perché “In ogni caso in uno Stato di diritto essere pedofili, proclamarsi tali o anche sostenerne la legittimità non può essere considerato reato; la pedofilia, come qualsiasi altra preferenza sessuale, diventa reato nel momento in cui danneggia altre persone”.
Tutti hanno goduto del garantismo radicale, persino terroristi e tiranni sanguinari (come scordare l'esilarante appello "Nessuno tocchi Saddam")  tutti tranne Berlusconi. Per combattere lui la laica Emma vuole trasformare uno stato di diritto in uno stato etico, ha infatti proposto di istituire una commissione d’inchiesta per fare luce sul “caso” Noemi (con i soldi dei contribuenti, ovviamente).
Non c’è fine al ridicolo di cui si coprono gli antiberlusconiani, e per che cosa? I voti peregrini di una manica di beoti,capaci solo di odiare Berlusconi.
Ma la Bonino ha vinto il primo premio per ipocrisia e mancanza di coerenza con il proprio vissuto storico politico, un "salto della quaglia" degno del più inveterato boiardo democristiano. Come dice Vittorio Feltri a conclusione dell’articolo da cui ho tratto questa notizia: “dall’aborto alla cintura di castità, dal fumo delle canne a quello del rogo per lussuriosi: è un salto da cui la Bonino non uscirà indenne
. Il moralismo è l’arma dei miserabili. Mi auguro che Pannella, trovi la forza di soccorrere l’annaspante collega e la persuada: una commissione d’inchiesta sulle scopate di Silvio sarebbe la tomba non di Berlusconi ma dei radicali”.
Non concordo solo su una cosa, i radicali sono già morti, le loro ceneri sono state sparse nel loft di Veltroni…ecco perché fanno il verso alla Binetti.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. berlusconi bonino binetti

permalink | inviato da Orpheus il 26/5/2009 alle 11:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

5 dicembre 2007

Ma dov’è finita Emma Bonino?

 
Fausto Bertinotti è stato bravo. Il Dalai Lama, che nessuno voleva incontrare per timore di ritorsioni cinesi, è stato formalmente invitato nella Sala della Lupa, la più importante della Camera: sono stati esauditi i 289 deputati che avevano firmato affinché il capo spirituale potesse essere ricevuto col medesimo rilievo istituzionale già riservatogli da Usa, Canada, Germania e Austria. A questo punto, però, diventa ancora più imbarazzante che a incontrare il Dalai Lama non sia anche il governo: l’hanno incontrato Bush e la Merkel, tra altri, ma Prodi non ci sente, rifiutò già l’anno scorso. È uomo che vorrebbe togliere l’embargo delle armi ai cinesi, d’accordo: ma qui tornerebbe utile una parolina dei radicali, visto che secondo indiscrezioni sono al governo.
Ma Emma Bonino, per dire, sembra sparita.
Marco Pannella, intervistato dal Corriere il 26 novembre, si era detto sicuro: «Spero e credo che Emma incontrerà il Dalai Lama». Per ora silenzio assoluto. La Bonino è in una posizione delicata, certo: è ministro per il Commercio estero, in prima fila davanti a eventuali ritorsioni cinesi. C’è da capirla, resta che tra le tante novità politiche di questo periodo ci appuntiamo anche questa: che un oppositore radicale resta un radicale, un ministro radicale diventa un ministro.
Filippo Facci-il Giornale
Che domande!!! La Bonino é a fare scorta di attack, per essere sicura di rimanere incollata alla poltrona;-)
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Radicali Bonino Dalai Lama

permalink | inviato da Orpheus il 5/12/2007 alle 22:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

2 novembre 2007

Le forniture di forche e il silenzio in patria

 
Ieri é andato in onda su un tigì un servizio "straziante": Emma Bonino in lacrime per lo sboccamento della moratoria sulla pena di morte.
Il CdS titola: Italia in prima linea nei negoziati, l'articolo é corredato con una foto del solito lettino per le iniezioni letali, come se nel mondo usassero solo quello...
Onore al merito, però l'Italia é in "prima linea" anche su un fronte meno nobile: Nessuno tocchi Caino ci informa sul fatto che in Iran le esecuzioni avvengano utilizzando strumentazione italiana. È vero, le gru che vengono utilizzate per sollevare da terra gli impiccati, e farli agonizzare lentamente, avviene spesso con gru italiane, montate su camion italiani. Gli stessi camion, lo abbiamo scritto qui un paio di anni fa, con cui in Cina si allestiscono camere della morte itineranti: furgoni italiani che arrivano in poche ore in quella città dove è stata appena emessa una sentenza di morte, e lì dentro le persone vengono giustiziate iniettando loro dei veleni, senza perder tempo con viaggi, spostamenti, e soprattutto, processi d’appello.
Italiani sono anche i mitra che imbracciano alcuni martiri islamici nel momento in cui si fanno fotografare per i posteri, fieri e con la fascia con i versi del corano tra i capelli. C’è una forma di proporzionalità indiretta: più l’Italia è presente in queste cose sgradevoli, meno se ne parla. Forse perché gli azionisti dei nostri principali quotidiani sono gli stessi della fabbriche di camion, di furgoni e di armi?(Da Opinione.it)
Ovvio che il CdS faccia vedere il lettino, primo distoglie l'attenzione dalla "strumentazione italiana", secondo semina un po' di sano antiamericanismo, che non guasta mai (peccato che ormai i principali fruitori della pena di morte siano proprio Iran e Cina...).
E un ministro per le politiche comunitarie queste cose non le sa?
Infine un premier che stringe la mano grondante sangue di Ahmadinejad é credibile quando afferma. "Con oggi speriamo di aver compiuto un passo definitivo e irreversibile verso l'approvazione della moratoria sulla pena di morte."?
Magari più che le moratorie ONU (di cui Ahmadinejad non se ne farà un baffo), potrebbe servire NON VENDERGLI L'ATTREZZATURA per impiccare la gente.
Vero Prodi e vero Bonino che "chiagne e fotte"?
Orpheus

sfoglia
febbraio        aprile