.
Annunci online

 
Orpheus 
CHI HA IL CORAGGIO DI RIDERE E' PADRONE DEL MONDO
<%if foto<>"0" then%>
 
  Ultime cose
Il mio profilo
  Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
  Dallapartedeltorto
Alessandro/Orcinus
Miralanza-Roberto
Angelo D'Amore
Alman's page
Maralai
Press
Blog.it
300705
Il Berretto a sonagli
Il Fazioso Liberale
Fort
Gabbiano urlante
Invisigoth-Bounty Hunter
Mara Carfagna
A DESTRA-L'italia agli italiani
Luigi Turci
Il lupo di Gubbio
MILLEEUNA DONNA
Simpaticissima Clio-Endor
Caffé nero-Cap e Pike
Alef
L'angolo di Bolina-un punto di vista di sinistra
il blog di Barbara
Il cielo sopra Kabul
CONTROCORRENTE
Countrygirl
Cavmi-La grande forza delle idee
C'é Walter
Deborah Fait
Esperimento
Fanny
Germanynews
Il Giulivo
Hoka Hey
imitidicthulhu-satira intelligente
Italian blog4Darfour
Informazione corretta
L'importanza delle parole
Lisistrata
Liberali per Israele
Legno storto
Luca-Liberodipensare
Lontana
Max-Altrimenti
Magdi Allam Forum
Manu
Maedhros
Max-Altrimenti
PA
Pseudosauro
La pulce
Periclitor
PARBLEU! di Jeanne ed Emile de la Penne
Il Reazionario
Sauraplesio
Sarcastycon
Tocqueville
Una voce che urla nel deserto
Zanzara
  cerca

Orpheus

Promuovi anche tu la tua Pagina

 

 

Nardana Talachian  scrive:


“Aiutateci a rompere il silenzio.

Aiutateci a tenere vivo il verde.

Aiutateci a salvare quel poco che e' rimasto dell'Iran.

Aiutateci a credere che l'umanità' esiste ancora.

Non vi chiediamo molto: basta portate qualcosa di verde,

fosse anche una semplice foglia attaccata sulla camicia.”


Avviso

 

In questo blog i commenti ai post
non saranno immediatamente visibili
ma  verranno pubblicati

dopo la mia approvazione.

 

Sono stata costretta a ricorrere

a tale funzione a causa di continui
insulti e aggressioni verbali da
parte di utenti di sinistra, che mi
hanno PRIVATO della libertà di
lasciare i commenti liberi a tutti.
 
 

bimbi
                    SCUDI UMANI

Avviso:
Coloro che lasciano un commento
devono evitare le offese personali
gratuite alla sottoscritta o ad altri.
Tutti i commenti che non contengono
obiezioni di natura politica, ma
attacchi personali
VERRANNO CANCELLATI.
Capisco che per gli elettori di 
sinistra che non hanno altri 
argomenti sia più facile e
sbrigativo insultare, ma non é
obbligatorio leggermi e men che meno
lasciare un commento.
Chi lo fa ricordi che é in "casa
d'altri" e si comporti con rispetto.
Grazie

Salviamo Pegah





Un sito per i nostri piccoli amici
          che cercano casa
se ne accoglierete uno vi ripagherà
con fedeltà, compagnia e amore per
tutta la vita.








 

Il Giardino delle Esperidi
Un angolo incantato dove
 Orpheus, Nessie e Lontana
svestiranno l'armatura dei
blog politici, per indossare
gli impalpabili veli delle
Esperidi e parlare
di arte, musica e poesia.
Un “isola dei Beati”
immersa
Nella bellezza, nel lusso,
nella calma E nella voluttà
 

Leonora Carrigton
The Giantess - 1950



La pedofilia “al pari di qualunque
 orientamento e preferenza sessuale,
 non può essere considerata un reato

Daniele Capezzone (5/12/2000)
I pedofili di qualsiasi razza e religio-
ne
RINGRAZIANO
ma migliaia di bambine come
Madeleine Mc Cann ogni anno
spariscono vittime
dei pedofili.

Bambini Scomparsi - Troviamo i Bambini



Giorno del ricordo 2007







QUANTE SAMIA
DOBBIAMO ANCORA VEDERE?


Talebani in azione



" A volte arrivo a pensare che quello
che fecero durante gli anni di piombo
é asai meno devastante di quello che
stanno facendo oggi per occultare la
verità. E quello che fa ancora più
rabbia, é che lo fanno con gli strumenti
di quello stesso potere che ieri volevano
abbattere con le armi"
Giovanni Berardi, figlio di Rosario
ucciso dalle BR







Sono un mammifero come te
Sono intellingente
Sono simpatico
NON MANGIARMI...
Non comprare "musciame"
é fatto con la mia carne.
Firma la petizione per
protestare contro le mattanze
giapponesi




Questo blog commemora i 
nostri ragazzi caduti per la
Pace. Al contrario del governo 
Prodi che annulla le celebrazioni
per il 12 novembre e permette
che i
no global picchino il padre
di Matteo Vanzan per averlo
commemorato.
Onore ai caduti di Nassiriya
12 Novenbre  2003
12 Novembre 2006
       

Mi riservo con fermezza,
il diritto di contraddirmi.
Attenzione questo blog è di
centro-destra, chi cerca
"qualcosa di sinistra" é
pregato di rivolgersi a Nanni
Moretti ed eviti di scocciare la
sottoscritta. Inoltre verranno
cancelati  i commenti che hanno
come unica finalità insultare
l'interlocutore in modo gratuito
e provocatorio e nulla apportano
alla discussione in atto.
Grazie Mary

IPSE DIXIT
Non tutti quelli che votano
sinistra
sono coglioni,
ma tutti i coglioni votano  
sinistra
.

   Orgoglioni di essere di sinistra


sprechirossi.it

Armata Rossa

Anticomunismo: un dovere morale

100% Anti-communist
Pubblicità Progresso
Il comunismo é come
l'AIDS.
Se lo conosci
lo eviti.
(IM)MORALISTI










Sinistre pidocchierie e
coglionaggini
in rete
Un sito tutto da vedere
per farsi 4 risate...




Internet Para Farinas y Todos Los Cubanos

Starving for Freedom

Sergio D'Elia terrorista di Prima
Linea condannato a 25 anni
di carcere e PROMOSSO
da questo "governo" Segretario
di Presidenza alla Camera.
 

...CREPI PURE ABELE
Enrico Pedenovi-
consigliere comunale Msi
Alfredo Paolella-
docente antropologia criminale
Giuseppe Lo Russo-
agente di custodia
Emilio Alessandrini-
giudice
Emanuele Iurilli-
un passante
Carmine Civitate-
proprietraio di un bar
Guido Galli-
docente criminologia
Carlo Ghiglieno-
ingegnere
Paolo Paoletti-
responsabile produzione Icmesa
Fausto Dionisi-
agente di polizia
Antonio Chionna-
carabiniere
Ippolito Cortellessa-
carabiniere
Pietro Cuzzoli-
carabiniere
Filippo Giuseppe-
agente di polizia

VITTIME DI PRIMA LINEA
Ricordiamole NOI, visto che
questo governo le ha "uccise"
per la seconda volta.




Il maggiore MarK Bieger mentre 
culla Farah, una bimba irachena
colpita a morte dallo scoppio di 
un'autobomba, che coinvolse 
brutalmente un gruppo di bambini
mentre correvano incontro ai 
militari americani. 
Questa é la "Resistenza" irachena.

 
 ONORE E GRAZIE 
AI NOSTRI RAGAZZI



             Ilam Halimi 
Spero con tutta l'anima che 
i tuoi carnefici paghino un prezzo
altissimo per ciò che ti hanno fatto.
   
    


Se li abbandonate i bastardi
siete voi




La Bellezza non ha causa:
Esiste.
Inseguila e sparisce.
Non inseguirla e rimane.
Sai afferrare le crespe
del prato, quando il vento,
vi avvolge le sue dita?
Iddio provvederà
perché non ti riesca.



Un piccolo fiore
che il buon Dio ci ha donato
per spiegarci l'amore


"Non dormo più.
Ho soltanto incubi.
Vedo gente che viene verso
di me lanciando pietre.
Cerco di scappare ma
i sassi mi colpiscono
non ho vie di fuga."
Amina Lawal








GRAZIE ORIANA

Ho sempre amato la vita.
Chi ama la vita non riesce mai
ad adeguarsi, subire,
farsi comandare.
Chi ama la vita é sempre
con il fucile alla finestra
per difendere la vita...
Un essere umano 
che si adegua, che subisce,
che si fa comandare, non é
un essere umano.
Oriana Fallaci 1979

"Non tutti i musulmani
sono terroristi,
ma tutti i terroristi
sono musulmani."
Abdel Rahman al-Rashed.

Mohammed Cartoons
No Turchia in Europa

Stop Violence on Women! We're all Hina Saleem!


"L'Islam é una cultura e una
religione nemica delle donne"



"Non lasciateci soli,
concedeteci un Voltaire.
Lasciate che i Voltaire di oggi
possano adoperarsi per
l'illuminismo dell'Islam
in un ambiente sicuro"


Ayaan Hirsi Ali

Submission - The Movie

Italian Blogs for Darfur



Beslan 3 settembre 2004
156 bambini massacrati
NON DIMENTICHIAMO MAI


In memoria di Nadia Anjuman
morta a 25 anni perché amava la
poesia.
...Dopo questo purgatorio
che partorisce morte
se il mare si calma
se la nuvola svuota il cuore
dai rancori
se la figlia della luna
s'innamora
donerà sorrisi
se il cuore della montagna
s'intenerisce,
nascerà erba verde...


















Questo BLOG non rappresenta

una testata giornalistica in quanto

viene aggiornato senza alcuna
periodicità.
Non può pertanto considerarsi
un prodotto ed
itoriale ai sensi della legge
n. 62
del 7.03.2001.Questo blog è un sito
no-profit.
Le mie fonti sono sempre indicate da un
link,
quando il materiale pubblicato non è
stato
creato da me, e non vi è alcuna
intenzione
di infrangere copyrights
esistenti.
Se il titolare di testi o immagini da me
postate
desiderasse la rimozione
del materiale
di sua proprietà,
basta contattarmi.

directory blog italia



Io sto con Benedetto XVI
non si bruciano Chiese e
uccidono innocenti in
nome di Dio.
Dio é amore e non ODIO





Tributo alle vittime dell'11 settembre 2001
Un tributo alle vittime
dell'11 settembre 2001


LA VERITA' E' UNA SOLA
          200 PAGINE DI
RICOSTRUZIONE STORICA







La guerra invisibile

E' ora che il mondo pianga
anche le vittime israeliane



Azzurri imitate il ghanese

Photo Sharing and Video Hosting at Photobucket
Lista degli attentati patiti dal popolo
israeliano


"La libertà, la giustizia e la de-
mocrazia, per ogni persona sono
sono vitali e necessari come il
respiro. 
Valiollah Feyz Mahdavi
Martire per la libertà, giustizia e 
democrazia del popolo iraniano.
Non ti dimenticherò mai.

                Spina Bifida: 
c'è chi vorrebbe abortirli e chi
   sopprimerli "dolcemente" 
     e dire che basterebbe:
                   CURARLI


           Il discorso di Berlusconi al Congresso degli Stati Uniti
           Non tutti sanno che...

"Non vedo proprio persecuzioni
 religiose in Cina".
"E' grottesco,
é ridicolodire che questo paese è
sottoposto ad una dittatura
marxista,se mai é vero il
contrario:c'è troppo poco dibattito
teorico sul marxismo".
Fausto Bertinotti



PACIFINTI IN AZIONE



Bisogna avere in se il caos
per partorire una stella che
danzi. F.Nietzsche


 

Diario | l'Asinistra | Diritti Umani | Islam | PDL | Vittime del terrorismo | Sprechi rossi e tasse | Etica e religione | EVIDENZA: immigrazione | cronaca | Nessuno tocchi i bambini | crimini e censura rossa | Amici a quattro zampe | Appelli e petizioni | Giustizia indecente | Sinistra indegna | Eurabia | Israele nel cuore | Elezioni | America | Satira | EVIDENZA: emergenza stupri | INFORMAZIONE SCORRETTA | Lotta alla mafia e all'evasione | PILLOLE di buon senso | Berlusconi persecuzioni sinistre | Zingaropoli |
 
Diario
1visite.

4 settembre 2009

Bassolino già a caccia di voti: dieci milioni di euro in opere pazze


Il 25 Dicembre è ancora lontano, ma a Napoli, Antonio Bassolino ha già indossato i panni di Babbo Natale, stanziando con la delibera 1428 sulla “variazione al bilancio gestionale 2009” una sciocchezzuola come 10 milioni di euro in “favori e prebende a spese dei campani”.
L’elenco dei beneficiari è lunghissimo. Le motivazioni lasciano di stucco, e se la Regione Campania non avesse un deficit perenne da paura,  malgrado le sovvenzioni statali, ci si potrebbe anche ridere su.
Qualche esempio:
-200mila euro alla squadra di basket A.M.G Sebastiani per la realizzazione di un progetto chiamato “Campania: una Regione a canestro”
- di 50mila euro all’Istituto per la diffusione delle Scienze Naturali per un progetto sui «panorami sonori delle attività agricole ed alimentari nel mondo antico».
-200mila euro andranno all’associazione “Playmont” di Montoro Superiore (Avellino) per il noto Festival internazionale multimediale di Montoro Superiore.
-20mila euro all’associazione “La Goccia” del comune di Casavatore promuoverà attività per «tutelare il cittadino, l’ambiente e il territorio», la cooperativa sociale “Mondo in cammino” si occuperà, grazie al contributo straordinario di 50mila euro di «promuovere e gestire i servizi socio-educativi finalizzati alla promozione umana e alla integrazione sociale dei cittadini».

Una pioggia di quattrini  destinati a foraggiare le clientele di questo o quel consigliere regionale. Insomma in pieno agosto e alla chetichella“ la giunta Bassolino ha dato il via libera a quest’elenco interminabile di contributi (mai approvato dal consiglio regionale) con una propria delibera, semplicemente per “seminare” prima delle elezioni gli orticelli amici.
Chissà perché queste notizie mi scandalizzano  e indispettiscono in misura estremamente superiore a quelle di Berlusconi invitato ad una festa di compleanno. Immagino che gli italiani che proverebbero i miei stessi sentimenti sarebbero qualche milione, se certi giornali, facessero il loro dovere: informare e non infamare e diffamare senza prove.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Sprechi rossi Bassolino

permalink | inviato da Orpheus il 4/9/2009 alle 19:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

30 marzo 2009

La camorra ringrazia

 bassolinoIervolino.jpg image by sendo84

Mentre Palazzo San Giacomo si appresta a ripristinare privilegi inammissibili per la situazione catastrofica del bilancio, molti giovani a rischio delinquenza stanno per essere sbattuti in strada alla mercè della camorra, se entro 15 giorni, regione e comune non manderanno materialmente i soldi alle strutture.
A lanciare l'allarme é Lucio Pirillo, presidente dell'Uneba, sottolineando che le banche non accettano più i fidi e i centri stanno già chiudendo". Visti i problemi di bilancio della giunta Jervolino,i finanziamenti si sono interrotti dal 2007.
Ormai la situazione é talmente critica che sono stati fatti anche appelli dai responsabili dei centri al TG2, se la Regione non interviene in fretta, 3.000 ragazzi senza casa e senza famiglia si ritroveranno in strada.
E' così che la regione Campania e il comune combattono la camorra? Procurandogli manovalanza per 'disperazione'?
E Franceschini cosa ha intenzione di fare in proposito? O é troppo impegnato ad insultare il Premier, per occuparsi anche di chi sciaguratamente ha trascinato e trascina la Campania nel degrado e nella criminalità, quei due esponenti del Pd, che sembrano essere intoccabili.
Tremila ragazzi disperati, a cui viene tolta la possibilità di una vita onesta, e che andranno ad incrementare le fila della criminalità. Bel biglietto da visita per chi si spaccia come moralmente superiore.
(PS. E Di Pietro sta zitto anche lui?)
Orpheus



Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. campania bassolino jervolino buco bilancio

permalink | inviato da Orpheus il 30/3/2009 alle 21:52 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

14 ottobre 2008

PD creativo: per Bassolino vale lo stato di Diritto, per Cosentino del PdL, valgono le dichiarazioni dei pentiti


Immagine gentilmente offerta dal Berretto a Sonagli 

Nella disperata rincorsa al più becero, giustizialista e demagogico ‘dipietrismo” i vertici del Pd stanno superando ogni più funesta previsione, il problema è che nel farlo producono seri danni allo stato di diritto.
Più precisamente faccio riferimento all’On. Marco Minniti, molto “ombra” e veramente poco “ministro” degli interni, che in queste ultime settimane ha rilanciato posizioni politiche estremamente gravi e per giunta “strabiche” nel senso che cercano la pagliuzza a destra e ignorano bellamente la trave a sinistra.
Minniti afferma, infatti che: “le accuse di collaboratori di giustizia (leggi pentiti) pongono un problema di incompatibilità con funzioni di Governo” e che “per selezionare la classe dirigente, occorre comunque anticipare i processi”, ovviamente riferendosi a quanto accaduto all’On. Nicola Cosentino, Sottosegretario all’economia del Governo Berlusconi e Coordinatore regionale di Forza Italia in Campania, il quale è stato accusato, appunto da quattro pentiti di essere al soldo dei boss casalesi.

Minniti basandosi UNICAMENTE sulle dichiarazioni dei suddetti pentiti, chiede a viva voce le dimissioni di Cosentino. Tali dichiarazioni ancora da verificare, sono state date in pasto in pasto all’opinione pubblica attraverso la consueta (e vergognosa) campagna mediatica, a prescindere dall’esito delle indagini e soprattutto dalla veridicità del tutto.
Quanto ciò sia grave lo si può facilmente intuire, non solo perché calpesta i principi basilari del diritto e delle garanzie individuali, ma ancor più perché di fatto mette la politica e più in generale la democrazia nelle mani dei pentiti, l’attendibilità dei quali si è spesso rivelata assai scarsa.
Se, come l’on. Minniti dichiara sono sufficienti le dichiarazioni di due pentiti per costringere un rappresentante del Governo alle dimissioni si pongono delle premesse veramente pericolose, soprattutto nel meridione, dove mafia e camorra hanno uno strapotere, e dove quindi basterebbero un pugno di pentiti per ribaltare il risultato elettorale, ottenendo magari di sostituire, con personaggi ‘comodi’, quelli ‘scomodi’ ai traffici della criminalità organizzata.

Tanto focoso giustizialismo nell’on. Minniti si smorza fino a diventare un silenzio assordante, quando si passa ad ALTRI politici campani, ben più importanti e in vista di Cosentino (do you remember Bassolino? No…eh, lo immaginavo) sottoposti a ben più rilevanti procedimenti giudiziari con gravi accuse di malversazioni relative al disastro sulla raccolta rifiuti. Qui il nostro emulo di Di Pietro diventa improvvisamente afono (come il suo mentore d’altronde, e tutto il PD). Per Bassolino valgono le garanzie individuali e costituzionali, vale lo stato di diritto, per Cosentino, no, valgono i pentiti. Perché? Perché lo dice Minniti. E così vi basti.

Ma come si può prendere sul serio una simile opposizione?
notizia da L'Opinione.it
Orpheus

17 aprile 2008

Emergenza rifiuti: Bassolino presenta il suo piano (non ho parole...)

 

Tenetevi forte, Antonio Bassolino ha presentato un suo PIANO per far uscire la Campania fuori dall'emergenza rifiuti.
Ed il bello é che mica stà scherzando, fa sul serio.

Ho solo una domanda perché ha aspettato quindici anni?

Perché ha lasciato che le strade di Napoli divenissero una specie di discarica a cielo aperto, ricoprendo di vergogna l’intera Italia all’estero e costringendo i napoletani a vivere in un girone infernale?

Perché ha permesso che il suolo campano fosse avvelenato da ogni genere di rifiuto tossico, al punto che le bufale producono latte alla diossina, che ha prodotto a sua volta mozzarelle alla diossina, provocando non pochi allarmi in tutto il mondo?
E come mai il 31 luglio 2007 è stato richiesto il suo rinvio a giudizio dalla Procura della Repubblica di Napoli per i presunti reati che avrebbe commesso durante tra il 2000 e il 2004 come commissario straordinario per l'emergenza rifiuti in Campania, perché invece di RISOLVERLA l’emergenza rifiuti, è stata fonte di “ inimmaginabili” guadagni per lui e per chi lavorava con lui?
II subcommissari hanno ricevuto compensi pari anche a novantacinquemila euro al mese.
Il governatore della Campania, i vertici di Impregilo e alcuni ex rappresentanti del commissariato si sarebbero letteralmente arricchiti: il subcommissario Vanoli percepiva un milione e cinquantamila euro all'anno, i subcommissari Paolucci e Facchi, compensi tra gli ottocento e i novecentomila euro.
La Procura sostiene che “più durava l'emergenza più si guadagnava”, e quindi la gestione commissariale non avrebbe avuto affatto interesse a superare la crisi.
E infatti la crisi va avanti da anni e costa all’Italia milioni di euro in spedizioni all’estero dei rifiuti e pesanti sanzioni da parte della Ue.

Nel dicembre del 2007 è arrivata la condanna dei magistrati contabili napoletani: Antonio Bassolino, all’epoca in cui era commissario straordinario all’emergenza rifiuti, istituì, senza averne alcun titolo, un call center per fornire ai napoletani informazioni di natura ambientale, sprecando così ingenti risorse pubbliche, sottraendole all’emergenza rifiuti. Il danno erariale patito dallo Stato è stato quantificato dai giudici della procura regionale della Corte dei Conti della Campania in tre milioni e duecentomila euro, che Bassolino ora dovrà risarcire

Ma non è ancora finita.

Nel febbraio 2008 é stato nuovamente rinviato a giudizio su richiesta della Procura di Napoli con ipotesi di reato che vanno dalla frode in pubbliche forniture, alla truffa ai danni dello Stato, abuso di ufficio, falso e reati ambientali, nel periodo in cui era Commissario Straordinario per l'emergenza rifiuti.
Il processo avrà inizio presso il Tribunale di Napoli il 14 maggio. E ciliegina sulla torta, in tale circostanza si è scoperto, paradossalmente, che l'on. Bassolino risulta nullatenente. Che ne dite facciamo una colletta, per il povero Antò?
E con queste credenziali ha la faccia TOSTA di presentare un piano nuovo di zecca per RISOLVERE l'emergenza rifiuti in Campania...io sono BASITA, solo gli esponenti politici della sinistra riescono ad arrivare a tanto...

L’unica cosa che dovrebbe avere la decenza di presentare Bassolino SONO LE DIMISSIONI, e non da oggi, ma da ieri.

Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. campania bassolino emergenza rifiuti

permalink | inviato da Orpheus il 17/4/2008 alle 19:38 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

28 marzo 2008

Non solo monnezza, ma anche il buco nero della sanità campana...questo è il "nuovo" del PD

 

Se uno ha un debito di oltre 15mila miliardi di vecchie lire, che fa?

A Napoli si fa così: si nomina un bel po' di gente e poi che San Gennaro gliela mandi buona. Purtroppo né San Gennaro né Padre Pio sono finora riusciti a colmare quel pozzo di San Patrizio che è la Sanità campana. Quindicimila miliardi di vecchie lire: da che parte cominciare per onorare il debito? Il presidente Bassolino e l'assessore competente Angelo Montemarano hanno pensato di affidare a una società la gestione e la liquidazione del debito: la Soresa.
Entriamo, quindi, nell'ingarbugliato mondo di Soresa, a cui spetta la ristrutturazione del debito sanitario attraverso un'operazione di cartolarizzazione. Capitale iniziale 500 mila euro. Missione: liquidare il debito sanitario. Non tutto, ma quello accumulato fino al 31/12/2005, che ammonta a oltre 4 miliardi e mezzo di euro, più altri 2 miliardi di debiti verso farmacisti e associazioni del settore.
Che fanno allora quelli della Soresa?
Negoziano con tre banche svizzere Lehman, Caylon e Credit Suisse un mutuo trentennale di 3 miliardi di euro a un tasso fisso del 4% e una rata annua di 170 milioni di euro. Per le banche e i loro clienti decisamente un buon affare. Per i cittadini campani un po' meno: per trent'anni avranno un mutuo sul groppone da pagare con Irap, Irpef e balzelli vari tra i più alti d'Italia. Non è mica finita. A detta dei vertici della Soresa (ben spartiti in “famiglia”: il presidente è in quota Ds, il direttore generale è della Margherita), il pool di banche affida una consulenza di 15 milioni di euro (consulenza per la quale sarà necessaria un'ulteriore copertura) alla Carrington&Cross (italianissima, sede a Napoli e Milano e amministratore Omar Scafuro).
Vi risparmio le altre società che entrano in un modo o nell'altro nel giro, se non per dirvi che vengono tutte costituite quasi in contemporanea con il via libera regionale alla Soresa.
Riepilogando partendo sempre dai 15mila miliardi di lire di debito: dicembre 2003, la Regione stanzia 500mila euro per creare la Soresa; febbraio 2005, un milione di euro vengono approvati per il funzionamento; giugno 2006, altri tre milioni di euro sono messi a bilancio per affrontare il biennio 2006/2008. Tutte risorse che vanno ad aggiungersi all'indebitamento preesistente, lievitato nel frattempo di altri 150 milioni di euro per onorari, spese legali di giudizio e interessi di mora, relativi pignoramenti effettuati dai formitori nel corso del 2006. Olè. Ovviamente la Soresa va avanti nel suo sforzo di risolvere il gigantesco buco della sanità campana. Di più: controlla i grandi acquisti in campo sanitario. Dopo una serie di polemiche (su tutte quelle del capogruppo di An, Enzo Rivellini), i vertici della società raggiungono un accordo transattivo con le banche per un rimborso di 300mila euro a titolo di risarcimento per le inefficienze dei servicers e interrompono la consulenza con Scafuro. Non solo. La Regione Campania, su imposizione del governo centrale, attiva altri canali di finanziamento per coprire le restanti buche del debito sanitario, accendendo un mutuo presso la Cassa Depositi e Prestiti a tassi enormemente inferiori. Dietrofront anche per le successive operazioni di accertamento dei debiti: ora sono nella mani della KPMG. I conti si fanno in fretta: 2.700.000.000 di interessi per le cartolarizzazioni; 414.000.000 di interessi sui mutui della Cassa Depositi e Prestiti; 30.000.000 per la consulenza delle banche; 1.200.000 per la consulenza di Kpmg e 420.000 per la consulenza di Jp Morgan. Il risultato? La Sanità campana resta il fanalino di coda nelle statistiche per qualità rapportata alla spesa. Il suo personale medico è tra i più numerosi d'Italia. E tantissimi campani vanno fuori regione per farsi curare. Fate voi…Riassunto da Libero
Bella gestione quella di Bassolino e Co. Della regione Campania. Il quale è INTOCCABILE, e siede alla destra di San Walter Veltroni…questo è il nuovo del PD, la gente dovrebbe saperlo.
Come dovrebbe sapere che il suo l'assessore alla sanità Angelo Montemarano è stato nominato, dopo i suoi “successi” da direttore generale della Asl Napoli 1, la più indebitata azienda sanitaria campana. Però dev'essere uno che conta, visto che é riuscito a sponsorizzare la candidatura del figlio al consiglio comunale: ottomila preferenze. Il più votato tra i consiglieri…Mica male
Queste le notizie che dovrebbero circolare se la stampa fosse libera e l’Italia un paese serio.
E invece ci dobbiamo sorbire le “bufale” alla diossina di San Walter sulle pensioni…
Aggiungo solo che quando un napoletano viene a farsi curare in Lombardia, la sanità lombarda chiede poi il corrispettivo di quanto speso per le cure alla sanità campana, che ovviamente essendo un buco nero, non paga. Malgrado ciò la Lombardia non ha debiti e il servizio sanitario è accettabile.
Potrebbe essere eccellente se, anche le altre regioni (Campania e Lazio in primis) non avessero una sanità talmente disastrata da dover pesare su quelle virtuose…
E noi paghiamo, mentre Bassolino e Co. ingrassano…e poi Franceschini va a PaP a parlare di “NUOVO” con una faccia tosta che ha dell’ultraterreno. Si meriterebbero una pernacchia di quelle di Totò, altro che tornare alla guida del paese.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. pd debito bassolino sanità campana

permalink | inviato da Orpheus il 28/3/2008 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa

5 marzo 2008

Ovazioni a Bassolino, che per un pomeriggio ritorna «'o sindaco»

 
«'O sindaco», «'o sindaco». Per un pomeriggio Antonio Bassolino torna ad essere il sindaco dei napoletani. «Fare il sindaco di Napoli è il più bel lavoro del mondo — arringa lui —. Meglio che fare il presidente del consiglio». È acclamato dal suo popolo...continua QUI
Mi si dirà che tremila persone non rappresentano tutta la Campania, ma con estrema facilità posso obiettare che nel 2005 dopo quasi due lustri di emergenze rifiuti, Bassolino ha stravinto con il 61%.
E questo per me é inconcepibile.
Se avete tempo e voglia, leggetevi le dichiarazioni del Re della Monnezza.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Bassolino rifiuti

permalink | inviato da Orpheus il 5/3/2008 alle 23:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa

2 marzo 2008

Perché Bassolino è intoccabile?

 Dal Corriere della Sera di domenica 2 marzo 2008

Veltroni si è fatto umiliare da Bassolino. Ha fatto la figura del “due di picche” quando la briscola è quadri, dando l’impressione di essere un “pupo i’pezza” messo lì per facciata, una scelta di “marketing”, per risollevare le sorti della sinistra nostrana, in veste “piddina”.
E’ incredibile che un politico con i trascorsi di Antonio Bassolino non si dimetta.
L’hanno fatto in tanti prima di lui, (Cuffaro recentemente) ma lui non molla, c’è da chiedersi PERCHE’ il Pd non butti fuori dalle proprie fila un personaggio tanto controverso come Bassolino.
Perché?
Cosa aspetta Veltroni ad usare verso il ras di Afragola (rinviato a giudizio per 8 reati come commissario ai rifiuti) lo stesso pugno di ferro che ha impiegato con Ciriaco De Mita?
Non tanto in ragione della sua presunta colpevolezza, visto che la presunzione d'innocenza vale fino al terzo grado di giudizio, quanto al suo catastrofico FALLIMENTO come governatore della regione Campania. Agli occhi degli italiani Bassolino è l’incarnazione fisica di 15 anni di mal governo della sinistra, rappresenta in “carne ossa e monnezza” la promessa di una rinascita non mantenuta (sotto ogni punto di vista, amministrativo,sociale ed etico). Sommersa dagli sprechi e da un degrado del territorio senza eguali in Italia, una rinascita naufragata fra tonnellate d’immondizia.
Così la sinistra mantiene le sue promesse? Ci aspetta “un rinascimento” come quello campano?
Questo si è portati a pensare se Antonio Bassolino rimane al suo posto, malgrado ciò lui resta al suo posto e Veltroni non fa NULLA per impedirlo.
Perché Bassolino è intoccabile?
C’è da chiedersi perché i media non si pongono questa semplice domanda.
Vetroni e il Pd rischiano di perdere la faccia nella monnezza di Napoli, eppure non ne chiedono le dimissioni.
Un’analisi volante dei bilanci della regione Campania mostra che il primo anno di gestione commissariale (Antonio Rastrelli, presidente di centrodestra) costò appena 16.638 euro e che durante l’amministrazione del suo successore, l’udeurrino Andrea Losco, fra il ’99 e il 2000, si spesero 356.000 euro. Come si fa a non notare la differenza di cifre scandita dal maggio 2000 al febbraio del 2004, quando sotto la guida di Bassolino si produce una vertiginosa escalation degli sprechi: 698.000 euro (2001), 1.130.000 euro (2002), 1.140.000 euro (2003).
Cifre che hanno fatto inorridire per la gravità e l’ampiezza degli sprechi, Natale Monsurrò, ispettore del ministero del Tesoro, tenuto a spiegare davanti alla Commissione d’inchiesta sui rifiuti, gli sperperi trovati nelle carte del commissariato.
A fronte dei milioni di euro divorati da Bassolino, Napoli e la Campania sono in ginocchio, distrutte da discariche abusive e da centinaia di migliaia di tonnellate di rifiuti, che hanno devastato l’economia e la salute dei campani, nonché il l’immagine dell’Italia all’estero.
E’ talmente enorme quello che ha fatto Bassolino che c’è da chiedersi anche, con che faccia Walter Veltroni si presenti come il nuovo, quando all’interno del suo partito mantiene rappresentanti della più bieca e clientelare politica, indegni persino della “famigerata prima Repubblica”.
Orpheus

2 febbraio 2008

Cari campani la monnezza per la strada è “tutta salute”…lo dice Livia Turco

 
I cervelloni dell’ex-governo Prodi, hanno risolto l’annoso problema rifiuti della Campania: tenerli per le strade tanto mica fanno male.
Visto che spostare mille tonnellate di rifiuti è un’impresa disperata l’ineffabile ministro della SALUTE Livia Turco, dall’alto della sua scienza infusa, ha dichiarato che "i primi risultati disponibili non rilevano eccessi di patologie che possano essere connesse alla presenza di rifiuti nelle strade".
Ergo non allarmatevi se la vostra finestra s’affaccia su una sorridente collina di spazzatura.
Non contenta dell’immane “sparata” che ha fatto tremare persino l’Everest ha concluso così: “Il lavoro che stiamo svolgendo insieme al prefetto De Gennaro testimonia quanto sia importante poter lavorare insieme in un campo dove purtroppo si è fatta e si fa molta disinformazione spesso motivata da paure e sospetti sul pericolo per la salute derivante dai rifiuti, che oggi, alla luce dei risultati delle analisi che mi sono stati illustrati, appare fortunatamente molto ridimensionato se non del tutto smentito".
Vorrei capire chi le ha fornito quelle analisi, un discendente di Mengele o Maga Magò?
Dopo questa inopportuna curiosità, un altro dubbio amletico mi attanaglia forse l’esimia ministra ignora che nei cumuli di sporcizia ci scorrazzano topi lunghi mezzo metro e che, da che “mondo è mondo” non portano “salute e fortuna”, ma malattie come la leptospirosi e pestilenze come il colera.
O forse essendo la Campania il feudo di un 'fine' animalista come Pecoraro, la ministra vuole salvaguardare l’habitat di ratti e topi e pantegane…
Mi chiedo anche, se oltre a leggere le analisi di “Maga Magò”, abbia mai dato una sbirciatina allo studio dell’OMS , che ha effettuato analisi descrittive di mortalità sul territorio comunale delle province di Napoli e Caserta, utilizzando i dati ISTAT, forniti dall’Osservatorio Epidemiologico Regionale della Regione Campania. Sono state quindi studiate 20 cause di decesso nel periodo 1994-2001, tra cui la mortalità per tutte le cause, per tutte le cause tumorali e per un insieme malattie tumorali specifiche, associate dalla letteratura scientifica alla presenza di discariche di rifiuti o di inceneritori sul territorio.
I risultati? Le analisi hanno permesso di identificare un’area nella quale la mortalità generale e i tassi specifici per diversi tumori sono particolarmente elevati rispetto ai valori regionali. In particolare la mortalità per tutte le cause è aumentata del 19% per gli uomini in provincia di Caserta e del 43% in provincia di Napoli, per le donne invece le percentuali sono del 23% e del 47% rispettivamente.
Di che cosa si muore? Di cancro, innanzitutto. Dello stomaco, del rene, del fegato, di trachea, bronchi e polmoni, della pleura e della vescica. Con metodi analoghi si è studiata la distribuzione delle malformazioni congenite. E con risultati analoghi, visto che sono stati identificati comuni con eccessi consistenti e significativi sul totale delle malformazioni e su gruppi di esse.
Questo dice l’OMS (che notoriamente é fonte di DISINFORMAZIONE),   ma se l’illustre ministra non crede all’Oms, può leggersi la storia di Vincenzo Cannavacciuolo e delle sue pecore, sterminate dall’eccessiva salubrità del luogo dove pascolavano.
D’altronde se la Turco ha fornito i dati di “Maga Magò" per rincuorare i campani, Bassolino ha esordito: “Vedo in giro tante brutte facce, tante brutte facce. Che stanno lì, hanno la speranza di rimettere le mani su tante cose, e insieme a queste brutte facce che vorrebbero vendicarsi, ci sono poi le facce della camorra organizzata che nel ciclo dei rifiuti ha avuto tanti interessi e vuole continuare ad averli". Per caso s’è guardato allo specchio in compagnia di Pecoraro e della Jervolino?
E aggiunge: “… la camorra è contro i termovalorizzatori”
Bah, io sapevo che in cima ai cortei di protesta contro i termovalorizzatori Pecoraro faceva la sua gran bella figura. E una volta diventato ministro dell’ambiente ha BLOCCATO tutti i progetti. O no?Adesso la colpa è solo della camorra. Loro? Santi subito…
Ovviamente si commenta da solo il comportamento di un ministro della salute, che mente spudoratamente al paese, che offende l'intelligenza degli italiani e che oltraggia il dolore di coloro che da anni vedono morire di cancro i loro cari. E' incredibile fin dove arriva la mala fede di questo governo.
Orphues

27 gennaio 2008

L'orgoglio dei magistrati...

 
Possono essere orgogliosi i magistrati italiani, non per la loro competenza, integrità e imparzialità, no, possono essere orgogliosi d’aver ammazzato la Giustizia in questo disgraziato paese.
Possono essere orgogliosi d’aver reso impossibile, ad una semplice cittadina come me, di potersi fidare della Giustizia da loro amministrata e quindi poter distinguere fra il bene e il male, fra l’uomo politico corrotto e disonesto e il politico onesto ma perseguitato da una magistratura disonesta.
Possono essere orgogliosi, si molto orgogliosi d’aver venduto l’anima al diavolo e con essa la speranza di ognuno di noi di avere una classe politica più sana e una nazione migliore.
Ieri ho scritto un pezzo  non molto “gentile” su Totò Cuffaro, tre ragioni mi hanno spinto a farlo:
1.La condanna di Cuffaro
2.Gli articoli scandalistici sui famosi “cannoli di Cuffaro”
3. Eh, aimé devo ammetterlo un certo preconcetto verso la classe politica siciliana.
Oggi apprendo che i famosi festeggiamenti a base di Cannoli, sono stata un’abile montatura scandalistica e che la condanna è alquanto inconsistente.
Cuffaro, in pratica è stato condannato  per aver avvertito un amico di infanzia, Michele Aiello, di avere il telefono sotto controllo. Tutto qui. Questo è il famoso “favoreggiamento” che è stato sbandierato a destra e a manca. Vent'anni di intercettazioni e 2 milioni e 800mila telefonate registrate non sono bastati a far condannare Totò Cuffaro per mafia, il giudice non ha trovato tracce di mafia in milioni, decine di milioni di parole registrate su nastro.

Ma quello che ha fatto Cuffaro è mafia?

Nemmeno per il giudice che l'ha condannato, per ciò è saltato fuori il favoreggiamento. Quello che ha fatto Cuffaro lo facevano persino due marescialli della Procura di Palermo, Giorgio Riolo e Giuseppe Ciuro, (vicini al pm Antonio Ingroia e al sostituto Guido Lo Forte), quelli stessi che per conto della Procura mettevano le cimici nelle case degli indagati, e poi li avvertivano. Le “talpe” erano gli stessi “gatti” della Procura antimafia, coloro che davano la caccia ai “topi” della mafia. “Come facevo a pensare a male - ha detto uno dei due marescialli, quello che spiava e insieme informava Michele Aiello, il Re Mida delle cliniche, se Aiello faceva i bagni di mare assieme al Pm, se d'estate stavamo tutti e tre sotto l'ombrellone, io Aiello e il Pm”?
Eh…già “misteri” della magistratura palermitana…

Cambiamo regione e passiamo alla Campania: Antonio Bassolino, non si è dimesso. E non l’ha fatto perché lui per la magistratura campana è intonso come un “campo di neve”, peccato che la regione da lui amministrata non lo sia altrettanto, anzi è un girone infernale di monnezza, affari sporchi, concussioni, clientele, legami opachi con la camorra, alla quale viene imputato il disastro ambientale (come se la camorra governasse al posto delle istituzioni, e se lo fa, ciò succede con il beneplacito delle stesse).
Antonio Bassolino non è stato intercettato, non sono state fatte indagini, magari anche solo per sapere dove sono finiti i milioni di euro elargiti dallo stato in tanti anni di emergenza rifiuti, SENZA CHE NULLA SIA STATO FATTO.
E mi domando non è strano che su Bassolino nessuno dica nulla? Silenzio di tomba.
Non è bizzarro che Bassolino non sia intercettato, indagato, e se il caso processato e condannato?
Vent’anni d’intercettazioni per Cuffaro e Bassolino?
Non è singolare che la magistratura campana si affanni dietro a Berlusconi, invece di sollevare i coperchi che tengono nascosto il “putridume” che ha avvelenato la Campania, a tutti i livelli?
E infine non è una vergogna che Bassolino non si sia nemmeno dimesso?
Quindi come si può condannare moralmente un cuffaro, quando chissà quanti bassolini, grazie ai guasti della magistratura la fanno franca, s’ingrassano e vivono pacificamente grazie alla cecità di una giustizia così mal amministrata?
Sono stata proprio un’ingenua, in fondo, un residuo di fiducia l’avevo nella giustizia…
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. giustizia bassolino cuffaro

permalink | inviato da Orpheus il 27/1/2008 alle 16:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (10) | Versione per la stampa

15 gennaio 2008

PETIZIONE DIMISSIONI BASSOLINO

 


PER CHI VOLESSE FIRMARE UNA PETIZIONE PER CHIEDERE LE DIMISSIONI DI ANTONIO BASSOLINO

NON SI MAI...
ORPHEUS


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. petizione Bassolino

permalink | inviato da Orpheus il 15/1/2008 alle 23:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa

9 gennaio 2008

Stavolta i giudici stanno a guardare

 
Silvio Berlusconi non ha imprese di smaltimento, neanche un dipendente Mediaset a sorvegliare un bidone della spazzatura: e sarà questa la spiegazione del perché la magistratura napoletana pare ferma e immobile, con le inchieste chiuse nei cassonetti; a meno, ecco, che trattino di telefonate e di attricette e appunto di Berlusconi.
E chiamatela ironia, chiamatelo obliquo stratagemma per difendere sempre il capo: epperò sono veramente in tanti, per quanto non manchino né la puzza né il bruciato, a chiedersi che fine abbia fatto la magistratura campana. Nel pattume sembra rotolata anche l’obbligatorietà dell’azione penale, ciò che riguarda la mera e impunita violenza di questi giorni: aggressione a pubblici ufficiali, resistenza, danneggiamento, incendio, occupazione abusiva oltreché interruzione di pubblico servizio per chi ha bloccato autostrade e tratti ferroviari: a Napoli si può.
Solo l’altra notte due autobus sono stati bloccati e uno è stato dato alle fiamme, sconosciuti hanno fatto scendere i passeggeri di un altro autobus e li hanno usati come blocchi umani per fermare la circolazione, due poliziotti sono finiti in ospedale per ferite e contusioni, un’auto della Stradale è stata semidistrutta, diversi vigili del fuoco sono stati feriti da sassaiole mentre altri deficienti appiccavano fuochi vicino a un distributore di benzina, con tre cine-operatori che intanto venivano picchiati con calci e pugni e derubati, le loro telecamere spaccate, le videocassette rubate, l'informazione pure.
Di quanti reati stiamo o non stiamo parlando, senza contare quelli sanitari? La magistratura brancola nel puzzo anche se il proscenio non pare Napoli ma la Beirut della guerra civile, sembra il Medioriente, c’è anche l’esercito: ma sono soldati che non reprimono, li hanno mandati a portare via spazzatura. Mentre migliaia di spazzini (operatori ecologici, signor ministro dell’Ambiente) sono fermi da tempo immemore: senza che anche lì si muova una foglia, un foglio. È da almeno tredici anni che la spazzatura ha invaso le strade campane, qualcosa di unico in Occidente: una raccolta differenziata pari al cinque per cento e per il resto 7.500 tonnellate di rifiuti il giorno, 350 Tir il giorno, e pure in Campania ci sarebbero ben sette impianti di produzione di Cdr, il Combustibile Derivato dai Rifiuti: regolarmente incendiati dalla camorra, oppure ecco, bloccati dalla magistratura perché il pattume non era trattato, era inadatto alla lavorazione
Anche il termovalorizzatore di Acerra è stato bloccato dalla magistratura dopo che gli ecologisti l'avevano definito inquinante e ormai vecchio. La Procura di Napoli ha interdetto Fibe e Fisia, le aziende del gruppo Romiti che gestiscono diversi impianti e la costruzione dell’inceneritore di Acerra, dopo aver raccolto le denunce di vari comitati: si è concentrata sulla presunta obsolescenza degli impianti e di fatto ha bloccato tutto.
Per il resto, gli unici magistrati che si sono un minimo mossi sono quelli anticamorra, che sin dal 1992 aprirono inchieste sull’affare della cosiddetta «Monnezza d’oro» che i boss cominciarono a preferire alla droga, perché rendeva di più e rischiavano meno: su tutte, la cosca dei Casalesi e i clan di Rione Traiano e di Pianura, peraltro citati dallo scrittore Roberto Saviano («Gomorra») ma anche dal procuratore Franco Roberti su Repubblica di domenica scorsa: «È la camorra a spingere perché prevalga la violenza, la camorra ha interesse ad agitare la protesta e a mantenere la situazione emergenziale che le porta guadagni». Solare, e nondimeno grave: e allora che aspettano le Forze dell’ordine a intervenire? Meglio: che aspetta la magistratura a intervenire con le Forze dell’Ordine?
Risposta che semplicemente sfugge. Quello campano non è più uno scenario sociologicamente delicato sul quale non infierire: stiamo parlando di camorra, di crimine organizzato, di reati gravi contro lo Stato e i suoi uomini, i nostri.
Si era saputo di un’inchiesta sui rifiuti in provincia di Caserta ancora nel 2005: giri di mazzette e favori legati all’individuazione di una discarica e della ditta a cui demandare lo smaltimento: non ne abbiamo saputo più nulla, almeno noi. E fa specie che a porsi qualche domanda, ieri l’altro, sia anche Pn, un sindacato della Polizia: «Le dimissioni di Bassolino e Pecoraro Scanio servirebbero a calmare gli animi della gente esasperata: non è più possibile vedere le forze di Polizia scontrarsi duramente con i cittadini onesti che per anni hanno pagato tasse per la spazzatura».
E ancora: «È urgente un intervento chiarificatore della Magistratura per fare definitivamente luce su una gestione ultradecennale scandalosa». Lo dice la Polizia. Speriamo che con la magistratura si facciano almeno una telefonata.
Filippo Facci-Il Giornale
Intanto hanno messo la "sordina" all'emergenza dopo il "bel" discorsetto di Prodi, e adesso, quatti, quatti troveranno il modo di rifilare le tonnellate d'immondizia campana ad altre regioni. Come ha previsto Maroni, l'altra sera a PaP.
Perché?
Perchè ormai tutti i loro siti sono inutilizzabili (e né Letta, né Bassolino, né Pecoraro hanno smentito), per problematiche ambientali e perchè chi abita nei dintorni protesta mettendo a ferro e fuoco tutto ciò che gli capita a tiro.
E' già successo (di notte e alla chetichella) e succederà ancora.
Un giornalista del Mattino, sempre a PaP ha invocato la "solidarietà" nazionale. Ma quale solidariatà? Perchè SEMPRE noi dobbiamo essere solidali? Perchè dobbiamo piegarci alla prepotenza di chi vota dei ladri, ben sapendo che sono camorristi, ben sapendo che non faranno NULLA di buono per la regione, anzi la deprederanno, ben sapendo che ogni sei mesi affogherà nei rifiuti.
 E non mi si dica che non é vero: Bassolino ha vinto con una percentuale bulgara, malgrado che, da tre lustri "regni" su Napoli e la Campania, bruciando milioni di euro, e raggiungendo i risultati che sono sotto gli occhi di tutti.
Eppure non uno straccio d'inchiesta e voti a volontà: chi é causa del suo mal pianga se' stesso e soprattutto si smaltisca i suoi rifiuti.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli bassolino emergenza rifiuti

permalink | inviato da Orpheus il 9/1/2008 alle 10:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

28 dicembre 2007

14 anni d'emergenza rifiuti hanno prodotto un "triangolo della morte"

 
Quattordici anni fa, in Campania, considerando quella dei rifiuti non smaltiti un’emergenza, fu istituito il commissario straordinario. Ora il consiglio dei ministri deve decidere se rinnovarlo, ma le montagne di spazzatura sono ancora lì. Sono state irrigate con fiumi di quattrini pubblici, affidati alle amorevoli mani del commissario e delle autorità regionali, che poi erano sempre le mani di Antonio Bassolino.
Si è scritto e ripetuto che buona parte di quei soldi sono finiti alla camorra, ma dalla procura di Napoli, così interessata alle attricette, non giunge notizia di significativa attività.
Pecoraro e Scanio, dopo avere passato il Natale assieme, hanno rilasciato le seguenti stupidate:
a. chiederò al governo di superare il commissariamento;
b. è la camorra a creare il caos.
Detto da un ministro fa ridere e detto da un campano fa piangere, perché la camorra non prospera generando caos, ma mettendo ordine criminale nel caos prodotto da politicanti incapaci, dediti esclusivamente al proprio tornaconto personale ed alla raccolta demagogica del consenso. Roba di cui Bassolino è maestro: dalla coltivazione del feudo elettorale agli affari fatti con il figlio. Il sindaco Iervolino s’appella a Napolitano, atteso a villa Rosebery (residenza borbonica, poi savoiarda, infine rappresentanza repubblicana per festività lontane dalla mondezza). Il presidente conosce bene la situazione, essendo anch’egli napoletano e sodale politico del sindaco e del presidente della Regione. Corresponsabile, s’oserebbe dire.
Riassunto da Davide Giacalone-Legnostorto
"L'emergenza rifiuti" non è solo un problema da derubricare ad un fastidioso intoppo lungo 14 anni, che amareggia la vita dei napoletani.
No, l'emergenza rifiuti è ANCHE un'emergenza inquinamento ed un'emergenza salute, per TUTTI, non solo per i campani.
L'
Oms parla di "un triangolo della morte" dove la mortalità è aumentata del 19% per gli uomini in provincia di Caserta e del 43% in provincia di Napoli, per le donne invece le percentuali sono del 23% e del 47% rispettivamente. Di che cosa si muore? Di cancro, innanzitutto. Dello stomaco, del rene, del fegato, di trachea, bronchi e polmoni, della pleura e della vescica. A questo già tragico bilancio va aggiunto quello delle malformazioni congenite che hanno avuto un'analoga impennata.
Infine non va sottovalutato che i prodotti di quella terra avvelenata, arrivano sulle tavole di tutta Italia: pomodori, cipolle, fagiolini, mozzarelle ecc. tutti alimentari che SICURAMENTE danneggiano la salute dei cittadini.
"Pecorone" invece, di fare il don chisciotte in calzamaglia verde smeraldo contro nucleare e OGM, di spassarsela
a Bali e di sparare le solite cavolate qualunquiste, come se avesse scoperto l'acqua calda, abbia il buon senso di cercare una soluzione ad un problema TANTO GRAVE.
I magistrati napolitani invece di origliare le conversazioni di Berlusconi per poi, dare "biada" alle beghine del moralismo militante, USINO le intercettazioni e i soldi degli italiani per inchiodare i politici COLLUSI con la camorra che hanno distrutto una regione bellissima, ammazzato chissà quanti campani e avvelenato le tavole di milioni d'italiani.
Questo ci interessa non le solite battutte sulle attricette in vendita per una comparsata.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. napoli bassolino emergenza rifiuti pecoraro oms

permalink | inviato da Orpheus il 28/12/2007 alle 18:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa

6 settembre 2007

Milioni di euro per la "campagna acquisti" di Bassolino

 

La Campania è ormai una discarica a cielo aperto. I miasmi impregnati di diossina che si alzano dai roghi hanno trasformato il “paese del sole” nel paese dei veleni, dove la gente muore di cancro e i neonati nascono affetti da gravi malformazioni. Il degrado e la delinquenza (leggi camorra) regnano sovrani e indisturbati.
E che fa “u re” Bassolino invece di attuare un piano di bonifica della regione? Sperpera milioni di euro in consulenze d’oro da assegnare in gran parte con nomine “fiduciarie” e nella totale discrezionalità. Il “blitz” clientelare del Governatore è partito in pieno agosto, nella speranza che le ferie, mettessero la sordina alla nuova “campagna acquisti” di architetti, giornalisti, professionisti, imprenditori. Riguarda il Paser, il piano di sviluppo nella Regione che spalmerà la bellezza di 750 milioni, con un fiorire di consulenze e contratti a tecnici di fiducia.
Per una sola delle linee di azione in cui è diviso il progetto, sono previsti 17 milioni destinati a incarichi esterni e studi di settore. Più di dieci milioni solo per consulenze e contratti non sottoposti ad alcun vincolo e controllo. Per alcune nomine esiste un bando di gara (varato il 3 agosto!) costruito per dare la più ampia discrezionalità di scelta all’assessore alle Attività produttive, Cozzolino, attraverso una commissione di valutazione nominata ad hoc la quale, incredibilmente, deciderà prima dell’apertura delle buste quali parametri determineranno i vincitori. Una procedura opaca e, per questo, trasparente nella sua discrezionalità.
Ci sono poi le nomine fiduciarie: 3,6 milioni di euro per una “unità tecnica” della quale non è neppure indicato il numero dei componenti; due milioni per progettare il logo del Paser, per il sito Internet, per convegni e congressi; 1,5 milioni per un piano di comunicazione. E via dicendo. Fuori da ogni regola e da ogni controllo. Completamente esautorato il personale in forza alla Regione, il cui impegno sarebbe a costo zero e che, evidentemente, non viene ritenuto in grado di svolgere il proprio compito. Nessun coinvolgimento di associazioni di categoria, della camera di commercio, dell’Università.
E’ la “ragnatela Bassolino” efficacemente dipinta da un settimanale in una recente inchiesta: “I pm lo incriminano, il turismo è in crisi, l’economia langue, ma il presidente è sempre più forte”. Grazie a “un controllo capillare su nomine e fondi pubblici che gli garantiscono il consenso”. La Campania simbolo e metafora dell’Italia governata da questa sinistra.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. campania sprechi bassolino consulenze d'oro

permalink | inviato da Orpheus il 6/9/2007 alle 19:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa

10 luglio 2007

Pecoraro e i "poteri occulti"...seduti accanto a lui














Nell'immaginario collettivo una volta Napoli era la città del sole, del Vesuvio e della pizza, tutto cancellato da montagne di rifiuti, da anni in cui le estati si sono trasformate in un' interrotta emergenza rifiuti, a cui fanno da contorno i falò dei sacchetti pieni d'immondizia. E così, mentre "Pecorone" Scanio
rispolvera gli ormai arcinoti POTERI OCCULTI "che lavorano per l'emergenza, perche' non vogliono la fine del commissariato straordinario per i rifiuti", seduto ACCANTO a colui (già commissario straordinario e poi anche commissariato, a cui va il "merito" del degrado ambientale di Napoli, dello spreco di qualche milione di euro, finito in tasca di chissà chi, invece che nella costruzione di temovalorizzatori), l'Ambasciata USA avverte  del pericolo i turisti americani che avessero il coraggio di recarsi nella città della monnezza e della camorra, dove si inseguono i rappresentanti delle FdO se cercano di arrestare un malvivente, dove lo scippo quotidiano e i morti sul marciapiede sono routine, e dove brucia insieme alla monnezza, ogni speranza per questa bella e sfortunata città di ritornare agli antichi fasti. Almeno fino a quando ci saranno percorari scani e bassolini nel suo panorama politico.
Chissà che risate si sarebbe fatto Pulcinella alla conferenza del ministro dell'Ambiente...ma lui non rischia di morire di cancro in una città intossicata  dai veleni dei roghi.
Orpheus




17 giugno 2007

La spazzatura non nuoce alla salute, ma agli affari si

 
Ci sono tanti motivi per chiudere una pizzeria, ma a causa dei rifiuti e del fetore, é una di quelle  "stranezze" di cui gli italiani farebbero volentieri a meno.
 Accade a Melito, nel Napoletano, dove Luigi Caiazzo proprietario della pizzeria 'Il Pozzetto' ha deciso, con il riesplodere dell'emergenza, di porre termine all'attività di ristoratore avviata tredici anni, fa causa rifiuti. "E' troppa - spiega mentre munito di pala cerca di liberare la strada su cui si affaccia il suo locale da una marea di cumuli di immondizia dati alle fiamme che ostruiscono il passaggio ai clienti - per poter resistere".
Ma c'è un'altra stranezza ancor più grande ed é quella che il Ministro della salute Livia Turco, non "vede" nessuna emergenza sanitaria a Napoli e dintorni, infatti nella relazione esposta in Commissione "Igiene e sanità" del Senato, dichiara :"Al momento non ci sono problemi sanitari ricollegabili al perdurante accumulo di spazzattura nelle aree urbane, specie di Napoli. Non c'è alcuna evidenza di inquinamento delle falde acquifere, né altri problemi riconducibili all'incendio di cassonetti. E non sono stati notificati casi di malattie da ratti o insetti dovute ai depositi spontanei nelle vie". Situazione sotto crontrollo, dunque, non essendoci problematiche tali da compromettere la salute." Come no, anzi "l'aria di spazzatura" fa bene alla salute (anche se nuoce agli affari). Parola di Turco e Bassolino. E poi che sarà mai l'incremento dei casi di patologie oncologiche e malformazioni, tutte esagerazioni per gettare discredito sulle amministrazioni di sinistra.
Orpheus


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. Asinistra spazzatura Turco Bassolino

permalink | inviato da Orpheus il 17/6/2007 alle 22:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa
sfoglia
agosto        ottobre